Leggings

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Gnocca a 90 che fa yoga.jpg

Leggings Capri o tutina da palestra? Alzi la mano chi gliene frega qualcosa.

Quote rosso1.png Che sia subito eretta una statua in suo onore!!! Quote rosso2.png

~ Ogni uomo su inventore dei leggings

I leggings sono un'ottima scusa per non depilarsi e il modo migliore per dire a tutti che avete la cellulite.

Il D.Lgs 192/2007 vieta alle donne sopra i cinquant'anni, sopra i cinquanta chili e sopra i cinquanta cm giro caviglia di indossarli, pena 18 mesi di lavori socialmente utili chiuse in casa senza farsi vedere in giro per consentire agli involontari spettatori di riprendersi dal trauma. Ma fatta la legge trovato l'inganno, per cui per la strada è pieno di vecchie, ciccione e Valeria Marini che dicono che non stanno indossando i leggings, ma dei collant.

[modifica] Da dove vengono

Lanciati negli anni cinquanta da Audrey Hepburn, la donna con i fianchi a scalino e la vita più stretta del XX secolo, e tornati di moda solo perché è tornata di moda lei, anche tra bimbeminkia che credono sia una marca di borse, si diffondono negli anni ottanta con il nome un po' retrò di fuseaux.

Quote rosso1.png Che figa che sei con i fuseaux Quote rosso2.png

Quote rosso1.png Si chiamano leggings, testa di minchia Quote rosso2.png

Cicciona con le amiche.jpg

Esemplare femmina con leggings Fold Over e fuoriuscita di tanga.

Ha così purtroppo inizio la corsa indiscriminata a metterli in mostra, anche da parte di bambine minorenni, nonne minorate e orribili grassone, tanto che a metà anni novanta la moda è costretta infine a ritirarli dal mercato per inflazione, in attesa che le specie suddette si estinguano per morte naturale. Così, facendo finta di nulla, nel 2006 Max Mara li ripresenta, ma facendo attenzione a chiamarli leggings, così che magari le ciccione non se ne accorgano.

Ma mai sottovalutare l'acredine di una cicciona, soprattutto di una cicciona con le tette rifatte, la tinta bionda e la figlia zoccola, che difatti appena 12 mesi dopo se ne accorge e ricomincia a provocarci conati di vomito in centro il sabato pomeriggio. Di qui il decreto legislativo suddetto.

Quote rosso1.png Lei è in contravvenzione: sta indossando leggings nonostante il coprifuoco Quote rosso2.png

Quote rosso1.png Ma non sono leggins; sono i pantaloni di mia figlia e mi vanno un po' stretti Quote rosso2.png

~ Mamma sovrappeso

[modifica] Altrimenti detti

I leggings, con la G davanti alla S, altrimenti non siete solo delle grassone ma anche degli ignoranti, chiamati "fuseaux" ormai solo più dai tamarri, sono detti anche "pantacollant", o anche solo "collant", se li indossate senza coprirvi il culo.

[modifica] Come si indossano

Ragazza che vomita.jpg

Questa ragazza ha voluto mettere i leggings con gli stivali, contravvenendo alle leggi di Max Mara e venendo quindi punita con una vomitata indotta a distanza.

Secondo le originali e tassative disposizioni di Max Mara, i leggings andavano indossati con vestiti corti, minigonne e tacchi alti, in modo da far arrapare i maschi quel tanto da vendere di più, ma soprattutto, disposizione non transitoria ma definitiva N.8, coprendo il culo!

Col passare delle settimane però ai sandali e alle décolleté si sostituiscono gli stivali, le ballerine e gli anfibi, per venire incontro alla clientela più miserabile. Quindi iniziano ad accorciarsi i vestiti: incominciano a vedersi lembi di chiappe, poi interi glutei e infine il culo vero e proprio, mentre il vestito che li copre lascia via via spazio alle magliette, ai top e all'immaginazione.

Quote rosso1.png Ehi figa, ti si vede tutto il culo Quote rosso2.png

Quote rosso1.png Altrimenti mettevo la gonna no? Quote rosso2.png

Tutto ciò fa molto piacere agli uomini, ma anche alle fighe. Almeno finché non arrivano loro: le ciccione disperate, e le vecchie.

Quote rosso1.png Ti prego! Copriti! Copriti il culo! Quote rosso2.png

Quote rosso1.png Ma si mettono così! L'ho visto da Maria[1]! Quote rosso2.png

[modifica] Modelli di leggings

Se a questo punto avete un bel sedere, un peso sotto il quintale e un'età non ancora abbastanza alta da volervi vestire come vostra figlia per far colpo su un tamarro allupato, ecco per voi una carrellata di leggings da andare subito a comprare da Zara. Se invece non rientrate nelle sopracitate misure di sicurezza, andate a comprarli su internet, così evitate di farvi vedere.

Caso umano checca.jpg

Truzzo con un paio di Defloral rubati a sua sorella.

  • Basic: quelli normali; potete chiamarli anche fuseaux.
  • Liquid: quelli che sembrano di pelle, ma che in discoteca tendono a liquefarsi dopo il quarto chupito e la quinta manata sul culo.
  • Metallic: quelli che sembrano metallizzati, come la Punto del vostro ragazzo.
  • Cotton: quelli che sembrano di cotone, ma in realtà sono di polyestere, spandex e mutande riciclate.
  • Fold Over: stretti in alto e larghi in fondo, come le donne che di solito li portano.
  • Retro: quelli fantasia che paiono disegnati dal figlio etero di Andy Warhol; i preferiti dai ricchioni.
  • Animal: quelli per balene e vacche.
  • Army: quelli mimetici, per nascondere la buccia d'arancia.
  • Bell Bottom: a zampa di elefante, per donne delle stesse dimensioni.
  • Yoga: quelli per quando dite al vostro ragazzo che andate a fare yoga.
  • Senza cucitura: quelli che vi modellano il culo così bene che è un peccato coprirlo; potete appunto chiamarli collant.
  • Baggy Harem: quelli con le tasche, per infilarci i soldi del magnaccia.
  • Lace: i vedo-non-vedo da indossare senza mutande, per quelle che non vedono l'ora.
  • Capri: quelli appena sotto il ginocchio, utili se siete depilate o se avete l'acqua in casa.
  • Children: quelli che di solito indossano le mamme o le donne incinte.
  • Galaxy: per chi ha un Samsung.

Tranquilli, stanno per finire, nel frattempo datemi la MasterCard.

  • Floral: con i fiori e i due di picche.
  • Defloral: i preferiti di Lolita.
  • Plush: di nylon, così attillati che sembrano calze di nylon, comunque calze.
  • Sexy: così sexy che potreste indossare i leggings e nient'altro.
  • Latex: quelli che sembrano di gomma, che potete quindi farvi masticare.
  • Denim: quelli che sembrano jeans, ma non sono pantaloni eh!
  • Shorts: per le ragazze che non sopportano troppa stoffa sulla pelle.
  • Tie Dye: quelli che vostra madre ha schiaffato nella candeggina scambiandoli per slip un po' più lunghi.
  • Ripped: quelli tagliati, squartati e asportati degli organi.
  • Tattoo: tatuati direttamente sulla pelle.
  • Bamboo: solo per le grandi occasioni.
  • Badoo: solo per chattare.

I prezzi vanno da un minimo di 4 euro dei leggings allargati di vostra madre rivenduti su eBay, a un massimo di 400 euro dei leggings di Cartier con diamanti e modella dentro. Più IVA. Ah, dimenticavo:

  • Meggings: i leggings da uomo. Va beh, si fa per dire.

[modifica] Controindicazioni

Se li indossate senza mutande sappiate che si vede tutto e si verifica il fenomeno soprannaturale del camel toe[2]. L'unico modo per evitarlo, e per poter continuare a non mettere le mutande, è non depilarsi lì per almeno sei mesi, cosa che provoca invece il fenomeno peluche di Winnie the Pooh.

[modifica] Note

  1. ^ De Filippi
  2. ^ Zoccolo di cammello
Le catastrofi che affliggono l'umanità

Persone e/o Animali Entità, siti e oggetti Inclassificate/Inclassificabili/Squalificate
Clicca su una categoria per espanderla.
Strumenti personali
wikia