Italia dei Valori

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Matteo Renzi con Firenze alle spalle.jpg
Attenzione: il seguente articolo tratta argomenti di

Politica

Ti invitiamo alla cautela, le battute ivi contenute potrebbero offenderti nell'animo umano e causarti la voglia di ricontare le schede elettorali, inneggiare allo sciopero fiscale, assassinare preti, bruciare chiese o manifestare contro i tuoi parenti sventolando bandiere rosse.
Berlusconi-mitra.jpg


Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Italia dei Valori
Quote rosso1.png Noi dell'Italia dei Valori... Quote rosso2.png

~ Antonio di Pietro iniziando un qualsiasi discorso in un qualsiasi momento della giornata.
Quote rosso1.png Non ci sono più i valori di una volta! Quote rosso2.png

Quote rosso1.png Vota li taglia deiv' halori! Quote rosso2.png

Quote rosso1.png Ma chi è quel mona che vota idv? Quote rosso2.png

~ Germano Mosconi su Italia dei Valori bollati
De Gregorio con porchetta.jpg

De Gregorio, in un raro reperto fotografico, intento ad accettare una succosa tangente.

L'Italia dei Valori (Italia de' Valo' in dipietrese) è un partito ad personam costruito attorno ad un solo individuo e alle sue paranoie antiberlusconiste: Antonio di Pietro. Tale partito è una setta cospirazionista nata ufficialmente il 7 giugno 2009 a seguito di un clamoroso broglio elettorale. Il diabolico manipolo di sovversivi anarchici comunisti mangiabambini, capitanato dall'infimo stratega Antonio Di Pietro, è riuscito a gabbare alle ultime elezioni europee fortunatamente solo pochi milioni di italiani accaparrandosi la loro inutile preferenza, ostacolando così la lotta dei buoni per il ripristino dello status quo.

[modifica] Storia

La francia dei valori.jpg

La disfatta delle precedenti elezioni politiche potrebbe essere attribuita alla discutibile scelta del simbolo.

La voglia di Antonio Di Pietro di condividere con l'Italia tutta il suo senso giuridico e la sua personalissima concezione di grammatica italiana ha fatto sì che nel 1998 venisse dato l'ok alla fondazione del suo partito politico. Purtroppo, come ogni grande progetto che si rispetti, quello di Di Pietro incontra subito grandi difficoltà. La disputa che inizialmente semina il panico all'interno del gruppo politico riguarda il nome: si parla inizialmente di Forza Italia, cambiato successivamente in Forza Italia 2 poiché complicati e assurdi cavilli legali ne impediscono la registrazione. In seguito a continue ingiunzioni da parte delle Forze del Bene il nome viene di nuovo cambiato in Italia e basta, tra le lacrime del capogruppo Di Pietro che affermerà in seguito di essere particolarmente e inspiegabilmente legato al termine forza. Bah. Il ventitrenta dodicembre millenovecentoripartiinquarta i dirigenti del partito identificano il problema della mancanza di consensi nel nome del partito stesso, giudicato troppo poco attraente per la massa; è così che prende vita l'Italia dei Bollori, precursoressa della definitiva lista Italia dei Valori. Vano il tentativo di Di Pietro di cambiare ulteriormente il nome in La France des Valeurs al fine di dare, secondo lui, un tocco più internazionale; la proposta del cacofonico nome viene infatti clamorosamente bocciata dall'ala patriota dell'espettorato elettorato. È comunque attualmente in fase di vaglio il nome Forza Italia dei Valori, sempre fortemente voluto da Di Pietro, ma che per qualche oscuro motivo si ha la certezza che incontrerà insormontabili ostacoli nella sua affermazione. La lista di nomi precedemente ipotizzati è assai prolissa, quindi l'autore dell'articolo ve li elencherà tutti!
  • Italia dei Favori: scartato, fa troppo Prima Repubblica.
  • Italia dei Clamori: non proposto, autocelebrativo.
  • Italia dei Valloni: quasi passato, se non fosse stato per i belgi del sud che pensavano davvero di potersi impadronire dell'Italia.
  • Italia dei Sentori: escluso per votazione, troppo sospetto.
  • Forza Italia dei Valori
  • Italia dei Pastori: scartato a causa delle pressioni ricevute dalla sede IdV di Frosinone.
  • Itaglia dei Valori: tagliato a priori, c'era qualcosina che non andava.
  • Italia dei Parioli: nato insieme ad un progetto più liberal del partito, escluso a causa dell'eccessiva circoscrizione del voto. E delle spese dei membri del partito nelle boutique di Via Condotti.
  • Italia degli Untori: nemmeno preso in considerazione, non c'era bisogno di ulteriore sfiga.
  • Italia dei Vaahhahhahh...: nato dai postumi di un droga party di De Magistris.
  • Italia dei Dolori: pensato per attirare la sempre maggior quota di reumatici ultraottantenni.
  • Italia dei Bollori: scartato quando apparve ovvio che nel campo sarebbero sempre stati superati da Berlusconi.

[modifica] I membri

Massimo donati.jpg

Massimo Donadi dopo le ultime elezioni europee. Da non confondere con Massimo Donati, meno noto politicante di second'ordine

De magistris.jpg

"Ssstt... sta per fare qualcosa di molto stupido!!"

  • Antonio Di Pietro
  • Massimo Donadi: già pessimo mediano del Milan di Berlusconi, passa ai Celtic Glasgow a causa della forte idiosincrasia con il presidente rossonero sviluppatasi in seguito ad aspre discussioni su argomenti caldi, come la cassa integrazione di alcuni giocatori della rosa (tra cui Ba, Dida e Donadi stesso), il conflitto d'interessi tra Ambrosini e Gattuso e la lunghezza del pene di Seedorf. Dopo l'esperienza nel prestigioso campionato scozzese (132 reti in 7 partite, di cui 2 in rovesciata dalla propria area di rigore), decide di abbandonare il calcio a soli trentant'anni per dedicarsi corpore et anima a contrastare le convinzioni di Berlusconi. La lotta per l'abolizione del fuorigioco è divenuta grazie a lui uno dei punti cardini del programma dell'Italia dei Valori.
  • Luigi De Magistris: dipinto dall'attendibilissimo quotidiano Il Giornale come un criminale (e noi ci fidiamo!), rappresenta in tutto e per tutto lo stereotipo del napoletano medio: sgraziato, sporco, maleducato, brutto, taccagno, fetido, ladro, negro, comunista, ebreo e con l'alito fognato. Meglio noto al pubblico per le sue attività da brigatista anarchico antidemocratico bla bla bla... Inoltre quando c'era Mussolini i treni arrivavano in orario.
  • Sean Connery: dapprima impiegato presso l'ufficio SISMI numero di matricola 00700747/bis, riesumato improvvisamente da Di Pietro, contrasta instancabilmente le Forze del Bene. Si dice di lui che sia più bello adesso che da giovane.
  • Mezze stagioni: ex-militanti, ora non ci sono più.

[modifica] Il programma

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • L'organo di partito dell'IdV è Blob.
  • Il programma elettorale è stato ideato da Di Pietro, redatto da Aldo Biscardi e revisionato da Gigi d'Alessio.
  • Avendo già venduto i diritti sul proprio nome alla FIFA, Massimo Donadi è ora costretto a candidarsi come Massimo Danoti.
  • Avendo appreso da Libero che il principio fondante dell'IdV è il giustizialismo, Chuck Norris ha deciso che non darà mai loro il proprio voto poiché la giustizia è lui.
  • Eddie Van Halen ha inciso l'inno dell'IdV semplicemente scoreggiando sui pickup della sua chitarra.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia