Life is Peachy

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Exquisite-kfind.png Non ti basta? C'è anche KornNon ti basta? Ci sono anche {{{2}}}


Life is Peachy è il secondo album dei KoЯn, uscito nel 1996. Il fatto che lo stesso titolo dichiari: "La vita è pescosa", sottolinea l'immensa quantità di LSD assunta dalla band. Inoltre studi clinici hanno dimostrato che l'ellepì originale era stato ricavato da una sfoglia di crack non ancora usato.

[modifica] Cenni

Copertina korn2.jpg

La copertina dell'album: il primo giorno di scuola della bambina di proprietà della band.

La copertina mostra chiaramente come la bambina che era stata rapita durante la registrazione di Korn, sia ora cresciuta e pronta per andare a squola.

[modifica] Canzoni

  1. Twist: caratterizzata da un testo particolarmente poetico e sublime persino.
  2. Chi?: non si sa a chi o a cosa si riferisca questa canzone poiché come si può vedere dal suo testo, non è che abbia poi molto senso.
  3. Lost: originariamente doveva essere la sigla dell'omonima serie televisiva, ma poi non se ne fece nulla e finì qui.
  4. Ingoio: il senso è più che esplicito, solo si precisi che non si sta parlando di eterosessualità.
  5. Pornografia: traccia solo strumentale perché Jonathan Davis stava mettendo in pratica il suo testo.
  6. Dio boia!: canzone di sostegno ai papaboys.
  7. Signor Rogerio: in verità parla dell'uccello di Jonathan Davis, signor Rogerio è appunto uno dei soprannomi dell'attrezzo in questione.
  8. FNFOùçDFçé^ef°*e#@@@@@+: il testo è più incomprensibile del titolo.
  9. Nessun posto per nascondersi: anche questa in verità parla di sesso anale, il culo di un povero malcapitato è appunto l'unico posto dove il signor Rogerio può nascondersi.
  10. Cattivo: canzone fregata a Fabri Fibra perché era stato cattivo con la band
  11. A.D.I.D.A.S.: canzone che parla di come masturbarsi sia più comodo se ti vesti in tuta ed hai scarpe da ginnastica ai piedi.
  12. Cavallo basso: poiché i KoЯn erano in verità rappettoni portavano i pantaloni sotto il culo.
  13. Singhiozzo al Culo: canzone che racconta un sabato sera passato dalla band in locali malfamati.
  14. Ti ammazzo: sembrerebbe una canzone su qualche omicidio, in verità è la solita menata sullo stupro. Da annotare la traccia nascosta Twist II, evidentemente il messaggio troppo profondo di "Twist" andava ripetuto un'altra volta.

[modifica] Formazione

  • Jonathan Davis: tirare la coda ai maiali per registrare le parti vocali
  • "Testa": scambiare le chitarre per dei bonghi
  • "Scimmia": scambiare le chitarre per emo
  • "Campetto": slappare col basso[citazione necessaria]
  • Davide Argenteria: percuotere zucche di Halloween e pesche acerbe.
Strumenti personali
wikia