Michael Jordan

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Nota disambigua Oops! Forse cercavi Michele Giordano?
Michael Jordan Space Jam

Michael Jordan con i suoi compagni di squadra.

Quote rosso1 Oggi mi ritiro definitivamente dal mondo del basket. Quote rosso2

~ Michael Jordan nel 1993, 1999 e 2003
Quote rosso1 Lo chiamano il mago del parquet... Sarà, ma è stato bravo anche a mettermi le mattonelle di marmo. Quote rosso2

~ Tutti quelli che sfruttano Michele Giordano ora che non gioca più a pallacanestro.


Michael Jeffrey Jordan (il nome "Jeffrey" fu aggiunto dal padre, colto dall'orribile timore che da un tizio chiamato Michele Giordano non ne sarebbe uscito nulla di buono...) detto anche Air per i suoi peti, è stato professore in "Ritirarsiperpoiritornareeritirarsieritonareeritiarasilogia" e giocatore professionista di baseball. Ah, dimenticavo... nel tempo libero non disdegnava giocare a basket.

[modifica] Vita

Albert Einstein

Il nonno di Michael in un atteggiamento tipico del nipote

Michele nacque il 30/02/1955 a Vergate sul Membro, uno sperduto paesino dell'Arcikansas. Suo padre era considerato uno dei più grandi bari nel poker. Peccato che lì nell'Arcikansas nessuno conoscesse il gioco del poker. Sua madre era invece la figlia della cameriera di casa Einstein. Suo fratello spacciava colla tossica e gestiva un piccolo bordello nel proprio quartiere. Michele giocava con il numero 23 perché corrispondeva alla metà del numero preferito da suo fratello,che non era il 46 ma il 45... Michele fu bocciato ben tre volte in matematica... Ad ogni modo, lui giustificava tale scelta dicendo che voleva essere bravo almeno la metà di suo fratello. Dato che suo fratello era una sega, potete ben immaginare quale fosse l'ambizione di Michael.


Da bambino conobbe l'inventore Mac, il quale gli propose alcuni suoi prototipi, che userà per divenire famoso. Durante l'adolescenza ingaggiava avvincenti gare di puzzette con i suoi amici che lasciavano senza fiato gli spettatori presenti. La svolta fu durante il ricevimento per la cresima di suo cugino Little List Jordan. Suo zio Big List Jordan, infatti, lo portò a vedere il campo di basket in parquet della sua villetta abusiva. Era l'habitat ideale per il giovane Michele, che mosse così i primi passi verso il basket enbiei. In seguito, suo zio avviò una fortunata impresa di costruzioni di pavimenti in parquet che avrà successo anche in Italia. A 18 anni esordisce nei campionati regionali di basket con l'Arcikansas, perdendo la partita con il Vermont per 260-5. I dati nella tabella a lato.

Arcikansas2

La tabella del risultato della partita Arcikansas - Vermont

Giordano poi giocò con la Vergatese Fuckers, ottenendo la medaglia d'argento nella prima serie del campionato monosquadra dell'Arcikansas.

[modifica] La sua carriera NBA con i Chicago Bulls

Nel 1984 il presidente dei Bulls, in un raptus di pazzia, ingaggiò Giordano con un contratto ventennale non-recidibile. Fu così che ebbe inizio la grande avventura nella NBA del nostro Michelino. La sua abilità nelle schiacciate divenne proverbiale, ma anche le focacce non gli venivano male. Durante il Super Sboron Slam Dunk Contest riuscì a schiacciare saltando dalla linea del tiro libero. Il merito fu delle scarpette a molla donategli da Mac e delle sue famose puzzette, che durante la fase di decollo gli davano una spinta "extra". In realtà, Michael riusciva a schiacciare anche saltando dalla linea di fondo opposta, ma la quantita di gas che avrebbe dovuto far fuoriuscire dal suo deretano per compiere l'impresa, sarebbe stata tale da far morire per asfissia l'intero pubblico del palazzetto e gli abitanti dei quattro isolati limitrofi. In quel periodo la fama di Air divenne sempre più grande.

In seguito a questi successi e alla vittoria di all'incirca millemila titoli della sua squadra (tra cui ricordiamo il prestigioso Mongolino d'oro e ben quattro ambitissimi Memorial Ciccio Poma), decise che era giunto il momento di ritoccare il suo ingaggio che, fino a quel momento, era di otto pacchetti di patatine, settecento scatole di fagioli, novanta confezioni di ceci secchi, tre scatole di silicone Saratoga (senza la super gnocca però) e centouno profilattici al gusto menta al mese. Inizialmente Jordan chiese un compenso di milleduecentoventitré dollari e novantanove centesimi per ogni puzzetta da lui profusa, ma la società ritenne tale somma troppo onerosa. Dopo lunghe ed estenuanti trattative, i Bulls accettarono di pagare settemilaquattrocento dollari a Michael per ogni suo respiro, ottenendo così un notevole risparmio rispetto al contratto proposto da Michele.

[modifica] Il ritiro

All'apice della sua carriera, Jordan decise di applicare i suoi studi in "Ritirarsiperpoiritornareeritirarsieritonareeritiarasilogia". Una mattina, non avendo un emerito cazzo da fare, decise di ritirarsi. In quel periodo, Michele tornò in Arcikansas a cazzeggiare, scoreggiare, bere e scopare.

[modifica] Il ritorno

Sempre una mattina, fu svegliato dal suono del suo cellulare mentre si trovava in un pozza di fango assieme a quattro puttanelle che aveva rimorchiato durante una delle sue sbronze. Al telefono era Gerry Scottie Pippen (un nome un perché...) che propose a Michael di ritornare a giocare a basket. Michael decise di accettare la proposta di Scottie per il semplice fatto che si era rotto i coglioni dell'Arcikansas...

[modifica] Il ritiro 2

Dopo aver vinto settrenta premi e targhe, Jordan decise che era giunto il momento di ritirarsi, ma a nessuno fregò nulla...

[modifica] Il ritorno 2

Tre giorni dopo, infatti, Michael convocò una nuova conferenza stampa in cui comunicò il suo ritorno alle competizioni con i Maghi di Washington dei quali, nel frattempo, era diventato proprietario in seguito a una partita di bridge.

[modifica] Il ritiro 3

Ma anche per Michele gli anni passavano. Le sue puzzette non erano più forti e prestanti come un tempo. Guardandosi allo specchio mentre si lavava i denti gli venne un'idea illuminante: "E se mi ritirassi???" Convocata una nuova conferenza stampa, Michael annunciò il nuovo ritiro. I giornalisti non dovettero scrivere nulla, dato che già dal giorno del suo ritorno avevano preparato il pezzo per quando si sarebbe nuovamente ritirato... In seguito divenne il presidente dei Gatti Bob di Carlotta, una delle squadre più merdose della storia della NBA.

[modifica] La carriera cinematografica

La Warner Bros gli propose di girare il film Marmellata Spaziale. Michael pensò: "Se ho giocato contro Larry Uccello, perché non dovrei fare un film con Bugs Coniglio e Duffy Papero?" e accettò la proposta. Il film fu un successo, ma furono censurate una trentina di scene in cui Michele si esibiva scoreggiando nel paese dei Looney Tunes.

Durante le riprese, Michael imparò ad allungare il suo corpo a piacimento, per la grande gioia della sua mogliettina.

[modifica] La Nike

La Nike approfittò di Michele per creare la nuova serie di scarpe, la Nike Air(acerrime nemiche delle Geox), note per la loro facilità a puzzare. Infatti erano create con uno strato interno di panni ben inumiditi, mentre all'esterno uno strato di pelle animale impediva l'evaporazione. Sappiamo che Clemente Mastella vinse il premio come scarpa più asfissiante dell'Universo proprio con le Nike Air.



Strumenti personali
Altre lingue
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo