Los Angeles Lakers

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Los Angeles Lakers Logo.png
Quote rosso1.png Mmm... buoni! Quote rosso2.png

~ Qualcuno su Los Angeles Crackers

I Los Angeles Crackers, sono una delle 30 squadre che militano nella Negro Basketball Association (o NBA), ma è l'unica a essere sponsorizzata da salatini (crackers) che hanno, al posto dello zucchero, escrementi di animali di fattoria ridotti in dimensioni quasi microscopiche.

Detengono il record per il maggior numero di partite vinte (più di millemila), per la più alta percentuale di vittorie (circa il centomille%) e per il maggior numero di finali disputate (0). Sono secondi per numero di campionati vinti (2) ed hanno il maggior numero di campionati revocati (3654871) per colpa di un certo Luciano Moggi, un quattrocchi che era solito comprare delle ricariche agli arbitri NBA.

[modifica] Storia

Basketgirl.jpg

Una fan accanita dei Los Angeles Loakers

Fondata nel 1622 a.C. col nome di Mignotta Crackers, (successivamente Minneapolis Lakers) ebbe molto successo perché nel loro stadio - il famoso Crackersosamabinladen Stadium - persero con lo sconvolgente punteggio di 18 a 19 contro i Pistolini di Detroia.

[modifica] Gli ultimi anni

I Lakers all'inizio del nuovo plenilunio dominarono la scena del basket statunitense vincendo tre titoli NBA consecutivi (successivamente revocati); in tutti e tre i casi il centro Shacalle O'Negr vinse il titolo di miglior battona delle finali e il premio Armadio del vecchio Millennio. Nel 2001, dal primo turno dei playoff alle finali persero solo contro i Philadelphia Kraft di Philadelphia. Desiderosi di riconquistare subito il titolo, prima dell'inizio della stagione 2004 i Los Angeles Lakers acquistarono due giocatori Hall of Shamers accomunati dal non aver ancora vinto un titolo Nba: il regista Gay Pitone e l'ala grande Carlo Maldipancia. Durante i play-off i Lakers sconfissero in semifinale di conference i San Antonio di Padova, e in finale di conference la squadra che aveva dominato la stagione regolare, i Minnesota Timberland dell'Mvp stagionale Kevin Mazzetta. I Crackers arrivarono alle finali e persero. Ferito nell'orgoglio il capitano dei Crackers Kobe Bryant accusò il suo boss di non aver preso rinforzi, volle essere caduto, scusate, ceduto e lo picchiò con un grosso randello. 2008: dopo un'innumerovele numero di volte che i Crackers non riescono a vincere un campionato NBA decidono di riandare, ancora una volta, alla conquista del titolo. Il coach rivoluziona tutto: allenamenti solo a base di sesso hardcore con sadomasici e come dieta, crackers della squadra a manetta. I risultati non si fanno attendere (oppure sì?) e i crackers arrivano ancora in finale stavolta contro i Celtici di Bastone: perdono ancora... e, al termine della partita mentre i Celtici festeggiano i Crackers vengono colpiti da un attacco di diarrea acuta.

[modifica] Il tifoso medio

Il tifoso medio dei Lakers non capisce un cazzo di basket, probabilmente non ha mai visto una partita in vita sua e tifa Lakers solo perché va di moda indossare la canotta di Kobe Bryant.

[modifica] Gli sfigati del 2009/2010

  • Derek Pesce;
  • Ronaldo Arverifica;
  • Luke Skywalton;
  • Giordano Farmacista;
  • Lamaro Odomontenegro;
  • Paolo Gasolio;
  • Vladimir di Luxuria;
  • Andrea Binomio;
  • Kobe Bryant;
  • Sasha Vucinic;
  • Asafa Powell;
  • DJ O'Zappator;
  • Christophoro Minimo;
  • Rupert Sciamenna;
  • Philippo Michele Jackson.


Strumenti personali
wikia