Mu'ammar Gheddafi

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Recentismo Questa voce o sezione potrebbe soffrire di recentismo (...e di aerofagia).
Nel modificarla considera gli eventi recenti in una prospettiva storica, poi fai un respiro, fregatene, e continua a scrivere; meglio ancora se assurdità totalmente false.


Bin Laden con gli occhi che si illuminano
أيها الكفرة الغربيون! لقد كفرتم باسم الله! سينزل عليكم غضبه من السماء.

(Sporchi infedeli occidentali, avete profanato il nome di Allah! La sua ira vi colpirà precipitando dal cielo!)

Quote rosso1 Sic transit gloria mundi. A proposito, chi è questa Gloria Mundi, è mai stata da me ad Arcore? Quote rosso2
~ Berlusconi commenta la morte di Gheddafi
Gheddafi

Muammar Gheddafi fuma una sigaretta di certo rubata a qualche italiano. Da notare gli splendidi occhiali della nuova linea di Lady Gaga.

Quote rosso1 Gheddafi? Un dittatore senza scrupoli, un nemico dell'occidente, un odioso sfruttatore del suo popolo. Uno stronzo, insomma. Lo ammiro tantissimo! Quote rosso2
~ Bettino Craxi sulle affinità elettive
Quote rosso1 Deve avvenire una rivoluzione mondiale che metta fine a tutte le condizioni materialistiche che intralciano le donne nell'eseguire il loro naturale ruolo nella vita, e che le portino ad adempiere agli stessi doveri degli uomini in modo da avere uguali diritti. Quote rosso2
~ Muammar Gheddafi su come convincere la propria moglie a portar fuori la spazzatura
Quote rosso1 Ecco cosa un uomo alto bello e abbronzato riesce a fare seguendo i miei preziosi consigli. Quote rosso2
~ Berlusconi dopo aver scambiato Gheddafi per Obama
Quote rosso1 Ustica? Non è quel posto dove qualche anno fa abbiamo organizzato la gara di tiro al piattello? Quote rosso2
~ Gheddafi su Ustica
Quote rosso1 Mi chiedo se Reagan non abbia fatto bene a bombardarli nel 1986. Quote rosso2
~ Qualcuno dopo aver visto Berlusconi baciare la mano a Gheddafi

Muammar Saddam Osama Alì Agca Hecham Abduh Gheddafi è stato un politico e stilista libico. Salito al potere nel 1969 grazie all'appoggio della sua milizia di scimmie lancia merda, Gheddafi è stato per quarantadue anni la massima autorità della Libia, trasformandola nel paese progredito e tollerante che conosciamo oggi.
Esistono 37 modi diversi di scrivere e pronunciare in arabo il nome Muammar Gheddafi: tutti però significano "stronzo di cammello del deserto".

[modifica] Biografia

[modifica] L'ascesa al potere

Carro armato bambino

Gheddafi si appresta a investire un bimbo italiano con il suo cingolato.

Muammar Gheddafi nacque da una famiglia di beduini. Fin dall'infanzia maturò un odio viscerale nei confronti dell'Italia. Questo odio affonda le sue radici in un dramma personale: il suo cammello morì investito da una Panda 4x4 di chiare origini italiane. Stessa sorte toccò poi alle sette sue mogli, ma per esse Gheddafi accettò il risarcimento di 12 accendini, a riprova della parità islamica tra uomo e donna.
Raggiunta la maggiore età si arruolò finalmente nell'esercito, con un ardente desiderio di rompere le palle alla numerosa popolazione italiana stanziata in Libia [1]. Dopo un breve ma soddisfacente addestramento, consistito principalmente nell'infilzare con la baionetta dei fantocci colorati col tricolore italiano e nell'imparare a minacciare di bombardare chicchessia, Muammar Gheddafi venne riconosciuto come migliore del suo corso ed eletto quindi colonnello.
Successivamente, stanco del modo di governare del rammollito re Idris, insorse con le sue truppe e il 26 agosto del 1969 portò a compimento un colpo di stato. Gheddafi, dopo essersi autonominato Colonnello dello Scatolone di Sabbia, si mise a capo della Libia giurando di governarla in modo democratico e tollerante: la sua prima mossa fu infatti quella di rimandare a casa a calci in culo tutti gli italiani, che avevano infestato le città libiche di pizzerie Bella Napule.
Anche l'ex-sovrano Idris venne esiliato, e da allora si riciclò come giornalista sportivo e concorrente dell'Isola dei famosi.

[modifica] Il governo

La linea politica adottata da Gheddafi si poteva definire una sorta di fusione fra comunismo e capitalismo, in quanto dal primo copiò il modo di trattare gli oppositori e dal secondo come sfruttare fino all'osso i lavoratori.
Libia trasporti

Il fiore all'occhiello della politica interna di Gheddafi: i trasporti pubblici.

Appena dopo l'elezione, Muammar Gheddafi instaurò una nuova Costituzione, basata sul rispetto di alcuni pilastri fondamentali della cultura islamica come la legge del taglione, il burqa e la lapidazione per le donne adultere. Si inimicò ulteriormente l'Occidente negli anni '80, quando per una curiosa coincidenza di eventi alcune bombe, casualmente posizionate da attentatori libici, scoppiarono in modo del tutto involontario in Scozia e Sicilia.
Questi eventi, uniti al goliardico passatempo di Gheddafi di puntare dei missili sui paesi confinanti dicendo poi di volerli lanciare, portarono ben presto la Libia a venir odiata dall'intera comunità internazionale e a venir ribattezzata "Stato canaglia" [2].
Nel corso degli anni Gheddafi si divertì a sostenere i peggiori terroristi e tiranni di tutto il globo terracqueo per il semplice gusto di far incazzare la NATO, la quale non poteva neppure toccarlo perché la Libia fornisce petrolio a mezza Europa.
A partire dagli anni '90, forse a causa di una botta in testa[3] o dopo essersi reso conto che continuando così rischiava seriamente di venir bombardato dagli Usa, Gheddafi ammorbidì la propria condotta in fatto di politica estera e si avvicinò agli Stati Uniti, tanto che le due nazioni vennero viste più volte prendere il thè insieme e scrivere sui muri con le bombolette: "Abbasso l'Iraq!"

[modifica] Il patto con l'Italia

Michael Jackson o Gheddafi

Di notte popstar di fama internazionale, di giorno irreprensibile statista.

Gheddafi prestava tantissima attenzione al bene del suo popolo ed in particolare era ossessionato dal desiderio di fornire alla Libia nuovi mezzi di trasporto e ottime strade, in modo da riuscire a unire il niente con il nulla. Per potenziare queste strutture Gheddafi adottò una scaltra strategia che prendeva il nome di "Accusiamo l'Italia di qualcosa alla cazzo e verremo risarciti". Grazie infatti alla brillante richiesta di risarcimento per i danni coloniali e al fatto che ci fossero simpatici personaggi sotto il metro e dieci che gli davano retta, il colonnello riuscì a gettare le basi per il suo megalomane piano: trasformare entro la Libia in un unico immenso parcheggio dell'Esselunga.
Nel settembre del 2008 Gheddafi stipulò con Sua Altezza Silvio Berlusconi un accordo che permetteva all'Italia un accesso più libero alle risorse petrolifere libiche: in cambio il sagace governo italiano dovette semplicemente pagare un indennizzo di 50 miliardi di dollari del Monopoli, scusarsi ufficialmente per la colonizzazione degli anni '30, le Crociate, l'Olocausto e il buco dell'ozono, togliere i crocifissi dalle scuole italiane, convertire tutte le chiese in moschee, cedere il titolo di Campioni del Mondo alla Libia e infine dedicare la piazza di Ustica a Gheddafi.
Il governo libico a sua volta si impegnò a rispedire in Italia all'istante ogni clandestino che veniva rimpatriato, a fornire a chiunque volesse raggiungere i sacri lidi italici un comodo mezzo di trasporto e a spedire ad Arcore tutte le nipoti minorenni del presidente.

[modifica] La caduta

Exquisite-kfind Non ti basta? C'è anche Guerra civile libica
LogoNonNotizie

NonNotizie contiene diffamazioni e disinformazioni riguardanti Mu'ammar Gheddafi.

Sull'onda della cosidetta primavera araba (un inaspettato aumento delle temperature che causò agli abitanti del Medio Oriente irritazione, aggressività e la voglia di deporre i propri leader), anche il consenso popolare di Gheddafi iniziò a vacillare. Il 16 febbraio 2011 si verificarono violenti scontri fra i manifestanti, scontenti per l'arresto di un attivista dei diritti umani, e l'esercito libico formato da dobermann tenuti a digiuno per una settimana.
Per questo, il Tribunale Penale Internazionale condannò Gheddafi, il figlio Sayf al-Islam e il capo dell'esecito Hammazz Hammazz per crimini contro l'umanità.
Nonostante l'eroica resistenza delle truppe lealiste, composte da cinque pensionati,Tripoli venne messa a ferro e fuoco dai ribelli. Gheddafi cercò di scappare fingendosi uno studente Erasmus, ma il suo astuto stratagemma venne scoperto dai ribelli. Il leader libico tentò allora di salvarsi la vita con un ultimo disperato trucco:

Wikiquote
«Vi state sbagliando, io sono Claudio Gentile, non Gheddafi!»

I ribelli non ci cascarono e, dopo averlo pestato, brutalizzato e avergli disegnato un pene sulla fronte, lo uccisero con un colpo di pistola.
Il corpo di Gheddafi riposa oggi in un cassonetto dell'umido a Bengasi.

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse vuoi veder crescere le margherite dalla parte delle radici?

  • Il figlio terzogenito di Gheddafi, Al-Sa'adi Gheddafi, è un calciatore di indubbia classe e qualità cristallina. Ha militato anche nel Perugia, nell'Udinese e nella Sampdoria nel ruolo di pusher.
  • Gheddafi intraprese con successo un piano di parificazione ed emancipazione delle donne libiche, che principalmente consisteva nel sostituire le sue guardie del corpo con gnocche da lui accuratamente selezionate.
  • Secondo le ultime ipotesi sulla sua fine, pare che Gheddafi sia morto durante l’uccisione.

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ e bisogna ammettere che ci riuscirà
  2. ^ il peggior insulto possibile, superato solo da "Stato finocchio" che però viene usato esclusivamente per parlare della Francia)
  3. ^ o più probabilmente nel portafoglio in Svizzera


Terroristi e Supremi Dittatori del mondo

Dittatori fascisti Dittatori comunisti Dittatori e basta
Leader religiosi Terroristi e leader razzisti Le categorie del Terrore
Clicca su una categoria per espanderla.
Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo