Lega Lombarda

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Bossi approva questo articolo!

Il Senatùr è felice di avere tanti alleati nella lotta contro i terùn, quindi molto probabilmente lascerà in vita il tuo cane comprato in un allevamento in Terronia (se se...)

Leghista cornuto

Un ambasciatore della Lega Lombarda in abiti cerimoniali

Left 4 Dead - Parodia con politici

I quattro cavalieri della Lega, pronti a curare l'immigrazione

Quote rosso1 Legalizzatela! Quote rosso2
~ Attivista lombardo sulla Lega Lombarda

La Lega Lombarda (o meglio Lumbarda, perché noi siamo orgogliosi de le nostre urigini, eh!) è stata 'na roba che l'han fatta i padani del Medioevo per fermare le invasiuni degli slamici e dei todèschi, che già a quèl témpo vulevano mica stare a casa loro, no!, c'avevano per fòrsa da rompere le balle a la gente che la lavora, per prendere i loro soldi e rovinare la libertà del popolo. È stata anca el preludio de quèl moviménto de liberasione nasiunale de tuta la Lombardia, da Borgo Ticino fino a Desenzano che pòi c'ha avuto un po' di sfortuna a vegnir fuori ma che adèsso vedete che ce la facciamo, perché la nostra cultura l'è troppo elevada e superiura a quèla dei Taliani perché noi stiamo ancora con loro.

[modifica] Il sénso de un nome

Prima de tuto, 'sa vuol dire lega? Ciuè, tuti noi savemm che lega l'è un nome che gh'entra cun la politiga quanto un africano cun le nostre terre: pròppi nient. Quèsto perché lega l'è 'na paròla de la chimega che la reguarda robe tipo la fusione dei metalli e quelle robe là. Da ciò el deriva che i fondadur de la Lega Lombarda ghe tegniven a sottolineare che loro, in d'un periudo in cui erano tutti fissati cun quèle menate dell'amor cortese e balle simili, prima di tutto studiavano e conoscevano la chimiga, e che soprattutto, in amore i naven dritti al sodo e che inoltre ghe l'aveven dur come 'l metall. Anzi, come più metalli legati vun a l'alter.

[modifica] Storia de la Lega

Castelli

Un mosaico della cattedrale di Crescenzago rappresenta uno dei principi longobardi, Ruperto Castra, mentre arringa le masse.

[modifica] 'Sa l'è che l'è succeduto a l'inisio

Alura, prima da mèttersi a parlare de le robe che l'ha fato la Lega c'è da parlare un po' de le cose che sono succedute prima, perché poi sennò se capiss pù nagòtt. Dunque, stavamo dicéndo che tanto tempo fa in Lumbardia (che tra l'altro, diciamolo, l'era PIÙ GRANDE DI ADÈSSO, NEH! PERCHÈ C'ERA ANCA TUTO EL PIEMONTE E UN SACCO DI VENETO ED EMILIA RUMAGNA, T'HEET CAPII? Che poi c'han rubato tutto, quei bastardi!), dopo che le popolazioni cèltiche da cui discendiamo noi erano state invase dai rumani, poi erano state liberate da l'intervénto de le tribù todesche. Però quèli là non avevano mica capito che se uno ti dice che puoi venire a invadere una volta vuol mica dire che poi alura puoi farlo tute le volte che vuoi: quèli là quindi son vegnudi giò a invadere la Lumbardia un fracco de altre vòlte: e ci son stati gli Ostrogoti, e ci sono stati i Longobardi (che tra l'altro c'hanno ciulato il nome, furbètti, con quèle loro mani sporche perché non si lavavano!), e ci sono stati i Franchi... una roba che la finiva più! Poi, per fortuna, hanno deciduto di lassà perd per un po' di témpo, e quindi finalmente i lombardi han potuto urganizarsi come voreven. Così han fatto su una cosa ciamada comune, che non sono quèle robe che fanno gli hippie e i drugati in mèso a la campagna, cun le ténde, e l'amore libero e la fradelansa eccetera, eh! I comuni erano de le cità dove la gente s'alsava la matina, l'andava a lavurà, si spacava la s'cena tuto el giorno sénza neanche quèle balle lì dei sindacati, e pòi turnava a casa a la sira tuta conténta perché sapeva d'aver fato vargòtt de bon.

Insomma, le cose andavano béne, no? Però 'spetate, è ancora prèsto per finire 'sta stòria: infatti a quèl témpo, méntre la Lumbardia l'era un'oasi de pace e prusperità, tuto inturna c'erano un fracco di guèrre e de cuspirasiuni politiche, di quèle cose che sèrvono dumà e confondere la génte onèsta che lavura e che de sentì parlà de robe cumplicade ghe ne fréga pròppi nient. Tra i vari prublemi che c'erano, c'era quèllo de la lotta tra il Papa, che se truvava a Roma, e l'Imperadùr del Sacro Romano Impero: Romani contro Romani, praticaménte, quindi noi 'sa l'è che c'entravamo? 'Spètta che adèsso te lo dico! Si sa che i Romani e la génte de la Bassa Italia non sono conténti se non fanno un gran casino e non si mèttono a urlare mamma mia! e a sonà el mandolin e tute quèle balle lì, quindi han pensaa che la saria stata una cosa divertenta tirare in mèzzo anche chi c'entrava niénte.

A buon conto, el primo segnale che i Rumani ghe l'aveveno cont el nòster pòpol l'è stati quèllo che l'imperadùr l'ha cunsegnato al Papa un padano per farlo brusare a Roma: l'Arnaldo da Brescia. Le mutivaziuni sono state che quèll'Arnaldo qui l'era un eretico, però l'è ciaro a tuti che vurevano soltanto punire un figlio del Nord che s'era opponuto alle tasse di tutte le Rome: pòi, cèrto, predicava il ritorno al culto di Toutatis e di Belisama, ma quèsto vuol mica dire che sei un eretico, neh!

Ora, visto che poeu noi Lombardi ciapiamo sempre i decisioni in frèta, abbiamo scominciato a pruvucà, inscì, per schèrso, quèl magnacrauti de l'Imperador e ghe avemm dii Uei, muchela di spaccare le balle!. Quèlo là, una specie de intulerante che 'l sopportava nò la minima critiga, l'è scenduto giò cont un esèrcito e l'ha tirato giù Milano. Ciuè, t'heet capii? Milano è stato distrutto! E ci ha anche robbaa un fracco de robe che ci avevamo qua, tipo le ossa dei Re Magi, lo sturalavandini di Sant'Ambroeus e 'l pedrioeu del Teodosio! Ma ròbb de matt! Ciuè, l'è pròppi il caso de dire che Roma ladrona non è mica domà una leggénda!

Comunque, a buon conto, i Milanesi sono génte che la se scoraggia nò, mica come gli Ebrei che gli han tirato giù il Tempio e non l'hanno tirato ancora su in piedi, ma vanno là soltanto a piangere sul muro e fanno tutte le loro sceneggiate napoletane (d'altronde, saranno mica Arabi o Terroni, ma son sempru popoli del Sud del mondo, e quelli là non sono civilizzati, poverètti), no! I Milanesi sono génte operosa, che appena l'ha poduu la s'è tirada su i manighe e adasi adasi l'è riussito a rimèttere a pòsto le robe méglio de prima, anca grazie ai alter popoli de la Lombardia che ci han dato i danee per sistemare tuto. Però urmai l'era ciaro che no se podeva 'nà innanzi in quella manera chì.

[modifica] El giurament de Pontida

Borghezio4

Il convegno di Pontida in un dipinto del XIX secolo

Cioè, di fronte a de le pruvucazioni del génere chi l'è che non si sarèbbe preocupato, eh? Nissun! Inscì, i rapresentanti de tute le cità lumbarde se sun radunate a Puntida, che l'è tipo là, ciuè, visin a Bèrgamo, e si son mettuti a discutere de le minacce che i Rumani de tutt el mond erano dietro a fare al povero popolo lombardo. E ce ne erano alcuni, che probabilmente vegnivano da la Bassa, perché se sa che gent de la Bassa, ona gran brutta razza (sono i Lombardi più vicini a la Terronia, d'altronde) che disevano che forse l'era meglio alearsi con quèi Rumani qui, che così magari non avevano più problemi.

Ma a cuntrastare 'ste stupidade s'è alzato uno, che l'era proprio l'Alberto da Giussano (quèllo che in quèl capolavoro di film che hanno fatto adèsso, lì, coso, Barbarossa, è interpretato da un Ebreo), che ha fatto quel discorso qui:

Wikiquote
«Ma guardi, per mè, non c’è una ra, se ci, se ci, se c’era la péna di mòrte, da darla a quèlli che vanno in giro a far fare, lasciamo, cèh, per non usare le ròbe volgari, a fare i bisognini per tèrra. Che uno ésce, che ha lavorato tutto il giorno, che è in giro a fare, a fare ballare i piédi, e si tròva lì, e si tròva il regalino del, del Signor Tal dei Tali, del Lante della Rovere, del, del, del Savòia ch’el gh’ha el cagnolin, e io ciàchete éntro nel, nel suo, scusa, negli escreménti, scusate, perché le còse van dètte: negli escreménti!»

'Sto suo parlare l'ha 'ntusiasmato tuti quanti, che dunca han deciduto de far sù 'na lega per unirsi contro 'sti qua che vegnen chì da noi e pénsano di podè fà tutt quell che voeuren senza frontare le conseguénze, e che oltretutto sono anca foresti. Quèlla lega qui l'è stada ciamada Lombarda. Un qualche stòrico comunista l'ha dètto che dei Lombardi che fan sù 'na lega e che la ciamano "Lombarda" non è che siano tanto originali, però quello là non capisce mica qual era il sénso di 'sto nome: ciuè, mètti che c'era un'altra lega al témpo che la c'aveva un nome strano, magari pòi la génte la sconfondeva voeuna con l'altra e poi si capiva più nagòtta, quindi i Lombardi han fatto béne a specificare.

I primi atti che la Lega l'ha fatto per marcare la sua specificità e la sua autunumia sun stati 'sti qui:

  • Eliminasiune del Latino come lingua ufficiale de la Gesa, dell'istruzione e della leteratura, e sua sostituzione con le lingue lucali, che bisugna perservarle.
  • Custituzione de una serie de corpi citadini atti a cuntrulare el teritòrio e guardare se ci sono mica degli stranieri irregolari, tipo dei tedèschi o peggio, dei Veneti.
  • Na pruposta di legge al parlaménto imperiale di federalismo fiscale per le culture autoctone, cun l'intenziun de rivare anca al federalismo de tipu ministrativo.
  • Creasiun del Parlamento Imperiale, perché avevano scopèrto che l'esisteva mica (che arretrati, 'sti crucchi, neh!).

Quando che l'imperadore l'ha sentuto del coraggio del popolo lumbardo, invece di ammèttere la proppia palése inferiurità, l'ha deciduto, sénsa pensarghe sura gnanca troppo, da diciarare guèrra a quèlli che lui ciamava ribelli, pensate un po' che assurdità!

[modifica] La bataglia de Legnan

Logo Lega

Nel tempo libero, la Lega Lombarda s'impegnava anche in battaglie antiproibizioniste

Però quella roba qui che l'Imperadure si era s'cerato contra i Patrioti dei Comuni l'ha portato un qualcosa de pusitivo: l'altro capo dei Romani, el Papa, l'ha capito che èssere dei comuni voeur dì minga vess comunisti, e donca l'ha pensato che alura aiutarli in fundo in fundo l'era mica una cosa tropo sbajada. Quindi ci ha mandato ai capi de la Lega un messagio che diseva inscì:

Wikiquote
«Ahò, amici polentoni, io so' er Papa e ve vojo bbène, quindi annate da quer cojone dell'Imperadore e fateje er culo a strisce»

Quando che hanno sentuto che il Papa l'era con loro, e quando poi han leggiuto anca la lètera, e quindi han viduto che quello là parlava ciaro e nètto cume noi Lombardi, quèlli de la Lega sun stai cusì cunténti che ci hanno fundato 'na cità in sò onor. Quèla cità là in d'un primo muménto la s'è ciamada Adessyndruia, perché avevano lètto maa el nome (el Papa el sarà staa anche un buon papa, però el scriveva di mèrda), e l'è rimasta cun 'sta denominasiune per tipo trè seculi.

Fosse stato per loro, i Lombardi avrèbbero segutaa a far su città tutto il tempo, visto che è 'na roba che la pòrta del lavorare, però l'Imperadur Federico Barbarossa (meglio cognossuto perché parénte de l'òrco Barbablù, che bisognerèbbe farci la castrasiù chimega) l'è scenduto giò de noeuv per dare battaglia.

Battaglia medievale

La battaglia di Legnano: quello con le armi e l'armatura e che combatte è un famoso personaggio storico del tempo

Morale della favola, a un certo punto i due eserciti, quèllo dei buoni e quello dei invasùr, se sono incuntrati a Legnano. Chì, prima del sconter decisiv, l'Albèrto da Giussano l'ha voruto far sù 'n discurso ai suoi prodi soldaa.

Wikiquote
«Soldati di Milano, di Galliate, di Boffalora, di Cavenago! Fratelli miei! Vedo sui vostri volti lo stesso terrore che potrebbe esserci sul mio! Verrà un giorno in cui i popoli padani verrano assoggettati a un popolo di ladri, di democristiani e mafiosi, un giorno in cui le porte della Valsassina saranno aperte a orde di maghrebini; verrà un giorno in cui in paesi come Rozzano o Pieve Emanuele si sentirà parlare solo in Calabrese; verrà un giorno in cui i turisti di tutto il mondo, quando andranno in vacanza in Italia, se mai andranno al nord massimo massimo andranno a Venezia, e poi sempre e soltanto sotto il Po: ma non è questo il giorno! Ci sarà un giorno in cui il nostro popolo avrà come propri rappresentanti una massa di cretini coi fazzoletti verdi, comandati da un vecchio rincoglionito con un figlio che verrà bocciato tre volte alla maturità in una scuola privata di Tradate - ci credete? -, oppure da un ex dentista che fa leggi e poi le definisce porcate: ma non è questo il giorno! Quest'oggi combattiamo! Per tutto ciò che avete di più caro in questa nostra bella terra, io v'invito a resistere, uomini del Nord!»

A 'sto suo parlare nessuno però l'aveva capito niénte, inscì l'Alberto, che l'era un uomo pasiente e cont el coeur in man, c'ha avuto di ripeterlo in d'una maniera più semplice:

Wikiquote
«Rimandiamoli a casa loro!»

Chichinscì invece gh'è staa un boato d'apruvasione, e i soldati de la Lega se sono lanciati con coraggio e determinazione contro quegli altri là.

La bataja per un po' l'è stada un bel rebus, nel sénso che prima somigliava che vincèsse uno, pòi l'alter, insomma, era un gran bel rebelòtt. Ma a on certo pont si è sentudo 'no squilo de trumbe: finalménte l'era rivato il Carroccio, el simbolo de la Lega! Ci aveva impiegaa un po' di témpo a rivare perché l'aveva truvato on poo de coa sulla A4, che è inutile, ti puoi svegliare alle 4 de matìna e te la troeuvet comunque, sia che te vaghet vèrso Bèrgamo che vèrso Turin. Ma quando l'è rivato i òmen de la Lega s'hinn sentuu anche mò più forti de prima e i hanno venciudo, tanto che anche el Barbarossa, quell lì, l'è burlato giù del cavallo e c'ha avuto da scapare cun mèzzi de fortuna, tipo vestirsi da dòna. E l'è de quèsta cosa qui che l'è nassuda l'idea dei spetacoli de I Legnanesi del Felice Musazzi.

[modifica] Quèllo che l'è suceduto dopo

Be', cos'è che è succeduto dopo? In bréve:

  • Il Federico Barbarussa l'ha capito che invece de cumbatere i lumbardi c'aveva de farlo contro i musulmani, che sono quèlli là il vero prublema, però quando che c'ha provato l'è 'negato in d'un fiume cume 'n ciula.
  • El successùr del Federico, ci ha pruvato a fà tasè i comuni ma c'è mica riuscito.
  • Anca el successùr del successùr, che si ciamava anca lù Federico, ci ha pruvato, però lù ghe l'ha fada. Però poi l'Impero dopo un po' l'è scumparso, mentre la Lega l'è nasciuda di nuovo, quindi questo el voeur dì che abbiamo vinto noi. Tié!
  • 'Ste storie de l'indipendénsa e mica indipendénsa son piasude a tanti, tipo agli Scuzesi, che però han voluto mica pagare i diritti d'autore per l'idea perché si sa che quèlli lì son tuti tirchi, un po' come i Liguri (che, ricordiamolo, sono i terroni del Nord, loro e le loro mani unte di focacce).
  • Su 'sta roba qui de la Lega c'hanno fatto su anca un film che l'è 'na belèssa. Quindi, se te sei pigro e c'hai mica voeuja de legg quell articol chì, puoi anca scaregartelo e bòna lì.

[modifica] Varda anca

Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo