Jimmy Carter

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Jimmy Carter 2

Jimmy Carter mostra al popolo americano la sua splendida dentatura.

Quote rosso1 Sono un produttore di arachidi. Sapete, quelle noccioline che si sbucciano, che ce ne sono sempre due dentro? Quote rosso2

~ Jimmy Carter risponde alla domanda: "Che qualifiche possiede per essere Presidente degli Stati Uniti"?
Quote rosso1 Lei è il Presidente degli Stati Uniti? Mi sta prendendo per il culo? Quote rosso2

~ Un qualsiasi leader mondiale a Jimmy Carter.
Quote rosso1 Risolverò il problema con la Pasta del Capitano. Quote rosso2

~ Jimmy Carter enuncia la sua strategia per risolvere la questione iraniana.
Quote rosso1 L'invasione dell'Afghanistan è la peggiore minaccia alla pace dalla seconda guerra mondiale. Quote rosso2

~ Jimmy Carter dopo Corea, Vietnam e Cile.
Logo ADS Questa voce è stata punita come
Articolo della Settimana
dal 30 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014.


Giandomenico Carrozziere, meglio noto come Jimmy Carter (Nebraska, 1º ottobre 1924 - Marte, data da destinarsi, ma probabilmente nel 2117) è un produttore di arachidi, venditore di dentifrici e politico statunitense; è stato il 39esimo Presidente degli Stati Uniti, nonché dittatore supremo dell'Alaska, ed è universalmente riconosciuto come:

  • l'uomo con il più grande sorriso che sia mai entrato alla Casa Bianca;
  • l'uomo più improbabile che sia mai asceso alla poltrona presidenziale;
  • il volto impresentabile della Commissione Trilaterale.


[modifica] Biografia

Jimmy Carter indica

Jimmy Carter prende atto della sua ridicolaggine e prova (inutilmente) a farsi rispettare.

Nato in una fabbrica di dentifricio, il giovane Jimmy, caduto ancora infante in un pentolone di questa sostanza, decise di farne la sua ragione di vita: cominciò dunque a vendere dentifrici porta a porta nel quartiere dove abitava. Il padre però non accettava che suo figlio praticasse questa attività, poiché voleva che continuasse a portare avanti l'attività agraria di famiglia: il coltivatore di arachidi. Per questo motivo lo spedì nel collegio di St. Frost in Alaska, una sottospecie di prigione costruita all'interno di un ghiacciaio perenne che serviva per "rieducare" i figli dei coltivatori di arachidi che non volevano intraprendere l'attività imprenditoriale di famiglia. Gli studenti che vi erano rinchiusi ospitati dovevano indossare una ridicola divisa nera da scolaretto, gli insegnanti invece erano estremamente inflessibili: quando uno studente si comportava male lo sottoponevano a ripetute sedute di pulizia anale; quando invece non si fosse applicato abbastanza negli studi, allora lo obbligavano a studiare la lezione in ginocchio sui chiodi arrugginiti.

Jimmy, invece che utilizzare i PC della biblioteca per cazzeggiare e scaricare pornografia come facevano tutti gli altri alunni sani di mente, li utilizzava per piazzare di nascosto i suoi prodotti su internet ,e non si sa in base a quale congiunzione astrale, non venne mai sgamato. Dopo 35 anni riuscì a diplomandosi "Dottore in Cretinologia Applicata", con specializzazione in "Discorsi Politici Campati per Aria" a pieni voti; i corsi in cui eccelse furono:

  • scienze del sorriso falso;
  • studi antisociali;
  • tecniche di scartamento delle merendine;
  • tecniche di scartamento delle merendine energetiche;
  • impianti meccanici e di controllo cerebrale;
  • politichese;
  • revisionismo storico (soprattutto per quanto riguarda la guerra in Vietnam);
  • tecnica del lobbismo;
  • tecnica del lobbismo 2;
  • diplomazia estera applicata alla coltivazione di arachidi e altre colture.
Presidente Carter che lancia gli arachidi

Jimmy Carter e sua moglie ringraziano gli elettori.

Uscito dalla Frost nel 1970, Jimmy decise di unire il suo interesse per l'igiene dentale alla familiare coltivazione delle arachidi; fondò così la Carter & Oral una super industria dal fatturato multimilionario, che in breve tempo arrivò a eguagliare colossi del calibro della Fuffa Corporation di Deboroh La Roccia. L'enorme successo ottenuto in campo industrial-economico attirò l'attenzione di diversi gruppi, i quali volevano fare comunella con il nuovo volto dell'imprenditoria made in U.S.A.. Tra questi gruppi c'era la famigerata Commissione Trilaterale, la quale vedeva in Carter un nuovo prezioso elemento. Jimmy fu felicissimo di diventare compagno di merende dei banchieri massoni, tant'è che si presentò alla prima riunione a cui venne convocato vestito da boy scout, distribuendo a tutti i presenti un assaggio esclusivo del nuovo vulcanico prodotto partorito delle sue industrie: Sgranicchiola, la merendina dolce ripiena di noccioline intere, tostate e abbondantemente salate.

Carter

Carter.

La nuova idea non piacque molto a quelli della Trilaterale, ma piacque molto ad alcuni membri del Partito Democratico statunitense che si trovavano lì come camerieri; questi ultimi decisero di farlo entrare tra le loro fila; quelli della Trilaterale dal canto loro furono ben felici di rilasciare Jimmy, anche perché se avesse continuato a far parte della loggia l'avrebbe sicuramente fatta fallire.

Poco dopo la sua entrata nel partito, l'allora presidente Richard Nixon venne buttato fuori dalla Casa Bianca e al suo posto subentrò quel grande statista di Gerald Ford; i democratici, sapendo che in condizioni normali chiunque avrebbe potuto batterlo alle elezioni seguenti[1], decisero di candidare proprio Jimmy Carter, onde rendere la sfida un po' più competitiva. Quando si presentò alle elezioni, Jimmy era nuovo sulla scena politica: se da un lato ciò costituiva un punto di debolezza, d'altra parte l'essere sconosciuto era il suo punto di forza, data l'estraneità con i numerosi scandali che avevano scosso il Partito Democratico negli anni sessanta, tipo l'omicidio di Kennedy voluto dal suo vice Lyndon B. Johnson e altre cosette simili.

Lo scontro tra i due candidati fu realmente titanico: da un lato c'era un cicciobombolo imbucato che non riusciva a stare in piedi quando camminava, dall'altra parte invece c'era un'indecifrabile piazzista che sorrideva come se avesse una paresi facciale. Alla fine la spuntò quest'ultimo, proprio grazie a quel gran bel sorriso smagliante che si ritrovava, con cui riuscì ad ingraziarsi le simpatie di diversi americani che lo votarono solamente per far contenti i loro figli, i quali, appena lo vedevano in TV, esclamavano:

Wikiquote
«Guarda, guarda, Papà! È il pupazzo Jimmy Sorrisino, quello degli spazzolini da denti che regala noccioline! Votalo, votalo!»

[modifica] Presidenza

Jimmy Carter Simpson

La statua di Jimmy Carter a Springfield.

Jimmy Carter e lo Scia

Il famoso incontro tra Jimmy Carter e lo Scià iraniano.

Come già detto, Carter era nuovo nel panorama politico statunitense, molti critici gli rimproverano dunque la scarsa esperienza, che si tradusse in leggi baggianata come ad esempio la "Healthy Gums Act", che stanziava 1.000.000.000 di dollari per la prevenzione delle carie nei bambini in età prescolare. Inutile dire che il Congresso non approvò, né questa legge né tutte le altre che ebbe il coraggio di presentare, causando nel contempo le solite spaccature intestine che tanto piacciono ai Democratici. Oltre a questo, Carter sembrava non avere una visione chiara della politica estera[2]: lui parlava astrattamente di diritti umani, pace nel mondo e pulizia orale, ma quando nel 1979 scoppiò la rivoluzione iraniana inviò in Iran 52 commercianti di dentifricio a calmare gli animi; essi vennero presi come ostaggi dagli islamici, che pretesero alcool e carne di maiale per il loro rilascio.

Dopo una prima fase di distensione nei confronti del movimento comunista mondiale, Carter vietò l'ingresso negli USA dei comunisti ed in seguito, quando l'URSS invase l'Afganistan, boicottò la XXII Olimpiade che si teneva a Mosca. Anche per risolvere la crisi afgana Carter mise in gioco la sua capacità imprenditoriale, ma questa volta invece che piazzare dentifrici ai rifugiati, inviò dei lanciarazzi a un certo Osama, che stando a quanto lui stesso affermava era il presidente della "Repubblica molto Democratica dell'Afganistan". Il suddetto presidente fece anche richiesta per dei videogiochi simulatori di volo, giustificando che gli servissero per far passare lo stress ai suoi uomini.

Nonostante alcuni importanti successi, fra i quali: l'aver reso l'America il primo produttore ed esportatore mondiale di dentifrici e arachidi e l'aver creato due nuovi dipartimenti a livello di gabinetto[3], la crisi degli ostaggi minò gravemente la sua popolarità costringendolo a doversi guadagnare la seconda nomination democratica con le unghie e, soprattutto, con i denti. Ma alle elezioni del 1980 fu abbondantemente sconfitto dall'attore Ronald Reagan, al tempo 150enne; la batosta fu tale che per la prima volta nella storia delle elezioni americane non fu il candidato sconfitto a telefonare al vincente per complimentarsi, ma fu lo stesso Ronald Reagan a telefonare a Jimmy Carter per ringraziarlo e già che c'era per sfotterlo aspramente.

[modifica] Post presidenza

Jimmy Carter con i modellini

Carter prende pericolosamente in mano un modellino da 1.000.000 di $.

Dopo la presidenza, Carter non solo venne cortesemente invitato ad allontanarsi per sempre dal mondo della politica, ma la sua società Carter & Oral entrò in crisi a causa della sempre più pressante concorrenza dei giapponesi. Per evitare il tracollo finanziario, Jimmy acquisì tutte le azioni della società e fondò il Carter Center o Centro Carter[4]: il nuovo gruppo, con sede nelle Isole Cayman, si prodiga attivamente in campagne per i diritti delle arachidi e per la promozione del lavarsi i denti dopo cena, fornendo noccioline durante le sedute di mediazione in diversi conflitti. Per quest'opera nel 2002 è stato insignito del Premio Nobel per la pace, con la motivazione:

Wikiquote
«Si è impegnato in risoluzioni tese a prevenire la carie in diversi continenti, inoltre ha mostrato uno straordinario impegno in favore dei diritti delle arachidi e svolto attività di osservatore in innumerevoli incontri di wrestling in tutto il mondo.»

In tempi non sospetti, ha avuto il coraggio di definire i palestinesi "un branco di nazisti", sostenendo per altro che quelli di Hamas sono dei bravi ragazzi giustificando le loro aggressioni come semplici scaramucce. La questione sollevò giustamente delle polemiche, infatti i nazisti non ci stavano ad essere paragonati ai palestinesi e Hamas richiese e ottenne dal tribunale internazionale un'ordinanza restrittiva che obbligava Carter a mantenere una distanza di almeno 1000 Km da un qualsiasi membro dell'associazione.

L'ex presidente ha anche sostenuto la necessita che gli U.S.A. aboliscano in toto la pena di morte; per tutta risposta vennero subito emesse 33 condanne. Durante la campagna elettorale di Barack Obama del 2012, ha annunciato che avrebbe partecipato, insieme a Bill Clinton, alla Convention Democratica a favore della sua rielezione; secondo alcune indiscrezioni è proprio per questo motivo che Obama ha rischiato di perdere il suo secondo mandato.

Ha recentemente scritto un libro intitolato "Toothpaste I Love You" (un po' fissato il tipo...)

[modifica] Messaggio delle sonde Voyager

Il 5 settembre 1977 la NASA lanciò la sonda Voyager nello spazio; dentro la sonda c'era un disco di piombo placcato finto oro, su cui venne inciso un messaggio per gli alieni, nel caso lo recuperassero. Fu proprio Carter il presidente a lasciare il messaggio, che recita:

Wikiquote
«Questa nave spaziale si chiama Voyager, è stata progettata dal professor Roberto Giacobbo e costruita dagli Stati Uniti d'America. Gli Stati Uniti d'America sono abitati dagli americani, di cui io sono il massimo leader, la nostra comunità è composta da tanti milioni di esseri umani, ma ce ne sono un mucchio di altri miliardi sparsi sul tutto il nostro pianeta, la Terra. Noi esseri umani siamo ancora divisi in nazioni, ma appena avremmo distrutto la Russia, queste nazioni saranno rapidamente conquistate e unite sotto una unica civiltà globale basata sulla speculazione finanziaria.

Noi lanciamo nel cosmo questa navetta con all'interno il nostro messaggio, il quale, probabilmente, continuerà ad esistere anche per un miliardo di anni nel nostro futuro, quando la nostra civiltà potrebbe essere profondamente cambiata e la superficie della Terra ampiamente modificata; sempre che quelli della NASA non abbiano spedito la sonda verso il sole.

Dei 200 mila miliardi di stelle nella galassia della Via Lattea, alcune, forse molte, o forse moltissime, o forse ancora moltemoltissime, potrebbero avere pianeti abitati e civiltà in grado di esplorare lo spazio; se per caso una di queste civiltà dovesse riuscire a intercettare questa sonda e riesce a comprendere il contenuto dei miei discorsi, ecco il nostro messaggio:

"Questo è un regalo di un piccolo e distante pianeta, un frammento dei nostri suoni, della nostra scienza, delle nostre immagini, della nostra musica, dei nostri pensieri, dei nostri sentimenti e, cosa più importante, del mio smagliante sorriso. Stiamo cercando di sopravvivere ai russi e agli iraniani, ma potremmo necessitare di qualcuna delle vostre armi, tipo, che ne so, della Morte nera, oppure dei robot con cui attaccate abitualmente il Giappone. Noi speriamo di riuscire a conquistare l'intero pianeta entro cinquant'anni e quel giorno ci auguriamo di congiungerci in una comunità di civiltà galattiche che come noi condivide l'ideale di esportazione di democrazia a tutti i costi. Questa registrazione rappresenta la nostra speranza, la nostra determinazione e la nostra buona volontà di unirci a voi nella conquista del vasto ed impressionante universo".

Questo messaggio è stato gentilmente offerto dalla Carter & Oral.

"Carter & Oral: roviniamo i vostri denti per poterli sistemare".»

È curioso notare che dopo il lancio della sonda l'avvistamento degli UFO si è ridotto del 1000%.

[modifica] Mass Media e palmares

Carter vs. Ford

Il bue che dà del cornuto all'asino.

  • Nel 1969, quando concorreva per la carica di governatore della Georgia, Jimmy Carter disse di aver avvistato un UFO, quest'ultimo però smentì di aver mai incontrato Jimmy Carter.
  • Nel 2007 il regista Jonathan Demme, nel pieno di una crisi di idee, girò un film documentario sulla sua vita di Carter intitolato: Jimmy Carter, l'uomo delle arachidi.
  • Jimmy Carter appare in molti fumetti, serie televisive e cartoni animati, tra cui: I Simpson, Futurama, I Griffin, King of the Hill, I Jefferson e American Dad, venendo sempre preso per il culo.
  • Jimmy Carter viene citato nella canzone "AHIOAHIO, mi sono dato una martellata su un dito" del gruppo System of a Down.
  • A Jimmy Carter è stata dedicata la canzone "L'uomo che avrebbe dovuto continuare a coltivare arachidi", dei Poliziotti .
  • In una scena del film Point Break i protagonisti si travestono da presidenti americani, tre erano maschere, ma Jimmy Carter era quello vero.
  • È stato nominato cittadino onorario della città di Atlantide.
  • Nonostante tutto è sopravvissuto a Ronald Reagan e, se va avanti di questo passo, sopravviverà anche a George H. W. Bush.
  • Il 14 dicembre del 2008 c'è mancato poco che Carter sopravvivesse pure a George Bush, se solo Muntazar al-Zaydi lo avesse centrato con quelle scarpe.
  • Lo scontro TV tra Jimmy Carter e Gerald Ford è considerato une dei migliori incontri di wrestling della storia mondiale.


Preceduto da:
Harrison Gerald Ford
1974 - 1977
Stati uniti delle americanate
Jimmy Carter
Presidente Sorridente
1977 - 1981
Succeduto da:
Matusalemme
1981 - 1989

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Battere Ford è un po' come sparare a un muro.
  2. ^ E non solo di quella.
  3. ^ Le altre stanze costavano troppo.
  4. ^ Sembra il nome di un meccanico.
Presidenti degli Stati Uniti Stati uniti delle americanate
Washington (1789-1797) - J. Adams (1797-1801) - Jefferson (1801-1809) - Madison (1809-1817) - Monroe (1817-1825) - J.Q. Adams (1825-1829) - Jackson (1829-1837) - Van Buren (1837-1841) - W.H. Harrison (1841) - Tyler (1841-1845) - Polk (1845-1849) - Taylor (1849-1850) - Fillmore (1850-1853) - Pierce (1853-1857) - Buchanan (1857-1861) - Lincoln (1861-1865) - A. Johnson (1865-1869) - Grant (1869-1877) - Hayes (1877-1881) - Garfield (1881) - Arthur (1881-1885) - G. Cleveland (1885-1889) - B. Harrison (1889-1893) - G. Cleveland bis (1893-1897) - McKinley (1897-1901) - T. Roosevelt (1901-1909) - Taft (1909-1913) - Wilson (1913-1921) - Harding (1921-1923) - Coolidge (1923-1929) - Hoover (1929-1933) - F.D. Roosevelt (1933-1945) - Truman (1945-1953) - Eisenhower (1953-1961) - Kennedy (1961-1963) - L.B. Johnson (1963-1969) - Nixon (1969-1974) - Ford (1974-1977) - Carter (1977-1981) - Reagan (1981-1989) - G.H.W. Bush (1989-1993) - Clinton (1993-2001) - G.W. Bush (2001-2009) - Obama (2009- in carica)
Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo