Kazuki Ito

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Cartellino rosso.jpg

Kazuki Ito, nella sua classica posa.

Quote rosso1.png Voglio un match regolare, niente colpi sotto e sopra la cintura e non guardate storto gli avversari, attenti a non sporcarvi gli scarpini sennò a casa! Quote rosso2.png

~ Kazuki Ito prima di una partita
Quote rosso1.png Ma io ho lo ho solo sfiorato Quote rosso2.png

~ Giocatore espulso da Kazuki
Quote rosso1.png Alla prossima partita cacciamo l'arbitro casuale, magari mettiamo quel negretto che non fischia mai. Quote rosso2.png

~ Giocatore di PES rimasto con 7 giocatori
Quote rosso1.png Ma papà ho preso solo un 5 Quote rosso2.png

~ Il figlio di Kazuki Ito, dopo 50 frustate per aver disobbedito

Kazuki Ito (l'arbitro stronzo di Pes, detto anche "Mano pesante") è un arbitro e dirigente carcerario cinese, non che esecutore di una triade.

[modifica] Dottrina arbitrale

Ito.JPG

Dall'espressione rabbiosa si può capire che qualcuno non ha buttato la gomma.

Kazuki ha una concezione molto pulita del calcio. Ogni minimo contatto, alitata e bestemmia è da punire con l'espulsione diretta. Se i giocatori si presentano con la maglietta fuori dai pantaloncini, le calze basse o le scarpe slacciate sono da espellere. Ha presentato un disegno di riforma nella quale chiede di poter punire con la sodomia e le torture i fuorigioco, Inzaghi dissente [citazione necessaria].

Memorabile la Coppa Cina da lui arbitrata, in cui i campioni riuscirono a imporsi vincendo sempre a tavolino, dopo che le altre squadre si ritirarono perché rimaste senza giocatori.

[modifica] Formazione calcistica

Kazuki Ito nacque nella Mongolia Interna e questo vi fa capire cosa ne può capire del calcio. A 5 anni andò a studiare in un Dojo dove venne iniziato al Kung Fu, ma dopo che venne picchiato per il suo carattere, decise di diventare un arbitro di calcio, e i ricordi della passa fattagli e i traumi per ogni umano contatto, lo convinsero presto ad adeguarsi puritana del gioco del calcio. Da qui la sua concezione, mentre la propaganda comunista lo convinse che il cartellino rosso fosse l'unico in cui credere. Cartellino rosso, trionferà!.Riassumendo: Kazuki Ito ama i cartellini rossi e se fate un fallo da dietro non pensate di passarla liscia: al 99,9% vi espellerà

Stretta di mano.jpg

Questi calciatori rischiano 5 giornate.

[modifica] Vita privata

Pochi sanno che Kazuki si è sposato 3 volte. La prima moglie venne ripudiata perché le mancava un capezzolo, la seconda perché una volta salò troppo la pasta. Ha anche 2 figli i quali già appena nati impararono a cambiarsi da soli usare il water. Il più grande purtroppo una volta ha urinato senza alzare la tavoletta e Kazuki lo diseredò.

[modifica] Amicizie

Il suo migliore amico e idolo è il Sergente Maggiore Hartman, non può invece dichiarare la sua ammirazione per Adolf Hitler. Altro suo compare è Lucifero il quale gli ha promesso che, una volta che sarà tempo, manderà in pensione Minos e gli darà il suo posto (però è preoccupato, anche lui pensa che sia troppo stronzo). Recentemente ha incontrato Reitzinger, che lo ha elogiato come modello ideale di giudice e cristiano (anche se del cristianesimo non gliene può fregar di meno).

[modifica] Il nemico giurato

Prima di morire Kazuki si è promesso di scovare ed espellere una volta per tutte il cacciatore di gambe, Marco Materazzi, colpevole di una blasfema condotta di gioco. Paul Gascoigne è stato invece già catturato espulso e fatto scomparire non si sa dove.

[modifica] Come giudica i falli

Per la prima volta,gli scenziati della Nasa hanno studiato come Kazuki ritenga i falli:

  • Giocatore che sfiora l'altro: Cartellino Giallo
  • Intervento in scivolata avanti sul pallone: Cartellino Rosso
  • Intervento da dietro sull'avversario: Sei fai questo fallo e hai Kazuki come arbitro lui ti espellerà il giocatore per 4 giornate, ti picchierà a morte, ti dà 15 punti di penalizzazione in classifica e infine espellerà anche il giocatore che ha avuto da ridire
  • Calcio d'inizio: Cartellino Giallo
  • Se il giocatore flipperà il dito Kazuki non lo farà mai più giocare e costringerà la squadra squadra a in Serie B.

Tutte le partite disputate con lo stronzo Kazuki non sono mai finite perché ha espulso i giocatori ed è andato negli spogliatoi a incularsi Pierluigi Collina.

La federazione che sceglie gli arbitri (Mafia) ha dichiarato che non butterà mai fuori Kazuki.

Evidentemente hanno paura che gli arrivi un cartellino rosso...

[modifica] Esibizione

Original video

[modifica] Voci correlate


Strumenti personali
wikia