Il Decameron

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Logo Portale Pasolini
FILM DI CUL...TO

Qualcuno ha definito questa pellicola "capolavoro inarrivabile".
Qualcun altro ha pensato che fosse "spazzatura intollerabile".
È il momento di agire! Rendi il Cinema migliore: accoppa un critico!

Logo Portale Pasolini


Il Decameron
Film Pasolini Il Decameron locandina
Stavolta piglio la scomunica!
Paese: Italia
Regista: Pier Paolo Pasolini
Casa produttrice: Dica Duca Film
Sceneggiatura: Pierpy Facciodasolo
Anno: 1971
Genere: Zozzo ma anche no
Colore: Madido Color
Suono: Gemity Surround
Interpreti e personaggi
Ninetto Davoli, Franco Citti, Rocco Siffr Pierpy Sosempreio
Quote rosso1 Perché realizzare un'opera quando è bello sognarla soltanto?! Quote rosso2
~ Pier Paolo Pasolini nel ruolo dell'allievo di Giotto
Quote rosso1 Perché altrimenti non ci pagano. Quote rosso2
~ L'allievo dell'allievo di Giotto

Il Decameron è un film del 1971 scritto e diretto da Pier Paolo Pasolini, tratto dal Decameron di Giovanni Boccaccio.
Il regista riuscì a battere sul tempo la concorrenza, anticipando di un anno due capolavori della cinematoschifia® di quel periodo: Quel gran pezzo dell'Ubalda tutta nuda e tutta calda e, sempre con Edwige Fenech, La bella Antonia, prima monica e poi dimonia. Senza poi contare il celeb cerebroleso Fratello homo sorella bona, per il quale l'autore ha guadagnato un mandato di cattura in tutti i Paesi dell'ONU.
È il primo episodio della cosiddetta Trilogia della vita, proseguita con I racconti di Canterbury (1972) e completata da Il fiore delle Mille e una notte (1974). Pasolini aveva in progetto anche un quarto film, intitolato Se ancora ci fosse l'Aretino Pietro, molto probabilmente me lo metterebbe..., ma non fece in tempo a completare nemmeno il titolo.
Il Decameron ebbe diversi problemi con la censura, che sequestrò e dissequestrò il film diverse volte perché c'era sempre qualcuno di loro che non l'aveva ancora visto. Alla fine Pasolini regalò una copia ciascuno a tutta la commissione e la cosa finì lì. In Germania e in gran parte dell'Europa invece il film ebbe notevole successo, gli elementi c'erano tutti:

Non si spiega davvero perché il film fu censurato, ma nemmeno perché vinse l'Orso d'argento al Festival del cinema di Berlino, mentre, due anni più tardi, Novelle licenziose di vergini vogliose (di Joe D'Amato) finì subito nell'anonimato[2].
Dal 2000, il film è vietato ai minori di 14 anni, mentre Youporn è liberamente accessibile.

[modifica] Elenco delle novelle

Film Il Decameron narratori

"...e siccome non lo chiamavano Fra Pistone tanto per dire, Suor Mafalda camminava così!"

Pier Paolo Pasolini trae alcune delle novelle più importanti e caratterizzanti del Decameron, adattandole in un'atmosfera napoletana.

ATTENZIONE! È fuor di dubbio che l'idioma partenopeo risulta a tratti di difficile comprensione, nonché quasi

impossibile da scrivere. A questo punto, per venire incontro alle esigenze di qualcuno che è convinto di fare cosa gradita, i dialoghi del film sono stati doppiati in dialetto romanesco.

[modifica] Trama illustrata

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ quantità che sfugge al controllo strumentale
  2. ^ rima involontaria, me possino cecamme!

[modifica] Voci correlate

Pasolinate logo
Strumenti personali
FANDOM