Nemici di Germano Mosconi

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera da Gaetano

GIOITE!


Dopo aver letto questo articolo anche noi potremo dire
"Nonciclopedia ha questo articolo e Wikipedia no, pappappero"
.

Alla facciaccia tua, Wikipedia!

"Cossa che cazzo ghe qua soto!!"


Papa Germano Primo ha personalmente benedetto (a suo modo) questa voce.
Alleluia! Alleluia! Alleluia!

Chissà che non m'incazza, eh...

...ah, Papa Germano Primo ci ha ripensato e ha personalmente MALEDETTO (sempre a suo modo) questa voce.
DIO CANE! DIO CANE! DIO CANE! DIO CANE!


Di seguito a valor enciclopedico viene fatto un elenco in ordine alfabetico dei più temibili e acerrimi nemici del Vate Germano Mosconi.

Quote rosso1 Non riesco a capire cosa gli ho fatto di male... Quote rosso2
~ Acerrimo nemico su Mosconi

[modifica] Gaetano

Mosconi1 0001

Riuscirà il Vate a sconfiggere il temibile nemico?

Quote rosso1 Come se ciamelo lì?...Gaetano! Quote rosso2
~ Germano Mosconi identifica Gaetano
Quote rosso1 Anca ti te ghe te meti a passar davanti, Dio! Quote rosso2
~ Germano Mosconi a Gaetano
Quote rosso1 Dio po Dio! Quote rosso2
~ Germano Mosconi sfodera le sue micidiali bestemmie contro Gaetano
Quote rosso1 L'è pasà qua e l'è ndà. Quote rosso2
~ Germano Mosconi ha visto di sfuggita Gaetano


[modifica] Descrizione

Gaetano è lo storico nemico di Germano Mosconi, adoratore e profeta di quel Mona che sbatte la porta (e che chiude urlando), la divinità maligna dell'Agnosticismo Mosconiano. Recenti studi hanno portato alla conclusione che potrebbe essere lui quello che fa quel cazzo di rumore lì, quello che continua ad andare avanti e indrio e quel deficiente che ha fatto innervosire Mosconi. Durante una delle tante riprese, effettuate dal nostro Germano nella sua breve esperienza come conduttore televisivo, il misterioso personaggio passa dinanzi al famoso teologo, facendolo inquietare. Germano sfoga la sua ira con Gaetano con una misteriosa frase. Infatti, dopo aver detto, "Anca ti te ghe te metti a passar davanti, Dio..." (trad. "Anche tu ti metti a passare davanti, Dio..."), Germano cerca di colpire il povero Gaetano con una frase ancora più rabbiosa, ancor più devastante della prima, il "Dio 'Po' Dio", una frase dal senso metaforico molto complesso.

Tuttora Gaetano è ricercato, il Mosconi, impersonatosi in Super Mario, ha tentato di ucciderlo in uno dei livelli dell'avventura, ma secondo alcune indiscrezioni Gaetano è riuscito a fuggire.

Successivamente il Vate lo incontrerà di nuovo, nel celebre film Mosconi vs Gaetano, sequel ai due film contro il Magnotta, nemico che il Vate sconfisse nella famosissima saga di Mosconi wars.

[modifica] Quel deficiente che lo ha fatto innervosire

Quote rosso1 Se io trovo quello che mi ha fatto innervosire Dio can, ghe do un punio che ghe spaco la testa! Quote rosso2
~ Germano Mosconi su quel deficiente che lo ha fatto innervosire
Quote rosso1 E lo troverò quel deficiente prima o dopo, eh! Quote rosso2
~ Germano Mosconi che ora ha un nuovo scopo di vita


Il deficiente è uno dei tanti nemici del Signore delle Bestemmie, ovvero Germano Mosconi.

Il Vate ha molti nemici, i quali vogliono distruggere le fondamenta dell'Agnosticismo Mosconiano. Uno di questi è Quel Deficiente che fa innervosire Germano. Non sono ben chiari i motivi del nervosismo del sommo bestemmiatore, ma questa entità misteriosa sembra essere molto pericolosa. Il Vate, in preda alla sua ira (controllata) ha richiamato il Cane (una divinità dell'Agnosticismo Mosconiano) con una delle sue bestemmie nel tentativo di sconfiggere il misterioso nemico, ma senza riuscirci. Allora si è imposto di trovare di persona il nemico per potergli dare un pugno e spaccargli la testa, in modo da distruggerlo definitivamente.

[modifica] Approfondimenti

Gli studiosi dell'Agnosticismo Mosconiano devono risolvere molti enigmi. Uno di questi riguarda appunto quel deficiente che fa innervosire il Vate.

Quest'entità sembra essere divertita dal nervosismo di Mosconi. Egli infatti vorrebbe distruggerla, spaccargli la testa, ma essa sembra essere scomparsa nel nulla. Il nostro eroe vuole assolutamente trovarla, e sembra convinto di riuscirci. A questo punto, sorge la domanda:

  • Chi è quel deficiente?
  • Perché ha fatto innervosire Mosconi?
  • Come lo ha fatto innervosire ?
  • Quando l'ha fatto innervosire?
  • Perché il Vate vuole dargli un pugno, e non annientarlo con una super-bestemmia?

Le risposte sono molteplici.

