John Ronald Reuel Tolkien

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Balrog.jpg
La Fiamma di Udun approva questa pagina!

Per questo sarà incisa nella roccia e il suo verbo aleggerà in eterno nelle viscere di Barad-dur fino al trionfo di Mordor.

Fiammadiudun.jpg


Giorgio Armani.jpg
John Ronald Reuel Tolkien si sente un povero personaggio famoso ignorato.
Modifica la pagina e contribuisci a rafforzare la sua autostima.

P.S.: Se vuoi conoscere gli altri stub relativi alle biografie, vai qui.

Adriana Lima 2.jpg
Tolkien sembra Hitler.jpg

John Ronald Reuel Tolkien, Monaco di Baviera 1933.

Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. John Ronald Reuel Tolkien
Quote rosso1.png Fingon allora volse lo sguardo verso Est e la sua vista elfica scorse in lontananza una nuvola di polvere e il bagliore dell'acciaio come stelle nella nebbia, e seppe che Maedhros si era mosso e ne fu felice. Poi guardò verso Thangorodrim e le vide avvolte da una cupa nuvola e fumo nero se ne levava. Seppe allora che Morgoth era montato in collera e che la loro sfida era stata raccolta. L'ombra del dubbio calò sul suo cuore. Ma in quel momento un grido si levò e il vento lo portò da su di valle in valle ed Elfi e Uomini vociavano di meraviglia e gioia poiché, inaspettatamente e senza che lo si fosse spronato a farlo, Turgon aveva aperto le porte di Gondolin ed era giunto con un forte esercito di diecimila guerrieri rivestiti di lucenti cotte di maglia, con le loro lunghe spade e lance da sembrare una foresta. Allora, quando Fingon udì in lontananza la grande tromba di suo fratello Turgon, l'ombra che era calata su di lui si dissolse, il suo cuore ne fu sollevato e gridò forte: "Utulie 'n aure! Aiya Eldalie ar Atanatarni, utulie 'n aure!" Quote rosso2.png

~ Tolkien tenta di spiegare come mai si fosse soffermato nel giardino della scuola, entrando così in classe in ritardo
Quote rosso1.png Oh No! Un altro cazzo di elfo no! Quote rosso2.png

~ Hugo Dyson mentre Tolkien legge Il Signore degli anelli agli Inklings

J.R.R. Tolkien (vero nome Giovanni Ronaldo Ravello Torchiaroli) è il famoso creatore del signore degli anelli.

[modifica] Biografia essenziale

J.R.R. Tolkien ha sempre avuto problemi sin da piccolo per colpa del suo nome, sopratutto per le prime tre lettere che fino a un decennio fa fecero impazzire anche i migliori scienziati giapponesi, ma da poco Qualcuno aiutato da Nessuno ha scoperto, durante un concerto dei Blind Guardian, che il nome completo significa Jonny Ruttomane Rollatore Tolkien e questo spiega anche l'incommensurabile passione per le droghe leggere dell'autore. Inoltre è stato braccato dalle autorità degli alleati per la sua somiglianza con il noto pacifista Adolf Hitler (si mormora che in realtà Hitler fosse lui, ma poi si è cambiato nome e cognome e ha scritto un trattato sull'invincibilità della razza pura, gli elfi, contro gli ebrei, gli orchi, dopo che gli hanno mandato a monte i piani di dominio del mondo, pacificamente s'intende).

[modifica] L'ispirazione

Gandalf il bianco.jpg

Uno dei più grandi amici di Tolkien

Verso l'età di 7 anni il piccolo Tolkien in un viaggio di piacere nello Zimbabwe conobbe una popolazione di ominidi dai piedi villosi e cazzutamente pelosi questo ispirò e rovinò irrimediabilmente il cervello dell'autore che, colpito dalla puzza terrificante di quei piedi, incominciò ad avere visioni su di un mondo fantastico abitato da nani, elfi, giganti (gli unici a essere capaci di lanciare i nani), hobbit, Comunisti, Russi e ovviamente Qualcuno. Subito dopo il rientro nella Terra di Nessuno, suo paese natio, che confina con quella di Qualcuno, decise di scrivere un libro basato sulla visione avuta in Zimbabwe, ma rendendosi conto che senza emanazioni nocive non riusciva a scrivere nulla, si dedicò all'utilizzo di sostanze stupefacenti. Così nacque Il Signore Degli Anelli.

[modifica] Curiosità

  • Tolkien aveva come padre un nano alto 1.43m con manie guerrafondaie, e come madre una donna barbuta e alcolizzata. Questo ci porta a pensare che i nani siano un tributo ai suoi genitori.
Strumenti personali
wikia