Lollipop

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Nota disambigua.svg Oops! Forse cercavi Il pupazzo sì Chuck, ma non Texas Ranger?
Mondine.jpg

Le Lollipopp in una foto all'apice del successo.

Quote rosso1.png I'm going down down down... Quote rosso2.png

~ Una Lollipopp dopo aver tirato lo sciacquone
Quote rosso1.png Fermeremo il tempo! Quote rosso2.png

~ Lollipopp annunciano di avere poteri magici
Quote rosso1.png Minkia le Tokio Motel! Quote rosso2.png

~ Bimbaminkia su Lollipopp


Le Lollipop furono in tempi antichi un gruppo di cinque caramellaie uruguaiane concepite da una mente pazzoide durante un programma di esperimenti sugli animali. In realtà dovevano essere sei, ma una di loro morì prima della registrazione del loro primo singolo in seguito a un attacco di dissenteria dovuto alla lettura del testo da cantare.

[modifica] La de-formazione

Nel lontano 2000 gli schermi televisivi italiani ebbero la sfortuna di ospitare un programma di merda, chiamato PornoStars che aveva l'obiettivo di formare un gruppo di scalmanate attrici porno amatoriali con tanto di mascherina tra i 15 e i 65 anni scelte a caso tra truzze, bimbeminkia, transessuali e deputate. In giuria Rocco Siffredi, Grande Puffo e Alessandra Mussolini.

In realtà dietro l'apparente minchiata si nascondeva qualcosa di ben più losco, un esperimento di stampo nazista che avrebbe portato alla fine del mondo. Parola di Mignolo col prof.

[modifica] Le Lollipopp

Le cinque inutili donne scelte furono cinque inutili donne.

  • Norberta aka Obi-Wan Kenobi
  • Veronicaz aka Verruca
  • Marcellina pane e vino aka Mela marcia
  • Merta aka Ce Lò
  • Domiminkj aka Donna barbuta sempre piaciuta

[modifica] PornoStars

Il primo singolo, dal titolo Siamo down down down, fu presentato alla Sagra della Porchetta di Datriesteingiù. La "canzone" era cantata in dialetto sardo e alfabeto Morse, ed era scritta da un'autrice emergente di una casa discografica fallita a causa sua. Si trattava di un brano pop-corn-porn-vomit, sullo stile della musica di Mariano Apicella e Leone Di Lernia, e ottenne un successo straordinario: vendette 100 mila copie (50 effettivamente comprate da fidanzati vari sotto minaccia delle ragazze, e più di 90 mila comprate dalla casa discografica per far sembrare vero il tutto). Assieme al brano, subito al primo posto nell'airplay radiofonico di Radio Scamazza, venne presentato il videoclip - spesso confuso con il video porno di Paris Hilton. Il filmato, di 1 minuto circa, ripreso da un telefonino, ritraeva la sensuale "coreografia" delle cinque, e fu girato in un privè di Milano.

Lollipopplive.jpg

Le Lollipopp presentano il loro primo singolo alla finale di PornoStars

Poco tempo dopo uscì il primo album, intitolato pornograficamente PornoStars, in omaggio alla trasmissione. Conteneva 11 tracce scritte da Gigi D'Agostino, Loredana Lecciso e Wladi, più una bustina bianca sospetta in omaggio nella delacs edition.

Il secondo singolo estratto dall'album, Quant' lividi hai?, fu accompagnato da un altro video amatoriale, non autorizzato dalle cinque, girato in un bordello in Repubblica Ceca e raggiunse la 201# posizione della Top 200 cambogiana.

Durante l'estate 2001 le Lollipopp girarono tutto il Molise e la Valle d'Aosta con un tour dove proposero eccezionalmente in playback le canzoni del cd PornoStars e una versione mimata del brano Cazzo mi credo d'essere? di Anna Tatangelo.

Il terzo singolo estratto dall'album fu Uè li ragni, una ballata frenetica accompagnata da un ulteriore video amatoriale a luci rosse girato a Roccaraso con l'aiuto delle ragazze di Non è la Rai e pensata per il mercato discografico della festa dei morti. Il video del singolo fu il primo (e l'ultimo) a essere trasmesso da MerdTV

[modifica] Successo internazionale

Contemporaneamente all'Italia, il gruppo ha pubblicato il cd in Moldavia e Lettonia.