Il Deficiente può voler far innervosire Mosconi per puro sadismo, ma questa ipotesi non sembra convincente per i fedeli del Vate. Il Deficiente potrebbe essere un seguace del Mona, che vuole annientare il Vate, se non il Mona stesso. L'ha fatto innervosire da sempre secondo alcuni, anche perché il Mosconi è in uno stato di perenne incazzatura. Infine il Vate tenta di spacargli la testa con il suo poderoso punio, anzi che con una bestemmia mosconiana. Questo fa pensare che il misterioso nemico sia qualcuno incredibilmente potente, immune alle comuni bestemmie.

[modifica] Quel mona che sbatte la porta (e che chiude urlando)

Ziomos

Un minaccioso manifesto intimidatorio dei sostenitori del Mosconi che incita alla guerra di religione.

Quote rosso1 Ma chi è chel mona che-che-che batte la porta e che chiude u-urlando?!? Quote rosso2
~ Mosconi su riflessioni teologiche a prescindere
Quote rosso1 Dio porco, se venite avanti ancora vi do un punio! Quote rosso2
~ Mosconi riferendosi con un voi di cortesia a quel mona che sbatte la porta
Quote rosso1 Chi è che continua a 'ndare avanti e 'ndrio, dio can, con chela porta lì? Quote rosso2
~ Mosconi cercando di identificare quel mona che batte la porta
Quote rosso1 Ma non possono sbatter le porte! Quote rosso2
~ Mosconi sempre sullo stesso ignoto


Quel mona che sbatte la porta (e che chiude urlando) è il peggior nemico del Vate: un miscredente che nega la Santità del Vate Germano Mosconi, il nemico dell'Agnosticismo mosconiano.

Pochi conoscono il suo vero volto, ma tutti conoscono la sua arma primaria: sbattere la porta; ancora più nota la sua arma secondaria: sbattere la porta e chiudere urlando.

Come le piattole di S.Pancrazio, sbattere le porte (e chiuderle urlando) scatena a pieno il credo religioso di Mosconi, e tutta la Sua incontenibile potenza.

[modifica] Il mistero della porta sbattuta

Nota a premessa

Open the door

Quel mona che batte la porta in tutta la sua furia

L'enorme diffusione dell'Agnosticismo Mosconiano, una nuova teologia in procinto di diventare la religione più diffusa sul pianeta, e il fatto che miliardi di nuovi adepti si rivolgano a Telenuovo per apprendervi il Verbo del Vate della nuova religione, Germano Mosconi, trova formidabili nemici nei sostenitori delle vecchie credenze e dei vecchi armadi.

Così come avvenne per le altre religioni, anche l'Agnosticismo Mosconiano deve affrontare persecuzioni e lotte per affermarsi. La persecusione, tremenda, formidabile, feroce, colpisce innanzitutto il fondatore del nuovo credo, il Mosconi, sottoposto a ogni tipo di vessazioni e tormenti (porte sbattute, carta igienica e fogli incollati, improvvise comparse di quel cazzo di rumore lì, personaggi spettrali che immotivatamente vanno avanti e indrio, sabotatori che non girano le foto, ecc.)

Quattro domande incombono sul destino dell'Agnosticismo Mosconiano, la moderna teologia che va diffondendosi per tutti i nove continenti del mondo:

  • Chi è quel mona ghe sbatte la porta?
  • Quale porta sbatte?
  • Perché sbatte la porta?
  • Perché la sbatte solo ed esclusivamente mentre Mosconi é in diretta televisiva?

È del tutto evidente che la porta che viene sbattuta é sempre quella più prossima al Mosconi e ai microfoni di Telenuovo, dato che la violenza del colpo assorda il Mosconi e talvolta incrina anche il vetro dei televisori nella case dei telespettatori.

Ho sbattuto la porta

Una vittima della guerra di religione, torturata dal Mosconi per avere sbattuto la porta, prima della fucilazione.

Si noti, è sempre la porta più vicina all'orecchio del Mosconi.

A volte la violenza del colpo fa vacillare il palazzo dove ha sede lo studio televisivo, scatenando falsi allarmi di terremoto.

Flippy mosconi

Potrebbe essere stato Flippy a battere la porta?

È allora ben evidente che deve trattarsi di una porta robustissima, molto pesante, probabilmente armata con nervature di ferro e, quindi, in grado di resistere ai violentissimi colpi, tant'è che il suo sbattere ha già lesionato pilastri e solai dello stabile e dei palazzi vicini in un raggio di 500 metri e fatto inclinare i due monumenti più vicini alla sede di Telenuovo. Dai decibel di rumore registrati risultano due fatti:

  • Che la porta non può pesare meno di 500 Kg. o, anche, che é stata appositamente zavorrata per produrre quel determinato fracasso.
  • Che essa affaccia su un immenso vano vuoto, dato l'eco che si produce e che si prolunga almeno per 10 minuti.
  • Quanto al vano di risonanza, possiamo senz'altro ipotizzare che si tratti degli ampi locali destinati a cessi di Telenuovo, tantopiù che i cessi hanno la caratteristica di replicare il rumore dando a esso un effetto da eco.

Orbene, è pensabile una simile porta in uno studio televisivo? Evidentemente, no! Delle due l'una:

  • O Mosconi non parla da uno studio televisivo
  • Oppure quella porta é stata messa lì appositamente dal Mona per assordarlo.

Pare comunque accertato che Mosconi parli ma soprattutto bestemmi da uno studio televisivo. Ricerche accurate e studi comparativi hanno dimostrato che porte di un simile peso si trovano solo in Vaticano; ad esempio la porta che viene aperta per inaugurare il Giubileo ha ante che pesano 412 Kg. Ciascuna. Si potrebbe allora pensare che Mosconi parli (e bestemmi) da uno studio televisivo Vaticano, ma il tipo di trasmissione televisiva, gli argomenti, i linguaggi, gli ambienti, il personale, le vallette sculettanti, i film pornografici trasmessi nella notte, la pubblicità di assorbenti e preservativi, etc. smentiscono questa ipotesi.

Misterx

Il Mona, nascosto nell'ombra, si prepara a sbattere la porta...

Dunque Mosconi parla da un edificio normale, dove sarebbe impensabile l'esistenza di siffatte porte. Ma allora?! È mai pensabile che il Mona, in occasione delle trasmissioni del Mosconi, trascini una porta così pesante fino allo studio televisivo, la incardini al solo scopo di attendere il momento propizio per insordire Mosconi e al solo scopo di farlo bestemmiare? Dovremo concludere che è proprio così.

Chi è costui, e di quali poteri dispone per far questo? E, soprattutto, perché?

Certamente molti avversano Mosconi: tuttavia chi organizza un simile sabotaggio deve indubbiamente possedere mezzi potentissimi che impiega senza risparmio, al solo scopo di farlo bestemmiare. Ma chi mai può ricavare benefici dalla veemenza bestemmiatoria del Germano?

La bestemmia, com'è noto, è incompatibile con le funzioni di un capo religioso, e lo sbattimento della porta non può avere altro scopo che squalificare il Vate, farlo apparire proprio com'è in modo da schifare i suoi fedeli e, comunque, inibirgli l'ascesa al Soglio Pontificio: una cospirazione, come il lettore può dedurre, che va emergendo dal fracasso prodotto dal mona. Il quale, in sovrapprezzo, aggiunge un urlo disumano, al quale probabilmente si allena per l'intera settimana, per rafforzare ancor di più lo sbatacchiamento della porta. Sull'attore del delitto, a rigor di logica, sono possibili solo le seguenti ipotesi:

  • Un concorrente alla carica di Papa
  • Un sicario di Ratzinger
  • L'angelo dell'Apocalisse
  • La suocera di Mosconi.

Ciò detto, poniamo la domanda principale: CHI È IL MONA CHE BATTE LA PORTA? (e che chiude urlando?) e anche: CHI È CHE FÀ QUEL CAZZO DE RUMORE LÌ?

E procediamo per esclusioni:

  • Non può essere l'angelo dell'Apocalisse, perché in questo caso, invece della porta sbatterebbe Mosconi a calci nel culo direttamente nella fornace infernale.
  • Non può essere un sicario perché notoriamente Ratzinger è tedesco, i sicari costano e i tedeschi sono avarissimi, almeno quanto i sottoscrittori di Nonciclopedia.
  • Non può essere la suocera di Mosconi, perché non ce la farebbe a trascinare e poi sbattere la porta; e non ce la farebbe neppure a pagare degli aiutanti con la sua pensione dell'INPS.
  • Rimane solo un'ipotesi: la concorrenza!

Chi, dunque, oltre al Mosconi, può aspirare alla carica di Papa? Risponderemo, secondo la nostra ipotesi, nelle conclusioni.

Il lettore può esaminare lo stato del conflitto tra Mosconi e l'altro aspirante Papa alle voci De philosophia Mosconum, Anatema, Summa mosconica, etc.

Ne risulta che chi aspira a questo incarico, e perciò sàbota le trasmissioni del Mosconi, é un personaggio che considera la stessa carica di Papa come un ripiego, dato che in realtà egli aspira alla carica di Dio. Tuttavia il Papato è un passaggio necessario, obbligato, affinché egli possa poi accedere al grado superiore.

Costui però ha trovato sulla sua strada Germano Mosconi, un grande teologo che lo fronteggia nel campo della dottrina e delle cazzate, un capo religioso che ormai è seguito e inseguito in tutto il mondo dai fedeli e dai creditori. Non può vincerlo, davvero non può: dunque deve distruggerlo.

Questo personaggio potrebbe dunque essere il Silvio, il solo capace (insieme al "Prode" Romano) di spingere la sua protervia cospirativa fino al punto da rubare anche una delle porte di S.Pietro, oltre a tutto il resto, per colpire proditoriamente il Vate Mosconi.

[modifica] Teorie comparate

Recenti studi Mosconiani, da parte degli studiosi del CICAP, ovvero un equipe per l'analisi dei fenomeni paranormali, hanno riscontrato notevoli somiglianze tra le caratteristiche di Quel mona che batte la porta (e che chiude urlando) e le reazioni suscitate da altri anatemi del Sacro Vate:

  • Quello che continua ad andare avanti e indrio
  • Quel mona che entra dentro
  • Quelli che vengono avanti
  • Quello che fa quel cazzo di rumore lì
  • Quel mona che incolla i fogli

Sono da notare infatti alcune inquietanti analogie tra i cinque pericolosi elementi:

  1. Sono di identità ignota sia a noi che al Vate. Se Egli infatti li riconoscesse, li qualificherebbe, o comunque si rivolgerebbe a loro chiamandoli per nome con terribili parole d'accusa ("Porco" + soggetto della frase).
  2. Sono tutti acerrimi nemici del credo Mosconiano. É infatti da escludere a priori che questi elementi commettano l'infimo sacrilegio per puro caso, come in precedenza dimostrato.
  3. Gli ignoti molestatori della mosconica quiete sono tutti appellati con la locuzione Quello/Quel: un elemento significativo per capire l'identità dello sconosciuto attentatore e la posizione geografica dello stesso ("Quello/Quel" è generalmente usato per indicare persone distanti nello spazio).
  4. È priva di conferme l'ipotesi che l'ignoto molestatore possa essere il Silvio. Tale ipotesi sarebbe possibile nel caso di Quel mona che sbatte la porta, ma come farebbe a essere lui Quello che continua ad andare avanti e indrio? Come tutti sanno infatti, la statura del Silvio non va molto oltre quella di Grande Puffo; come avrebbe fatto pertanto a farsi chiaramente vedere dal Vate a tal punto da disturbarlo?? Si tenga inoltre presente che si sta parlando di Germano Mosconi, un uomo che se bestemmia a Dio, significa che quando guarda, guarda molto in alto!

Le tesi rese note dallo studio del CICAP sono dunque le seguenti:

Mr.X

Il misterioso attentatore

  1. È probabile che l'attentatore sia lo stesso in tutti e cinque i casi. O comunque, almeno in tre di essi: Quel mona che batte la porta , Quel mona che entra dentro e Quel mona che incolla i fogli, in quanto è qualificato come Mona.
  2. È probabile che l'attentatore sia di sesso maschile in quanto Quello/Quel non é un tipico attributo femminile (tesi che conferma l'ipotesi di un rivale di Mosconi alla carica di Pontefice).
  3. È probabile che non appartenga a gruppi etnici o religiosi molto particolari. O comunque, che non sembri così. In caso contrario lo avrebbe potuto facilmente identificare con parole più precise (Chi è quell'ebreo che batte la porta oppure Chi è quel negro che batte la porta).
  4. È probabile che sia un personaggio che ha abitualmente a che fare con il mondo della televisione. Come farebbe altrimenti a sapere dove sono le porte da sbattere o la colla per incollare i fogli?
  5. È probabile infine, e questa è la più inquietante delle ipotesi, che l'attentatore sia un conoscente dello stesso Vate. Come infatti è risaputo, il grande Germano è un uomo dal carattere mite, altresì cordiale e pacato. Chi mai potrebbe riuscire a individuare il punto debole del Tranquillissimo, al punto che con un solo gesto (sbattere la porta giusta o andare avanti indrio) riesca a scatenare tutta la terrificante ira bestemmiatrice del Supremo Iracondo? Chi mai, se non un intimo conoscente della natura mosconiana?

[modifica] Conclusioni

Riassumendo quindi tutte le ipotesi espresse nell'articolo, anche alla luce delle indagini comparative, chi si nasconde dietro il vile attentatore sarebbe un essere di sesso maschile, decisamente alto, non appartenente a gruppi sociali che lo distinguano, probabile rivale del Mosconi alla carica di Pontefice e soprattutto intimo conoscitore degli studi di Telenuovo.

Le indagini rimangono aperte.

[modifica] Tesi controcorrente

Da segnalare la teoria avvallata da un esimio gruppo di teologi che vuole Quel mona che batte la porta (e chiude urlando) non come un nemico dell'Agnosticismo mosconiano, bensì come colui che ha scatenato la vera potenza di Germano: egli non ha quindi la colpa, bensì il merito di aver dato vita a un culto diffuso ormai su scala mondiale. Le implicazioni di questa nuova teoria sono infinite. Si attendono nuovi sviluppi teologici.

[modifica] Quel mona che incolla i fogli

Quote rosso1 Dio cane! Le carte co' la cola gh'è, che se taca, Ostia! Dio...ssscanato can! Quote rosso2
~ Mosconi su riflessioni teologiche a prescindere
Quote rosso1 Ma Dio bon, ma... D... D'un dio ghe... le se taca co la cola e non le se staca! Quote rosso2
~ Germano Mosconi sul Mona
Quote rosso1 Varda che roba..la cola tacà ale carte.. Quote rosso2
~ Germano Mosconi sul Mona


Il Grande Nemico del Vate, quindi subdolo e pericoloso, Quel mona che incolla i fogli è colui che gli ha messo più volte la colla tra i fogli del Vangelo e nel rotolo della carta igienica: chiara sfida alla religiosità e al credo di San Germano da Verona. Il mona che incolla i fogli inoltre è il nemico dello Scannato Can, divinità mosconiana protettrice dei fogli di Telenuovo.

Fonti attendibili sostengono che "quel mona che incolla i fogli" sia in realtà Mosè, vecchio alleato del Vate (taanto taanto tempo fa), che invidioso del successo rimediato dall'illustre Germano, spesso gli gioca brutti scherzi come appunto incollargli i fogli del Vangelo; si vocifera anche che come strumento per i suoi biechi piani usi il suo sperma anziché la più facilmente reperibile colla. Una ricerca sconcertante ha però detto che quel Mona che incolla i fogli è lo stesso che sbatte le porte.

[modifica] Storia di un delitto

Tutto avvenne all'epoca del I Congresso Mondiale di Bestemmiologia Applicata, di cui Germano Mosconi era relatore.

In quell'occasione il mona che incolla i fogli era addetto alle latrine. Nell'approntare i servizi igenici per i congressisti, ci si accorse che la fornitura di carta igienica era scarsa e mancava un rotolo. Non essendo possibile procurarne un altro (il Congresso si teneva in località segreta per evitare le proteste dei fondamentalisti cattolici), si provvide a decurtare ciascun rotolo di un certa quantità di carta al fine di ottenere il rotolo mancante; in quell'occasione il mona fu comandato di incollare i vari spezzoni a formare una striscia avvolgibile.

Accadde che Mosconi, poco prima di tenere la sua relazione, fosse oggetto di una pressione cacatoria e, nella fretta, entrasse nel primo cesso a portata di culo che, guarda caso, era proprio quello a rotolo incollato.

Purtroppo la tenacissima colla usata dal mona (Attak) non si era del tutto asciugata cosicché Mosconi si trovò prima con la mano incollata all'ano, poi, liberatosi con un doloroso strappo, con i peli del culo incollati alle mutande.

Dovette comunque tenere la sua relazione; senonché, a ogni suo movimento, avvertiva gli strappi dolorosi delle mutande che eradicavano i peli dal culo. È pur vero che le conseguenti bestemmie fecero sì che il Mosconi venisse eletto Presidente Perpetuo dell'I.B.A. (International Bestemmiology Association), ma lui continuò a chiedersi chi fosse quel mona che incolla la carta igienica, il quale, a sua volta, aveva provato gusto a incollare e continuò a incollare carta e fogli con sottile e sadico piacere, sostituendo talvolta la colla con lo sperma.

I due personaggi furono ricongiunti dal caso (?) negli studi di Telenuovo. Il resto è storia recente.

È indubbio che il bieco incollatore fu reclutato dalla cospirazione antimosconica, incaricato di far esplodere Mosconi durante le trasmissioni televisive. Si suppone che la sua assunzione a Telenuovo sia stata promossa dalle forze occulte che si oppongono all' Agnosticismo mosconiano e che sia retribuito, per il suo sicariaggio, a peso, a seconda di quanta colla applichi ai fogli destinati al Mosconi.

[modifica] Quelli che vengono avanti

Mosconi -

È un avvertimento!

Quote rosso1 Dio porco, se venite avanti ancora vi do un punio! Quote rosso2
~ Mosconi su Quelli che vengono avanti


Quelli che vengono avanti sono un numero ignoto di sicari (secondo alcune stime basate sulla curvatura terrestre da 1 a nessuno a 100.000), il cui unico obiettivo è contrastare aspramente l'opera del Vate Germano Mosconi.
I loro attacchi si consumano negli studi televisivi di Telenuovo, quando il Vate è raccolto in preghiera, e dove all'improvviso, gli impostori, si addentrano scatenando l'ira del Germano che, impotente, assiste alla loro avanzata.

L'identità di queste persone è tutt'ora ignota, ma in questi ultimi giorni si stanno avanzando ipotesi interessanti al riguardo:

[modifica] Quello che butta par aria tuto

Quote rosso1 Porco DIO! Quote rosso2
~ Germano Mosconi al suo nemico
Quote rosso1 I ga butà par aria tuto de là non so chì! Quote rosso2
~ Germano Mosconi che si interroga sull’identità dell’attentatore


Quello che butta pe l’aria tuto è uno dei tantissimi nemici del Sommo Vate. Durante le riprese del telegiornale del nostro eroe, questo losco figuro interrompe il Vate, provocando la sua ira funesta. Germano è costretto a lanciare una potente bestemmia, richiamando uno degli dei mosconici, il Porco, affinché lo aiuti nella distruzione del nemico.

Wlady

Che sia lui?

[modifica] L’identità

Il misterioso attentatore attacca il Vate buttando qualcosa in aria.

Ora le domande che vengono spontanee sono:

  • Chi è quello che butta per aria tuto?
  • Cosa butta in aria?
  • E perché?
  • In quale posto della Terra Santa si trova quando butta tutto in aria?

Esaminiamo il caso.

Mentre il Vate dice una notizia, si sente un improvviso rumore. Il Vate impreca con una delle sue maledizioni. Il rumore è secco, improvviso, quindi l’oggetto che viene buttato in aria deve essere qualcosa di molto grosso. Il disturbo viene sicuramente dalla sinistra (guarda caso) del Vate, in quanto Germano si gira verso quella direzione. Stando all’intensità del rumore e alla direzione dello sguardo del Santissimo, l’attentatore si dovrebbe trovare a circa una decina di metri da Germano. Il motivo per cui disturba Mosconi è ovvio: quello che butta pe l’aria tuto è un miscredente, un eretico, che vuole distruggere l’Agnosticismo mosconiano. Ora la cosa più difficile: Chi è che butta tuto pe l’aria?

  • Non può essere Mario Magnotta, in quanto egli bestemmia, non butta gli oggetti per aria.

L’ipotesi più accreditata è che sia il grande nemico del Mosconi, o Gaetano, che è anche quel deficiente che fa innervosire Germano.

[modifica] Il Video

Quello che butta pe l'aria tuto de là lo si può vedere all'opera in questo filmato.

Original video

[modifica] Quello che continua ad andare avanti e indrio

Quote rosso1 Chi è che continua ad andare avanti e indrio dio can con chela porta lì? Quote rosso2
~ Mosconi su Riflessioni Teologiche a Prescindere


Quello che continua ad andare avanti e indrio è un nemico del Vate, e sembra sia legato in qualche modo a Quel mona che batte la porta. Però, anziché sbattere le porte (e chiudere urlando) lui continua ad aprire le porte e ad andare avanti e indietro, facendo scatenare l'ira di Mosconi, e tutta la Sua potenza. Come per tutti i nemici del Vate la sua vera identità è avvolta nel mistero, anche se voci non confermate lo legano in qualche modo alla figura di Gaetano, ovvero colui che si mette a passare davanti.

[modifica] Giallo mosconico

Molti insigni studiosi della teologia e della filosofia si sono interrogati su questo misterioso personaggio, citato da Mosconi sia nella Summa mosconica che nelle più ampie trattazioni della De philosophia Mosconum e, soprattutto dell'agnosticismo mosconiano senza venire a capo di nulla.

La questione è poi stata affrontata dagli enciclo-pedisti, enciclo-podisti, enciclo-pedofili ed enciclo-podologi di quest'opera. Riportiamo, in sintesi, la ricerca fatta da Nonciclopedia; il lettore perdonerà questa autocitazione, ma abbiamo, lo confessiamo, l'ambizione si sostituire con quest'opera l'intero scibile umano, e quindi non potevamo sottrarci alla sfida. Le domande poste ai Nonciclopedisti sono sostanzialmente 5:

  • chi è quello che continua ad andare avanti e indrio?
  • Quanto è esteso lo SPAZIO da lui percorso?
  • In quanto TEMPO compie il suo percorso?
  • perché continua ad andare avanti e indrio?
  • e, soprattutto, perché si muove solo mentre Mosconi è in trasmissione?

(Di passata, facciamo notare al lettore che, si tratta un fenomeno che rientra, come nuova esperienza empirica, nella teoria dello spazio-tempo einsteiniano)

Osservazioni:

A) Se calcoliamo l'intervallo di tempo tra una bestemmia e l'altra del Mosconi, vediamo che intercorrono appena 8 petosecondi. Poiché la bestemmia viene proferita all'apparire di questo personaggio, dobbiamo anche ritenere che sia anche questo il tempo impiegato da costui a compiere l'intero percorso.

Orbene, la massima velocità raggiungiubile da un'essere umano è appena 20 Km/ora, è evidente che lo spazio in questione è di circa 2,70 metri e che viene percorso in 4 petosecondi all'andata e 4 petosecondi al ritorno, totale 8 petosecondi, tempo dopo il quale ricompare davanti al Mosconi che, di conseguenza, bestemmia. Da ciò risulta evidente che si tratta di una sorta di moto perpetuo, molto simile a quello che si vede nei vecchi film di Ridolini, e che richiede un notevole e costante allenamento.

B) Il moto perpetuo di quello che continua ad andare avanti e indrio avviene, com'è noto, nella quasi oscurità delle zone morte di uno studio televisivo. Come può il Mosconi vedere l'incessante podismo di questo personaggio? È evidente che costui veste in modo da essere notato, ma ciò può essere ottenuto solo mediante abiti fosforescenti, altrimenti il Mosconi, che si trova in una zona illuminata, non potrebbe notarlo. Ma abiti fosforescenti, o anche appositamente illuminati con lampadine mignon, non si trovano facilmente; d'altronde è impensabile che questo personaggio possieda solo abiti luminescenti e per tutte le stagioni. Sembra evidente che il suo abbigliamento è funzionale al fatto che deve essere notato da Mosconi e contribuire, così, all'eccitazione bestemmiatoria del Vate.

C) Una terza osservazione riguarda il fatto che quello che continua ad andare avanti e indrio non modifica, mai, né itinerario, né velocità, né senso circolare della sua marcia perpetua. La ragione di questo comportamento è evidentissima:

-innanzitutto egli non sta andando da nessuna parte, non ha una meta, una destinazione, un arrivo. Il suo moto è fatto soltanto per produrre il moto stesso;

-la ciclicità del suo moto, la sua unidirezionalità, la sua velocità sempre uniforme, la sua cadenza sempre precisa, servono a rendere evidente al Mosconi l'inutilità del moto e quindi a esacerbare ancorpiù il contenuto bestemmiatorio.

Il fatto poi che il moto cominci esattamente all'inizio della trasmissione del Mosconi e termini esattamente alla fine della trasmissione televisiva, ripetendosi immodificato ogni volta che Mosconi va in trasmissione, non lascia dubbi che esso sia del tutto intenzionale, progettato, studiato e voluto per produrre un solo effetto: l'imprecazione blasfema mosconica.

D) Per quanto riguarda l'identità del podista, le ragioni del suo moto perpetuo e la singolare coincidenza con le trasmissioni del Mosconi, rimandiamo il lettore al capitolo "Polemiche scientifico-filosofiche" della voce Quello che fa quel cazzo di rumore lì, nella quale è stato studiato il sinergismo dei vari tormenti inflitti al Mosconi.

[modifica] Quello che fa quel cazzo di rumore lì

Quote rosso1 Porco dio, ma chi è che fa chel cazzo de rumore lì?!? Quote rosso2
~ Germano Mosconi su quello che fa quel cazzo di rumore lì


Quello che fa quel cazzo di rumore lì è il secondo peggior nemico del Vate, allievo prediletto del Mona nonché suo braccio destro. Spesso lo stesso Mosconi ha dovuto sfoderare la sua arma blasphemiae contro di lui visto che, come quel mona che batte la porta (e che chiude urlando), gli causa costantemente un grosso fastidio, definito dallo stesso Vate come "Mosconite".

Perciò, se seguite fedelmente l'Agnosticismo Mosconiano, state bene attenti a non farvi colpire dai terribili effetti di questo misterioso individuo che, incuriosendo il povero agnostico, causa un immediato attacco di blasfemia acuta.

Se siete in ufficio e il vostro principale continua a fare uno strano rumore sotto la scrivania con il piede (o con qualcosaltro), uscite subito dalla stanza con una scusa plausibile e scappate il più lontano possibile dal luogo del delitto... e, a quel punto, sfogate la vostra malattia con un'imprecazione da alto grado Mosconi. Se, invece, siete in chiesa, magari costretti ad andarci da una religiosissima moglie rompiballe, potete tranquillamente esibire la vostra sofferenza in modo da diffondere il messaggio del Vate anche in ambiente ostile, quando il vostro vicino di posto abbasserà l'inginocchiatoio facendo, appunto, quel cazzo di rumore lì.

[modifica] Studi e indagini

Secondo ultime teorie quello che fa quel cazzo di rumore lì non è altri che Padre Fedele il quale, non sapendo come diffondere il suo credo avversario alla fede agnostica, passa il tempo cantando "Maracanà Maracanà viva la castità" e scalciando sui secchi della spazzatura di Telenuovo causando l'ira del Vate. "Dio Cane, non si riesce a capire un cazzo!" Questa ipotesi è però contraddetta dal fatto che spesso quel cazzo di rumore lì non sembra assomigliare a quello delle scalciate contro i secchi della spazzatura ma, piuttosto, somiglia a una improvvisa cascata d'acqua della durata di qualche secondo. Non si sa a cosa possa ricondursi quel suono, ma è stato notato che esso si presenta anche nei CD di Gigi D'Alessio. Probabilmente si tratta di un nuovo strumento musicale sconosciuto; tuttavia le indagini continuano.

[modifica] Polemiche scientifico-filosofiche

"La filosofia senza la scienza è vuota", affermava Albert Einstein, e ciò ha incoraggiato il filosofo Marcello Pera, epistemologo, epistacchiologo nonché teorico delle appuzzature, a porre alla scienza alcune domande decisive:

  • CHI È quello che fa quel cazzo di rumore lì?
  • di CHE TIPO di rumore si tratta e COME VIENE PRODOTTO?
  • QUANTO DURA quel cazzo di rumore lì?

e principalmente

  • Come spiega la scienza la coincidenza loco-temporale di quel cazzo di rumore lì con gli sproloqui televisivi del Mosconi?

Il lettore noterà che ce n'è d'avanzo per aprire una crisi scientifica epocale, dato che la scienza non sembra in grado di avanzare la benché minima ipotesi.

Fortunatamente Nonciclopedia, e solo essa, ha i mezzi e metodi per indagare. A beneficio del lettore, tenteremo un'ipotesi di ricerca.

A) Innanzitutto deve determinarsi:

  • 1) il tipo di rumore
  • 2) perché viene emesso e non là o qui.

Se poi questo rumore è in grado di suscitare reazioni tanto veementi nel Mosconi, possiamo allora restringere le ipotesi a tre possibilità:

  • un rutto (presumibilmente a caverna, probabilmente il Mi bemolle)
  • una pereta (probabilmente del tipo schioppettante e di durata notevole)
  • una rasca (probabilmente di tipo tenace, che obbliga al una lunga rascata cui segue lo scaracchio).

Possiamo innanzitutto escludere che si tratti di loffa (non è silente), ma anche che si tratti di pereta, poiché nell'espressione irata del Mosconi, anche quando non è raffreddato, non si notano segni di disgusto.

Possiamo altresì escudere che si tratti di rasca. Mosconi parla al singolare, di un rumore, mentre la rasca richiede sia rumori di raccolta del muco sia quello di espulsione dello scaracchio.

Dobbiamo allora concludere che si tratti di rutto.

È evidente che Mosconi dicendo cazzo di rumore alluda chiaramente alla forma della bocca durante l'emissione, cioè circolare, come se contenesse un cazzo. Ma la forma della bocca implica che si tratta di un rutto cosiddetto a caverna. Notoriamente i rutti a caverna, suonati da ruttofoni, sono in Mi bemolle.

B) Vediamo adesso cosa si può dire sul fatto che quel cazzo di rumore lì viene emesso, appunto, e non là o qui.

Se fosse emesso qui, dove stiamo scrivendo, esso, per quanto potente, non giungerebbe né al Mosconi né ai microfoni di Telenuovo. Se fosse emesso là, allora si attenuerebbe grazie ai rumori di fondo dello studio televisivo. Dunque esso viene emesso lì, cioè a poca distanza dal Mosconi, forse a pochi centimetri dal suo orecchio.

Risulta dunque evidente che esso viene emesso da una posizione dalla quale il rumore può interferire con la voce del Mosconi, sempre dalla stessa posizione, quindi non casualmente quello rutta nell'orecchio del Mosconi.

C) Possiamo ancora aggiungere che quel cazzo di rumore lì ha una durata misurabile. Tenendo conto che la massima durata di un rutto si ha mediante il ruttofono e, solitamente, non dura più di 4 minuti, possiamo assumere questo valore come massima durata del rumore.

D) Possiamo ancora rispondere che quel cazzo di rumore lì viene prodotto, a somiglianza della tecnica di suono del ruttofono, mediante trasferimento di gas nel corpo dell'esecutore; questa tecnica prevede l'elargizione di una monetina a ciascuna pereta di modo che essa possa prendere l'ascensore e uscire dalla bocca.

E) Siamo così giunti al punto cruciale della ricerca: CHI È quello che fa quel cazzo di rumore lì?

Al massacro del sistema nervoso del Mosconi concorrono sostanzialmente 4 soggetti:

e, appunto

  • Quello che fa quel cazzo di rumore lì

oltre a un certo numero di sabotatori secondari che non girano le foto, non mettono i punti e le virgole, ecc.

Orbene, ci si domanda, è mai possibile che tutti questi eventi avvengano per caso contemporaneamente e proprio mentre il Mosconi è in trasmissione televisia? Evidentemente, no! Ed è mai possibile che questi eventi avvengano per caso ogni volta che il Mosconi è in trasmissione televisiva? La risposta è ancora no!

Siamo dunque innazi ad azioni concordate, il cui effetto sinergico è quello di far esplodere l'energia bestemmiatoria del Mosconi; una cospirazione, dunque, intentata al solo scopo di far collezionare al Mosconi le più eclatanti figure di merda della storia televisiva.

[modifica] Quei che i ghe o fa aposta

Quei che i ghe o fa aposta sono uno dei gruppi più nemici dei Germano Mosconi; a differenza di quasi tutti gli altri vengono posti nel girone più basso della etica mosconiana in quanto oltre a peccare contro il Germano Mosconi lo fanno consapevolmente. Per questa ragione per essi non può esserci perdono nel giorno del giudizio e questo non fa che acuire la violenza e veemenza con cui attaccano il Profeta e tutti i membri della sua religione.

[modifica] Notizie sulla setta

Quei che i ghe o fa aposta sono un numero ignoto di persone, spesso non si conoscono e ancora più spesso non sanno nemmeno di far parte della setta, unica cosa che sanno è di fare un dispetto a Germano Mosconi consapevolmente ovvero Germano Mosconi così interpreta il loro agire anche se loro non lo sanno. Un'associazione per rivalutare Quei che i ghe o fa aposta da un punto di vista morale e che voleva sostenere che essi in realtà agissero su ispirazione di sostanza stupefacenti che ne limitavano la responsabilità è stata dichiarata eretica dallo stesso Mosconi.

[modifica] Andrea De Cesaris

Quote rosso1 Romano... Andrea... De Cesar..
Dio Canaja de Dio!!! Come il pilota romano Romano Andrea de Cesaris, Dio Cane ma non è possibile!! Quote rosso2

~ Germano Mosconi alle prese con i nemici di Andrea de Cesaris


Quote rosso1 Come se ciamelo lì? Quote rosso2
~ Una pia donna mosconiana chiede il nome della divinità nel tipico idioma tardo-veronese del XX secolo


Il Pilota Romano Romano Andrea de Cesaris è una divinità trinitaria dell'Agnosticismo Mosconiano. La sua presenza è attestata per la prima volta in una notizia scritta da cul del XX secolo. È l'autista ufficiale della papamobile di Papa Germano I.

[modifica] Teoria

Pilotaromano

Germano Mosconi mentre manda a cagare il Pilota Romano Romano Andrea De Cesaris (visibile sullo sfondo mentre si materializza nello studio)


Questa divinità è composta dalle tre persone Andrea (il figlio), De Cesaris (il padre) e Romano (la terza persona). Chi è la terza persona? Lo stesso papa Germano I interrogato sulla questione ha dichiarato:

Quote rosso1 Dio cane! e non si riesce a capire un cazzo! Dio boia! De Dio! Quote rosso2

[modifica] Nemici

I nemici del Vate, e con loro probabilmente anche Gaetano hanno più volte tentato di fondare la setta eretica che vuole questa divinità un essere a 4 teste (Romano Romano Andrea de Cesaris), o anche 5 teste (Pilota Romano Romano Andrea de Cesaris) modificando i sacri testi destinati alla lettura del Telegiornale sportivo veronese e aggiungendo alle carte del Mosconi inutili ridondanze e soprattutto colla.

Quote rosso1 Dame el campo lungo de l'automobilismo va, vaffanculo Quote rosso2

[modifica] Ipotesi e controversie

Tanti i dubbi sollevati a proposito dell'enigmatica divinità:

  • Questo essere è di Roma, ma non si chiama Romano
  • Questo essere si chiama Romano, ma non è di Roma.
  • Si chiama Romano ed è di Roma, ma qui si ricade nell'eresia detta Gaetanismo per cui il pilota sarebbe veramente romano Romano
  • Questo essere è Romano Prodi in incognito sdoppiato nelle sue 3 personalità che in realtà sono 1. la moglie Flavia, 2. Massimo D'Alema, 3. Frate Indovino


[modifica] Voci correlate

[modifica] Collegamenti esterni

Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo