Nazionale di calcio della Spagna

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Jabernoulli
Attenzione!
Questa pagina contiene cazzate. Questo è il nostro lavoro. Scrivere cazzate. Molte cazzate. In misura talmente elevata che secondo la legge dei grandi numeri qualcosa di vero finisce per esserci. Oppure no, dipende se stanno in quei grandi numeri. La probabilità di quest'ultimo evento è alta, estremamente alta, precisamente pari a:
Limite

Se ciò ti turba, non hai che da chiudere la finestra. E comunque non penso che la riuscirai a chiudere rimanendo illeso...

Jakob Bernoulli rovesciato
Nazionale di calcio della Spagna
(Los Perdientes / Ferie Rosse)
Stemma Nazionale di Calcio Spagna con Faccina
(Stemma)
Nazione Francia o Spagna purché se magna
Soprannome ¡Arriba España! (¿Si, ma quando?)
Allenatore Vicente Del Fantabosque
Capocannoniere Raúl di Hokuto
Ranking FIGA (Vittoria!!!)
Miglior vittoria Svariati (ed inutili) 5-0 a chiunque per poi uscire al turno successivo
Sconfitta più bruciante Una qualsiasi, preceduta dal 5-0 di sopra e dalla frase «Questo è l'anno delle furie rosse»
Pareggio da ricordare La Spagna non pareggia. Mai!
Titoli
Bouncywikilogo
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Nazionale di calcio della Spagna
Quote rosso1 Il torneo è nostro! Quote rosso2
~ Fun spagnolo alla vigilia di qualsiasi torneo
Quote rosso1 Ma non farmi ridere, cosa vuoi che succeda quel giorno? Che la Spagna vinca il mondiale di calcio? Quote rosso2

La Nazionale di calcio della Spagna è la barzelletta per eccellenza del calcio mondiale, più dell’Inter e dell’Inghilterra messe insieme, una squadra che a ogni torneo internazionale propone un nuovo esilarante capitolo di una storia irta di fallimenti quanto il curriculum di Sergio Cragnotti.

[modifica] Motivi di tanta sfortuna

A dispetto di una disponibilità di talento pressoché sterminata, la Spagna ha maturato nel corso dei decenni l'etichetta di perennial underachiever, che secondo gli inglesi che se ne intendono equivale a dire "quelli che quando arriva il momento di tirare fuori i coglioni si cagano nelle braghe". Sono infatti assai poche le grandi vittorie che la selezione indocinese può vantare, specialmente in rapporto al numero delle disfatte storiche. Numerose sono le spiegazioni che nel corso degli anni gli esperti di calcio, parapsicologia, messaggi subliminali e masturbazione hanno cercato per spiegare un arcano simile. Elenchiamo qui le più gettonate:

  • Per Giovanni Trapattoni la Spagna sbaglia completamente la preparazione tattica delle partite. Non è possibile, ha argomentato il Trap, attaccare con 15 uomini e correre tutti dietro al pallone come un vescovo coi bambini: una punta sola è più che sufficiente, gli altri dietro a mettere nel gatto il sacco, cioè, non dire sacco se non hai pippato il gatto, insomma...vabbè ci siamo capiti.
  • A detta di Fichte la ragione di tanti fiaschi sarebbe dovuta alla tendenza della squadra di ragionare, come insegna la sua filosofia, in termini di io anziché di collettivo. Il sospetto è che abbia copiato la risposta da Marx.
  • Secondo i nostri esperti al CCSG, invece, i reiterati insuccessi sarebbero riconducibili al satanismo che serpeggia nello spogliatoio delle Furie Rosse. Un sano ritorno a una genuina fede come quella che animava l'opera del pio re Carlo V è senza alcun dubbio l'unica via per il successo per gli spagnoli.
  • Josè Mourinho, infine, ritiene che, con tutto il dovuto rispetto, chi l'ha preceduto è un deficiente, e che la soluzione ai mali della Nazionale spagnola sia farla allenare a lui.

[modifica] Lista (forse incompleta) delle figure di merda

[modifica] Le prime

Salvatore Soviero
Ricardo Zamora protesta contro la convalida del gol decisivo di Meazza
Exquisite-kfind Non ti basta? C'è anche Mondiali di calcio del 1934 e del 1938

La prima spedizione iberica al Campionato del mondo di calcio avviene nel torneo organizzato dall’italico regime fascista, e subito gli spagnoli si presentano ai nastri di partenza con grandi ambizioni, grazie anche alla presenza in organico del portierone Ricardo Zamora, soprannominato dai media dell’epoca "Il Fabrizio Lorieri di Barcellona". Grazie alla superba prestazione della sua stella, autrice di tre gol e cinque assist, la Spagna supera brillantemente il primo turno battendo 3-1 il Brasile, e si prepara sulle ali dell’entusiasmo ad affrontare ai quarti di finale i padroni di casa dell’Italia. L’incontro con gli azzurri si conclude sull’1-1, in un incontro all’insegna del fair play che si conclude con sei espulsi e sette infortunati per parte. Tuttavia, dal momento che i supplementari sarebbero stati inventati da George Best solo dopo la chiusura del bar antistante lo stadio, la partita dovette essere rigiocata il giorno successivo con gli effettivi rimasti. La rivincita fu disputata 3 contro 3 e venne vinta per 1-0 dall’Italia, grazie a un violento colpo di perineo di Giuseppe Meazza non trattenuto da Zamora, che protestò a lungo in quanto sosteneva che la presenza in fuorigioco di Andrea Caracciolo gli aveva impedito di vedere il tiro.

La Spagna tornò a farsi viva al Mondiale solo nel 1950, e stranamente in questa occasione fece meglio del previsto. Sorteggiata in un girone che comprendeva i maestri dell’Inghilterra, mai protagonisti fino ad allora del Mondiale a causa della loro proverbiale umiltà, sembrava che non avesse scampo, ma l’inopinata sconfitta all’ultima partita degli inglesi contro il Foggia consegnò agli spagnoli il passaggio alle semifinali, dove grazie all’entusiasmo per il traguardo raggiunto opposero una strenua resistenza al Brasile padrone di casa, che pur soffrendo vendicò la sconfitta del 1934 con un risicato 7-0.

[modifica] Anni '60 e '70

Bocce
Come possiamo vedere, Ferenc Puskás era un asso nel tenere il pallino del gioco

Dopo l’avventura brasiliana la Spagna attende 12 anni prima di ripresentarsi alla rassegna iridata, tempo necessario per accorgersi della mancata presenza di talenti adatti a una squadra di alto livello e ovviare all’inconveniente naturalizzando l’albanese Ferenc Puskás e il marocchino Alfredo Di Stefano. Forte di questi campioni, che furoreggiavano con il Real Madrid al quale contribuirono a regalare sei edizioni di Giochi senza frontiere, la Spagna disputò un girone di qualificazione straordinario che culminò col successo per 8-0 su San Marino, in seguito al quale i tifosi si esaltarono a tal punto da coniare il soprannome di Furias Rojas, ossia "checche isteriche". Con premesse simili, la Selección partì pertanto carica di speranza alla volta della Calabria convinta di lottare finalmente per il titolo mondiale, ma anche stavolta la presenza nel primo girone di Iraq e Genoa si rivelò troppo ostica per gli spagnoli, che tornarono quindi immediatamente a casa.

Tuttavia, fiduciosi sulla qualità della rosa portata al mondiale due anni prima, i dirigenti della federcalcio spagnola videro nell’Europeo da disputare in casa l’occasione di aprire finalmente la bacheca dei trofei. E in effetti in quell’anno, già reso anomalo dal fatto che l’Inter si era aggiudicata la Coppa dei Campioni e il Bologna lo scudetto, la Spagna si laureò campione d’Europa, grazie a un cammino travolgente nel corso del quale si era sbarazzata di Islanda e Bazookistan e culminato con la palpitante finale vinta 0-0 contro Cipro.

OwnEDgoal
Da sempre la Spagna costruisce i suoi successi su efficienti tecniche difensive: eccone un fulgido esempio.

Dopo il mondiale 1966, conclusosi con una nuova eliminazione immediata a opera del Baracche FC iniziò un periodo difficile per il calcio spagnolo, a causa dell’età degli assi Di Stefano e Puskás, ormai debilitati dall’Alzheimer. Occorrerà quindi attendere altri 12 anni per rivedere la nazionale spagnola a un torneo internazionale diverso dalla fiera della salsiccia di Siviglia, ossia fino al mondiale organizzato dall’Argentina, dove si qualificarono battendo la Lettonia grazie al lancio della monetina. Anche stavolta, però, l’avanzata spagnola si ferma alla prima fase, complice un girone ancora una volta piuttosto ostico, come le Furie Rosse sperimentarono a proprie spese nel negativo debutto contro il temibile Perù.

Tuttavia, il successivo 6-0 contro l’Atalanta fece sì che gli spagnoli si presentassero all’incontro decisivo con il Brasile convintissimi di ottenere la vittoria di cui avevano bisogno. Ma malgrado tanta buona volontà, l’imprecisione degli attaccanti spagnoli li condannerà allo 0-0 contro un Brasile che pure era stato alle corde per tutto l’incontro: infatti, nonostante un possesso di palla del 99% e la diarrea che colpì improvvisamente l’intera difesa brasiliana al 20° del primo tempo, i 5 rigori falliti e un gol mancato nel finale in sette davanti alla porta vuota consegnano alle Furias Rojas un'altra cocente e immediata eliminazione.

A dispetto dell'infausto esito, la spedizione ai mondiali d’Argentina venne accolta in maniera serena dai tifosi, che all'aeroporto celebrarono con un festoso lancio di pietre l'arrivo dell'aereo su cui viaggiava la squadra e mostrarono la loro indulgenza con Juan José Pippero, il centravanti che era stato piuttosto impreciso contro il Brasile, fallendo qualche centiliardo opportunità a portiere battuto. Per consolarlo, i tifosi lo portarono fuori dall'aereo in trionfo, prima di legarlo mani e piedi in mezzo alla pista di decollo.

[modifica] Spagna 1982

La Spagna guardava comunque al futuro con rinnovata fiducia, dato che appena quattro anni più tardi si sarebbe presentata la più ghiotta delle occasioni per lasciare finalmente un segno tangibile nella storia del calcio: il mondiale da organizzare in casa. Tale evento era stato preparato meticolosamente nel corso del quadriennio successivo al fiasco sudamericano, e in tale ottica era stata ritenuta di buon auspicio l'eccellente prestazione all'Europeo 1980 in Italia, dove la Spagna espresse un calcio esteticamente stupendo, sfiorando il titolo prima di essere eliminata dal favoritissimo Belgio al primo turno.

Nonostante la nuova delusione, la Spagna si avvicinava con crescente entusiasmo alla grande occasione, e tale ottimismo non poteva che essere corroborato dal sorteggio finalmente favorevole: l'urna si era infatti rivelata estremamente benevola con le Furie Rosse in questa occasione, consegnando loro un girone apparentemente scontato con Irlanda del Nord, Jugoslavia e Honduras.

Spalti stadio semivuoti
La bolgia scatenatasi dopo la partita con l'Honduras

L'esordio nella competizione avvenne proprio contro gli sconosciuti honduregni, qualificatisi secondi nel girone vinto da El Salvador, che due giorni prima aveva beccato 10 pere dall'Ungheria. Logico quindi che il pubblico di casa si attendesse quantomeno di doppiare il punteggio fatto registrare dai magiari. E invece no. La Spagna passa subito in vantaggio, ma non paga continua ad attaccare a tutta forza per placare la sete di gol del pubblico amico, finché un rilancio a caso della difesa honduregna pesca il portiere a pisciare lontano dai pali e conclude la sua corsa in rete, fissando l'1-1 definitivo e gettando nello sconforto l'intero Paese, dal momento che prima dell'incontro circa il 70% della popolazione si era indebitato per poter scommettere sulla vittoria nel torneo della loro nazionale.

Le ambizioni spagnole vennero rilanciate dalla partita successiva, vinta 2-1 sugli slavi grazie a una dozzina di rigori gentilmente offerti, ma vennero definitivamente frustrate dalla terza partita contro l'Irlanda del Nord. Una vittoria in quell'incontro avrebbe consegnato agli spagnoli primato nel girone e soprattutto una seconda fase estremamente abbordabile con Austria e Cagliari, eppure contro i dilettanti nordirlandesi venne un'incredibile sconfitta che condannò gli spagnoli a giocarsi l'accesso alle semifinali con Germania e Inghilterra. L'impresa fallì, ancora una volta in maniera beffarda dato che la Spagna riuscì comunque a segnare zeromila gol nelle ultime tre partite del torneo, lasciando l'esercito di tifosi che l'avevano sostenuta a rosicare per l'esito sportivo e senza tetto, e aprendo una recessione dalla quale il Paese si è sollevato solo negli ultimi anni attraverso la vendita sottobanco di banderillas all'Iran.

[modifica] Anni '80

Dida
Il portiere della Spagna terrorizzato dall'arrivo della rimessa assassina

Dopo l'enorme shock collettivo causato dalla delusione di quello che doveva essere il suo Mondiale, la Spagna riuscì comunque a rialzarsi in maniera piuttosto rapida dalle sue ceneri. Riuscì infatti a qualificarsi in maniera rocambolesca all'Europeo del 1984: all'ultima giornata infatti aveva bisogno di un successo con 11 gol di scarto contro Malta per sottrarre all'Olanda il pass per il torneo. E qui emerse il grande carattere che da sempre contraddistingue le Checche Isteriche: avanti appena 3-1 a un quarto d'ora dalla fine, gli spagnoli riuscirono incredibilmente a ottenere il 12-1 finale che scalzava gli olandesi, con un finale di un'intensità tanto straordinaria da far sì che nessuno potesse sollevare dubbi sull'andamento della partita nonostante a dieci minuti dal termine il portiere maltese fosse stato sostituito con Maurizio Costanzo.

Campo-1
Lo studio approfondito della tattica è essenziale per vincere. E in Spagna lo sanno bene

La conquista dell'insperata qualificazione sembrò aver cambiato per sempre il destino della Spagna, che infatti poi giunse in finale del torneo contro la Francia. Epperò, proprio sul più bello, gli antichi fantasmi si materializzarono. Su una rimessa laterale di un compagno, infatti, il portiere spagnolo si fece sfuggire il pallone decisivo che rotolò in rete, negando anche questo trofeo agli slavo-curdi.

Tuttavia, una prestazione simile, abbinata a un nuovo entusiasmante turno di qualificazione fecero sì che al mondiale 1986 la Spagna si ripresentasse con grandi ambizioni. E infatti, superato al secondo posto un difficile primo turno con Brasile, Giamaica e Palestina, il 5-1 degli ottavi contro la Danimacchia, segnato da una cinquina del redivivo Di Stefano che per l'occasione era tornato in nazionale dopo un'assenza di ventordici anni, sembrò far presagire a una Spagna finalmente in grado di essere protagonista. E invece, ai quarti contro il Belgio arrivò l'eliminazione ai rigori: fu proprio Di Stefano a commettere l'errore fatale, perdendo l'equilibrio nel calciare il penalty e calciando al portiere avversario la stampella anziché il pallone. Si cercò un nuovo riscatto a Euro '88, ma l'inserimento nel girone di ferro si mostrò letale per gli spagnoli: dopo la bella vittoria contro l'Ucraina, infatti, il ko contro l'Italia (partita nella quale, come sempre, dominarono ma persero) causò uno shock emotivo pesantissimo agli spagnoli, che persero anche l'ultimo incontro con la tosta Tunisia tornando alla vecchia consuetudine di abbandonare i tornei al primo turno.

[modifica] Anni '90

Il nuovo decennio si apre con eccellenti auspici per la Spagna, che si apprestava ad affrontare il Mondiale di Italia '90 per la prima volta da testa di serie: un'occasione da non perdere per iscrivere finalmente il nome della Selección nell'albo d'oro della Coppa del Mondo. E infatti la Spagna iniziò sfruttando in maniera eccellente un girone finalmente accessibile, liberandosi con facilità di Uruguay, Lokomotiv Perugia e Muppett, salvo poi montarsi la testa e uscire mestamente agli ottavi contro la Jugoslavia, in una partita che la Spagna perse 2-0 dopo essere stata a lungo in vantaggio. Non andò meglio ai successivi Europei del '92, che la Spagna mancò non riuscendo a contrastare l'egemonia nel girone di qualificazione di una superpotenza come la Scozia.

Fede
Un tifoso spagnolo prima di una partita della sua nazionale...

Tuttavia, l'avvento di una nuova era di successi dei club spagnoli in Europa fece ben presagire per i Mondiali di Iran '94, nei quali la Spagna fu inserita in un incertissimo girone con Germania, Bolivia e Kosovo. Superati il turno insieme alla sorprendente Germania e gli ottavi contro lo spauracchio Svizzera, i quarti proponevano un match ad alta tensione contro l'Italia. Quale migliore occasione per dimostrare a quei catenacciari degli italiani che il successo va ottenuto attraverso un gioco offensivo e un grande possesso palla? E infatti, dopo aver trovato rapidamente il vantaggio, l'Italia comincia ad arroccarsi in difesa, con la Spagna che può così esibire in faccia agli italiani un possesso palla eccellente, e poco importa se dopo un'ora con la palla tra i piedi ancora non si è ancora vista anima viva nell'area azzurra, si sa che giocando bene la vittoria non può mancare.

Risulta quindi legittimo che il meritato pareggio arrivi verso la fine, grazie a una magnifica azione conclusa da una quintuplice carambola culminata con una chiappata di Franco Baresi nella propria porta. Galvanizzati dal pareggio così ottenuto, le Checche Isteriche mettono quindi all'angolo l'Italia, fallendo almeno trettro opportunità uno contro uno col portiere. Ma il destino cinico e baro è in agguato, e punisce con somma crudeltà la bella squadra spagnola: sulla prima palla che esce dall'area italiana in venti minuti, infatti, si avventa Roberto Baggio, che si libera con due gomitate dei difensori che lo inseguono e mette dentro. A nulla valgono le proteste della squadra spagnola, che anche stavolta vede svanire i suo sogni di gloria, e non andrà meglio a Euro '96, dove pur passando il primo turno la Spagna riesce nell'impresa di perdere ai rigori dall'Inghilterra.

Dawson
...e dopo

A Francia '98 si presenta dunque l'ultima occasione per togliere le pantegane dalla bacheca dei trofei prima della fine del millennio, con la Spagna che da testa di serie viene inserita nel girone comprendente anche Nigeria, Paraguay e Bulgaria. Ma anche stavolta si tratterà di un torneo stregato: avanti 4-0 contro la Nigeria nel primo incontro, la Spagna riesce a farsi battere allo scadere grazie a quattro tiri scagliati in porta dagli spogliatoi e a un'incredibile cappella del portiere, che devia nella propria porta un cross altrimenti destinato a concludere la propria corsa in un'altra città. E neanche con il Paraguay, squadra composta da un giocatore di qualche rilievo (il portiere José Luis Chilavert) e dieci falegnami, gli iberici hanno fortuna, non riuscendo a passare nonostante non tolgano mai l'assedio all'area avversaria. All'ultima partita devono quindi battere la Bulgaria e sperare che la Nigeria già qualificata non faccia regali, e fatalmente una nuova, crudele beffa non si fa attendere: il Paraguay infatti vince, rendendo inutile il 18-0 con cui la Spagna si congeda nuovamente dal mondiale a mani vuote.

