NonNotizie:Arrestato Gianfranco Fini: era uno dei naziskin di Verona

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Questo articolo è parte di NonNotizie, la tua fonte di disinformazione.
Condividi la NonNotizia su: Icona Facebook.png Icona Twitter.gif Icona MySpace.png Icona Google Plus.png


6 maggio 2008
Scoperte le identità dei naziskin che a Verona hanno assalito e ucciso un ragazzo.

Fini vergogna.jpg

Gianfranco Fini si copre il volto per sfuggire ai fotografi

Hanno molto insospettito la polizia le deliranti affermazioni di Gianfranco Fini ieri sera a Porta a porta, il quale affermava che l'omicidio non è una cosa di per sé grave, l'importante è che sia commesso da italiani e non dagli extracomunitari. "E poi" dice Fini a Bruno Vespa, "succedono cose molto più gravi, ad esempio l'altra sera ero a Verona con gli amici La Russa, Storace e Calderoli, chiedo ad un tizio se mi può offrire una sigaretta e questo cosa fa? Mi dice di no! Cioè, è una cosa INCONCEPIBILE, un gesto IMPERDONABILE! LA SOCIETÀ SE NE VA A PUTTANE PER COLPA DI UNO STRONZO FOT@%!TO COMUNISTA! VAF@£#LO! CI VUOLE LA PENA DI MORTE!!!". Segue una serie agghiacciante di bestemmie che vedono costretto Vespa a mandare la pubblicità. Al ritorno in onda Fini era sparito, verrà trovato 6 ore più tardi fermato dalla polstrada mentre sfrecciava ai 200 all'ora a bordo della sua auto blu decappottabile strafatto di LSD cantando a squarciagola Meno male che Silvio c'è. Nel suo bagagliaio sono stati trovati: il cadavere di una prostituta rumena arrotolata in una bandiera di Israele, una mazza e una bomboletta spray che si sospetta siano gli stessi oggetti usati per vandalizzare le lapidi dei morti delle Fosse Ardeatine, inoltre una ghiandola pineale mezza masticata che si teme possa appartenere alla stessa vittima dei naziskin di Verona.


[modifica] Fonte


Strumenti personali
wikia