Josef Mengele

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Mollette in faccia.jpg
Questo articolo ha troppe immagini!
A te piacerebbe se un tizio qualunque ti attaccasse millemila mollette in faccia? No? Allora datti da fare: rimuovi le immagini fuori luogo e metti le altre in platea galleria.
Un articolo con troppe immagini è come una puntata di Buona Domenica: inguardabile.
firma/data: AutOcchioPNG.pngScrivi a Mente 12:01, apr 4, 2016 (CEST)
Hitler dà un morso a una fetta di cocomero durante un comizio.gif
Atolf Hitler approfa kvesto artikolo.

Kvesta pacina è ztata lodata dal Krante Dittatore, in kvanto il testo zottoriportato riflette ezattamente il zuo penziero. Mohrte a nemici ti Krante Cermania!!!

卐 Sieg Heil!!! 卐
Paperino nazista saluta i foto-ritratti di Hitler .jpg
Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Josef Mengele
Baby-ronald.jpg

Uno dei tanti bambini curati da Mengele.

Quote rosso1.png A volte si sentiva particolarmente ben disposto verso gli altri ed in quelle occasioni manifestava sentimenti umani Quote rosso2.png

~ Trio Medusa su Josef Mengele
Quote rosso1.png Dottore, chiami un dottore! Quote rosso2.png

~ Chiunque sull'essere soccorso dal dottor Mengele.
Quote rosso1.png KIUNQUE ABBIA SCRITTO QST COSE DLE MIO IDOLO, DEL MIO AMORE, DELL UOMO K AMO DA ANNI SE NE VADA A FARE IN CULO MALEDUCATI E CRETINI IGNORANTI SKIFOSI K NN SIETE ALTRO... MI FATE PENA!!!!11!!1!SIETE INVIDIOSI DEL TALENTO E DELLA BELLEZZA D UNO DELGI MEDICHI + BRAVI DEL MONDO!!!!11!!!!!MI FATE SKIFO!!!!111!! Quote rosso2.png

~ Bimbaminkia che non fa i compiti di storia su Josef Mengele
Quote rosso1.png Ecco chi ha operato Luxuria... Quote rosso2.png

~ Riflessione sugli insuccessi di Mengele
Quote rosso1.png Al gas! Al gas! Quote rosso2.png

~ Josef Mengele su variante di "Al lupo! Al lupo!"
Josef Mengele drogato.jpg

Un giovane Josef Mengele alle prese col suo lavoro. Giusto il tempo di una sigaretta gusto zingaro.

Josef Mengele (Strünzburg, 16 marzo 1911 - Bertioga, 7 febbraio 1979) fu un medico germanico, poi proclamato santo per aver curato da malattie legate alla razza molti ebrei e zingari, nel ridente villaggio di soggiorno vacanze di Auschwitz.

[modifica] Vita, morte ed olocausti

Josef Mengele nacque a Strünzburg, nelle antiche, rigogliose e denuclearizzate fiandre tedesche, in strane circostanze da una vergine di nome Maria (detta 'a Verginella) e da una colonna imponente di muscoli di nome Beppe (detto 'O mone). La tipica famigliola tedesca, con nomi tedeschi e residenza a Napoli, dovette però affrontare una grave tragedia: durante il parto oltre a Josef venne al mondo un altro bambino piccolo, brutto e rachitico, ma brutto, ma brutto, ma brutto brutto brutto; così brutto che inizialmente fu scambiato per un'ovaia[citazione necessaria] e nell'attimo della maestosa felicità per essere venuto al mondo venne chiamato Danny DeVito Mengele che in tedesco vuol dire "piccolo bambino brutto brutto brutto e pure rachitico che sembra un'ovaia". Questo parto gemellare segnò per sempre l'infanzia del piccolo Josef che in età adulta produrrà, in collaborazione con Medusa film, il lungometraggio "I gemelli" con Arnold Schwarzenegger interprete del proprio ruolo.

Bush scimmia.jpg

Il prototipo di ariano perfetto idealizzato dagli studi di Megele.

[modifica] La carriera medica

NonNews

NonNotizie contiene diffamazioni e disinformazioni riguardanti Josef Mengele.

Già da piccolo Mengele cominciò ad avere un forte interesse per la medicina, giocando con le siringhe che trovava nella borsetta del padre, insieme a rossetto, fondotinta e phard. Divenuto adolescente, cominciò a sezionare, nel laboratorio di scienze del suo liceo, le ranocchie, gli insetti e i bidelli. Ormai era chiaro che la sua passione era la medicina, nel senso che amava le pasticche. Prese così la decisione di iscriversi alla facoltà di medicina, dove conobbe il Dr. Gregorio Casa, con cui terminò il corso presentando una tesi con il titolo: "Ricerca morfologico-razziale sul settore anteriore della parte inferiore della schiena in quattro gruppi di razze", che tradotto in una lingua civilizzata significa "Paragone tra Dei tedeschi e le sotto razze umane meno fiche". Anche dopo la laurea continuò lo studio sui gemelli che lo ossessiona fin dall'infanzia, nel vano tentativo di capire perché lui fosse così alto, bello, forte, biondo e occhi azzurri mentre suo fratello gemello somigliasse tanto ad una cacca stirata da un tir in superstrada. La brama di conoscenza e di sangue fresco di Josef lo portò tuttavia ad abbandonare la sua terra natale per trasferirsi a sull'Isola di Pasqua: era il gennaio del 1930 e in quegli anni Mengele si entusiasmò per i discorsi di Hitler e iniziò a leggere assiduamente le opere di Kohota Hirano e molti libri della collana Harmony. Il giovane Josef nel 1927 aderì alla Lega PadanGermanica della Gioventù bruciata e nel 1931 alle formazioni giovanili dello "Stalhelm" l'organizzazione di abbonati tedeschi a Playboy.

Josef Megele in gruppo.jpg

Mengele mentre addita un compagno di armi accusandolo di aver contratto lo "zingarismo".

[modifica] L'entrata nelle S.S.

Poco dopo la laurea, entrò nel Club di Scacchi e Secchioni dove, durante una partita contro uno scacchista sovietico, si slogò un polso e, piangendo e invocando la mamma, si ritirò in Polonia cominciando a fare opere di bene. Venne trasferito nel villaggio vacanze di Auschwitz dove entrò nello staff di animatori. Qui cominciò a curare i bambini malati di "ebreità" e "zingarismo", due gravi malattie considerate mortali a quell'epoca, e le sue eroiche azioni nel tentativo di curare le malattie che infestavano la vita della razza umana, come l'introduzione di nuove tecniche sperimentali quali la "cenerizzazione" o le "docce con antibiotico ad aerosol", gli valsero il nome di "Angelo dei pampini" e la spilletta di Emergency . Oltre ai sui studi avanzati nel campo della pediatria, Mengele effettuò numerosi esperimenti "scientifici" nel campo della gemellarità, selezionando, sezionando e studiando coppie di bambini gemelli volontari come le gemelle Kappa, i gemelli Diversi, i gemelli Derrick, Paolo Villaggio e Fantozzi[citazione necessaria], le gemelle Olsen, i gemelli della sua camicia e i Bee Gees. Oltre alle ricerche sulla gemellarità, Mengele effettuò studi sulle forme di nanismo in collaborazione con Fritz Friedmann e sull'atrofia cancrenosa legata alla denutrizione e all'abuso di gas poco gradito al corpo umano.

[modifica] Il matrimonio

Il 1° gennaio 1939 Mengele chiese l'autorizzazione all'Ufficio Centrale per la razza e gli insediamenti umani per poter sposare Irene Schoenbein Brembilla. La licenza venne concessa con una certa fatica dato che Mengele, appartenente alle SS, non poté subito dimostrare di appartenere ad una famiglia ariano/padana e Irene ebbe qualche difficoltà mancandole i documenti di origine del nonno padano Ludovic Brembilla. Alla fine l'Ufficio diede il suo benestare dato il cognome inequivocabile della ragazza e la coppia poté celebrare le nozze. Il matrimonio fu interrotto il 1° settembre 1939 dallo scoppio della Seconda edizione della guerra mondiale '39/'45 a cui la Germania prese parte come uno dei paesi ospitanti la competizione.

Uomo con bombola.jpg

Il giovane Josef Megele mentre si concede una boccata di ossigeno tra una vivisezione ed una rettoscopia.

