Luciano Ligabue

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

(Reindirizzamento da Ligabue)
Nota disambigua Oops! Forse cercavi il "famoso" pittore emiliano?
Esplosione
È IN ATTO UNA COSPIRAZIONE!
Molte persone risultate indignate da codesto articolo si sono dimostrate brutali, querelanti e leggermente stronze.
Ma noi, uniti sotto il segno dell'Omino Sentenzioso ed armati col nostro amore per Nonciclopedia (amore platonico, ovviamente) bandiremo una nuova crociata e puniremo tutti quegli sporchi infedeli!
112


Avvertimento autoradio assordante
Attenzione
Questa roba è inascoltabile!
L'ascolto prolungato può portare alla paralisi cerebrale.
Si consiglia di accucciarsi a terra o di scappare a gambe levate.
Puffo1
Geronimo-Ligabue

A destra, un famoso capo indiano. A sinistra, Luciano Ligabue.

NonCitazLogo
NonCitazioni contiene deliri e idiozie (forse) detti da o su Luciano Ligabue.


Quote rosso1 Impiccheranno Liga con una corda d'oro
è un privilegio raro
Rubò sei pezzi ai poveri REM
vendendosi per denaro Quote rosso2

~ Fabrizio De André su Ligabue
Quote rosso1 Preferivo il pittore. Quote rosso2

~ Pier Paolo Pasolini su Ligabue
Quote rosso1 Vivo o morcio o X

Vivo o morcio o X

vivo o morcio, vivo o morcio, Vivo morcio o lì, vi, veeeh Quote rosso2

~ Luciano Ligabue, un grande cantante rumeno
Quote rosso1 Lo sapete cos'ha in testa... Uuuil Mago Walter? Quote rosso2

~ Luciano Ligabue in Leggero

Luciano Ligabue è la risposta emiliana a Elvis Presley. Rinomato cantautore e musicista, si è distinto nel prestigioso ambito della musica italiana grazie ai suoi testi dal lessico improbabile, alle sue potenti adenoidi ed alla conoscenza di ben tre accordi per chitarra. Personalmente il Liga, come viene chiamato dai suoi fan e dai membri della sua tribù, tende semplicemente a definirsi rocker, sebbene si sia cimentato anche come regista, poeta e scrittore. Tra i suoi progetti futuri c'è la stesura d'un opera lirica, la pubblicazione di una storia della filosofia in 12 volumi (quasi tutti copiati da Abbagnano) e un posto fisso come opinionista a Pomeriggio Cinque.

[modifica] Biografia

Antonio Ligabue

Nonno Antonio Ligabue insegna al piccolo Luciano a sputare dal balcone.

Ligabue nasce a Scorreggio, un ventilato comune dell'Emilia Romagna, in seguito ad una fugace notte di passione tra un'aitante salumiera emiliana e il grande capo Toro Seduto. Il suo retaggio culturale resta sconosciuto ai più, sebbene ascoltando al contrario diverse tra le canzoni del Liga sia possibile sentire preghiere rivolte al dio Manitù.

Fu molto importante durante la sua infanzia l'influenza del nonno Antonio Ligabue, un pittore che gli insegnò la tecnica per miscelare i colori ad olio e quella per centrare il cestino da lontano lanciando palline di carta. Durante l'adolescenza visse il problema della cocaina, tema trattato nella sua canzone "Sogni di Rock & Roll", dove parla di "una striscia invitante talmente accogliente da perderci il fiato e che sia quel che sia". In gioventù il cantante non visse in condizioni economiche favorevoli, e per questo si accontentava di qualunque cosa, fosse essa gesso, bicarbonato o plastica riscaldata. Le ristrettezze monetarie lo costrinsero a svolgere i lavori più improbi di questo mondo, tra cui il cuoco, l'aiuto cuoco, l'aiuto dell'aiuto cuoco o persino l'appiccicatore di etichette sulle bottiglie d'acqua minerale Ilaria.

Finalmente nel 1987 fondò insieme a dei suoi amici il gruppo chiamato "Tipo? Sai mica l'ora?", nel quale raggiunse il suo successo grazie al singolo "Parole a caso". Da quel momento il Liga iniziò a vivere tenendo sempre una chitarra appesa al collo, in modo da avere una scusa valida per poter allargare le mani. Con il suo gruppo l'artista iniziò a scrivere grandi successi, come "Sogni di rock & roll", "Adesso sono gran cazzi amarissimi", l'autobiografica "Figlio di un cane", "L'odore del sesso" e "Bar Mario". Quest'ultimo divenne in seguito un luogo di culto.

Grazie a un'abilità canora pari a quella di Fabrizio De André durante un attacco di bronchite asmatica e a un italiano perfetto come quello di un Dizionario Zingarelli senza pagine dispari, il cantante emiliano è oggi considerato uno dei cantautori più celebri del nostro paese, riuscendo a scavalcare persino stelle dall'indubbio talento quali Gigi Finizio e Sal Da Vinci.

Negli ultimi anni Ligabue, ispirato dalla sommo vate Giacomo Leopardi e dalla corrente letteraria dei piagnisdei, ha iniziato anche a scrivere poesie. Purtroppo si è ritrovato costretto a smettere quando qualcuno gli ha fatto notare che le poesie non si fanno aprendo a caso il vocabolario.

[modifica] La musica

Ligabue suona la chitarra, o almeno così sostiene Wikipedia. La sua tecnica si basa sull'utilizzo di due soli accordi ripetuti in ogni canzone di ogni album, eppure talvolta riesce addirittura a suonare tre accordi differenti di seguito. E se si impegna addirittura quattro, ma con l'amplificatore spento. Il suo miglior riff di chitarra si trova in Happy Hour, canzone del 2006 che proprio a causa della sua rara bellezza è stata plagiata dai perfidi Guns N' Roses in Sweet Child O'Mine nel 1987, approfittando del talento di questo grande artista e della loro ben nota capacità di viaggiare nel tempo. Cosa che gli riuscì già nel lontano 1995, quando, cercando su YouTube brani non depositati alla SIAE di gruppi dilettanti o da sagra della pecora arrapata, s'imbatté in un gruppo emergente del Frosinate, ovvero i "Bon Jovi" che proponevano un brano chiamato "Bed of Roses" che ovviamente lui fece suo ribattezzandolo "Certe Notti".

[modifica] I testi

Ligabue è noto per trovare l'ispirazione necessaria a dar vita ad una delle sue canzoni in qualunque occasione. Ad esempio, alcuni suoi grandi successi li ha ideati semplicemente guardando fuori dalla finestra, altri ancora osservando un cormorano in amore, altri persino mentre era in coda sulla Salerno-Reggio Calabria.

Probabilmente è proprio questa ispirazione subitanea che rende il suo stile nel comporre i testi delle proprie canzoni molto marcato. Ci sono moltissimi temi e termini ricorrenti, come donne, giro, treni, cielo o il celeberrimo Bar Mario. Inoltre sono immancabili le riflessioni su "vivere" e "morire" e, in ogni canzone, c'è sempre qualcuno che "paga". Ad un ascoltatore poco attento potrebbe sembrare che il proprio lettore mp3 si sia inceppato e stia ripetendo in continuazione la stessa traccia. In realtà quella del Liga è una semplice scelta di stile; così come gli piace usare in continuazione gli stessi tre o quattro accordi, l'artista pensa che scrivere utilizzando le stesse dieci o quindici parole in ordine sparso sia il non plus ultra della composizione poetica.

Il Liga viene accusato dai soliti invidiosi del suo successo di scrivere testi incomprensibili, composti aprendo a caso il vocabolario e mescolati secondo il principio del random coi temi a lui cari. Sappiamo tutti che però in realtà non è così: le parole del Liga, pur ermetiche, sono pregne di significati che possono solo essere colti da un vero fun, da qualcuno che possa vedere oltre le banalità ed afferrare il significato oltre il significante, insomma, da tutti coloro che applicano la sgommata ignifuga nel seminterrato del cuore. Ad antani.

Diamo un'occhiata ad alcuni esempi di tanta poesia:

Poesia di ligabue

Una poesia di Ligabue, scritta utilizzando l'esametro e l'esadecimale

Wikiquote
«A parte che i tempi stringono

e tu li vorresti allargare e intanto si allarga la nebbia

e avresti potuto vivere al mare»
(Niente Paura)
Wikiquote
«Eri sanissima, ostrica e lampone, sulle mie dita c'eri sempre e solo te»
(Eri Bellissima)
Wikiquote
«Sei già dentro l'happy hour

vivere vivere costa la metà quanto costa fare finta

di essere una star»
(Happy Hour)
Wikiquote
«E ora che ci sei fammi fare un giro su chi non son stato mai»
(Questa è la mia vita)
Wikiquote
«Prendilo, suonalo o ballaci sopra»
(L'han detto anche gli Stones)
Wikiquote
«Fatti un clone maleducato»
(Baby è un mondo super)
Wikiquote
«Sotto la chimica

la capra lievita

e si modifica bene.»
(Baby è un mondo super)
Wikiquote
«Ti sento dentro tutte le canzoni

In un posto dentro

che so sempre io uho-o-o-o-ò»
(Ti sento)

Il metodo utilizzato da Ligabure per creare i suoi testi è decisamente efficace, potrebbe riuscirci perfino Marco Carta. Tutto quello che bisogna fare è iniziare dall'osservazione d'un qualsivoglia oggetto o attingere ad elementi base della vita quotidiana. Il testo deve essere composto di frasi che sembrino oscure e profonde. Non è necessario che il testo abbia una qualche coerenza, è l'impatto delle singole frasi che conta. A proposito, quando è possibile, bisogna far sì che le frasi terminino con una sillaba che consentava un allungamentovo sufficienteve. Magari ripetendovo quelle dove la cosava funziona megliovo. Se il testo è troppo corto, si può ampliarlo sottolineando che, nonostante tutto, il cielo è fermo, sta lì, non si muove e via dicendo. Infine per chiudere il tutto bisogna dare alla canzone un bel titolo. Deve essere criptico, oscuro, una di quelle cose che facciano dire ai fan "chissà che cosa avrà voluto dire!", quando invece l'autore non voleva dire un cazzo. Ed ecco servita la prossima hit di Ligabue, nuova di pacca e pronta ad invadere tutte le radio.

Ma tutto ciò è inutile senza un esempio pratico. Ipotizziamo che il Liga voglia creare una canzone per descrivere un doloroso ed inarrestabile attacco di diarrea a fischio. Ecco come verrebbe il testo d'una canzone su tale argomento:

Veltroni2ridotta

Il mago Walter nella copertina di "Sopravvissuti al mal di denti"

Quel luogo che vorrei ci fosse ma non c'è
Quant'è doloroso questo strano sentimento in me-ve
devo correre via al più presto dai
voglio quel posto sempre più forte,
corro per quel posto che voglio per me-ve
ma c'è sempre qualcuno che,
che il tuo posto dietro la porta se lo prenderà per se-ve
e tu fuori ad aspettare momenti infiniti,
infiniti che non passano mai
in attesa che quel posto, che quel posto si liberi per me-ve
ma se vuoi, se tu vuoi io lo posso condividere con te-ve
e questa volta pago da me-veeeeeee!
da me-veeeeee!

Stupenda. Fa venire i brividi al culo.

[modifica] Discografia

  • Si viene e si va - album basato sulla dolorosa introspezione di un impiegato al casello dell'autostrada.
  • Ho messo via - Dopo anni, per la gioia di sua madre, il Liga ha finalmente messo in ordine la sua cameretta.
  • Hai un momento, Dio? - Ligabue entra in Chiesa per ottenere una grazia, ma scocciandosi di pregare salta subito i convenevoli.
  • Vivere a orecchio - Una breve autobiografia musicale riguardante il metodo con cui ha sempre suonato e sempre scritto le sue canzoni.
  • È più forte di me - L'incontro con Mike Tyson.
  • Lambrusco e popcorn - Nei cinema di Correggio dev'essere finita la Pepsi.
  • Tutti vogliono viaggiare in prima - Sulla Salerno Reggio-Calabria la prudenza non è mai troppa.
  • Dove fermano i treni - L'angoscia di non sapere da dove parte il diretto per Bologna.
  • Sono qui per l'amore - Cinquanta davanti, cento dietro.
  • Amore conta! - Un album estremamente ermetico. Secondo alcuni il Liga chiede al suddetto Amore, inteso o come concetto astratto o personificato, di contare un qualcosa di specifico che il criptico testo omette, secondo altri chiede semplicemente enumerare tutte le cifre comprese fra zero ed infinito. Ma in realtà stava giocando a nascondino con la sua ragazza.
  • Qualcuno ha visto, per caso, il mio cane blu elettrico monofase? - Ligabue ha inserito questa traccia nell'album Miss Mondo solo ed esclusivamente per essere sicuro di avere anche lui una voce su Nonciclopedia.

[modifica] I fun

Ligabue è un artista apprezzato da un vasto pubblico. Deve esserlo, altrimenti non si capisce dove prende i soldi per rimpiazzare tutte le cose che gli rubano ad ogni concerto. In particolare è apprezzato dal pubblico femminile, che conta un cospicuo numero di fun accanite. I fun maschi, al contrario, non sono troppi. Probabilmente non sono molto attratti dal suo volto, che ricorda quello di uno zappatore di Voghera, né dalle sue mani enormi, degne del miglior mugnaio della Padania.

Secondo alcuni sondaggi fatti da mio cuggino, pare che le donne lo adorino in quanto incarna alla perfezione l'uomo vissuto che elargisce enigmatiche perle di saggezza, che al maschio normale sembrano soltanto frasi senza senso, mentre negli individui di sesso femminile genera quell'aura da bel tenebroso che fa impazzire tutte le giovincelle brufolose. Per questo motivo, tra i fun di cromosomi XY, pare che si aggirino alcuni individui dotati di una virilità pari a quella di Alfonso Signorini.

[modifica] Il cinema

Come tutti sapete, il Liga non è soltanto uno strimpellatore. Ogni morte di Papa il buon Luciano sente il bisogno impellente di girare un film. Questa decisione ha come inevitabile conseguenza la morte del Papa in attività. Per ora ha all'attivo soltanto due film, entrambi grandi successi. Il primo è "Radiofreccia", storia di un ragazzo imbottito di stupefacenti che ha inconsapevolmente condotto alla chiusura della prima radio muta della storia, le cui frequenze sono poi state brutalmente sfruttate per i canali del Digitale Terrestre. Dopo qualche anno il Liga ci ha riprovato con "Da zero a dieci", girato in collaborazione con il maestro Bruno Liegi Bastonliegi. Benedetto XVI attendeva l'annuncio del suo terzo film con una certa ansia, ma non ce la faceva più ad aspettare e si è dimesso prima.

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • Pare che il bar "Mario" non sia rintracciabile nemmeno utilizzando Google Earth.
  • Da quando lo shampoo Campus è stato tolto dalla produzione, il Liga non si è più lavato i capelli in segno di protesta contro l'azienda produttrice.
  • A ogni concerto, l'auto di Ligabue viene rubata.
  • Durante i concerti si circonda di sei chitarristi, uno per ogni corda.
  • Ogni mattina, per allenare la sua voce inconfondibile, carica di catarro la laringe.
  • È l'inventore del plagio, nobile arte da lui tramandata ad altri grandi e pregevoli artisti quali Tiziano Ferro. L'unico a superarlo fu il magistrale Zucchero.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia