NonNotizie:Arrestato Dudù

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Questo articolo è parte di NonNotizie, la tua fonte di disinformazione.
Condividi la NonNotizia su: Icona Facebook.png Icona Twitter.gif Icona MySpace.png Icona Google Plus.png


9 maggio 2014

Dudu dietro le sbarre di una prigione.jpg

Dudù non vede il padrone da più di 12 ore, lo speciale su Pomeriggio Cinque con Barbara d'Urso.

Latra e fa gli occhioni ai giornalisti, chiuso in una gabbia da ormai 12 ore. Nessuna pietà per il povero Dudù: un mandato di cattura è giunto stamani all'accalappiacani di Arcore, che subito s'è mobilitato per mettergli guinzaglio e museruola, ora lo splendido barboncino di Silvio Berlusconi non potrà più nuocere a nessuno.

L'accusa è di atti osceni in luogo pubblico, pare infatti che il bastardo abbia urinato sulla ruota anteriore della bicicletta di Matteo Renzi e il fattaccio non sia passato inosservato al sempre attento ministro della Difesa Roberta Pinotti, la quale ha rilasciato una dichiarazione ai giornalisti accorsi in massa sul luogo del delitto:


« ATTENTATO! È chiaramente in atto un complotto per la destabilizzazione del governo Renzi, quel cane rappresenta una minaccia alla sicurezza del Presidente del Consiglio stesso. È già stata disposta un'ordinanza restrittiva nei confronti di Mr Dudù e presto la magistratura accerterà l'eventuale illecito commesso. »


Il cerchio si stringe attorno agli amici di Silvio Berlusconi, i magistrati stanno facendo terra bruciata intorno al Cavaliere. Annunciato con terrore da anni, il complotto delle Toghe Rosse si sta finalmente compiendo, alcuni ipotizzano che la fine del Mondo prevista dai Maya in realtà non sia altro che la lenta fine del Regno di Berlusconi.


Quote rosso1.png Prima metteremo in manette tutti i suoi amici, poi prenderemo anche lui e la sua anima!! Quote rosso2.png

~ Ha dichiarato una indemoniata Ilda Bocassini battendo tre volte il martello della giustizia sul teschio di Benito Mussolini.


Il primo a cadere sotto i colpi della vendetta comunista è stato l'eroe spirituale del Cavaliere: Bernardo Provenzano, poi è venuto il momento di Nicola Cosentino; hanno avuto anche il coraggio di mettere la mani sul compagno di merende Marcello dell'Utri, co-fondatore di Forza Italia, ma il padrino di Silvio è stato più furbo ed è scappato in Libano con una nave container che esportava cannoli siciliani. È di pochi giorni fa la notizia dell'arresto dell'ex ministro Claudio Scajola con la ridicola accusa di essere amico di amici; l'ex premier s'è subito detto addolorato dalla vicenda, la verità è che ormai è sempre più solo, i sondaggi sono in picchiata e anche la Pascale non gliela dà più tanto spesso.

Che sia davvero la fine del Berlusconismo?

[modifica] Fonti


Strumenti personali
wikia