Limp Bizkit

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...


Metallaro Sentenzioso by Achiko.jpg
Nu Metal!

Questa voce contiene metallo. Si sconsiglia la lettura a donne incinte, bambini e gente troppo sensibile. Per non procurarsi contusioni craniche, evitare l'headbanging davanti allo schermo!
Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Limp Bizkit
Quote rosso1.png Chi ruollen ruollen ruollen ruollen... Quote rosso2.png

~ I Limp Bizkit, che tanto per cambiare cantano in inglisc
Quote rosso1.png Bring it on! Quote rosso2.png

~ Fred Durst all'inizio di ogni canzone
Quote rosso1.png If I say fuck two more times, there are 46 fucks in these fucked up rhymes! Quote rosso2.png

~ Fred Durst esibisce la sua educazione
Quote rosso1.png I eat you alive! Quote rosso2.png

~ Fred Durst mentre recita nel film Cannibal Holocaust
Quote rosso1.png Motherfucker! Quote rosso2.png

~ Fred Durst a Chiunque

I Limp Bizkit sono un gruppo musicale statunitense formatosi a Treviso, in Florida, da quattro ragazzi del posto nel 1994. Sono considerati esponenti di spicco del genere alternative underground metal, insieme a Finley e Beethoven. Hanno venduto più di 30 milioni di dischi, anche grazie al fatto che li regalavano con i cereali.

[modifica] Storia del gruppo

[modifica] Gli inizi

Il fondatore del gruppo, tale Dj Francesco (Poi svevergizzato in Fred Durst) si sentiva, giustamente, emarginato in quanto adorava stili musicali fra di loro differenti quali la black music, come Er Piotta e Burzum, e il più pacato grindcore tipico di raffinati artisti quali i My Chemical Romance. Emarginato quindi sia da emo che da truzzi, riuscì a sopravvirere solo grazie all'abilità nell'uso dei pennarelli indelebili, che gli permise di condurre una proprià attività di tatuatore. Decise quindi di fondare un gruppo con Tarzan, bassista alle prime armi che aspirava a raggiungere l'incontrastata tecnica di Sid Vicious, e con il virtuoso chitarrista John van Otto von Bismarck, allievo di Steve Vai e Yngwie Malmsteen. Durst stabilì che Otto non avesse una movenza sufficientemente true norwegian black metal per essere chitarrista, e lo relegò alla batteria per assumere egli stesso il ruolo di lead guitarist. La band venne chiamata Limp Bizkit, ossia "biscotto floscio", come paragone allo stato dei testicoli dell'incauto ascoltatore del loro primo demo AZ Verde Colgate.
Idiota.jpg

Fred Durst in un momento di relax.

Otto-bismarck.jpg

Il batterista dei Limp Bizkit

Ascoltandolo, Durst si accorse della totale assenza del suono della chitarra (anni dopo si venne a scoprire che durante le registrazioni non aveva collegato i cavi della chitarra elettrica), dell'incapacità del batterista di tenere il tempo e dell'assenza di un cantante. Durst pose rimedio a ciò assumendo un compagno di college di Tarzan, tale Cheeta, esperto batterista, al ruolo di chitarrista e andando lui stesso a cantare. Dopo alcuni concerti dal vivo con i Gorillaz, Fred Durst incontrò gli Immortal dietro le quinte a un concerto a Napoli e si offrì di stringere con loro amicizia sostenendo che, dal momento che truzzi ed emo lo disprezzavano, i simpatici blackster svevergiesi avrebbero potuto aiutarlo nella loro lotta contro le suddette categorie.
Scimmia con gelato.jpg

Wes Borland si rinfresca gustandosi un ghiacciolo prima di un live.

[modifica] Il periodo del consenso

Risvegliatosi in una linda stanza di ospedale, con un pentacolo inciso nelle natiche con una scheggia di vetro, Durst decise che avrebbe dovuto scegliere un genere il più possibile diverso dal Metallo, ossia l' hip-hop. Non potendo quindi ricevere un'aiuto dagli Immortal, il produttore discografico della band divenne quindi Roby Facchinetti. Reclutato nelle sue file il simpatico Mondo Marcio ai giradischi, la band produsse quindi il primo disco Three Dollar Bill Y'all$
Limp Bizkit-Pimp Bizlit.jpg

Il primo successo dei Limp Bizkit

. L'album ottenne pessimi risultati su Billboard, ma grazie all'oscena campagna pubblicitaria su Radio Italia l'album ottenne la certificazione di quintuplo disco di platino. Innamoratosi dell'ultima lettera del titolo dell'album, Durst, grazie a una importante collaborazione con i Pooh, produsse il secondo disco Signify Can't Other, e il terzo, dal nome impronunciabile. Quest'album in particolare ottenne la certificazione di decuplo disco di platino da MTv e di grandissimo disco di merda da chiunque capisse qualcosa di musica, soprattutto a causa delle innumerevoli collaborazioni della band con il loro maestro Gigi d' Alessio. Il gruppo godeva ormai (siamo nel 2001 o qualcosa del genere) dell'appellativo di "nuovi Slayer" dalla critica musicale, quando Durst ebbe alcuni screzi con i rappresentanti di varie band: egli cercò di motivare questi bisticci dicendo "Non sono stato io!". Come successe a Bart Simpson, tale cazzata venne ritenuta talmente esilarante che divenne l'unica traccia del mini EP "The Unquestionable Truth", il quale restò al primo posto in classifica a MTv per ben settantadue settimane.
Silenoz.jpg

Questo NON è il chitarrista dei Limp Bizkit

Aborigeno.jpg

Questo purtroppo sì.

[modifica] Lo sputtanamento definitivo

Dopo aver scritto alcuni libri di favole per bambini insieme a Madonna, Durst iniziò a lavorare per l'ennesimo album Results May Vary, il cui titolo alludeva nuovamente alla sensazione di stacciamento dei coglioni che pervadeva l'incauto ascoltatore dell'album. Molti foglietti parrocchiali avevano però espresso, all'uscita del loro disco precedente, disappunto per la pesantezza del sound (in realtà pressoché inesistente) e per l'uso di termini volgari nelle canzoni (questo invece ben reale): ciò spinse la band a bandire l'uso di "fuck", "mothafukka" e "sonnoffabitch" nelle canzoni, di ammorbidire il drumming e di fare a meno del chitarrista. Ciò permise all'album di venire costantemente trasmesso in filodiffusione nei supermercati e di vincere agli MTv Awards il premio come "Best Metal Performance". Subito dopo questi folgoranti successi uscì il fenomenale Greatezt Hitz Vol.1 on 12 in cui vennero inserite anche numerose canzoni scartate dai precedenti album perché ritenute "poco abrasive", molte di esse eseguite in collaborazione con Tiziano Ferro e i Cugini di Campagna. Dopo questo ennesimo successo... Boh? Nessuno ha più sentito nominare i Limp Bizkit dal 2005. Qualcuno sostiene che dietro tutto ciò vi sia lo zampino degli Slayer.
Ora Cheeta ha lasciato i Limp Bizkit, e Fred ha iniziato a prendere tutti per il culo.

Quote rosso1.png Il nuovo album uscirà tra poco! Quote rosso2.png

~ Fred Durst mentre faceva film.
Quote rosso1.png Tenetevi pronti, che spaccheremo il culo! Quote rosso2.png

~ Fred Durst mentre faceva film.
Quote rosso1.png It's time for Limp Bizkit Quote rosso2.png

~ Fred Durst mentre faceva film.

Dopo 80 tentati omicidi da ragazzini bimbominkia che si dichiarano loro fan, Federico ha deciso di rilasciare un nuovo album. Molti dicono che sarà un flop proprio perché il contratto con le maggiori fabbriche di cereali è scaduto, dopo che l' intera band si divertiva a torturare donne innocenti facendogli ingoiare cereali vomitati già dal gruppo.

[modifica] Discografia

  • Demo Mental Aquaducts AZ Verde Colgate (Durata quattro minuti)
  • 3 Dalla Bill's Y'all$
  • Signify Can't Other (oo fuck you!)
  • Cioccoleit-starfisc-end-de-oddog-flavared-uoter
  • Results Really Bad
  • Greatezt shitz vol.1 on 12
  • The Unfuckable Truth: Non sono stato io!
  • Cobra Dorato (rubato a un vu cumprà senegalese)

[modifica] Componenti del gruppo

  • "Dj" Francesco "Fred" Durst - Voce
  • Tarzan - Basso
  • Cheeta Borland - Chitarra a 3 corde
  • John van Otto von Bismarck - Batteria
  • Dj Letham -e - Giradischi su Virtual DJ!


[modifica] Voci Correlate

Strumenti personali
Altre lingue
wikia