[modifica] Batte forte

Le Lollipopp parteciparono al Festival delle Scacazze nella categoria Bignè e cantarono un pezzo in itaGliano dal titolo Batte forte, per omaggiare la passione principale delle cinque ragazze. Il brano fu subito stroncato dalla critica, a causa dell'esibizione dal vivo molto "deludente" del gruppo; ricordiamo l'utilizzo di un vibratore da parte di Norberta, il bacio saffico tra Merta e Domiminkj e la masturbazione col microfono di Marcellina pane e vino. Il singolo ebbe un discreto successo sulle bancarelle dei vu cumprà di Foggia e provincia e una versione house del brano divenne una hit riempipista nelle discoteche gay e truzze. Inoltre le ragazze registrarono un altra versione del brano per l'estate, esclusivamente ruttando.

Nel frattempo la casa discografica poi fallita decise di pubblicare di nuovo l'album PornoStars, chiamandolo però PornoStars Remigi, contenente tutti i brani del precedente album cantati da Memo Remigi più Batte forte (Rutt version). L'album non vendette nemmeno una copia.

Le Lollipopp girarono nuovamente tutti i locali di strip del Molise e della Valle d'Aosta (e due date in Basilicata) con il PornoStars Tortur 2002. Tuttavia iniziarono a nascere degli screzi tra le cinque (famosa la litigata in diretta tv a Porno e Porno in cui Norberta picchiò Domiminkj urlando: Mio nonnoooo, mio nonnooooo. Fascista! Comunista! con conclusivo rutto di Marcellina pane e vino).

[modifica] Tu che ter e lo scioglimento

Transessuali seduti.jpg

Domiminkj, Marcellina e Norberta durante un'intervista riguardo il terzo album Tu che ter

Ad inizio 2003 esce Credi a me (E a quanti ne tieni), brano scelto da Silvio Berlusconi come colonna sonora per la sua campagna elettorale. Tutte le copie del singolo pubblicate (3) furono bruciate in piazza dai comunisti assieme alla bandiera d'Israele. E che cribbio!

Un anno dopo le ragazze tornarono in scena con un nuovo look e un nuovo album Tu che ter, lanciato (proprio lanciato materialmente nello spazio) dal singolo Drama of loff, brano composto da ultrasuoni non udibili dall'orecchio umano. Le 10 canzoni della raccolta erano cantate tutte in inglese maccheronico, tranne una in napoletano. Nessuno cagò l'album al che le sgallettate capirono che forse era meglio lasciar perdere con la musica e tornare a fare le marchette a tempo pieno.

[modifica] Il dopo-Lollipopp

Dalla fine del gruppo ogni membro (ebbene sì, erano tutti uomini) ha lavorato in altri campi dello spettacolo e non.

Norberta (Gaetano), la leader carismatica del gruppo (famosa per la frase C'è ti prego. Ecco sì, proprio quella), ha condotto il programma di LA7 Markette.

Veronicaz (Ernesto) è attualmente ricercata per rapina a mano armata. Pare sia in un bunker in Iraq.

Marcellina (Willi) pane e vino, la più giovane, ha lasciato l'Italia e ora coltiva oppio in Pakistan.

Merta (Aldo) dopo anni di silenzio ha deciso di seguire le orme del cugino di terzo grado Gabriele Paolini e oggi la si vede in tutti i tg. Ha avuto una relazione con Emilio Fede.

Domiminkj (Nino) ha spopolato in Francia come l'anti-Monica Bellucci grazie al film Mignotta godereccia.

[modifica] Reunion

Per il 2313 o giù di lì è stata prevista una reunion delle Lollipopp, che per ragioni di copyright violato non potranno più utilizzare il loro precedente nome. E' stato dunque annunciato che il quintetto assumerà il nome di Le Diversamente Intonate.

[modifica] Album

  • Pornostars
  • Pornostars Remigi
  • Tu che ter

[modifica] Singoli

  • Siamo down down down
  • Quant' lividi hai?
  • Uè li ragni
  • Batte forte
  • Credi a me (E a quanti ne tieni)
  • Drama of loff
Strumenti personali
wikia