Giuseppe Povia

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Avvertimento autoradio assordante
Attenzione
Questa roba è inascoltabile!
L'ascolto prolungato può portare alla paralisi cerebrale.
Si consiglia di accucciarsi a terra o di scappare a gambe levate.
Puffo1
Segnale di pericolo
Attenzione!

Il personaggio descritto nell'articolo può causare sfiga perpetua, sfortuna, necrosi del testicolo e stitichezza. Si consiglia di toccarsi durante la lettura (attenzione a non esagerare se non volete fare questa fine).

Cornuto
LogoNonNotizie

NonNotizie contiene diffamazioni e disinformazioni riguardanti Giuseppe Povia.

Pubblicità 1288 telecom

Povia in sala di registrazione

177 povia ibambinifannooh

Un bambino dice a Povia dove mettersi il CD con il suo ultimo brano.

Quote rosso1 Ohhhhh! Quote rosso2
~ I bambini al parco quando Povia apre l'impermeabile
Quote rosso1 Oh! Cazzo! Quote rosso2
~ Bambino cresciuto che ascolta Povia.
Quote rosso1 Oh! Che meraviglia!... Madò quant'è grosso! Quote rosso2
~ Povia in un momento di tenerezza con Luca.
Quote rosso1 Luca era Gay... adesso è una lei Quote rosso2
~ Un normale essere che ascolta Povia.
Quote rosso1 Quando i piccioni fanno ooh! Quote rosso2
~ Povia in un attimo di confusione
Quote rosso1 L'anno scorso è andato a Sanremo col piccione che gli cagava in testa... Quote rosso2
~ Pino Scotto su Povia.
Wikiquote
«Sono un esponente nazionele dell'ArciPiccioni. Non posso rimanere in silenzio di fronte a questa canzone e sono costretto a denunciare fortemente il suo carattere offensivo. Perché sarebbe brutto fare un paragone con un piccione? Perché in una favola più di un piccione non ci può stare? E soprattutto perché il Signor Povia non sopporta i piccioni che volano basso? Non lo fanno mica per dispetto! Nascono così, con la voglia di volare basso! Vergognati povia!»
(Commentatore su Youtube su operazione pubblicitaria)

Giuseppe Luca Povia è un cantante. No, sul serio!

Bouncywikilogo
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Giuseppe Povia

[modifica] Biografia

Andiamo direttamente al punto cruciale della sua biografia: ha cominciato a romperci le balle nel 2004, 2 anni dopo ha visto i primi uccelli. Nel 2009 debutta a San Remo, finalmente ha preso un uccello. Troppo vecchio per fare Amicidimariadefilippi, troppo insignificante per fare Xfactor, troppo cesso per fare Uominiedonne (ambiva a fare il tronista per trovarsi una corista), si ispira alla filosofia tipica di Màicol Gècson, ovvero "prima fa' il simpatico coi bambini e poi rivelati per ciò che ti piace".

[modifica] Vita, morte e miracoli

[modifica] Vita

Il cantante nasce nel 1918 a Oh, un ridente paesino in Giappone. Da piccolo rimane traumatizzato perché a volte rimaneva in palla a fissare il cielo e allora i suoi genitori lo svegliavano chiamandolo: "Oh!". Si trasferisce a Milano da adolescente, e dopo aver visto centinaia di teste con capelli a pagoda vede una persona coi capelli lunghi. Da quel momento tiene i capelli lunghi anche lui facendoseli cascare sulle spalle, con il presupposto di far cascare qualcos'altro a tutti quelli che lo ascoltavano. Infatti, aveva già iniziato a suonare alla "Sagra dei tortellini e piselli".

[modifica] Miracoli

Sniffata

Il tonico di Povia per aumentare il suo genio cantautorale.

Miracolosamente viene preso a Sanremo, forse perché quando ha fatto il casting ha sbagliato porta ed è entrato nella stanza del casting di Sanremo anziché in quello della Melevisione...
La sera del Festival si tira una striscia di coca e sale sul palco, iniziando a cantare. Purtroppo, però, mentre tornava dal palco, strafatto com'era, non si accorse che lì per terra Pippo Baudo stava facendo le sue flessioni prima di entrare in scena, e inciampò sul malcapitato. Per questo, fu eliminato (non fisicamente, purtroppo) dalla competizione con la scusa di aver già eseguito il suo amatissimo pezzo sui bambini: celebre fu la frase da lui pronunciata qualche tempo dopo per esprimere il suo rammarico per l'accaduto: "Vorrei avere il becco di un quattrino e dire scusa a Pippo e Topolino".
Ci sono altre due versioni di questa canzone, non presentate a SanEmo (la versione per gli emo), in cui Povia esprime tutto il suo disagio in campo sessuale: "Vorrei avere il cazzo" e "Vorrei non essere becco".

Voci maligne sussurrano che la canzone "Il piccione" sia stata ispirata a Povia dalla minaccia ripetuta di molti automobilisti infuriati quando lo sorprendono a becchettare granturco in giro: "Ti tiro sotto come un piccione!".... Nel 2009 ha cantato a San Remo "Luca era gay" tratta dalla sua ultima storia omosessuale.

Il pubblico aspetta con ansia (e con asce e forconi) la sua prossima canzone, sul cui titolo le ipotesi si sprecano. I più accreditati al momento sono Mara faceva i calendari (storia di un'avvenente ex showgirl poi diventata vergine e primo ministro) o "Sarah voleva sedurre Ivano" (storia di una quindicenne di dubbia moralità ) o Vittorio era Cosa Nostra (storia di uno stalliere) o Meredith faceva sesso prematrimoniale (ispirata ad un triste caso di cronaca nera) o Beppino non è un assassino (ispirata alla tragedia di Eluana Englaro) o Annamaria era contraria all'aborto (ispirata alla storia di una madre valdostana).
Il MOIGE ha già dichiarato che intende presentare una petizione in Parlamento affinché i testi delle canzoni di Povia siano suonati obbligatoriamente in televisione.

[modifica] Morte

Morirà nel 21 dicembre 2012 (si spera un po' prima), con una fine tragica. Un bambino, mentre è impegnato a guardare gli uccelli di Povia, non lo vedrà passare e lo stirerà sotto la sua bicicletta. La sua ultima parola sarà "OOOOOH!".
Il tutto sara' ripreso in diretta dal cameraman di Cotto & Mangiato, che passava di lì per caso ubriaco.

[modifica] Successi

I suoi principali successi sono:

[modifica] I Bambini fanno oh

La canzone parla fondamentalmente di un gruppo di bambini che incontrano Giuseppe Povia (allora chiamato Luca Povia) per strada e lui gioca affettuosamente con loro. I giovincelli rispondono a questo affetto urlando di gioia "oh". Con queste tre righe Povia è riuscito a scrivere una canzone di oltre 3 minuti che è divenuta un successo mondiale. Che talento!

[modifica] Vorrei avere il becco

È la narrazione di una sua storia d'amore con un volatile dei bassifondi. Nella canzone arrivano addirittura a farlo su un cornicione! Purtroppo i carabinieri passavano proprio di lì...
Povia finisce poi in prigione per atti osceni in luogo pubblico.

In seguito si scoprì che la scritta "i piccioni domineranno il mondo", all'inizio della statale, era stata opera sua.

[modifica] Luca era gay

Cartellone Povia

Povia sui trans.

Di gran lunga la canzone migliore di Povia, la trama della canzone può essere interpretata in due modi:

  • Si riferisce al periodo dopo i fatti de "I Bambini fanno Oh" Povia diventa etero (Povia fa una metafora tra Gay e pedofilo perché pedofilo è troppo lungo e non fa rima con lei, e per lei si riferisce il piccione della canzone "vorrei avere il becco").

Molti scettici dicono che questa spiegazione è inverosimile, inquanto da gay (o pedofilo se preferite) non diventa etero, ma zoofilo.

  • Oppure si riferisce al momento in cui si trovava in prigione prima del processo per atti osceni in pubblico e incontra un omosessuale in prigione che lo porta nelle grazie del sesso anale, poi ha un rapporto con la giudice che lo scagiona.

Dopo le varie polemiche sulla canzone Luca Era Gay, Povia, ha dichiarato di essere stato frainteso e per farsi perdonare dagli omosessuali, ha scritto Luca È Di nuovo Gay.

[modifica] Collegamenti esterni

Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo