L'Albero Azzurro

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Sparta bambino.gif
ATTENZIONE!!!
Questo articolo tratta male quelle povere creature che sono i pampini!
Sappiamo tutti che sei un pedofilo, quindi non leggere o rischi di restarne sconvolto a tal punto da non avere più la possibilità di amare quei poveri e dolci orfanelli.
Dodò con sigaro e coppola.jpg

Ecco don Dodò fuori dal suo covo. Da notare lo sguardo carico di odio e morte.

Quote rosso1.png Ora prendiamo lo Scatolone Fabbricone e ci rolliamo un bel cannone. Quote rosso2.png

~ Empirio su droga

L'albero azzurro è un movimento terroristico che nasconde i suoi loschi traffici dietro la facciata ridente e felice di un magico mondo incantato. I suoi adepti sono nemici giurati del Fantabosco, di Antonella Clerici, dei Puffi, della carta igienica e dei capelli ricci o mossi. Il loro chiodo fisso è la conquista del mondo, che parte dalla manipolazione subliminale delle povere menti (inconsapevoli di tali scempi) di innocenti bimbi ormai narcotizzati irreversibilmente dai lontani anni ’80.

[modifica] Organizzazione

Albero azzurro.jpg

Il logo dell'organizzazione

Dell'organizzazione fanno parte tutti fedeli adoratori di molti santi e della madonna; il capo dell'associazione è il feroce Dodò (che gli amici chiamano per rispetto don Dodò), nato dalla fusione tra la plastilina Didò e la pornostar Ladà, ricercato dall'Interpol poiché colpito da una strana forma di varicella, chiamata Verdenella, che copre l'intero suo corpo di puntini verdi. Si narra che abbia un membro color celestino di proporzioni tale da far rabbrividire Rocco Siffredi (donde il nome sociale della cosca, albero azzurro). Dedito all'alcool e alla prostituzione, organizza nel famoso albero, covo della sua banda, sfrenate orge e coca-party a cui pare abbiano partecipato personaggi del calibro di Goku, Teletubbies, Giancarlo Giannini e Tonino Carotone. Il suo becco, nominato lo sventrapapere, viene usato per violentare i suoi sottoposti qualora non eseguano i suoi ordini. Spesso Don Dodò intrattiene rapporti d'affari con una famosa multinazionale terroristica: Mulino Nero.

[modifica] Personaggi

[modifica] Dodò

Dodò è il capo dell'organizzazione; essenzialmente è un artista del male, della sofferenza e della guerra. Scopo primario della sua esistenza è mandare all'aria i piani dell'Einstein del programma: Empirio.
Si dice che fosse solito evirare i traditori della famiglia con le forbici dalla punta arrotondata. Dodò da sempre terrorizza i bambini, riempendoli di cavolate, compiendo omicidi in diretta televisiva e bruciandogli 3 milioni di neuroni per ogni canzoncina che realizza.

[modifica] Empirio

Empirio dell'emporio questo il suo vero nome è uno scienziato pazzo sulla cinquantina che ha utilizzato il proprio nome (molto originalmente) per battezzare il suo laboratorio: l'emporio. Nel tempo libero si dedica al disegno di abiti, creando una linea di abbigliamento molto famosa "Empirio Armani". Empirio dell'Emporio nasce ad Imperia nel 1956 da mamma Egiziana e padre Ignoto, fin da piccolo veniva escluso causa maleodori corporei rilasciati nel aria, dalla sua intelligenza paragonata a quella di Enrico Papi : 2 e dai suoi esperimenti sugli animali. Fino all'età di 14 anni era un bambino preso in giro da tutti: Puffi, Pokémon, giocatori di poker e vecchietti da bar. Così decise di chiudersi in un albero insieme a Dodò un uccello gay che amava Empirio di nascosto,cosi i 2 incominciarono a spacciare e a farsi di acidi. Un giorno Empirio si tiro giù un mix letale di colla vinilica, detersivo, cocaina, rum nero e succo di avocado, lo trovarono morto mentre stava progettando un esplosivo per far esplondere la sede dell'ONU. Le sue spoglie si trovano nel Fantabosco accanto a quelle di Tonio Cartonio.

[modifica] L'emporio

L'emporio è una specie di bunker dove il suo costruttore Empirio si rintana per sfogarsi delle ingiustizie ricevute dal mondo intero per la sua bruttezza, tentando di distruggere il mondo e compiendo riti satanici.
Voci di corridoio sostengono che sia invece la distilleria personale di Empirio.

Broccoli-3.png

I broccoli, cibo preferito da Dodò, importante simbolo massonico a cui si ispira il logo dell'associazione.

[modifica] Fusacchio

Fusacchio è quella tipa cinese che spiega a don Dodò come si rollano le canne, come si fumano i bonghi e come si fa a nascondere bene la droga. Spacciatrice di calibro internazionale, ha una stranissima fobia per le forbici dalla punta arrotondata.

[modifica] Entrate

Per mantenere in piedi questa società Don Dodò si dedica a diversi traffici illeciti: un imponente giro di prostituzione, smercio di droga, traffico di armi e fermagli blu, ai quali Dodò non riesce proprio a resistere.

[modifica] Lo scatolone fabbricone

Nessuno sa realmente di cosa si tratti.
Gli unici documenti di cui disponiamo risalgono al 1378 e ci dicono che fu portato in Europa da un frate missionario al suo ritorno da un viaggio in Afghanistan. Il frate raccontò che gli afghani adoravano lo scatolone fabbricone come un Dio ma che temevano anche la sua immane potenza. Il frate lo donò al papa, ma questi, che considerava lo scatolone come figlio di Satana, decise di nasconderlo perché temeva che se fosse caduto nelle mani sbagliate avrebbe potuto causare la fine del mondo.
Ma lo scatolone riuscì a scappare dalla sua prigionia e decise di girare il mondo. Fece da manager ai Gazosa dal 1998 al 1999, ovverò durante tutta la loro carriera musicale. Finita la sua esperienza nel campo della musica conobbe Dodò in un localaccio dei bassifondi di New York e con lui fondò l'associazione a stampo mafioso - camorristico chiamata appunto Albero Azzurro.
Possiede straordinari poteri magici e si dice che sia stato lui il primo scatolone a mettere piede sulla Luna.

[modifica] Obiettivi

  • Conquistare il mondo, o almeno la provincia di Rovigo.
  • Far risorgere il fratello gemello di Dodò, Dudù, morto per mano della zio Dedè, sposato con la sorella di Ladà, la castissima Nonladà, che aveva una relazione con Lodò.
  • Distruggere il programma televisivo La prova del cuoco, per qualche motivo ancora a noi sconosciuto.
  • Far capire al mondo intero che in realtà L'albero azzurro, non è azzurro, ma è di colore blu-cobalto.
  • Ottenere il monopolio universale sul commercio di forbici con la punta arrotondata
  • Sistematica eliminazione degli emo
  • Distruzione del settimanale posseduto dal magnate Topolino
  • Generare una setta religiosa dedita al consumo di pongo per via orale e all'adorazione verso Germano Mosconi
  • Uccidere Pingu, il principale nemico di don Dodò.

[modifica] Curiosità

  • Dodò è omosessuale e ti sta inculando.
  • Dodò è l'ultimo membro della nobile razza dei dodo.
  • La frase preferita di Dodò: Fatti foste per fotter come bruti.
  • Dodò è ermafrodita ed è stato sorpreso con la nonna Pina mentre preparavano le sue famose tagliatelle.
  • L'attore preferitò di Dodò è Ben Turpin.
  • I due grandi occhioni di Dodò hanno sempre la pupilla dilatata, segno del fatto che è continuamente sotto l'effetto di sostanze stupefacenti.
  • Empirio ha dei piedi enormi e li muove a ritmo in ogni canzone, si dice porti 56 di piede.
  • L'attività mafioso-terroristica e il colore azzurro ci fanno capire chi sia il vero ispiratore della cricca di Dodò.
  • Dodò non è assolutamente una marionetta.
  • L'albero è stato creato piantando del Viagra sottoterra.
Strumenti personali
wikia