Licaone

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Wwf.jpg
Attenzione
Il WWF ha dichiarato questo articolo politicamente scorretto nei confronti della natura.
Se non vuoi diventare tu stesso una specie a rischio corri ad adottare un Panda!
Licaone

Licaoni bagnati.jpg

L'unico animale più brutto di un licaone bagnato è un licaone fradicio.

Stato di conservazione

Stato estinzione minimo.png
Rischio Zero (però a lavorarci...)

Classificazione scientifica
Regno: Animali vomitevoli
Phylum: Bestia immonda
Famiglia: Canide ±
Genere: Grottesco
Scopritore: Uno che si vergogna a dirlo

Il licaone (Lycaon pictus ad minchiam) è brutto forte. Questo dato, frutto dei decennali studi della Masai University di Dodoma, è un fatto oramai accertato e ha trovato consenso nel mondo accademico. Il licaone è l'unico rappresentante del genere Lycaon, a testimonianza del fatto che Dio può fare qualche stronzata, ma non commette due volte lo stesso errore. Questo canide africano presenta interessantissimi aspetti di vita sociale, datemi tempo di pensare a quali. In Kenya viene usato al posto del lupo per intimorire i bambini che fanno i capricci, ad es. "se non ti addormenti subito, viene il licaone e ti rosicchia un coglione", che da una parte incute timore, dall'altra mette di buon umore il pargolo. La crescente proliferazione della specie desta preoccupazione in molti stati africani. In Uganda se accoppi almeno tre esemplari della bestia immonda, ti danno 10 dollari in buoni carburante, anche se quasi nessuno ha l'automobile, ma puoi sempre dare fuoco ad altri licaoni. Le proteste del WWF non sono tardate e le autorità sono scese a compromessi: dei 10 dollari, 2 sono devoluti al WWF.

Wikiquote.png
«Se solo ne mangiassero qualcuno! Dicono che hanno fame e poi fanno gli schifiltosi!»
( Il presidente ugandese a proposito del "problema licaoni".)
Wikiquote.png
«Se solo lo divorasse un leone!»
( Gli ugandesi a proposito del "problema presidente idiota".)
Wikiquote.png
«Facciamo così: i licaoni li mangio io, ma con l'idiota ve la vedete voi!»
( Il leone a proposito del "problema digestione difficile".)

[modifica] Morfologia

Famiglia di licaoni.jpg

La madre guarda preoccupata il cucciolo e valuta seriamente se convenga andare in calore un'altra volta. Il padre (visibilmente eccitato) sta pensando che era meglio infilarlo in un formicaio e risolvere una volta per tutte.

Il licaone è un canide dalla corporatura simile a quella di una iena, ma senza smoking. Gli stessi leoni da lontano lo scambiano per una iena, iniziano a corrergli dietro e solitamente, dopo circa 20 km, lo raggiungono. Quando si accorgono che è un licaone però danno di stomaco e tornano indietro, più affamati e incazzati di prima.
Ha zampe lunghe, testa robusta con orecchie grandi, larghe ed arrotondate. Se non fosse un cane sarebbe Topolino.
Il pelame presenta notevoli variazioni di colore, un miscuglio di toni neri, marroni, bianchi e gialli; è l'unico animale che non è mai stato dipinto perché non esistono quei colori in commercio, nemmeno nella scatola da 96 dei pastelli Giotto. La coda presenta la parte terminale bianca, caratteristica molto importante per mantenere in contatto visivo i componenti del branco e, nello stesso tempo, distrae dal resto dell'animale. Ciò è fondamentale durante la caccia, perché correre dietro la preda vomitando rallenta molto i movimenti. Rispetto agli altri canidi i licaoni presentano solo quattro dita nelle zampe anteriori. In questo Dio è stato parac accorto, avendoli privati del medio non possono fancularsi a prima vista; questo aumenta di molto le probabilità di riprodursi.
Altra peculiarità di questi animali è costituita dall'odore penetrante che emanano, che riveste un ruolo importante nella comunicazione tra i diversi componenti del branco. Nel corso di una conferenza a Roma, Sindiwe Matabane (uno dei massimi studiosi della specie) ha paragonato la puzza a quella della discarica di Malagrotta, oppure alla topa della nigeriana Sarah "Black Hole" Azikiwe, da lui entrambe "visitate" durante un Puttan Tour sulla Via Aurelia.

[modifica] Distribuzione e habitat

Cartello sul licaone.jpg

Le autorità ugandesi invitano a prendersi cura del licaone.

I licaoni presentano una distribuzione non uniforme in diverse zone dell'Africa. Pur preferendo ambienti di savana e boscaglia aperta, non disdegnano il Resort Mumbja Beach (Kenya) e nemmeno il Kampala Queen (Uganda), se solo li facessero entrare.
Questo però vale solo in estate, l'inverno non si fanno mancare la settimana bianca. Un branco di cinque individui è stato osservato presso la vetta del monte Kilimangiaro, intenti a falsificare gli skipass degli impianti di risalita, a 5895 m s.l.m. si tratta del record di altitudine per i mammiferi in generale. Reinhold Messner ha fatto meglio, ma sul fatto che sia un mammifero gli studiosi sono tuttora divisi.
In alcune regioni il proliferare della specie sta causando notevoli problemi al resto della fauna. Le autorità africane hanno approntato una campagna di sensibilizzazione non priva di contenuti pratici:

  • adotta un licaone, oppure cucinalo col nostro ricettario in omaggio;
  • ogni 3 licaoni uccisi: un buono carburante da 10$, 20 proiettili e 2 ingressi al cinema porno;
  • acciacca un licaone con la jeep, ti rifacciamo la convergenza;
  • gran ballo delle debuttanti, ingresso gratuito, è d'obbligo la pelliccia di code di licaone.

[modifica] Abitudini sociali

Escrementi e cucciolata di licaone.jpg

Aguzzate la vista: riuscite a distinguere una cucciolata di licaoni dagli escrementi dell'animale?

Si tratta di una specie gregaria che caccia in branco e nella quale cooperazione ed altruismo raggiungono livelli notevoli. Prima di iniziare la caccia, il maschio alfa (l'esemplare più brutto e puzzolente del branco) sceglie gli "abbaiatori" e gli "inseguitori". I primi si occupano di spaventare la preda, gli altri di farla correre a perdifiato spingendola verso Alfa. Quest'ultimo, al momento opportuno, salta fuori dal nascondiglio improvvisamente, alla preda viene un "coccolone" e ci rimane stecchita. La percentuale di successo è valutata tra il 70% e l'85% dei tentativi fatti[fonte Fiammetta Cicogna], che fa del licaone uno dei predatori più temibili ed efficienti: «un super animale da preda». L'evoluzionista e sociobiologo Edward "Scissorhands" Wilson, nel suo libro "Il licaone è una brutta bestia", afferma che quando la preda non è grande abbastanza da sfamare a sufficienza il branco, essi se la dividono lo stesso, ma aumentano i prezzi. Poi quando tornano alla tana rigurgitano il cibo ai piccoli, alla madre ed a qualunque altro adulto sia rimasto indietro, ma lo rimproverano aspramente di essere un fancazzista. I licaoni sono nomadi e percorrono distanze enormi seguendo le mandrie di gnu. Generalmente si fermano in un luogo per la riproduzione, trombano come animali per circa tre mesi e poi, appena i giovani sono pronti a seguire gli adulti, il posto viene abbandonato. Questo li accomuna ad alcune specie di parassiti come la Dirofilaria repens e gli zingari.

[modifica] Riproduzione

Accoppiamento del licaone.jpg

Le quattro fasi dell'accoppiamento: invito a cena, preliminari, pompino e orgia.

Il licaone non se lo scopa nessuno, poverino. Anche su Facebook fatica a rimorchiare, per questo, spesso le femmine usano Photoshop per modificare l'immagine profilo. Alcuni scienziati calafricani hanno studiato i comportamenti nell'era pre-social-network e hanno riscontrato alcune abitudini frequenti:

  1. il periodo riproduttivo ha inizio con la Coppa d'Africa e termina durante le semifinali;
  2. la femmina marca il territorio intorno alla tana ed espone il cartello "prezzi modici";
  3. il maschio spegne la luce prima del coito, per evitare di fare cilecca;
  4. la gestazione dura parecchi giorni, impossibile dire quanti perché gli osservatori hanno perso il conto a 64;
  5. il parto avviene in gran segreto, visto il risultato si è portati a supporre che il cucciolo sia vomitato;
  6. la cucciolata solitamente è composta da sette elementi, ma a volte sono presenti più femmine nella stessa tana, quindi escono un sacco di cosi brutti ma non sai di chi sono figli. Proprio come con gli zingari.
  7. il cucciolo, appena nato, cerca di arrivare a succhiare il latte della madre, poi capisce che c'è da litigare e va al bar.


[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia