Mauro Zárate

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Moratti zio Sam.jpg
MORATTI WANTS YOU!
Ehi tu! Sei un calciatore mediocre e non hai mai giocato nell'Inter?
Massimo Moratti ha scrutato in te il talento per diventare un fenomeno e ti ha acquistato per la modica cifra di 20 milioni!
Sei atteso domattina ad Appiano Gentile per gli allenamenti.
Zarate4.jpg

Zarate coinvolto in un'orgia con i compagni di squadra

Quote rosso1.png Zarate non è un campione Quote rosso2.png

~ Totti su Zarate.
Quote rosso1.png Zarate è meglio di Messi Quote rosso2.png

~ Delio Rossi su Zarate.
Quote rosso1.png Allora Messi è una sega! Quote rosso2.png

~ Raggionamento di qualche "attento" giornalista sentita la dichiarazione di Totti e il paragone di Delio rossi.
Quote rosso1.png Nei rigori non bisogna centrà il portiere...ma la porta sì! Quote rosso2.png

~ Tifosi laziali incazzati dopo l'errore dal dischetto di Tommaso Rocchi contro il Cagliari.
Quote rosso1.png Tu invece l'hai centrato! Quote rosso2.png

~ Tifosi laziali ultraincazzati dopo l'errore dal dischetto di Zarate sempre contro il Cagliari.
Quote rosso1.png Oh!Maurito!Maurito! Quote rosso2.png

~ Guido De Angelis che si fa una gran pippona guardando per la centesima volta la punizione di Zarate contro il Siena.
Quote rosso1.png Il tempo passa e tu non passi mai! Quote rosso2.png

~ Negramaro su Zarate
Quote rosso1.png In partenza per Roma a fare il pastore di Formello per un anno Quote rosso2.png

~ Mauro Zarate su Twitter (citazione vera)


Màùrò Màtìàs Zàràté, per gli amici semplicemente Zappate (per evitare accenti inutili e soprannomi da frocetto come "Maurito"), è un esperto solista (cioè una sola vera e propria), beccapalista e sbagliarigorista della Lazio, bravo anche nell'organizzare orge fra uomini.

[modifica] Biografia

Josè luis zarate.jpg

Zappate quando venne scambiato per un barboncino

Non si sa ancora nulla riguardo ai veri genitori di Zappate, ma quel che è sicuro è che gli volevano molto bene. Infatti l'hanno abbandonato in una cesta (con scritto il suo nome, forse con qualche accento di troppo) lungo uno dei fiumi più belli di Buenos Aires, Rio de la Plata e non lungo un canale come è successo al "Pinguino" di Batman.

Allevato da un chihuahua randagio che trovò quella cesta credendo ci fossero dei biscotti per cane dentro, il piccolo Zappate comincia a crescere sempre più sano e grazioso come un porcellino d' india, ma altrettanto fragile, difetto che lo faceva star male dato che non poteva nemmeno essere coccolato dal "padre", a cui voleva molto bene.

Ma,nella vita c'è sempre il momento in cui un ragazzo abbandona i genitori e va a vivere da solo. E infatti a 18 anni Zappate, scambiato per un barboncino, viene preso dall' "Acchiappacani" e portato in un canile, dove restò per tre anni, costretto a mangiare provolole affumicate controvoglia.

Lotirchio, presidente della Lazie, avendo bisogno di un nuovo attaccante per la sua squadra che non costasse una lira, andò a cercare qualche giocatore proprio in quel canile e fece questa proposta a Zappate, che stufo di mangiare quella schifezza, accettò e venne preso in squadra all' età di 21 anni.

Zappate conquistò subito il cuore dei tifosi (come Guido de Angelis che se innamorò) che per farlo sentire leader del gruppo gli diedero questo soprannome. Essendo abituato come un cane, amava giocare a pallone e dato che era fatto di pasta frolla, come abbiamo già detto, correva come un matto per evitare i contatti con altri giocatori e spesso regalava al publico dribling incredibili. Tutti erano pazzi di lui, tanto che a Formello venne fatto uno slogan con il suo nome: "Z-ARATE I CAMPI!".


Mauro zarate-hot.jpeg

Zarate archetipo della virilità laziale


Purtroppo però aveva ancora il suo istinto animalesco che lo fregava e spesso veniva trovato a fare mega-orgie con i compagni di squadra, cosa che a Delio Rossi (allora allenatore del Lazie) non piaceva affatto, tanto che chiese addirittura a Lotirchio di cacciarlo via, il quale rispose con un NO secco.


Come anche i muri sanno, a Lotirchio piace risparmiare e con Zappate risparmiava sicuro: costava 1,5 croccantini al mese,non chiedeva aumenti di stipendio perché abituato a peggio e poi ormai faceva parte della famiglia dei "morti di fame".

Non giocò mai nella nazionale argentina, dato che all'interno della squadra c'era un pidocchio e siccome i pidocchi danno fastidio ai cani, per farlo rimanere tranquillo l'allenatore non ce lo portò quando venne chiamato.

[modifica] Il noioso passaggio alla squadra dei prescritti

Nell'estate del 2011 Massimo Moratti, lo scopritalenti, vede in lui la possibilità di rinascita della sua pseudo-squadra. Lo ingaggia in prestito con un contratto ad assist; per questo a fine stagione non riceve un euro ed è costretto a ritornare a pascolare a Formello.

[modifica] Premiazioni

  • Miglior amico dell' uomo
  • Zappa d'oro (premiazione annuale dei contadini che si tiene sempre a Formello)
  • Guinnes World Record come unico cane ad aver indossato una maglia da calcio
  • Miglior marcatore annuale (del territorio)
  • Miglior uomo assist della storia del calcio
  • Premio generosità

[modifica] Curiosità

  • Alla fine è riuscito a trovare suo fratello, contattando la Friskies, ma questa è un'altra storia...
  • Ha trovato una bastardina che fa per lui
  • Ama giocare a calcio in campagna
  • È molto amico di Ronaldinho, perché hanno tanto in comune
  • Non tocca l'acqua da quell'ultima volta al fiume Rio de la Plata
Strumenti personali
wikia