Michele Schirru

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Mussolini appeso per i piedi a piazzale Loreto.jpg

Michele Schirru avrebbe pagato una cifra per assistere a questo spettacolo.

Quote rosso1.png E noi cadremo in un fulgor di gloria

schiudendo all'avvenir novella via

dal sangue sorgerà la nuova storia

dell'anarchia! Quote rosso2.png

~ Il bello è che ci hanno creduto in tanti.

Michele Schirru (Parto naturale, 19 ottobre 1899 - 2 kg di piombo, 29 maggio 1931) è stato un anarchico dalla tripla cittadinanza: sardo, italiano e statunitense.
Ovviamente, quando parlava non si capiva un cazzo.

È passato alla storia come "quello che voleva uccidere Mussolini". Non deve essere stato l'unico, ma probabilmente è stato uno dei pochi a provarci sul serio. Sicuramente è stato l'unico a farsi sgamare dopo averlo solo pensato.

[modifica] Biografia spicciola

Michele Schirru.jpg

Un'immagine allegra e festosa di Michele Schirru.

Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Michele Schirru

Nacque nel culo cuore della Sardegna, in un paesino talmente minuscolo che perfino i suoi 23 abitanti dubitavano della sua esistenza. Trascorse l'infanzia in un altro paesino lì vicino, un po' più grande e certificato, dove iniziò a prendere confidenza con le principali attività che scandivano la vita dei locali: nulla, nulla e, nel tempo libero, nulla.

Poiché la Sardegna è da sempre un trampolino di lancio verso lidi più accoglienti inesplorati, Michele Schirru si trasferì giovanissimo negli USA. Ottenne[1] ottenne[2] la cittadinanza discutendo una tesi intitolata I like cheddar, but pecorino cheese is better. Si stabilì a New York perché lo skyline gli ricordava i rilievi della Sardegna. Si guadagnava da vivere trafficando banane, vendendo magliette con la scritta I Cuore rosso.png Bosa Marina e prostituendosi con alcune vecchie megere di Manhattan. Risale a quel periodo la sua adesione all'anarchismo. Prese a frequentare la redazione de "L'Adunata dei Refrattari", un periodico per italoamericani presumibilmente anarchici e vestiti d'amianto. I giornalisti si chiedevano chi fosse quel tizio che si sedeva tra di loro e diceva:

Wikiquote.png
«Bisogna uccidere Mussolini!»
ripetendolo in un loop che si concludeva solo quando, conclusa la riunione, lo facevano accomodare fuori a sfondoni nel deretano. Fu in prima fila nelle lotte a sostegno di Sacco e Vanzetti, convinto di portar loro fortuna. Ogni tanto ripeteva, a intervalli regolari:
Wikiquote.png
«Bisogna uccidere Mussolini!»
Andò avanti così fino al 1930, quando qualcuno finalmente gli rispose:
Wikiquote.png
«E vai e uccidilo, 'sto cazzo di Mussolini!»
Wikiquote.png
«Già: perché non ci ho pensato prima?»
(Michele Schirru era sincero: non ci aveva pensato davvero)

[modifica] L'attentato a Mussolini

Michele Schirru con occhiali e baffi disegnati.jpg

Una volta entrato in clandestinità, Michele Schirru provvide a falsificare abilmente la sua carta d'identità.

Schirru tornò in Europa attraverso Parigi, ufficialmente per incontrare altri anarchici esuli dall'Italia, in realtà per concedersi un giretto a Pigalle. Nonostante la difficile atmosfera, dovuta al rischio-sifilide e alle elevate tariffe dei bordelli, Schirru riuscì a presentarsi come inviato de "L'Adunata dei Refrattari", ottenendo un incontro e la fiducia di Emilio Lussu. Schirru lo mise a parte della sua ferma convinzione di uccidere Mussolini, come unica soluzione per liquidare il fascismo. Il 2 gennaio 1931 si avviò verso l'Italia, deciso a realizzare il piano. L'accompagnò al treno lo stesso Lussu:

Schirru : Quote rosso1.png Beh, tu non vieni? Quote rosso2.png
Lussu : Quote rosso1.png E che sono, scemo? Quote rosso2.png
Schirru : Quote rosso1.png Ah, peccato! Quote rosso2.png
Lussu : Quote rosso1.png Allora... ciao! Quote rosso2.png
Schirru : Quote rosso1.png Che ciao e ciao, vaffanculo! A parole tutti anarchia qui, rivoluzione là, libertà su, insurrezione giù... ci sono più fasci tra gli anarchici che tra i fasci stessi e tu sei uno di quelli! Quote rosso2.png
Lussu : Quote rosso1.png Senti, bello, vai a cagare. Spero che a Roma ti arrestino e ti fucilino! Quote rosso2.png

Giunse a Roma la sera di lunedì 12 gennaio, dopo aver fatto su e giù per lo Stivale almeno quattro volte: gli capitò di addormentarsi durante il viaggio e di svegliarsi ora a Reggio Calabria, ora a Milano Lambrate. Scelse come base operativa l'albergo Royal che, secondo le informazioni in suo possesso, doveva avere un'importanza strategica fondamentale rispetto agli itinerari abituali di Mussolini, che vi transitava quattro volte al giorno. Per due settimane studiò attentamente il tragitto attraverso Villa Torlonia, Porta Pia, il Viminale, Via Nazionale e Piazza Venezia, senza incrociare il duce una sola volta. Scoraggiato e velocemente sfiduciato, cercò di distrarsi con una ballerina ungherese di 24 anni, Anna Lucovszky, della quale s'innamorò e dalla quale apprese svariati passi di danza. Stava ormai abbandonando i suoi propositi, quando la sera di martedì 3 febbraio venne arrestato da un maresciallo all'Hotel Colonna, luogo degli incontri con Anna. Durante un normale controllo, lo sbirro gli aveva chiesto:

Wikiquote.png
«Cosa siete venuto a fare a Roma, signor Skirrow
Schirru rispose quasi senza pensarci:
Wikiquote.png
«Il turista. E poi devo uccidere Mussolini!»
Michele Schirru col volto sfigurato.jpg

Schirru dopo il tentato suicidio. Oh, non era Brad Pitt neanche prima...

In commissariato tentò il suicidio con la propria pistola: il proiettile trapassò entrambe le gote e Michele sopravvisse, sfigurato. Fu processato dal Tribunale Speciale Fascista davanti al quale dichiarò il suo odio per il Fascismo e per il Comunismo, mentre si dichiarò indifferente nei confronti del feticismo. Il 28 maggio 1931 fu condannato a morte con i seguenti capi d'accusa:

  • volontà di attentare alla vita di Mussolini;
  • non esserci riuscito;
  • turismo fai-da-te;
  • sesso non protetto con una straniera di razza inferiore;
  • elaborazione di un piano sovversivo troppo stupido anche per il fascismo.

Fu fucilato il giorno seguente da un plotone formato da militi sardi volontari, che avrebbero così ottenuto 15 giorni di licenza-premio. Morì urlando:

Wikiquote.png
«Viva l'anarc... AHIADIOMMERDACHEMMALE!»

[modifica] Collegamento non autorizzato

Michele Schirru raccontato dalla sua fanbase

[modifica] Note

  1. ^ Nel senso che aveva otto anni, non che ricevette.
  2. ^ Nel senso che ricevette, non che aveva otto anni.
Strumenti personali
wikia