Lene Marlin

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1.png Sono triste. Quote rosso2.png

~ La mamma di Lene Marlin
Quote rosso1.png Certo, sarebbe bello se fosse tutto bello. Quote rosso2.png

~ Mamma della mamma di Lene Marlin
Quote rosso1.png Soffrire è bello. Quote rosso2.png

~ Mamma della mamma della mamma di Lene Marlin
Quote rosso1.png Non capisco tutto questo pessimismo. Quote rosso2.png

~ Giacomo Leopardi su Lene Marlin
Quote rosso1.png Le mie canzoni non sono tristi, sono gli altri che hanno troppa voglia di vivere. Quote rosso2.png

~ Lene Marlin sulla sua produzione artistica
Lene Marlin.jpg

La solare Lene guarda con occhio ottimista al domani

[modifica] Genesi

Vittima di un'indigestione di grasso di balena da parte della sua disturbata genitrice, Lene Marlin nasce il 14 luglio 1789, non in Francia come tutti voi segretamente speravate, ma in un fiordo sperduto della Norvegia i cui unici abitanti dotati di intelligenza superiore forse non sono mai esistiti. A 6 mesi il Vichingo di Ljukendorg, celebre eroe della mitologia nordica di cui conosceremmo l'esistenza se qualcuno si fosse degnato di scrivere le sue eroiche gesta, compare in sogno alla mamma di Lene Marlin annunciandole che sua figlia sarà il Marco Masini dei norvegesi, e nel farlo si tocca ripetutamente. Dopo essersi consultata coi saggi dei dintorni, e non averne trovato neanche uno, la mamma di Lene decide di fare finta di niente, errore che le costerà la partecipazione alla nona edizione del Fiordo dei famosi. A 3 anni la piccola sanguinaria Lene uccide la sua prima balena a mani nude. Nonostante viva in uno dei paesi più felici del mondo, secondo per esposizione ai raggi solari solo all'Etiopia e meta delle vacanze più ambita dopo Ibiza, Lene cresce con un'insana voglia di uccidersi le cui ragioni, secondo gli esperti, non si troverebbero nella sua oleosa capigliatura che i proprietari dei baracchini di pesce fritto della riviera romagnola tanto le invidiano. L'incontro fortuito con l'uomo delle nevi , rifugiatosi in Norvegia per sfuggire ai numerosi fan che lo volevano tronista da Maria de Filippi, potrebbe cambiare per sempre la vita della noiosa Lene, ma per ragioni ignote la cosa non avviene. Celebri studiosi di cui ora non ci sovviene il cognome hanno compiuto numerosi e altrettanto celebri studi sull'esistenza di questa tormentata ragazza, ma non sono giunti ad alcuna conclusione sul perché sia così sfigata.

Bambina sorridente.jpg

La giovane Lene dopo aver sbranato uno yak

[modifica] Carriera

Dopo aver passato due secoli a nutrirsi di bacche e a intrattenere rapporti incestuosi con le renne di Babbo Natale, la non più giovane e innocente Lene decide di darsi alla musica. Essendo la tradizione musicale della Norvegia rinomata per composizioni strumentali ispirate al ritmo di accoppiamento delle balene, la non più bella Lene riesce a vincere il Festival dei Fanoni di Strykidik, rinomata cittadina norvegese celebre per i 6 metri di neve perenne che la ricoprono. La gioia per questa vittoria è talmente tanta che Lene decide di tagliarsi l'arteria della giugulare durante una cerimonia sacrificale al Dio Balenottero, ma siccome i Norvegesi sono molto più fighi di noi invece di morire la non più sanissima Lene si ritrova per magia trasportata al Festivalbar dove i suoi rantoli di dolore vengono scambiati da un pubblico estremamente competente per la Nuova Hit dell'estate ed è così che Lene raggiunge il successo, mentre dietro le quinte Nelly Furtado cerca inutilmente di farle un rito voodoo. Invitata a parlare di sé da quei fighi di Mtv la titubante Lene entra negli annali della Tv del dolore dopo che un clamoroso attacco di panico la costringe a rifugiarsi nei dreadlocks di Marco Maccarini e a farsi intervistare da una gelosissima Giorgia Surina in quell'invidiabile posizione. Successivamente di quell'esperienza Lene non ricorderà niente se non "quello sgradevole prurito che poi ho scoperto essere parassiti della pelle, meglio noti al pubblico come pulci".

[modifica] Singoli

  • Uauauaua uaua uaua (canzone per la mia migliore amica)
  • Troppi sorrisi fanno venire le rughe
  • Sono seduta qui, ma tu fai finta di non vedermi e in fondo non ti ho mai cagato troppo neanche io, ma non per questo la cosa non mi ferisce a morte
  • Moriremo tutti, ma io sono quella che soffrirà di più
  • Odino, Odino perché mi hai abbandonato?

[modifica] Curiosità

  • Lene Marlin ha uno spazzolino da denti lungo 50 cm.
  • Le amiche di Lene Marlin sono tutte morte prima dei 20 anni.
  • In Norvegia, se Lene Marlin ti attraversa la strada sono 7 anni di guai.
  • Odino è meno figo di Dio perché Lene gli ha dedicato una canzone
  • Secondo un celebre motto norvegese, è "meglio un morto in casa che Lene Marlin alla porta".
  • Lene Marlin ha fatto un provino per fare la voce femminile degli Aqua, ma la Mattel, già in perdita per via delle Bratz, ha pagato fior di bastoncini Findus alla ragazza per rinunciare.
Strumenti personali
wikia