[modifica] Gli studi ossessivi sui gemelli

La passione di Mengele per la medicina si intensificò fino a diventare un'ossessione per i gemelli, specialmente per le femmine dalla "carne tenera". Mengele, dato l'età che avanzava, prese con sé dei collaboratori scelti tra i medici deportati da tutta europa ed il dottor Nyiszli, deportato ad Auschwitz, divenne uno dei suoi fidati amici di Orgasmo. Quest'ultimo racconta che era solito trovare sul tavolo anatomico due gemelli zingari e a fianco, su un tavolino, una confezione vuota di preservativi alla banana, gusto delicato. Un giorno, Nyiszli racconta che:

Wikiquote.png
«Asportando il cuore per via rettale, in modo da non danneggiare gli organi interni, lo lavai sotto acqua corrente. Niente di abnorme ma la facilità con cui uscì dall'orifizio mi fece comprendere la terribile realtà sul dottore...»
(Nyiszli)

E così capisce come venivano uccisi quei bambini: con una supposta di 15 centimetri di diametro a base di cloroformio effervescente. Un brivido di paura[citazione necessaria] scosse i nervi di Nyiszli. Una scoperta simile era davvero rischiosa, ma egli non poteva fare cenno di ciò che aveva visto; il “materiale” e le cartelle cliniche dovevano essere inviati direttamente a Berlino.

Wikiquote.png
«Per la spedizione bisognava servirsi della scritta – materiale scottante- da consegnare urgentemente a Rocco Siffredi Production. Qui è la volta che divento ricco!»
(Nyiszli)

[modifica] Il progetto TBC

Tette con capezzoli bignè.jpg

I primi esperimenti portarono a bambini-torta, buoni solo per la merenda di metà pomeriggio.

Dopo la passione per i gemelli e per le costruzioni lego, il genio della medicina si propose anche di trovare una cura della TBC (Terribile Baccello della Culattonaggine) attraverso lo studio dei suoi amati e fidati bambini. Dopo numerose ricerche, Mengele giunse alla conclusione che la causa della malattia poteva essere solo una: possessione satanica dell'individuo. Chiamò quindi un grande luminare dell'epoca: Don Vito Corleone, un prete esperto specializzato in tecniche di esorcismo, famoso all'epoca per la sua frase: "Nessun paziente può rifiutare la mia offerta..." Egli, accompagnato dal suo fidato assistente padre Maronno tentò di estirpare il male dalle cavie praticando loro un'incisione cruciforme ed introducendo poi con una spatola gli ingredienti per la cura:

  • 250 gr. di farina bianca tipo 00;
  • 150 gr. di burro;
  • 100 gr. di zucchero;
  • 1 uovo intero, possibilmente non sodo;
  • 1/2 bustina di lievito;
  • 2 etti di fragole.

I primi esperimenti furono però un vero e proprio fiasco dato che, oltre a far crescere una torta alle fragole al posto dei capezzoli dei pazienti, non diede altri esiti. I bambini vennero quindi tutti adagiati nei forni crematori per ordine arrivato direttamente da Berlino:

Wikiquote.png
«I campi di concentramento come quello di Auschwitz dovevano essere “ripuliti” dei loro orrori e i responsabili, qualora fosse stato possibile, dovevano fuggire. Ma almeno quella sera abbiamo mangiato il dolce. Devo ricordarmi di chiedere la ricetta al prete...»
(Anonimo su ultime ore prima della fuga da Auschwitz)
Piscina pericolosa.jpg

Lo staff di ricercatori medici di Auschwitz mentre tenta di trovare una cura per la TBC con apparecchiature improvvisate.

[modifica] Il periodo buio del dopoguerra e il Sud America

Nel novembre del 1944 decise di lasciare volontariamente gli studi di animazione e medicina ad Auschwitz[citazione necessaria]. Dopo la fine del conflitto fu catturato dagli Alleati che però lo rilasciarono poco dopo inorriditi dalla belva feroce che possedeva quel corpo fisico. Mengele si trasferì quindi a Günzburg, in Bavaglia, dove iniziò anche una collaborazione par-time nell'azienda familiare: la Bayer & Magele & Monaco, produttrice di macchinari agricoli, farmaci e società sportiva. Con il passare del tempo Mengele cominciò a invecchiare finché non arrivò nell'età in cui una volta al mese è il tuo compleanno. Decise così di trasferirsi prima in Argentina, poi in Paraguay e infine in Brasile, dove si rese conto di aver bisogno di un erede (chissà come mai). Non avendo avuto figli, cominciò a fare esperimenti per creare l'essere perfetto, l'essere che rispecchiava a pieno le ideologie di Hitler. Lo trovarono morto in un ufficio postale: in mano aveva una bolletta del gas, probabilmente inviatagli da Hitler che fece pensare al suicidio per mancanza di fondi per pagarla.

Strumenti personali
wikia