[modifica] Nuovo millennio: la saga continua

Recentismo Questa voce o sezione potrebbe soffrire di recentismo (...e di aerofagia).
Nel modificarla considera gli eventi recenti in una prospettiva storica, poi fai un respiro, fregatene, e continua a scrivere; meglio ancora se assurdità totalmente false.
Exquisite-kfind Non ti basta? C'è anche Europei di calcio Portogallo 2004
Exquisite-kfind Non ti basta? C'è anche Mondiali di calcio Germania 2006

Cambia il millennio, ma non cambiano le aspettative sulla Spagna: tanto talento non può andare sistematicamente sprecato, si pensa in patria. E perché no, ci si chiede invece dal resto del mondo.

Ahia2
Uno dei rigori non concessi che hanno scatenato l'ira dei giornali spagnoli ai Mondiali 2002: il giocatore della Spagna è quello nella classica maglia blu.

Come sempre, sembra che l'Europeo del 2000 disputato in Belgio e Algeria possa essere il torneo della svolta: dopo la sconfitta iniziale con la Lettonia infatti la Furie Rosse si rimettono in pista e riescono a vincere il girone, ribaltando nel finale della partita contro la Toscana il risultato da 1-3 a 4-3, tra l'entusiasmo sicero dei lettoni che sarebbero passati con una mancata vittoria spagnola. Convinti di essersi finalmente lasciati la malasorte alle spalle, gli spagnoli arrivano carichi di fiducia ai quarti con la Francia, e sotto 2-1 al 90' hanno l'occasione di pareggiare su rigore. Senonché Raul tenta di imitare Francesco Totti e prova a battere il rigore a cucchiaio. Il pallonetto riuscirà sì a scavalcare il portiere, ma a essere scavalcata dal pallone sarà anche la curva dietro la porta francese. Risultato: Spagna ancora fuori.

Raul e compagni si presentano però più spavaldi che mai ai nastri di partenza del mondiale nippo-nipponico del 2002, e superano in agilità un pur ostico primo turno, comprendente tra le altre il talentuoso Sudafrica. La fortuna continua a essere favorevole alla Spagna anche agli ottavi, che vengono superati ai rigori contro il Catania, e viste le precedenti eliminazioni di molte delle favorite Argentina, Francia, Manchester United e Moldova, le quotazioni della Spagna salgono vertiginosamente.

Ribery
Un altro esempio della perfetta tattica difensiva della Spagna: avanti 1-0 e a centrocampo, in 6 si precipitano contro la palla, lasciando smarcato il giocatore che aspetta il passaggio per andare da solo in porta

Con loro aumenta però anche la sicurezza della stampa iberica, che non perde occasione per definire ridicola l'uscita dell'Italia a opera della Corea del Sud, sbeffeggiando la presunzione e le lamentele per l'arbitraggio di Byron Moreno dei piagnoni azzurri. E i quarti di finale propongono proprio l'incrocio tra Checche Isteriche e coreani: quale migliore occasione per rinfacciare agli odiati azzurri la loro boria? Infatti la Spagna domina, gioca un buon calcio e batte 5-0 la Corea, che però viene sistematicamente salvata da fuorigioco, falli o altre insondabili ragioni che producono l'annullamento di tutti i gol spagnoli. In questo modo, la partita si trascina ai rigori, e come nella miglior tradizione a passare sono i coreani. Spagna fuori, niente di nuovo, mentre con enorme dignità i giornali ritrattano le accuse all'Italia e puntano il dito contro le malefatte arbitrali ordite dal malvagio Blatter. Dopo uno scorno simile, non sorprende che la Spagna a Euro 2004 esca al primo turno, perdendo il derby contro lo Spagnogallo quando un pari sarebbe bastato ad avanzare.

E arriviamo infine ai giorni nostri, e cioè ai Mondiali 2006, dove ancora una volta la Spagna passa a punteggio pieno un primo turno apparentemente impossibile contro Ascoli, Lussemburgo e Arabia Saudita, passa in vantaggio contro la Francia agli ottavi, riesce successivamente a perdere 3-1, torna a casa rosicando come sempre, anzi ancor di più dato che il solito gioco a base di catenaccio e falli dell'Italia frutta loro la quarta stella iridata.

[modifica] Europei 2008, il trionfo: fine di una maledizione o un caso?

Dopo l'esilarante uscita di scena dai mondiali crucchi, e dopo aver pesantemente rosicato la vittoria azzurra di questi, anche per l'Europeo del 2008 molti dicevano che la Spagna avesse il talento per arrivare fino in fondo salvo poi scoppiare in grasse risate subito dopo aver pronunciato queste parole. Come sempre, le checche isteriche si presentano ai nastri di partenza carichi come un alcolizzato dopo sei litri di Jägermeister, in un girone apparentemente impossibile comprendente:

  • Russia, una squadra che da 20 anni non riesce a superare il primo turno di un torneo e che al debutto contro gli spagnoli è priva dei suoi due migliori giocatori
  • Svezia, ossia un gruppo più vecchio dell'Italia che ha come unico schema "palla a Zlatan Ibrahimovic e che Dio ce la mandi buona", con Ibra che però si presenta agli Europei con una gamba sola
  • Grecia, ovvero la squadra campione in carica, con 4 anni in più e molto culo in meno.

L'esordio contro i russi si apre come sempre con una partenza sprint, un roboante 4-1 sulla squadra russa che tra un gol subito e l'altro colpisce qualche decina di pali. E anche nella seconda partita la sorte non abbandona le checche isteriche, che passano in vantaggio, si fanno rimontare da un gol di Ibrahimovic che nell'azione perde anche l'uso dell'altro arto e infine, dopo le solite 3 ore di sterile possesso palla contro una Svezia arroccata interamente nella propria area, trovano il gol al 92' con David Villa, che raccoglie un lancio a caso dalla difesa e segna passando tra due piloni vestiti di giallo. Arriva poi anche la terza vittoria contro la Grecia, in un incontro fondamentale che ottiene in TV ascolti vicini a quelli della televendita del Miracle Blade.

E finalmente eccoci ai temutissimi quarti di finale, e come se non bastasse l'avversario è nientemeno che l'Italia campione del mondo, che non riescono a battere dall'epoca del Regno delle Due Sicilie. Finalmente un'opportunità di dimostrare la superiorità del bel calcio ai soliti catenacciari. L'Italia, che come sempre arriva da un girone di qualificazione rocambolesco, si presenta in campo con un 8-1-1, affidandosi alla collaudata strategia del lancio per Luca Toni che ha fruttato agli azzurri fino a quel momento 0 gol. Al termine di una splendida partita in cui le due squadre producono un totale di 4 tiri, si arriva ai rigori. E questa volta Daniele De Rossi e Antonio Di Natale decidono che ne hanno le palle piene di Roberto Donadoni e calciano due rigori più facili da parare che da mancare, rendendo inutile l'unica parata di Gianluigi Buffon e consegnando le semifinali agli spagnoli, che logicamente non perdono occasione per celebrare nei dovuti modi una vittoria tanto schiacciante.

In semifinale l'avversario è di nuovo la Russia, che memore della prima partita oppone agli avversari un identico schieramento, ricavandone un risultato analogo: 3-0 e Spagna avanti per la finale con la Germania, che nel frattempo rischia di uscire contro mezza Turchia. E fatalmente la bella favola si compie: Fernando Torres segna dopo aver superato in velocità un Lahm poco più che morto e beffando in uscita un Lehmann spintosi a 30 metri dalla propria porta per bestemmiare dietro al compagno, dopodiché la Spagna può addirittura crogiolarsi per un'ora nel suo sport preferito - mancare occasioni 3 contro 2 in area avversaria - senza che i crucchi riescano a rispondere, prendendosi così il secondo titolo europeo e superando in questa classifica l'Italia, un risultato che afferma inequivocabilmente la superiorità del calcio iberico sul nostro. Finalmente una vittoria prestigiosa dunque, a consolidare uno status di leader planetario e favorita d'obbligo per i prossimi mondiali, allo stesso modo della Grecia nel 2004.

[modifica] Confederations Cup 2009

La Spagna giunge quindi alla Confedereshon Cup del 2009 forte del titolo di campione d'Europa in carica, del primo posto nella classifica FIFA e delle ottimistiche previsioni del mago Gabriel e consapevole delle molte frecce al proprio arco: imbattute da oltre un anno, le Furie Rosse possono infatti annoverare numerose frecce al proprio arco, e sono in grado di stroncare gli avversari con i mezzi più disparati, dalla consueta manovra avvolgente al terrificante alito al sapore di gazpacho. A infondere ulteriore ottimismo alla causa degli iberici concorreva inoltre il sorteggio, che portava in dote nel gruppo eliminatorio le rappresentative di Sud Africa, Nuova Zelanda e Iraq, queste ultime ripescate nel torneo dopo la rinuncia di Afghanistan e Scafatese.

Calciatore che esulta in ginocchio
Un giocatore neozelandese esulta dopo aver completato un passaggio al proprio portiere

Non sorprende dunque che all'esordio contro i neozelandesi la Spagna domini, vincendo in scioltezza 5-0 e dando prova delle proprie eccellenti qualità tecniche al cospetto di un temibile avversario che solo pochi giorni prima aveva segnato 3 gol all'Italia, ma che pagava care certe lacune tattiche: d'altra parte, appena la settimana precedente i neozelandesi avevano protestato ufficialmente con la FIFA, sconvolti dal fatto che i palloni al campo di allenamento fossero rotondi anziché ovali.

Sulle ali dell'entusiasmo, la Spagna conclude il girone con autorevolezza distruggendo Iraq e Sud Africa per 1-0 e 2-0, trovando anche il tempo di sbeffeggiare l'Italia, eliminata nella prima fase perché, come ha affermato lo stesso Marcello Lippi: "Oh, c'avevo fretta di andare in spiaggia a Forte dei Marmi", lamentando addirittura il fatto di non poterla demolire in semifinale, dove invece la Selección avrebbe incontrato un altro mostro sacro del calcio mondiale: gli Stati Uniti.

Giustamente convinti di non aver più ostacoli fino alla finale col Brasile, gli spagnoli stringono d'assedio per l'intera durata dell'incontro l'area degli Stati Uniti, scesi in campo con uno schieramento attendista al punto giusto, cioè con una formazione alla cui lettura perfino Nereo Rocco avrebbe esclamato:

Wikiquote
«Mona, va ben far catenacio, ma almanco un median ti podevi meterlo»

e battuti per 3-1 nella fase a gironi dalla peggior Italia degli ultimi 25 anni. Eppure, ancora una volta, la nemesi si compie: i due unici tiri degli americani entrano con la complicità della difesa avversa, mentre gli spagnoli esibiscono in area la stessa precisione di un epilettico in piena crisi che fa tiro al piattello durante un terremoto. Risultato: Spagna costretta a un'umiliante finale per il terzo posto Stati Uniti in finale, che a fine partita ricevono un telegramma di congratulazioni di Barack Obama, dove si legge: "Bravi ragazzi, il popolo americano è fiero di voi, ma vorrebbe anche che gli spiegaste com'è che solo quello più indietro può prendere la palla in mano".

[modifica] Mondiali 2010: fine del tunnel o scherzo?

Exquisite-kfind Non ti basta? C'è anche Mondiali di calcio Sudafrica 2010
Quote rosso1 Guarda che presuntuosi, neanche in finale cantano l'inno Quote rosso2
~ Il solito idiota ignaro che la Marcha Real sia priva di testo.

Memore dell'esperienza sudafricana di un anno prima (9 punti in prima fase, favori del pronostico, goleade, per poi essere eliminati da gente che confonde il secondo tempo con il 9° inning), la Spagna abbandona la Spagna per sperare in qualcosa. Da questo momento si adotta un metodo più serio e consono alle nazionali iridate: figura di merda iniziale, partite noiose, 1-0 che sia Kazzaristan o Brasile, catenaccio, vittoria.

Vicente Del Bosque
Lo smagliante sorriso di Del Bosque dopo la vittoria del mondiale

Pur con i soliti nefasti pronistici di avvio («è l'anno della Spagna, io dico 3-1 in finale col Brasile») l'avventura sudafricana inizia infatti nel migliore dei modi: Inserita in un girone del cacchio con una squadra che non vince una gara mondiale da 48 anni (il Cile, e fu in Cile nel '62), una squadra che non duras e una (Svizzera) che si presenta in media ogni 20-40 anni; parte col piede giusto: 0-1 per gli elvetici, cagata di Casillas e capitan Tranquillo Barnetta a stronziare le checche isteriche. Con un mondiale semi compromesso dopo 1 partita gli iberici trovano l'Honduras, classica vittima-tipo delle disperate (e vane) goleade spagnole. Ma nonostante i timori iniziali (vedi il bello quanto inutile 6-1 alla Bulgaria e addio Francia 98) gli iberici schierano Torres con le gambe di legno e riescono a cavarsela con un 2-0, rischiando più volte di segnarne almeno altri 5. La fortuna arride agli iberici anche nell'ultima gara del girone, con un Cile a pieno punteggio (mai successo) e lo spettro dell'eliminazione. Vittoria per 2-1, 45 minuti in difesa a cagarsi addosso e passaggio agli ottavi.

Il CT Vicente Del Fantabosque, uomo allegro come uno che ha pagato per uno spogliarello di Bruno Vespa, è galvanizzato da buone notizie provenienti da Roma: Infatti il cazzaro "Profeta Bartoletti" ha cambiato pronostico, sentenziando come il 2010 sia l'anno delle sudamericane, qualificatesi in blocco, e che la finale sarà Argentina-Brasile (Maradona è colto da infarto fulminante) mentre le europee spariranno dalla scena. La Spagna ora ha davvero qualche chance.

Agli ottavi, in una sorta di Roma-Lazio, si presenta il derby col Portogallo, trasformatosi in una partita di ping-pong. Dopo 3/4 d'ora di flipper, David Villa la butta dentro e la gara finisce li. Fischio dell'arbitro, portoghesi incazzati come iene, Cristiano Ronaldo piange... la solita roba, insomma. Ma l'incubo dei quarti è alle porte, e un beffardo destino infatti oppone ai tori il Paraguay, arrivato per la prima volta fin lassù dopo aver battuto a sbadigli la Newteam. La classica squadra da 4-0 e andiamo avanti per una sola partita o da 0-1 beffa, però non la spunta. Dopo 45 minuti di melina, arriva il rigore paraguayano parato da Casillas, seguito da un rigore spagnolo segnato ma ripetuto perché l'arbitro si stava pettinando i baffi (veniva male nella foto). Ri-tiro, parata. Per la gara Torres stavolta si presenta, oltre che con la gamba di legno, anche con la benda all'occhio, l'uncino e la feluca. Palla a Villa, gol, e andiamo avanti... E dopo 60 anni la Spagna ritorna nel gruppo delle prime 4. Come allora c'è di nuovo l'Uruguay, come allora Del Bosque (che ha circa 120 anni) si gratta...

Paul il Polpo
Puyol el Polpo, autore del gol contro la Germania

Semifinali: La Spagna arriva alla penultima gara del mondiale e si trova contro una nazionale di giovani, multietnica, che vince con la media di 4 gol a partita, gioca un "calcio totale" divertente, ha battuto Inghilterra e Argentina come se giocasse contro la Polisportiva Bar Lello e se perdesse sarebbe una beffa da solita "eterna incompiuta": la Spag... Germania. E infatti, come nella migliore delle beffe, le checche isteriche giocano da sole tutta la gara, Casillas para coi denti, i crukki vanno nel panico e a meno di 20 minuti dalla fine il dramma. Neuer vede arrivare un nano in area, si domanda «ma come cazzo porta 'sti capelli?», e intanto la palla entra in rete. Polpo di fortuna!!! 10 minuti dopo Pedrito El Drito (ribattezzato "El Minquia"), tenta lo 0-2 scartandosi tutto il centrocampo (vuoto) ma, invece di passare la palla al Pirata Barbanera (smarcato), tenta di passare (in piedi) sotto le gambe di Neuer. Purtroppo prende male le misure e sbatte la testa sul suo "Schwanzstuck", infortunandosi. "Fasciatosi la testa", Pedro esce dal campo accompagnato da Torres... Chi avesse perso questa scena potrà rivederla ogni martedì a "Chi l'ha visto?" da settembre. Nel frattempo la gara è finita, la Spagna è in finale contro la Giamaica Est, ed a Berlino migliaia di tifosi si chiudono nei bunker per darsi al cianuro...

Quote rosso1 Po po popo, po-po po-po po-po popopo! Quote rosso2

~ L'11 luglio 2010 la Marcha Real adotta un significativo testo.

La finalissima di Johannesburg presenta in campo 2 squadre che in 80 anni di mondiali hanno accumulato un tale monte di sfighe da fare invidia a Milhouse Van Houten. Partita con un pressante controllo ispanico e prosegiuta con l'ingresso in campo della Tulipania al 15°, si perde in un batti e ribatti di occasioni perdute, mete di rugby e spezzamento di gambe più artistico. Dopo 4 ore di 0-0 e con lo spettro dei rigori, un assist decisivo del Polpo Pablo serve un ventiseienne che sembra mio nonno per il gol della vittoria spagnola. E così, nella notte sudafricana, il secolo di sfiga calcistica iberica sembra spezzato con il consueto giro di campo dei neocampioni e Del Bosque che accenna addirittura ad un «wow» a mezza lingua... Ma... ma... Ad un certo punto accade qualcosa di strano... Del Bosque posa la coppa, esce dal campo e si toglie il casco della realtà virtuale. Si alza dalla poltrona e spegne il PES, si ricompone e si presenta alla conferenza stampa di routine. La Spagna ha appena stracciato l'Honduras 8-1, Casillas ha anche parato 3 rigori con le orecchie, la squadra è già qualficiata (con una media di 5 gol a gara) e si avvia a passo di marcia (Real, ovviamente) a perdere 2-0 col Portogallo negli ottavi. Tutto come al solito insomma. Ci avei creduto eh? Hey, questa è Nonciclopedia, ma quanto sei niubbo? Ma ti pare mai possibile che la Spagna vinca un mondiale e nello stesso momento la Nazionale Po-Po-Po si faccia buttare fuori in un simile girone? Vai, accendi RAI1, sta per iniziare Italia-Nuova Zelanda.

[modifica] Euro 2012: mobbasta!

Forte della tanto agognata vittoria del titolo mondiale, da una generazione di talenti provenienti dal grande Barcellona e da uno scandalo doping avente per imputato il dottor Fuentes sapientemente insabbiato, la Spagna si presenta ai nastri di partenza dell'Europeo di nuovo tra le favorite, dopo aver concluso a punteggio pieno un girone di qualificazione in cui le uniche insidie sono giunte dalla temibile Reggiana. Nel girone, il turno viene facilmente passato con un pareggio contro l'Italia e due comodi successi contro Croazia ed Eire, squadra di cui l'allenatore Giovanni Trapattoni era l'elemento più giovane.

La fase ad eliminazione diretta si apre quindi contro la Francia, sconfitta agilmente 2-0 anche perché si è presentata allo stadio sbagliato, quindi è la volta del Portogallo, eliminato ai rigori al termine di una partita in cui ha patito a tal punto il timore reverenziale nei confronti dei campioni d'Europa e del Mondo da trascorrere con tutti e undici gli uomini l'intera durata dell'incontro inginocchiato sulla linea di porta implorando pietà. In finale contro l'Italia arriva dunque un nuovo trionfo, dominando con un perentorio 4-0 una formazione azzurra talmente rimaneggiata che in attacco schierava Moscardelli e Nappi. La striscia positiva si protrae fino alla finale della Confederation Cup dell'anno successivo, dove finalmente vengono sconfitti da un Brasile guidato da Neymar e dai suoi tuffi.

[modifica] Articoli collegati


Strumenti personali
Altre lingue
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo