Negramaro

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Negramaro nudi.jpg

I Negramaro prima di un'orgia.

Quote rosso1.png Usami, straziami, strappami l'anima!!! Quote rosso2.png

~ Giuliano Sangiorgi mentre fa lo slave in un rapporto BDSM
Quote rosso1.png Mi dici che c'è ancora sulle labbra il mio sapore... Quote rosso2.png

~ purceḍḍuzzo a Giuliano Sangiorgi
Quote rosso1.png Se potessi far tornare indietro il mondo, farei tornare poi senz'altro te, per un attimo di eterno e di profondo... Quote rosso2.png

~ Negramaro su John Holmes
Quote rosso1.png Quando quello là canta sembra che lo stia prendendo in culo. Quote rosso2.png

~ Pino Scotto su Giuliano Sangiorgi

I Negramaro o NegroAmaro sono un gruppo musicale di alcolisti pugliesi.

Il nome del gruppo è ispirato a un celebre proverbio salentino: "nun'essere mutu niuru ca tutti te sucane, nun'essere mutu màru ca tutti te spùtane"[1].

[modifica] Genesi

Conosciutisi nel 2001 in una piantagione di vitigni a Cellino San Marco, nei campi di schiavitù di Albano Carrisi, i Negramaro hanno cominciato a esibirsi per deliziare i lavoratori rumeni nei loro cinque minuti di riposo giornalieri. Un giorno Albano, temendo che i falsetti del cantante, Giuliano Sangiorgi, potessero superare di fama i suoi acuti sfondatimpani, decise di assoldare un sicario professionista del posto, tale Lino Banfi, per eliminare la band dalla faccia della terra. Banfi quindi, dopo aver preparato delle orecchiette alle cime di rapa avvelenate, si diresse alla piantagione per offrirle ai malcapitati. Lungo il viaggio, tuttavia, venne colpito da un attacco di alzheimer e così, invece di ammazzare i Negramaro, fece fuori i Gazosa[2].

La band quindi decise di scappare dalle proprietà terriere del geloso Albano per dirigersi verso nord alla volta della capitale. Appena giunti a Roma, iniziarono ad esibirsi fuori dalle chiese, guadagnando lentamente un piccolo gruzzolo circuendo le vecchiette appena uscite da messa, finché nel 2003 vennero notati dall'attore Alberto Sordi, che accolse la band a casa sua. In questa nuova sistemazione Sangiorgi & co. vennero assoldati per svolgere compiti di massima espressione artistica: sbattere i tappeti, pulire i vetri, lavare le scale, lustrare il cesso, cambiare il pannolone ad Albertone ecc. ecc. Dopo soli due mesi Alberto Sordi venne trovato morto in circostanze misteriose. Il testamento dell'attore, scritto da una mano tremula e rinvenuto accanto al cadavere sfigurato da colpi di aspirapolvere in faccia (così dimostrò l'autopsia), recitava che l'intera fortuna di Sordi sarebbe stata assegnata solo e unicamente a sei figli segreti che Albertone avrebbe generato da una pescivendola pugliese in un turbine di droga, sesso e traffico di chihuahua.

Giuliano sangiorgi ed emma marrone.jpg

Giuliana ubriaca ed Emma Marrone

[modifica] Il successo

Grazie a un improvviso e inaspettato aumento della loro fortuna pecuniaria, i Negramaro poterono pubblicare il loro primo album, chiamato per l'appunto Negramaro, che più tardi si aggiudicherà meritatamente il premio per il titolo più originale, fantasioso e "wow" dell'anno. Il pubblico, la critica e le bimbeminkia furono subito affascinati dai curiosi gorgoglii del frontman Giuliano Sangiorgi, il quale preferì dichiarare immediatamente la sua polisessualità, così da mettersi a disposizione già da subito per qualsiasi possibilità sessuale. I brani del gruppo furono utilizzati soprattutto come sottofondo per ascensori, come colonna sonora per una pubblicità di cannucce e come inni per le mensili Apocalissi dei Testimoni di Geova.

Nel 2005 partecipano alla manifestazione canora più amata dagli affetti da stipsi, Sanremo Giovani, gareggiando con la canzone Mentre tutto scorre, brano che Sangiorgi ha scritto seduto sul cesso, completamente ipnotizzato dallo scorrere del rubinetto del bidet. La canzone, detto in parole povere, accontenta gli stitici telespettatori ma non riesce neanche ad arrivare tra le prime tre. L'esperta di musica Marah Majonkhy ha spiegato questa delusione affermando: "Ca**o era più virile la Clerici di Sangiorgi!".

Per niente demoralizzati dalla vergognosa e bruciante sconfitta, decisero di lanciare una serie di canzoni mirate allo sbrodolamento di miliardi e miliardi di bimbominkia, come Estate, brano che racconta la storia di un cantante malato di Parkinson che lavora nella spiaggia di Ostuni; Solo 3 min., canzone scritta da Sangiorgi dopo aver fatto il record a Candy Crash; Nuvole e lenzuola, frutto di una potente overdose di borotalco; Parlami d'amore, canzone composta durante un rapporto anale tra Rocco Siffredi e Sangiorgi, vincitrice tra l'altro del Festivalbar, concorso ormai abolito perché inneggiante al suicidio. Non mancano le collaborazioni musicali, Sangiorgi ha duettato con cantanti di un certo spessore come la zombie Dolores O'Riordan, l'imam Malika Ayane, Elaisa e Clara Serina, la pluricentenaria cantante della sigla di Lady Oscar. Sangiorgi è anche l'autore di memorabili testi come Danza che è duro per Don Omar, Nient'altro che buoi per Max Pezzali e I migliori ani della nostra vita per Renato Zero.

[modifica] Fatti recenti (o quasi)

Agli inizi del 2011 Sangiorgi ha voluto abbandonare improvvisamente il gruppo per perseguire il suo più grande sogno: fare la sirena di un'ambulanza. Dopo questa breve parentesi tuttavia è tornato nella band con rinnovato entusiasmo, anche se indispettito dal fatto che lo avevano sostituito col cantante dei Cugini di Campagna. Inizialmente Sangiorgi rivendicò il suo posto in maniera violenta, irrompendo nella casa di campagna del Cugino con una mitragliatrice, ma in seguito i due si conobbero e si innamorarono. La relazione si ruppe quando Sangiorgi scoprì con sorpresa la gravidanza del Cugino.

Dopo aver portato una sfiga marcia all'Italia nei mondiali di Rio 2014, dedicando alla nazionale di calcio la canzone Un amore così grande, Gesù in persona è andato ad un loro concerto e, quando Sangiorgi ha cantato Mentre tutto scorre, alla strofa "Scagli la pietra chi è senza peccato" un sasso è partito sul serio.

Dal 2015 la band è in giro per l'Italia con il tour La rivoluzione sta arrivando, in cui deliziano le bimbominkia predicando il loro nuovo credo: l'estremismo islamico.

[modifica] Guerre fra band

Kekko silvestre e giuliano sangiorgi.jpg

Kekko rovina un selfie di Giuliano per dispetto.

È celebre la rivalità tra i Negramaro e un'altra band di disoccupati scansafatiche: i Modà. Tutto iniziò in una puntata di Forum, quando il frontman dei Modà Kekka Silvestre, alla domanda di Rita Dalla Chiesa "Cosa ne pensi dei Negramaro?", rispose: "Non mi piace la musica che fanno, troppo sole cuore amore. Poi penso debbano mettere da parte quel cantante basso calvo e cicciottello dalla sessualità ambigua!". Appena venuto a sapere della velenosa dichiarazione, Sangiorgi ribatté sulla sua pagina facebook:

Quote rosso1.png Cè ma sckerziamoooooooooo??!? allra prma di tt voglio dire al sig Kekka DI MeRDA Silvestro ke e lui ke e uno STRONZO skifoso pegio del moccio dl mio kane!!!! OK???????? GELOSAAAAAHH!! Quote rosso2.png

Kekka rispose su twitter:

Quote rosso1.png ooooooooohohh TOPO GIGIO, dimmi le kose in faccia se ciai il koraggio al posto di skrivere CAZZATE su feisbuk ke non sai neanke fare 2 + 2. RIDICOLAAAAAAHH!". Quote rosso2.png

Dopo una settimana di apparente quiete i due gruppi si incontrarono per caso al concerto di beneficenza per i bambini affetti da monociglio. Appena si videro, Giuliano e Kekka si scontrarono prendendosi a unghiate. Finita la zuffa tornarono ambedue nei propri camper piangendo come bambine epilettiche. La numerosa folla registrò il tutto con gli smartphone e per circa una settimana i social non parlarono d'altro, finché l'interesse non fu surclassato dalla notizia che Valeria Marini aveva cagato in un marciapiede.

[modifica] Formazione

Di seguito sono elencati i nomi, cognomi e strumenti musicali dei componenti della band. Ognuno di loro è meglio conosciuto con l'epiteto pugliese qui indicato:

  • Giuliano Sangiorgi (voce, chitarra, pianoforte), detto Centubáci[3] per le sue abitudini sessuali.
  • Emanuele Spedicato (chitarra), detto Lele Mangia zzóccule[4] per il suo sgradevole alito.
  • Ermanno Carlà (basso), detto Sette córne[5] inutile spiegare il motivo.
  • Andrea Mariano (tastiera), detto Andro Capu ti minuncéddha[6] per il suo quoziente intellettivo.
  • Danilo Tasco (percussioni), detto Pìretu[7] per l'aroma che costantemente emana.
  • Andrea De Rocco (boh, nessuno lo sa), detto Cacaturu[8] per la sua bellezza.

[modifica] Discografia

  • 2003 – NegroAmaro
  • 2005 – Mentre tutto scorreggia
  • 2007 – La finestra (Buttatici)
  • 2008 – Vergate sul Membro Live
  • 2010 – Posizione a 69
  • 2015 – L'ISIS sta arrivando

[modifica] Curiosità

  • Giuliano Sangiorgi è polisessuale.
  • Se ascoltato ad alto volume, un acuto di Giuliano Sangiorgi può perforare il timpano di un elefante.
  • Ad Alberobello è stato dedicato un trullo ai Negramaro.
  • Giuliano Sangiorgi è il gemello malavitoso di Roberto Saviano.
  • Nichi Vendola voleva entrare a far parte del gruppo, ma Giuliano Sangiorgi lo rifiutò categoricamente: il cantante non condivideva lo stile di vita da omosessuale casto di Vendola.
  • Padre Pio ricevette le stigmate ascoltando Ti è mai successo dei Negramaro.
  • Il vero nome di Giuliano Sangiorgi è Giorgio Sangiuliani.
  • La voce di Sangiorgi viene utilizzata come viagra per asini dalle fabbriche di burrocacao.

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ il proverbio, risalente al periodo dell'invasione saracena in Puglia, era un monito per i giovani salentini. Potrebbe essere tradotto così: "non essere molto nero perchè tutti ti succhiano, non essere molto amaro perchè tutti ti sputano".
  2. ^ avete più sentito parlare di loro?
  3. ^ "Donna di facili costumi"
  4. ^ "Lele Mangia-topi"
  5. ^ "Super cornuto"
  6. ^ "Andro Testa di cetriolo"
  7. ^ "Scorreggia"
  8. ^ "WC"



Strumenti personali
wikia