Lorena Bianchetti

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Famiglia Griffin che vomita.jpg
Cioè cioè ... questo articolo fa cagare a spruzzo!

Momento momento momento momento momento ...
Questo articolo parla di fatti, avvenimenti o personaggi della televisione ma è uno stub.
Modifica la pagina per migliorarlo.

P.S.: Se vuoi conoscere gli altri stub relativi alla televisione, vai qui.

Lorena Bianchetti1.jpg

Lorena Bianchetti regge un fazzoletto sporco di moccio del suo direttore Mauro Mazza.

Lorena Bianchetti (Città del Vaticano, 14 gennaio 1968) è una conduttrice televisiva, cagnolina scodinzolante e suora italiana. Ha rappresentato negli ultimi anni presso il grande pubblico il volto-immagine della comunicazione religiosa della RAI.

[modifica] Carriera

Si è laureata in lingue e rapporti orali presso l'Università La Cattolica, con il voto di 110/110 e lode e bacio accademico con la lingua.

È nota al grande pubblico per aver condotto dal 25 dicembre 1999 al 2005, su Raiuno, il programma A sua immagine, rubrica di approfondimento religioso realizzato con la collaborazione della Conferenza Episcopale Italiana e dei soldi dei contribuenti italiani. Il programma, per cui ha svolto anche l'incarico di autrice dei testi, è stato insignito del "Goldone d'oro" e lei stessa ha vinto il premio "Imodium", riservato al conduttore che più di ogni altro provoca attacchi di colite spastica.

È stata inviata speciale durante vari eventi legati al Giubileo del 2000, come il Giubileo dei bambini, il Giubileo delle università, il Giubileo dei governanti e dei parlamentari, il Giubileo dei palazzinari, quello degli uomini d'affari e quello degli uomini d'onore.

Inoltre, ha presentato varie edizioni della Giornata mondiale della gioventù, essendo l'unica persona in grado di stare in mezzo a migliaia di papaboy ingrifati senza essere tentata di prenderli a schiaffi.

Tanta devozione ha pagato (in tutti i sensi), e dal 1º ottobre 2006 ha affiancato Pippo Baudo e Massimo Giletti alla conduzione di Domenica In, grazie a una dispensa del Vaticano che le permette di saltare la Santa Messa domenicale.

Dal 2010 finalmente capisce cosa deve fare per avere successo in televisione. Conducendo la rubrica "Dillo a Lorena" all'interno del programma Pomeriggio sul 2 segue i consigli dei dirigenti Rai per tenere altri gli ascolti: mostrare le cosce. Andando così contro i suoi principi clericali, ogni giorno per 10 minuti è costretta a mostrare forzatamente le cosce e facendo a gara con Caterina Balivo a chi riesce a eccitare di più il direttore della rete Massimo Liofredi.

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

  • In una puntata di Domenica In la Bianchetti annuncia Ornella Vanoni, che col viso in evidente fase di restauro si è presentata al pubblico dicendo che ha aspettato molto dietro le quinte prima di essere chiamata. La Bianchetti inspiegabilmente la prende pure per il culo e la Vanoni se ne accorge: ormai avrà pure la pelle di cartapesta ma il cervello le funziona ancora. Quello della Bianchetti invece al momento dell'incidente non è pervenuto.


Original video


  • In un'altra puntata di Domenica In andata in onda nel mese di aprile 2009 Lorena Bianchetti ha rimproverato il mago Silvan, che nel corso di un gioco di prestigio ha nominato il nome di Silvio invano, ed ha pregato in diretta affinché il peccatore venisse perdonato. Dopo una tale apertura di vedute (di circa 90 gradi) si è guadagnata gli epiteti di Lorena Sbianchetti e Linguetta Bianchetti.


Original video


  • Nella puntata di Canzoni e sfide andata in onda nel dicembre 2010 Lorena Bianchetti invita a chiudere la trasmissione una bambina presentata come Mary Marino. Alla fine dell'esibizione la Bianchetti le si avvicina e le dice: "Ti va di fare una sorpresa a papà?". E lì, in prima fila, ecco Gaetano McKay Marino che dà un bacio alla figlia.


Original video
Strumenti personali
wikia