Lingua siciliana

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

'U sicilianu

Stop hand
ATTENZIONE

Il contenuto di questa pagina può essere altamente terrone. Quindi, se sei un leghista o un fan dell'allegro folletto verde blinda pure la porta di casa tua: i nostri amici stanno già arrivando...

Terrone made in sud
Quote rosso1 Minchia! Quote rosso2
~ Uno dei concetti chiave della lingua

Lu Sicilianu jè na liņġua e nò 'ndialettu. Anzi, putissimu diri chi jè la megghiu liņġua di l'Italia. Lu sicilianu nun jè 'na liņġua camurriusa (problematica, NdR), jè abbastanza facili di capiri e di scriviri. Addimodu nun jè 'na linhua accussì unita, anzi ci sù un tinchitè (casino, NdR) di sutta-dialetti, unu pi ogni cristianu di la sicilia ('nzemula macari alli 'mmigrati). Pi chissu motivu fu scrivuta stà paggina, ufficiarmenti appruvata di lu Ministeru di l'Istruzioni oltri ca di chiddu curnutu chi dissi ca viautri aviti a sapiri lu nostra bellissima liņġua.

Pì quant'è ddato a ssapiri, un c'è nuddu rischiu ca s'estiņġue: 'u sicilianu je la liņġua ufficiali nta le scole, univirsitati e di la mafia.

Sicilia palermo cartina

A Palermu jè disponibili un corsu accelleratu di Sicilianu. Ma pi ccarità, nun trasiri 'nti un negoziu prima di la lezioni 5!

[modifica] Storia, influenze e malanni vari

Lu sicilianu nun jè na liņġua ca niscì fora accussì, comu sputata di lu baccalaru di l'italianu cchiù 'gnuranti. 'Nmeci proveni di na granni 'nsalata di genti diversi, chi firriannusi li burdelli di li nostri paisi, 'nsignaru a li siculi tanti paroli diversi. Iddi foru grichi, romani chiddi 'ntichi, arabbi, normanni, francisi, medi, prsiani, mesopotami, aggizi, angrisi, tideschi, russi, marucchini, tistimoni di Genova e avvucati di La Spezia, sommelier, contrabbassisti, lu prubrico di "Cosi to'"... Di sta bella 'nsalata nascìu la liņġua siciliana, 'na bedda arriminata di palori accauora allustramu.

[modifica] Comu si dici "Caratteristiche" in sicilianu?

Lu sicilianu jè na liņġua accussì complicata ca pi scriviri tutti li regoli e li contru-regoli ci vulissi na piddricata (risma, NdR) di pagini. Addimodu videmu di scriviri na pocu di cosi fondamentali, accussì ti po' pirsuadiri a chiamari un taxi pi gghiritinni lestu lestu di ccà.

[modifica] Tempi di li verbi

Siccomu ca li siciliani su un populu prudenti, 'nti la loru liņġua nun esisti lu futuru. N'esempiu?

Italiano: Andrò a casa.

Si po' diri:

  • Staiu jennu a la casa;
  • 'A ghiri a la casa;
  • vaiu a la casa.

Altresì (altresì, NdR) lu congiuntivu si sostituisci a lu condizionali: (ITA)Se mi sparassero, morirei; (SIC)Si mi sparassiru, murissi!

Abc siciliano

Alfabbetu Sicilianu.

[modifica] Doppii

Li doppii si mettinu sempri. SEMPRI. Un sicilianu chi ci metti na sula cunsunanti jè foddri, e si cc'ava fare 'na terapia ricostituenti di cannola.

Esempiu:

  • Dutttù, vvossia ava'bbidiri la bbiddrizza di fimmina 'mmezzu la chiazza! Bbona assà! La crozza firria!

[modifica] Vocabbulariu minimu di Sicilianu

  • Ammuzzu: alla carlona
  • bedda: bella
  • Carcarazzu/a: corvo
  • Caruso: bambino grandicello
  • Crastu: agnello
  • Crastu di mannara: montone
  • Crastuni: caprone
  • Chiddra cosa strana 'nti lu computer: Nonciclopedia
  • Chiesaloru: papaboy
  • Ferribottu: traghetto
  • Minchia: pene
  • Muschigliuni: moscerino
  • Pagghiolu: bimbominkia
  • Picciriddru: bambino piccolo
  • Pisci cagnolu: ghiacciolo che si forma sui cornicioni quando nevica
  • Pizzuddicchiu: pezzettino
  • Scravagghiu: uno dei Beatles
  • Sticchiu: la cosa più bella del mondo
  • Tignusu: calvo
  • Picciuotto: ragazzo
  • Vucca lamma: stomaco

[modifica] Traduzjuna

Comu si po' scanciari di lu sicilianu a l'autri liņġue? Siddu si po' arrivari a traduciri do' sicilianu o' 'talianu facirmenti pricchì l'italianu è 'na scupiazzata do' sicilianu, tannicchia cchiù difficili jè traduciri ni l'autri liņġue. Ma alli voti s'à capiri lu cuntestu e ci abbasta chiddu. Siddu sì culu cauru (fortunato NdR).

Pri fari n'esempju.

Siddu semu ni Nova Iocchi e vulemu fari capiri a n'amicu nostru cha fici 'na minchiata a jucari che' pursanti, pricchìni auora arristamu senza luci, chi dicemu?

'Nzicilianu dicissimu:

Vasa u paccu cha viri, talìa 'u neon chinu di mìa auora!

Cha s'avissa tradduciri (diaciannovi sordi cu' 'na lira) accussì:

Kiss pack you see, you neon see full me now!

[modifica] Dialetti

Ca siccomu lu sicilianu è liņġua iddu teni macari li varianti lucali, zoè li ḋaletti ca canciunu li vucaḃuli 'nde tutti 'i ġhîuni. Addisempiu lu terminu Riparare si po' ḋiciri: "azzizzari", "aġîustari", "abbissari" e via discurrennu s'iddu v'aṫṛuvati a Missina, Paliemmo, Catania o ni' li paisuzzi 'ntornu.

Ma facimuli 'nu pocu di autri esempij:

  • Palermitanu: Babbaluci! E t'haju dittu tri coisi: vavusu, s(tr)icanterra ie curnutu! (Lumaca! E t'ho detto tre cose: bavoso, striscia a terra e cornuto!)
  • Catanìsi: mi sbituai di ghiri a la plaja! (ho perso l'abitudine di andare alla spiaggia)
  • Cammaratìsi: Aù, chi è chi bbua? (ehi, che vuoi?)
  • SanGiuannìsi (da Cammarata sono 20 metri): Aò, chi è chi vvua? (ehi, che vuoi?)
  • Paturnìsi: Moviti fermo! (Muoviti fermo!)
  • Girgintanu (Agrigentino): Garrusu! Ammazzatu 'a mòriri! (ricchione! Devi morire ammazzato!)
  • Sciacchìtanu (Saccense): ti rassi na scuzzata, malaminchiata pessa! (ti darei un colpo in testa, stupido!)
  • Ṛaûsano: acciù parramu ammatula? (adesso parliamo a vanvera?)
  • Arcamisi (Alcamese): Amunì picciò, emuninni aa chiazza (Dai, ragazzi, andiamo in piazza)
  • Liunfortisi (Leonfortese): T'avissi a pigghiari na pasturedda! (ti auguro una precoce diarrea!)
  • Agirinu: vena cca ca chiova!! (vienu qua che piove!!)

Comu si po' spiari ogni dialettu iè pi' li fatti so'. A ccu 'un l'avi 'ntisi mai zi po' 'pàriri 'na fumentaziuni 'nzemulla a 'na dichiarazioni di verra. E di solitu jè propriu accussini.

[modifica] Genti chi dà soddisfazioni a la nostra lingua

[modifica] Pagini chi c'appartennu


Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo