Mamma Roma

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...


Logo Portale Pasolini.png
FILM DI CUL...TO

Qualcuno ha definito questa pellicola "capolavoro inarrivabile".
Qualcun altro ha pensato che fosse "spazzatura intollerabile".
È il momento di agire! Rendi il Cinema migliore: accoppa un critico!

Logo Portale Pasolini.png


Mamma Roma
Film Mamma Roma locandina.jpg
La mamma è sempre la mamma.
Paese: Italia
Regista: Pier Pablo Pisolini
Casa produttrice: Quadraro Production™
Sceneggiatura: Pier Paolo Facciotuttoio
Anno: 1962
Genere: Dramma de fòri porta
Colore: Se paga a parte
Suono: Se te stai zitto
Interpreti e personaggi
Anna Magnani (Roma Garofolo), Ettore Garofolo (Ettore Garofolo[1]), Franco Citti (Carmine), Silvana Corsini (Bruna)
Quote rosso1.png Nei primi anni sessanta, a causa dell'inquinamento, sono cominciate a scomparire le lucciole. Sono ora un ricordo, abbastanza straziante, del passato! Quote rosso2.png

~ Pier Paolo Pasolini che sorprendentemente rimpiange le mignotte.
Quote rosso1.png Verrà un giorno in cui, magari per colpa di una malattia misteriosa, inizieranno a morire le vacche. Io temo quel giorno. Io lo aspetto! Quote rosso2.png

~ Pier Paolo Pasolini che si diverte a confonderci.

Mamma Roma (1962) è il secondo film diretto da Pier Paolo Pasolini, stavolta utilizzando qualche attore vero. La prostituta Roma Garofolo è interpretata dalla fuoriclasse Anna Magnani, che da sola incassa il 90% della cifra destinata agli attori prevista nel budget. La scelta del cognome del personaggio è praticamente obbligatoria, la parte del figlio è affidata all'aspirante vice sotto aiuto attore Ettore Garofolo, un ominide con un QI pari a 21, lo stesso dei piccioni. Il tizio prova senza successo a ricordare un nome diverso dal suo per le prime due settimane di lavorazione, alla fine Pasolini getta la spugna e cambia nome ai personaggi.
Roma Garofolo è una prostituta che cerca di elevare la propria condizione sociale, è infatti stufa di lavorare sulla Tiburtina e vorrebbe provare il cavalcavia della bretella.
Il regista esalta l'amore di Mamma Roma per suo figlio, sottolineando con le due figure quello che ha la città per i suoi abitanti: quelli che vivono in quartieri periferici, senza alcun servizio, alla mercé della malavita, poveri in canna e malati. Cose assolutamente positive secondo la logica pasoliniana, perché è solo in un contesto nefasto che l'uomo può assurgere alla cupa disperazione.
I personaggi sono come sempre grotteschi, soffrono con grande dignità e sorridono alle proprie disgrazie.

Mamma Roma : Quote rosso1.png Allora j'ho detto che era un fallito, perché io nun c'ho peli sulla lingua! Quote rosso2.png
Collega prostituta : Quote rosso1.png A me invece ogni tanto me succede de avecceli! Quote rosso2.png
Mamma Roma : Quote rosso1.png Certo che sei cretina forte! Scommetto che nun sai nemmeno che d'è lo sperma! Quote rosso2.png
Collega prostituta : Quote rosso1.png Aspetta nun me lo di', ce l'ho sulla punta della lingua! Quote rosso2.png
Mamma Roma : Quote rosso1.png Sei talmente troia che c'hai le mani come i pupazzi della Lego. Quote rosso2.png
Collega prostituta : Quote rosso1.png Ha parlato Madre Teresa di Calcutta! Quote rosso2.png
Mamma Roma : Quote rosso1.png Guarda che io a confronto a te so' Santa davero. Quote rosso2.png
Collega prostituta : Quote rosso1.png Sì, Santa Pompa da Boccalone! Quote rosso2.png

[modifica] Trama illustrata

[modifica] Produzione

Pasolini indica.jpg

Il regista sguinzaglia i cani contro due attori altrettanto cani.

Quote rosso1.png Nun me levà nemmeno 'na ruga, sapessi quanto me so' costate! Quote rosso2.png

~ Anna Magnani al suo truccatore.

L'idea che Anna Magnani potesse accettare la parte era il sogno proibito del regista, oltre a quello di naufragare su un isola assieme alla nazionale di calcio del Marocco. L'attrice poteva vantare un discreto numero di riconoscimenti, tra i quali: un Oscar, cinque Nastri d'argento, due Golden globe, un BAFTA, due David e un Orso d'argento. Aveva vinto anche una porchetta intera alla sagra di Ariccia, ma tendeva a non farlo pesare più di tanto, non era certo una che se la tirava. Entrambi rimasero però insoddisfatti dal risultato ottenuto. La reciproca stima non venne mai meno, ma non perdevano occasione per "beccarsi" a vicenda, seppur con signorile eleganza.

Pasolini : Quote rosso1.png Ti sei imborghesita, non sei più la genuina borgatara[3] di una volta! Quote rosso2.png
Magnani : Quote rosso1.png A bbello de casa! Guarda che me ricordo almeno ducento modi pe' mannatte affanculo! Quote rosso2.png

Anche in questo film, come nel precedente Accattone, Pasolini utilizzò una colonna sonora con musica barocca. In questo modo otteneva due scopi:

  1. veniva a crearsi un sorprendente contrasto tra i movimenti "andanti con brio" e la staticità di alcune inquadrature;
  2. la SIAE si attaccava al cazzo per i diritti d'autore.

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse vuoi veder crescere le margherite dalla parte delle radici?

  • Franco Citti, per interpretare al meglio la parte del pappone, ha gestito una scuderia di nigeriane per sei mesi. In seguito, per girare le scene, si recava ogni giorno dalla sua villa ai Parioli fino a Casal Bertone, in Bentley.
  • Le prostitute inquadrate in alcune scene sono vere, anche i clienti.
  • Flavia Vento afferma di aver visto il film e di averlo capito profondamente.

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ no, non è uno scherzo
  2. ^ in riferimento ai cipressi del cimitero Verano
  3. ^ abitante di una borgata periferica, solitamente ignorante come una bestemmia in chiesa

[modifica] Voci correlate

Pasolinate logo.jpg
Strumenti personali
wikia