Lingua veneta

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Papamosconi2
"Cossa che cazzo ghe qua soto!!"


Papa Germano Primo ha personalmente benedetto (a suo modo) questa voce.
Alleluia! Alleluia! Alleluia!

Lengua vènetaLingua veneta

Bandiera italiana con papocchio
Par tuti i terùn, l'articolo in taliàn
Bandiera italiana con papocchio
Quote rosso1 Cossa? Ah no, mi no parlo mia diaeto... Quote rosso2

~ Veneto su italiano.
Quote rosso1 Dio stracan! Quote rosso2

~ Veneto su virgola.
Quote rosso1 Dio impestà! Quote rosso2

~ Veneto su afermasion.
Quote rosso1 Dio scampà pai campi! Quote rosso2

~ Veneto su stupore.
Quote rosso1 Chea putana dea Madona. Quote rosso2

~ Veneto su desmentegansa.
Quote rosso1 Passame chel porco dio! Quote rosso2

~ Veneto domanda gentilmente che ghe sia passà na roba.
Vompo-Demente

El tipico idioma veneto.

La lingua veneta la xe un idioma nato a forsa de polenta e spris nele pianure e nele montagne dela Toscana. Purtropo però i toscani i gavevano già la loro lingua, perciò le tribù che parlavano cuesta lingua i ga dovuto fugire in Veneto, dove al posto dele coline e dei casali nela campagna gh'era solo paludi, zanzare e letamari.

La lingua veneta la xe stà nel corso deli ani portada ala ribalta da grandi poeti del calibro de Germano Mosconi e cantori quali gli ensemble Landini fusion Radio S.b.o.r.o. e Catarrhal Noise, autori de capolavori come Fame un bochin e Me so cagà dosso.

[modifica] Storia

La lingua veneta la nasse da l'incontro al ostaria de Bepi del latino e de n'antica lingua locae ciamà venetico. Dopo una notte di bisbocce el venetico se ga catà incinto e del latino no ghe gera più tracia, essendo diventà na lingua morta dopo essere finio col carro in un fosso da inbriago chel gera. La lingua madre decide quindi de alevare il putèo dandoghe il nome de veneto e esaurendo così la sua riserva di originalità.

Stemma del capodanno veneto

El Veneto xe senpre stà verto ai récioni.

El toso xe cressiuto beo e forte, coi cavei biondi e rici e ga viagià in lungo e in largo par el mar Mediterraneo portà dale navi dei venesiani, anche se questi ultimi non ameterano mai di parlare lengua vèneta.
Durante el doxento la lengua ga avudo una vivace difusion anche grassie all'opera di un poeta locale, tale Giacomin da Verona, un tipo noto ale cronache grassie a l'opera "Tuti i leterati de lo Veneto" di Giacomone da Forlì dove viene deriso per la sua bassa statura. Giacomin l'era un poeta rinomato e ga scrito robe inportanti tipo "De Jerusalem celesti", "De Babilonia civitate infernali" e "Me compare Giacometo", che son studiae ne le scole ancòra 'desso, e se no lo son xe na ingiustissia. Se studiano le robete de un toscàn sensa arte né parte e se desmentega la poesia vèneta? El xe raxismo sto qua, ghe sboro.

El altro grando poeta veneto xe el Goldoni che l'era vivo nel '700 e al quale se deve la comedia teatrale in dialeto anche se spesso el dialeto xe limità ai personagi del popolo, dimostrasiòn che Goldoni nol xera solo un mona, ma el xera pure clasista, ciò.

Quando quel schifoso can impestà de Napoleon passò Venessia a li austriaci in canbio del Belgio ala Francia la lengua vèneta fu abatuta da li austriaci par impore la lengua loro. Ma el campagnol veneto no xera bon a parlare el germanico par via de una particolare malformasion de la gola che colpise i veneti e permete a loro de parlare la loro lengua e l'altre no. Questa malformasion qua xe la ragion par cui solo i veneti li pol parlar el veneto.

Nei ùltimi ani la regiòn del Veneto, par el momento parte de lo stato opresòr de la Italia, ga ciapà inisiative par tutelar la lengua vèneta. Par exempio la inseminassion de le done venete co el seme de li omeni veneti purosangue, sansa contaminasiòni de li altri popoli; che no disemo mìca che sono meno boni de noaltri ma sarìa mejo che rimanesero al paese loro se no li vol prender una fusilata nel cul, dio boia.

[modifica] Le varianti de la Lengua vèneta

Par tuto el Veneto ghe xe una granda diferensa seconda de la xona e la lengua no la xe considerata un tuto unico ma un grupo de expresioni usate par comunicar tra li bifolchi chel vive in quea zona là.

[modifica] El Venesian

Quote rosso1 Da Mestre al Portogalo la xe tuta campagna! Quote rosso2

~ Venesian su modestia.

El venesian xe la lengua che parla li venesiani. Xe diferente parché l'è parlata tenendo el mento alto e dispressando la parsona che se ga avanti, metendoci un ghe sboro qua e là.

[modifica] El Padovan

Manifestazione Veneto nazione

Una manifestassiòn par chieder gentilmente a l'Italia de levarsi dai maroni.

El padovan xe la lengua che ghe parlan chei bifolchi chel vive a Padova. La carateristica prinsipal xe la presensa de massa A e E butate rentro al posto dea L e prolungae, come el verso de un musso. Questa roba qua no ga da stupire parché el padovano magna el musso a marenda, a pranso e a zena.

[modifica] El Veronese

El veronese xe la lengua che ghe parlan chei bifolchi che i vive a Verona. Xe una lengua de mati che no se capisse gnente, ma gnente gnente che se uno riva a Verona e el prova a parlar coi nativi el finise al manicomio, se no i lo bastona prima.

[modifica] El Visentin

Magna gati.

[modifica] El Rovigoto

Xe melio no intrigarse co Rovigo, che tanto nisuno i ga mai visti chei bifolchi lì, visto che i xe senpre in mexo ala nebia.

[modifica] El Trevisan

Quote rosso1 Trevisan? Ga da esser calcossa che se magna, visto che i xe senpre co la sapa in man. Quote rosso2

~ Veneziano sul dialeto de Treviso.

Treviso gnanca compare dentro la filastroca, dio can, cossa vuto saver de 'sta landa infame e desolata?

[modifica] El Belumàt

Belun, poro belun, ti xe proprio de nisun.

[modifica] El Ciosoto

El ciosoto ghe somelia un poco al venesian, solo che par parlarlo ben bisogna pronunciar le parole faxendo finta de cantar soto la docia, metersi indosso abiti tamarri e saver odor da bisato.

Esiste inoltre taluni dialeti che, pur esendo parlati fuori dai confini regionali, se pol ritenere chiaramente asimilabili al veneto, par proprietà linguistiche e parché se no no se li fila nisun. Tra questi xe da ricordar:

[modifica] El Triestin

El triestin la xe na lengua da veci e besogna pronunsiarla brontolando e lamentandose contro tuti, ricordandose de quando la jera tuta campagna, i muli i jera tuti rispetosi de l'autorità e sopratuto i no ghe jera i furlani e i s-ciavi a rompare i cojoni.

[modifica] L'Istrian

I Croati i dixe che l'Istria la xe sempre stada croata, e tuti i dialeti che i xe parlai in Istria i xe tuti roba slava. E noialtri chi semo par contradire i nostri amighi[sensa fonte] croati? Nissun. Alora el descorso el xe finio qui.

[modifica] El Trentin

Quela dal Trentin la xe na storia complicada, perché tuti i vol ciaparselo, manco la fosse 'na bela tosa. I Lombart i dixe che l'è un dialeto suo, in Veneto se dixe la stessa roba, a Bolsan i dixe che in realtà i xe tuti todeschi e che l'Italia la xe na merda fin che no ciapano i schei da Roma. Alora justamente i Trentini che no li sa cossa i dixe d'esser solo Trentini e che tuti staltri pol farselo meter in cul.

[modifica] La scritura vèneta

Un problema dela lengua vèneta xe che no la xe mai stà scrita e interpretà in maniera univoca, par via dele numerose varietà locali che esiste tutora e anche parché i vèneti ga quasi tuti na caligrafia de merda: par questo no ghe xe un modo solo de scrivere in veneto e xe anca tropo che sta pagina qua xe scrita in maniera tuta ugual, visto che tante volte se trova ròbe che francamente son fora dala grasia de Dio. Can.

Tabella alcolici

Un aviso in venesian. Ghe xe anca el cartelo aposta par i margheroti, co le R scrite a caràtere 72.

Uno dei problemi principali che sorge nela trasliterassion del vèneto sta nela voce verbal xe, e in generale nele parole che scomincia co la s de "rosa", che vien tradota sovente co forme come zé, x'è, csé, sè e altri obrobri del genere: el fato de saver scrivere ben xe al posto deli altri abomini che abiamo pena cità distingue il vèneto purosangue dale rasse barbare che provengono dale località a sud del Po, a est del Tagliamento, a ovest del Lago de Garda o da Marghera, dove se sa che i xe più ignoranti dele tàpare.

N'altra forma che crea un certo inbarasso nela scritura del serenisimo idioma xe quela che si trovano in parole quali s-ciopà o mas-cio, nele quali le letere S e C rimane divise dal tratino e se guarda con sospeto ansiché fonderse nel suono italiano SC. Tale fonema ricordemo che in veneto no esiste, anche se ultimamente se ga difuso istesso l'usansa de pronunciare a l'italiana parole come "scelta" o "sci", che invesse il buon locutore veneto pronunciarà sielta e chei bacheti longhi che te te i meti so i piè pa ndare in tea neve.

Ulteriore controversia legà ala forma scrita del vèneto xe quea relativa ala L, che vien cuasi senpre pronuncià da trevisani, veronesi e belumati ma che invesse vicentini, venessiani e padovani xe soliti magnarse insieme al tocio co i bigoli. Acade così che la stessa frase, par esenpio "Hanno legato i galli" possa esser pronuncià e scrita sia Li ga ligà li gali sia I ga igà i gai, a seconda di quanto inchiostro che si vol sparagnare.

Ultima roba che bisogna tasativamente ricordarse a prescindere dala xona de proveniensa xe de doperare senpre poche dopie, parché usandone trope si scancela prima le letere sula tastiera e dopo xe pecà canbiarla parché la A no se lege pi quando che invesse i tasti Q e § xe quasi novi.

[modifica] A sintassi vèneta

El veneto xe na lingua che tuto somà se poe capire anca parlando solo italian, e se no te la capissi te si ebete. Purtropo tanti pensano che par parlar veneto basta coparsi di spris, montare sul tratore e sostituire la puntegiatura co le besteme, invesse bisogna sotolineare anca alcune costrussion sintatiche che xe tipiche del veneto, anche parché se no scrivere un articolo sensa parlarne sarìa come netarse el cul co la merda.

Festa laurea

Ciapate esenpio da sto mona qua, che se sbròdega la canotiera parché el bestema parfin bevendo.

La carateristica pi speciale che se nota scoltando chi parla veneto, fra un rutto e na bestema, la xe l'assensa del passato remoto, inviso ai veneti perché i ga da lavorar e no i ga tempo de inparare un altro tenpo verbal inutile, e poi perché fa teron.

In veneto inoltre xe comune avere el radopio del sogeto nele frasi ala seconda persona singolare, par esempio par esprimere un conceto come "Tu notoriamente talora esageri con le tue marachelle" in veneto se dirà:

Wikiquote
«Ti te si stà batixà col pisso

un costruto simile se dòpera ala tersa persona sia singolare che plurale: par dir infati "Ella è una fanciulla piuttosto vivace e disinibita" e "Loro sono palesemente inadeguati a siffatto incarico" se dovrano duncue utilixare rispetivamente le espresioni:

Wikiquote
«Ea a ga visto pi oxèi del marcà dei poeastri
Wikiquote
«Lori no i xe boni gnanca pa s-ciarexare e biètoe

se presume che sto tipo de sintassi sia stà inventà pa incutere inquietudine nel sogeto, che spesso infatti quando viene aditato pronunciando queste frasi si caga dosso dal terore.

N'altra peculiarità sintatica del vèneto è quela di esprimere il presente progresivo con la costrussione essar drìo, leteralmente stare dietro, perché da quela posission l'omo vèneto era solito controlare la muliera. Passemo a ilustrare l'uso di cuesto interesante aspeto glotologico: ad esenpio un'espresione come "sto procedendo all'innesto e alla potatura del ciliegio" verà così veicolata:

Wikiquote
«Ou, dio buèo, a no te vedi miga che so drìo incalmar e bruscar el sarexaro? Vuto che tira xo anca ea madona, chea putana?»

questa forma xe fortemente radicà nela parlata popolare e viene doperata spesso come discriminante tra i veri locutori vèneti e i senpre pi numerosi - ahinoi - poser italianofoni puri che provano a manifestare una presunta apartenensa al sacro Serenissimo suolo, che dal canto suo li schifa come il vino anacquato. Acade duncue che chiunque venga sorpreso a pronunciare frasi quali "sto faxendo" in luogo del corretto "so drìo far" viene punito co la marchiatura dela fronte co la scrita BAÙCO, incisa con un gancio per apendere i salami.

Xe inoltre de uso comune inisiare un discorso aponendo A ad ogni frase e concluderlo con Ciò! che, a seconda dele circostanse, può asumere tono interogativo opure perentorio. Tali espedienti xe usà pa molteplici ragion: par dar enfasi a quelo che se sta par dir, par segnalar la conclusion del proprio intervento o anca adiritura per doperar el fià che xe stà risparmià inserendo tropo poche besteme nel discorso.

[modifica] L'uso dela bestema nel parlar veneto

La ricchessa del vèneto no xè nota a tuti. Eco alcuni tra i numarosi significati che le besteme pol assumere, al variare dell'intonazione, e la relativa tradussion in italian:

  • Valido rinpiasso di agetivi, preposissioni e congiunsioni, nonché versatile elemento linguistico conplementare o sostitutivo dela puntegiatura.
  • Al passagio de na bela tosa: 'Orco Dio! = Quale stupenda creatura!
  • In risposta ala domanda "Sei sicuro?": Dio boia! = Ne ho l'assoluta certezza.
  • Di fronte a un avenimento particolarmente sfortunà: (Ma) Dio can... = Sono oltremodo contrariato dal verificarsi di questa improbabile e sfortunata coincidenza.
  • Comentando el resoconto de na inpresa particolarmente ardita de un amigo, tipicamente la conquista de na tosa: Dio ladro! = Il mio stupore e la mia ammirazione per te hanno raggiunto livelli inimmaginabili.
  • In risposta ala domanda "Ma dovevi proprio comportarti in quel modo?": (Eh,) Dio can. = Che cos'altro avrei potuto fare, data la situazione?
  • Di fronte a un interlocutore che acampa scuse poco credibili: (Ma dai,) Dio merda! = Non raccontarmi codeste fandonie, non sono nato ieri
  • In sostitussion de vocaboli che al momento no sovengono: Toni, passame chel porco Dio là, vaeà.

Oviamente tuti sti usi pol esser messi in combinassion tra lori generando frasi altamente incomprensibili par un non esperto. Par esempio, un dialogo tra idraulici che in italian sonaria così:

- Toni: “Perdinci, Bepi, che sventura! Codesto tubo ha ancora delle perdite! Mi sembrava che tu l'avessi riparato! Sei certo di averlo aggiustato bene?”
- Bepi: “Certamente! Perché metti in dubbio le mie capacità?”
- Toni: “Non raccontarmi fandonie, il fatto è che perde ancora! Passami piuttosto la chiave inglese che lo sistemo io... Ecco, guarda qui che lavoro a regola d'arte ho eseguito!”
- Bepi: “Ammirevole davvero! Devo riconoscere la tua maggiore esperienza in questo ambito.”

Verà reso in vèneto come segue:

Toni : Quote rosso1 Dio can Bepi, el porco Dio qua, spande ancora acqua! No te o gavevi miga giustà, Dio can? Quote rosso2
Bepi : Quote rosso1 'Orco dio, vuto che sia mona cofà el paltan? Quote rosso2
Toni : Quote rosso1 Dio can, passame el porco Dio qua che ghe dago mi 'na sistemada... Ciapa, Dio can, varda che bel laoreto! Quote rosso2
Bepi : Quote rosso1 Dio can, bravo ciò! Quote rosso2

[modifica] El inno

In conclusiòn ghe xe l'inno de la lengua vèneta, composto da un sonador anonimo (probabile che se trati del famoso anonimo venesian).

Una sera, una sera de note

do gobeti se dava le bote
do gobeti se dava le bote
se stè siti ve digo 'l perché.

Do gobeti de media statura
i parlava de cose amorose,
ma i gaveva na mata paura
che i passanti li stesse a sentir.

Uno l'era 'l famoso Mattia
l'altro l'era el fabrica enciostro
che imbriago de grapa e de mosto
insultava l'amico fedel.

A ragione del vero 'l ga dito
ma va là, ma va là che ti si gobo
se mi son gobo ti no te si drito
sulla tua schiena te ga un botesel.

I s'ha dito parole da ciodi
i s'ha dato careghe sul muso
po' i xe 'ndai a finir 'n quel buso

dove se beve un bicier de quel bon.

[modifica] Corelasion

Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo