Mobbing

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Signor gatto serio.jpg
AVVISO
Questo articolo tratta di cose serie. O almeno semi-serie. Insomma se avete qualche tipo di allergia oppure qualche patologia per cui un articolo come questo potrebbe causarvi danni cerebrali irreparabili, cambiate subito pagina, sito e numero di scarpe, o il vostro inevitabile destino sarà la morte cerebrale.
Mobbing Berlusconi.jpg

Il mobbing colpisce chiunque, chiunque!

Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Mobbing
Quote rosso1.png Salve...ouch! Ahiiii!!! Quote rosso2.png

~ Zerbino umano al suo mobber.
Quote rosso1.png Riesce a svolgere il suo compito senza lamentarsi?! Quote rosso2.png

~ Mobber al suo zerbino umano.
Fantozzi crocefisso in sala mensa.jpg

Fantozzi, il precursore del mobbing moderno.

Il mobbing sarebbe una forma di violenza psicologica leggendaria che la magistratura[1] italiana giustamente ignora. Non esistono leggi che lo dichiarino reato in quanto tale, dal momento che - è bene ripeterlo - non esiste. Qualcuno ha provato a dimostrare il contrario, ma è stato giustamente umiliato e ridicolizzato in pubblico, non prima che gli fossero bucate le ruote dell'automobile, picchiata la moglie[2], rotta la scrivania, sabotato il pc, vandalizzata Nonciclopedia a suo nome, ecc. Questa assurda invenzione si manifesterebbe attraverso micro-vessazioni[3] singolarmente non imputabili di reato, ma nell'insieme devastanti per la salute mentale di chi le dovesse subire[4]. Ma queste sono solo sciocchezze che alimentano le inutili speranze di quei poveri vittimisti che ne denunciano l'esistenza. Qualcuno oserebbe dire il contrario? No? [...Silenzio...] Bene, bene: siete persone intelligenti che tengono al loro futuro e alla loro carriera... Continuiamo allora... Come dicevo, anche se l'Europa si è espressa in merito alla questione ed ha invitato tutti gli stati membri a fornirsi di strumenti legislativi adeguati, noi Italiani che siamo una Repubblica fondata sul Lavoro, il quale a sua volta, come sapete, si fonda sul principio implicito ed inespresso della libertà di sfruttamento, facciamo giustamente orecchie da mercante.

Alcuni opinionisti disinteressati dicono di questi psicologi e sociologi, autori delle statistiche sulle percentuali dei suicidi legati a questo fantomatico babau chiamato mobbing, che sono sicuramente dei residui del KGB che cercano di destabilizzare il sano squilibrio che c'è fra noi patrizi e voi servi della gleba.

Ossessione da mobbing.jpg

Davanti ad una scena tanto tenera come si fa a pensare che il mobbing possa esistere?


[modifica] Etimologia

Vignetta sul mobbing.jpg

Anche chiedendo fra i lavoratori teoricamente a rischio, il fenomeno risulta essere sconosciuto.

Il termine mobbing fu coniato dallo scienziato krukko Konrad Lorenz, per definire gl'innumerevoli atti di bullismo tra animali della stessa specie, praticati al solo scopo di prendere per il culo[citazione necessaria] la vittima designata. Con l'evoluzione della specie animale[5] il mobbing s'è rilevato essere un ottimo strumento d'aggregazione, per portare all'esasperazione rapaci e predatori. Prendendo ispirazione dal mondo animale, gli esseri umani hanno utilizzato il mobbing come precursore della class action.

"Mobbing" è un gerundio sostantivato inglese derivato da "mob", dall'espressione latina "mobile vulgus", che significa "gentaglia mobile" ossia "una folla grande e disordinata dedita al vandalismo e alle sommosse". Da qui, il significato assunse, presso le classi sociali più elevate, anche una connotazione spregiativa, per cui "mob" era, anche in assenza di azioni violente, equivalente pressappoco all'italiano "plebaglia". Ne deriva quindi che il mobbing è un'esecrabile invenzione della plebaglia rosicona nei confronti dei diritti e dei privilegi intoccabili della santa aristocrazia.

[modifica] Storia

Vignetta satirica sul mobbing.jpg

Forse bisognerebbe domandarselo...

Anche le leggende hanno un fondo di verità. Il termine mobbing è stato preso in prestito dall'etologia[6] Gli animali si divertono a mobbizzare i membri del loro gruppo che, per un motivo o per un altro, vogliono fuori dalle loro "sfere vitali"[7]. Lo psicologo svedese Heinz Leymann, dopo un pomeriggio frustrante passato a perdere alle bocce, per via degli sganassoni che i suoi amici gli elargivano appena si girava a tirare, promise vendetta ed usò questa parola per definire quello che alla fine è solo un piacevole modo per sfogare le proprie frustrazioni esistenziali e ridimensionare le spese delle aziende. Questo secchione ha rischiato così di rovinare un'antica ed appagante fonte di divertimento. Egli avrebbe scoperto che il mobbing fa male e potrebbe condurre anche al suicidio... ma se stessimo a sentire quello che dicono i dottori, ciascuno di noi dovrebbe vivere sotto una campana di vetro, come una statuina di Babbo natale.

[modifica] Parenti

Impiegato che si prostra.jpg

Una sana devozione verso il proprio datore di lavoro è il preludio per una carriera lunga e proficua.

Il mobbing sul lavoro ha un fratello, il mobbing familiare, in cui più o meno accadono le stesse cose, solo che il tutto si consumerebbe fra le accoglienti mura domestiche. Tale pratica è spesso associata alla più comune violenza sulle donne, in quanto l'oggetto di siffatte attenzioni[citazione necessaria] è appunto quell'adorabile creatura che prende il nome di donna.

[modifica] Affinità

Il mobbing non sembra essere il solo tipo di (presunta) persecuzione studiata a tavolino, presente nella mente infetta di certi soggetti troppo complessati: a quanto pare sembrano esistere anche altre pratiche simili ad esso.

C'è ad esempio una cosuccia nota come Gaslighting: trattasi di una simpaticissima pratica che consiste nel mettersi d'accordo per creare falsi ricordi o falsi eventi, in modo da distorcere totalmente o parzialmente la realtà percepita dalla persona che ne è vittima. All'inizio quest'ultima avrà semplici dubbi sulla sua memoria, poi pian piano comincerà a credere di essere stato/a realmente autore/autrice di crimini indicibili e di essere la causa di tutti i mali del mondo, per poi finire col ricevere un biglietto di sola andata per il manicomio[8].

Esiste poi l'ormai leggendario stalking, lo si pratica abitualmente alle nostre "dolci metà" quando sgarrano. La percentuale in base al sesso dei soggetti denunciati è la seguente: 78% maschietti, 22% femminucce, 30% gay e gaie.
ATTENZIONE! Nonostante non esista, da un po' di tempo lo stalking è reato, perciò chi lo pratica si ricordi di non lasciare prove e di non destare il bencheminimo sospetto, si rinnova la prudenza.

[modifica] Voci correlate

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Politicizzata.
  2. ^ O picchiata lei stessa.
  3. ^ Nella fattispecie, bastardate di cui il mobber sarebbe autore.
  4. ^ D'ora in poi la presunta "vittima" sarà definita mobbed.
  5. ^ Ed in seguito, di quella umana.
  6. ^ Gli etologi sarebbero coloro che al Grande Fratello preferiscono guardare quello che fanno gli animali, tuttavia è assai arduo capire dove risiedano le differenze.
  7. ^ Il termine coglioni ci sembrava un po' troppo hard per i contenuti decisamente soft di questa pagina.
  8. ^ Funziona! Provateci con i vostri figli o con altri conviventi noiosi
Strumenti personali
wikia