Legge Bossi-Fini

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Brunetta dormiente
Quote rosso1 Figliolo, una volta qui era tutta campagna elettorale! Quote rosso2

Quest'articolo parla di Politica, quindi se non ti piace ciò che c'è scritto riceverai un vitalizio di 3000 € mensili netti. O più probabilmente verrai additato come un qualunquista e nessuno si interesserà di te. Buona lettura!

Deputato fa gesto delle corna
Ominobianco

L'Omino Bianco, l'ispiratore della legge Bossi-Fini.

Quote rosso1 In poche parole? Se non hai lavoro, niente permesso di soggiorno; se non hai il permesso di soggiorno, niente lavoro. Quote rosso2

~ Gianfranco Fini su Legge Bossi-Fini.
Quote rosso1 Garantiamo a tutti il diritto di entrare clandestinamente! Quote rosso2

~ Corteo su Legge Bossi-Fini.

La legge Bossi-Fini, nota anche con il suo sottotitolo di e mo so’ cazzi vostri, è il cardine della legislazione italiana sull’immigrazione.

[modifica] I principi guida

Scritta nel 2000 dai rispettivi criceti di Bossi e Gianfranco Fini, fu approvata nel 2002 dal Governo italiano congiuntamente al Decreto Legislativo Pacciani-Stevanin per la violenza sulle donne, che ne condivide appieno lo stile e la filosofia giuridica di fondo.

In sostanza, si tratta di un provvedimento finalizzato a scoraggiare il turismo “mordi e fuggi” nelle città d’arte del nostro Paese e a disincentivare la creazione di una lassista atmosfera multietnica da spot benettoniano nelle aziende di gommaplastica del vimercatese e nelle concerie venete.

[modifica] Un'autorevole opinione

Ballerine

Il reparto produzione di un'azienda di gommaplastica brianzola prima dell'applicazione della Bossi-Fini

Come si legge in un editoriale dell’epoca pubblicato sull’imparziale quotidiano Libero, la legge Bossi-Fini è nata per scongiurare pericoli estremamente concreti:

Wikiquote
«Di questo passo le nostre floride aziende del Nord saranno piene di islamici che vorranno stare a casa il venerdì e lavorare la domenica rifiutandosi di fare straordinari non pagati e dormire la notte all’aperto sui sacchi di cemento; e meno male che a mettere a posto gli ebrei e il loro sabato qualcuno ci ha già pensato con lungimiranza tempo fa, altrimenti ci ritroveremmo anche loro. [...] Ci sono poi i negri, che più saranno e più non faranno altro che ballare in fabbrica al ritmo delle presse cercando di scoparsi tutte le segretarie e inquinare la nostra razza. [...] Tutto questo mentre i cinesi si cloneranno in continuazione con il benestare di Bin Laden e i bamba della sinistra staranno a guardare, imparando a cucinare il cous-cous al posto della polenta dopo aver acceso un cero a Fidel Castro. Complimenti»
Fotografia mensa

Il reparto produzione della stessa azienda dopo l'applicazione della Bossi-Fini

[modifica] Le norme per l'ingresso in Italia

Ispirata ideologicamente dal Gauleiter di Treviso Giancarlo Gentilini e dall’Omino Bianco, la Legge Bossi-Fini sottopone la concessione del Permesso di Soggiorno in Italia ad alcuni semplici requisiti. Lo straniero aspirante residente in Italia si deve recare in Questura munito dei seguenti documenti:

  • Contratto di lavoro con retribuzione lorda di almeno 120.000 € annui
  • Certificato d’idoneità d’alloggio. Per “alloggio idoneo” si intende un attico di almeno 130 mq nel centro storico della città prescelta o, in alternativa, una villa monofamiliare con ampio giardino alberato.

Poiché gli immigrati provenienti dall’Africa (e in particolare dal Congo) sono solitamente ricchissimi e in possesso di questi requisiti economici fin dal momento d’ingresso in Italia, il legislatore ha posto delle condizioni aggiuntive:

  • Firma dell’Atto di sottomissione alla razza ariana e cessione di tutti i giacimenti di diamanti
  • Abiura dei propri genitori, che l’han messo al mondo lontano dal Faro Mondiale della Civiltà. Per Faro Mondiale della Civiltà s’intende il bagno dell’abitazione di Roberto Calderoli
  • Recita dell’”Atto di dolore” pentendosi del colore della propria pelle
  • Autorizzazione all’espianto di organi da vivo (in particolare le “fette di culo”) in caso di necessità espressa da membri del Governo o da autorevoli esponenti del mondo imprenditoriale

[modifica] Le norme per chi già vive in Italia

Bossi-Fini

Prova a fermarci, ora!

Oltre agli aspianti residenti, la legge si occupa naturalmente anche degli stranieri che già vivono in Italia per i quali sono previste periodiche campagne di sterminio denominate “regolarizzazione dei flussi”.

Durante questo periodo, gli stranieri devono mettersi in coda almeno per 4 giorni e 5 notti davanti al più vicino ufficio postale seguendo le istruzioni pronunciate al megafono da un funzionario ministeriale, il quale, con cadenza imprevista, lancia ordini quali “ora tutti su una gamba sola, la sinistra!” oppure “ora fate due saltelli sul posto”: chi esegue l’ordine in ritardo viene condotto in fondo alla fila dalle camice verdi che fungono da servizio d’ordine.

I superstiti (in media il 15%) che riescono a entrare in Posta al termine della campagna consegnano la loro domanda di regolarizzazione a un solerte impiegato che provvede immediatamente a cestinarla e a rispondere a eventuali obiezioni del candidato residente pronunciando invariabilmente la frase: “documenti? Quali documenti? Lei non mi ha consegnato niente, io non la conosco né l’ho mai vista, avanti il prossimo”.

I Permessi di Soggiorno vengono dunque concessi a stranieri estratti a sorte dalla sig.ra Marisa Lojacono, addetta alle pulizie serali del Viminale, e stampati con inchiostro simpatico, che rende illeggibile la data di scadenza due giorni dopo la concessione facilitando in questo modo il compito delle forze dell’ordine. I franchi tiratori in Parlamento sono finora riusciti a bloccare l’emendamento “2013-La Fortezza”, detto anche Himmler-Borghezio, che propone l’installazione in ogni immigrato di un microchip sottopelle che esplode alla scadenza del Permesso di Soggiorno.

[modifica] Voci correlate

StellaWoSArticoli

Questo articolo è entrato nella
Walk of Shame Articoli
in data 31 ottobre 2007
con 9 voti a favore su 9.

Strumenti personali
wikia