NonNotizie:Capitan PoviaFellatio alla riscossa

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Questo articolo è parte di NonNotizie, la tua fonte di disinformazione.
Condividi la NonNotizia su: Icona Facebook.png Icona Twitter.gif Icona MySpace.png Icona Google Plus.png


10 febbraio 2012

Povia post omofobo.png

Il secondo post incriminatio di Capitan PoviaFellatio.

Giornata dura per il cantante Giuseppe Povia: il suo alter-ego malvagio, Capitan PoviaFellatio, è entrato di nascosto nel profilo Facebook del suddetto Povia, creandogli non pochi contrattempi. Il fattaccio è avvenuto nel pomeriggio, quando il diabolico alter-ego, lato oscuro della personalità poviana, ha postato un commento omofobo (vedi qui)Povia post omofobo 2.png su una pagina del social network. Le polemiche sono subito divampate, rinfocolate da un ulteriore post di risposta di Capitan PoviaFellatio, espresso in una metrica incerta. Metrica zoppicante, che ha però generato qualche dubbio nel popolo della rete, in quanto troppo sofisticata per gli standard poviani.

Lo stesso Povia, infatti, aveva inizialmente sostenuto che non fosse lui l'autore dei post[1], bensì un folletto verde dal naso a patata. Ma gli indizi sono chiari: lo stile inconfondibile e l'esistenza di un'unica pagina Facebook chiamata "Giuseppe Povia" portano verso il cantante.

[modifica] Povia parla a cuore aperto

Ma nella nottata Povia, in un impeto di sincerità, ha spiegato la causa scatenante la sua omofobia, e della nascita del suo doppelgänger:

Risale a quando avevo vent'anni. Persi la testa per una commessa che lavorava vicino casa mia.
Ma ero troppo timido per provarci, così decisi di andare in quel negozio ogni giorno e di comprare sempre qualcosa di nuovo, solo per parlarle. Le chiedevo consigli sui nuovi arrivi, su cosa fosse più adatto a me, e le raccontavo quanto mi trovassi bene con tutte le cose comprate lì.
Quando finalmente trovai il coraggio di dichiararmi, mi disse:
Sì, sei simpatico, e sei il miglior cliente di sempre; ma perché dovrei mettermi con un gay?
Io, frocio? Ma che dici?
Non rispose nulla; me ne andai, attonito.
Il giorno dopo capii l'equivoco.
Lavorava in un negozio di dildi.

Da allora, afferma Povia, in certe congiunture astrali il ricordo di quel due di picche lo assale, e come un novello Dottor Jekill, Povia si trasforma nel suo doppio.

Non uscite nelle notti di luna piena. Potreste incontrare Capitan PoviaFellatio, che con un mantello fucsia scorrazza per la città urlando frasi sconnesse contro le minoranze.

[modifica] Fonti

[modifica] Note

  1. ^ Misteriosamente scomparsi dal sito, poco dopo.


Strumenti personali
wikia