Leone il cane fifone

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Leone cane fifone

Leone sorpreso durante una seduta di Fist fucking

Logo di Wikipedia sballonzolante
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Leone il cane fifone
Quote rosso1 Stupido cane! Quote rosso2

~ Giustino a intervalli regolari di 20 secondi emmezzo
Quote rosso1 This is radio Nowhere, is there anybody alive out there? Quote rosso2

~ Radio Nowhere, la principale radio di Altrove

Leone il Cane Fifone è un cartone animato ideato dalla mente dell'attuale imprenditore immobiliare John R. Dilworth. Questo cartone fu pensato per insegnare ai giovani bambini a combattere i propri incubi, a diventare ogni giorno più forti, a capire l'importanza del coraggio e a maltrattare il proprio animale fino a costringerlo ad abbandonarsi da solo in autostrada.

[modifica] Trama

Leone è un cagnetto rosa che dopo essere stato abbandonato dai suoi precedenti padroni, viene trovato in mezzo ai rifiuti da due vecchi della casa di riposo lì di fronte di nome Marilù e Giustino.[1]
I due portano il cane bipede in una cittadina sperduta in mezzo al deserto, ostracizzata dal resto del mondo: Altrove. Qui ogni petosecondo avvengono fenomeni paranormali tali che al confronto pare che Edgar Allan Poe scriva barzellette e che Stephen King sia lo sceneggiatore di Un medico in famiglia. In ognuno di questi fenomeni paranormali la povera Marilù è quella che subisce il maggior numero di danni: la appendono a testa in giù, le rompono una rotula, le bruciano la casa, viene presa a schiaffi, le sparano nel fegato e le fanno venir la tosse,[2] ma nonostante ciò Marilù dimostrerà il suo disappunto esclamando un semplice e sterile "Oh cielo!".
In tutte queste circostanze Leone dimostra anzitutto la sua gaiezza giocando a sciarada con Giustino, il quale, penalizzato da un QI estremamente ridotto a causa del cranio pelato nel quale forse sguazza qualche pesce rosso, lo manda gentilmente a cagare.
Allora, e solo allora, dopo essersi svenato a urlare fino a farsi uscire gli occhi di fuori, a pregare tutti i santi del calendario, a fare riti voodoo, il nostro cagnetto si fa spuntare finalmente le palle e corre a salvare la vecchia proprio mentre stanno per iniettarle il germe che fa venire l'influenza, grazie a una trovata geniale migliore di quelle di Einstein e Paolino Paperino messi insieme.
A questo punto il cattivone smamma dalla scena e tutti tornano alle loro noiosissime mansioni facendo finta che nulla sia mai successo, proprio come a Napoli.

[modifica] Personaggi sfigati

Vecchio

Giustino in gioventù (1890 circa), notare la presenza di capelli e l'assenza di occhiali e cappello.

  • Leone (detto Ehi, ma questo cane ha un nome da uomo) : cagnetto rosa di cui sopra, probabilmente un incrocio tra un bastardino e una melanzana. La sua peculiarità è possedere un corpo fatto di materia polimerica, forse terital, che gli consente di trasformarsi in qualsiasi cosa. È in grado di produrre urli talmente lunghi da far invecchiare persino Rita Levi Montalcini e da assordare l'intero pianeta Terra.
  • Marilù (detta "Mauriella"): tipica vecchietta che fa le normali attività di una qualunque vecchietta di paese: stende i panni, cucina, guarda la TV e viene ripetutamente rapita dagli alieni. È campionessa internazionale di "Lancio-del-mattarello-sul-cranio-del-marito-deficiente".
  • Giustino (detto Ehi, ma quest'uomo ha un nome da cane): contadino attempato dall'età impronunciabile [3]. Il suo hobby preferito e ragione di vita è chiamare Leone "Stupido cane". Se la sua amata moglie viene rapita dagli alieni lui semplicemente se ne frega. Le altre sue ragioni di vita sono il money; il suo furgone, che ama molto più della moglie; spaventare Leone con una maschera africana rubata a Papu Papu e starsene parcheggiato sulla sua poltrona davanti alla televisione. La Mediaset e la Rai ringraziano Giustino per questo.

[modifica] Nemici

Al confronto i boss di Crash Bandicoot sono seghe.

  • La volpe strabica che si mette gli occhiali: uscito direttamente da Paint con forme spigolose d'eccezione, è un patito di cucina afro-indù, cioè è un cannibale visto che vorrebbe tanto mangiare la povera Muriella.
  • Il gatto deficiente che ogni volta che compare c'è la musichetta: altrimenti detto Mr.Katz. Al contrario della VSCSMGO (perché "Volpe strabica che si mette gli occhiali" è troppo lungo), è uscito da Photoshop.
  • L'insozzatore bastardo: altrimenti detto Conway.
    Un tizio con la faccia a forma di mento a culo, che dichiara di avere 200 e pi greco anni ed è convinto che il rimedio per l'eterna giovinezza sia ricoprire le abitazioni di merda.
  • Il nerd senza alcuno scopo nella vita: compare solo per cagare il cazzo a Leone e provare su di lui gli ultimi rimedi scoperti dai Ricercatori Pampers, con effetti disastrosi.
  • Il papero francese: conosciuto come LeQuack, perfido e ricercato dalla polizia di mezzo mondo, mette in atto piani malvagi tra cui spicca il tentativo di rapina ad una banca svedese che custodisce il PIL degli Stati Uniti, il perché non si sa.
  • Piedone il grande: un piede. Un piede viola marcio di funghi parlante e criminale. È il piede infetto di Giustino che si è ingrandito fino ad inglobare lui stesso, e per dare un tocco di senso al tutto per essere sconfitto viene leccato completamente da Leone.


[modifica] FAQ YOU: Domande frequenti

  • Ma qualcuno si accorgerà mai che Nowhere significa "Da Nessuna Parte" e non "Altrove"?
  • Ma come cavolo fa la casa di Leone ad essere tutta intera in ogni puntata in quanto viene regolarmente distrutta in ogni episodio?
  • Uscirà mai in edicola un dizionario di leonese per capire frasi del tipo "arhgfjgfjiajoahfnblblerjkg", da lui costantemente pronunciate?
  • La DIL farà mai concorrenza alla ACME?
  • Giustino capirà finalmente che senza Leone lui sarebbe già morto senza rotule da un pezzo?

[modifica] Note

  1. ^
    Wikiquote
    «Ma cosa pensavano i genitori mentre gli davano questi nomi?»
    (L'ultima puntata di Voyager)
  2. ^ Una volta una vecchietta con due teste la trasforma in una coperta, usando i ferri da calza. Ma dove le prendono simili idee?
  3. ^ Valenti scienziati pensano che non sia un numero finito.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
FANDOM