Libro di autoconvincimento

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Morelli libro.jpg

Libro di autoconvincimento affidabilissimo.

Quote rosso1.png Allora non sono malvagio! Quote rosso2.png

~ Commento di Charles Manson al libro di autoconvincimento "Felici con gli altri"

Il libro di autoconvincimento è un manoscritto letterario redatto dai migliori psichiatri, psicologi e psicopatici del mondo per non farti sentire una merda totale.

Il libro di autoconvincimento è infatti volto a farti sentire più utile alla società di quanto tu non sia. Lo scrittore si riserva il diritto di informarti su ciò che sei capace di fare (quasi tutto) e quello che non sei capace di fare (quasi nulla).

Lo scrittore, quasi sicuramente un plurilaureato affetto da calvizie, crede di poter dire a chiunque che può sentirsi a proprio agio nel vivere a contatto con gli altri: che sia un reietto indebitato fino al collo o un pervertito con la mania del bondage, lo scrittore troverà sempre il coraggio di ammettere "sì, tu puoi farcela, ma soltanto comprando subito il mio ultimo libro!".

Non c'è un pubblico ben identificato: il libro di autoconvincimento è rivolto un po' a tutti; esso contiene i più sfruttati luoghi comuni.

Wikiquote.png
«Ti senti sfruttato, vero? Attorno a te non c'è nessuno che ti capisce. Beh, lo so bene: d'altronde sono laureato... Scommetto che a volte, pur stando in mezzo alle persone ti senti solo. Ti senti solo, non è vero? Lo sapevo. E la notte non riesci a dormire. Ho ragione? Ci avrei scommesso. Beh, ti dirò: anche io una volta ero come te... poco motivato, triste, potevo risultare addirittura antipatico. Eppure ho trovato la soluzione ai miei problemi: ho iniziato a sfruttare le crisi depressive degli altri per arricchirmi con libri dalla dubbia utilità la fiducia in me stesso!»
("La fiducia in me stesso!", Fabrizio Rezzi Pompardoni Jr., capitolo 1.)

Come avrete notato Fabrizio Rezzi Pompardoni Jr. si avvale del dialogo, ostenta conoscenze che non ha e sfrutta la depressione dell'ingenuo individuo che ha acquistato il libro sperando di risolvere i suoi problemi di impotenza.


[modifica] Storia

Non siamo nati per soffrire Raffaele Morelli.jpg

Imperdibile libro di autoconvincimento.

I primi libri di autoconvincimento furono redatti dall'esimio Sigmund Freud. Questi non ebbero molto successo, considerata la scarsa reputazione che questo psicologo aveva per il paziente. Basti pensare che il suo primo libro di autoconvincimento era intitolato "Non sei uno sfigato totale, sei uno sfigato parziale".

Il boom per questo genere letterario arrivò invece negli anni '70, negli USA: Nixon si convinse di essere un bravo presidente e i Bee Gees di saper suonare.

In Europa non ebbero lo stesso successo, fino al 2000: in Italia spopolano le opere di Fabrizio Rezzi Pompardoni, Paolo Crepet, Raffaele Morelli e Fabrizio Rezzi Pompardoni Jr.

La critica è stata tuttavia incessante sin dagli albori. Numerose, negli anni '80/'90, le contestazioni nei confronti di Fabrizio Rezzi Pompardoni, anche a livello giudiziario. La colpa era di aver convinto un ingente numero di persone di poter volare agitando le braccia e muovendo la testa su e giù.

[modifica] Struttura

Puoi fidarti di te Raffaele Morelli.jpg

Libro di autoconvincimento professionale.

Un libro di autoconvincimento deve assolutamente avere certi requisiti. Esso deve comprendere:

  1. L'elenco completo di tutti gli studi eseguiti dallo psicologo che ha redatto il libro.
  2. Un elenco dei problemi di colui che acquista il libro.
  3. Un elenco di soluzioni (che non comprenda lame o cappi).
  4. La frase "credi in te stesso!" o una delle sue varianti.
  5. Un altro elenco completo di tutti gli studi eseguiti dallo scrittore, stavolta ambientati in università fasulle.

Questi accorgimenti tuttavia non bastano per definire "libro di autoconvincimento" un cumulo di parole.

[modifica] La copertina

Sesso è amore Raffaele Morelli.jpg

Libro di autoconvincimento inedito: SENZA OCCHIALI!

Se la copertina ha un valore di convincimento pari o superiore a 20,41 Psicojoule avrete la certezza di vendere più di 5000 copie. Per cui è necessario che facciate ben attenzione alla copertina. Ovviamente in base al soggetto possono variare le reazioni e le conseguenze.

Autore del libro in posa disinteressata Accentua la naturalezza, ma potrebbe causare uno scompenso d'affetto nel lettore perché potrebbe sentirsi poco considerato e inutile.
Autore del libro in primo piano indaffarato sui libri Anche se i libri in questione fossero le ultime uscite di Diabolik, questa copertina aumenterebbe lo stesso la credibilità. Anche in questo caso, però, il lettore potrebbe sentirsi scoraggiato nell'acquisto del libro perché poco coinvolto. Equivarrebbe a fare l'amore con il proprio lettore, senza guardarlo negli occhi, leggendo "Il sole 24 Ore".
Laurea dell'autore del libro Esasperazione dell'esempio precedente. Possibile diffusione fra apprendisti psichiatri. Lo scrittore si assicuri che non sia sporca di salsa e che non si veda il timbro "Università di Mirabilandia".
Autore del libro in posa sorridente Consigliatissimo: naturale e semplice (a meno che non siate orribili mostri della palude e/o i vostri denti siano marci e storti)
Autore del libro in posa sorridente (indicando il lettore) Il lettore si sentirà sicuramente coinvolto. La reazione sperata è: "ehi, quello psicologo mi sta osservando! Di sicuro avrà qualcosa di interessante da dirmi e potrà risolvere i miei problemi!"

In casi eccezionali, però, anche per uno sguardo leggermente torvo, il lettore potrebbe sentirsi minacciato e scappare in preda al panico dopo aver visto il vostro libro.

Vignetta stupida La vignetta stupida è alquanto sconsigliata, che rappresenti un omino che si guarda fiero allo specchio o due sagome che applicano una qualsivoglia posizione del Kamasutra: raramente il lettore si immedesima in uno stickman nero, in particolar modo se il lettore soffre di obesità. Inoltre una copertina del genere accentuerebbe "la falsità" del libro. E noi non vogliamo ciò, non è vero?

Come avrete notato è difficile vendere con un libro di autoconvincimento senza rimetterci la faccia.

[modifica] Il titolo

Leader di te stesso.jpg

Libro di autoconvincimento poser.

I libri di autoconvincimento hanno sempre un titolo accattivante e significativo.

È opportuno associare le parole: tu, potere, fiducia, evviva, vita, felicità, realizzazione, alleluja, sicuro, leader, Dio-in-terra, figo, società, gioia, perfezione, piena erezione, bello, felice.

Ovviamente, lo scrittore, per non perdere credibilità, fa uso addirittura di articoli determinativi e indeterminativi, nonché di avverbi.

Anche il titolo può aiutare nel convincimento del prossimo: è sufficiente elencare i libri vincitori della Psicominchia d'Oro dal 1996 al 2006:

  1. Tu sei un leader della perfezione, Michele Intelligente.
  2. Figo e sicuro, Raffaele Morelli.
  3. Bello e felice, Raffaele Morelli.
  4. Bello e sicuro, Raffaele Morelli.
  5. Figo e felice, Raffaele Morelli.
  6. Figo, bello, felice, sicuro e anche un po' sereno, Raffaele Morelli e Fabrizio Rezzi Pompardoni Jr.
  7. Il viagra della vita, Fabrizio Piendicultura.
  8. Dai una spinta al tuo io, che ti aiuto io, Geremia Psicobravo.
  9. La società ti vuole bene e tu sei bello, Godiberto Fanfazzoni.
  10. Tu sei VERAMENTE un leader della perfezione, Michele Intelligente.

[modifica] Il linguaggio

Ciascuno è perfetto Raffaele Morelli.jpg

Bastaaa! BASTAAA!

Il linguaggio è forbito. Si usano locuzioni inesistenti ed è opportuno inserire qualche parola in latino quando non si sa dove andare a parare.

Si usano avverbi rassicurativi, che determinano il successo o meno di un paragrafo. In ordine di pomposità: sicuramente, certamente, ovviamente, inopinatamente, insubordinatamente, insespasmedesticamente, utique.

In alcune occasioni il linguaggio è più informale. Celebre l'introduzione di "Vivere felici" di Goffredo Brosio:

Wikiquote.png
«Ehi, amico. Come butta? Tempi duri, lo so bene! Ma io sono tuo amico e ti aiuterò a superarli! Guardati allo specchio! Sei bello! Anzi, devo dire che ti invidio... Insieme supereremo i problemi. IO SONO UN TUO AMICO. IO TI CONOSCO E POSSO AIUTARTI. TI VOGLIO BENE.»

[modifica] Il contenuto

Non indispensabile, molti psicologi frivoli ne fanno benissimo a meno.

Fabrizio Rezzi Pompardoni, nel 1982, dichiarò che il messaggio doveva essere abbastanza superficiale da non soddisfare il lettore se non avesse almeno acquistato un altro libro.

[modifica] Voci correlate

StellaWoSArticoli.png

Questo articolo è entrato nella
Walk of Shame Articoli
in data 5 dicembre 2011
con 17 voti a favore su 18.

Strumenti personali
wikia