Giuseppe Garibaldi

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Garibaldi con scatola di Lasonil in mano

Garibaldi nell'atto di spalmarsi il Lasonil sulla gamba ferita.

Quote rosso1 Tanto arrivo primo lo stesso! Quote rosso2

~ Giuseppe Garibaldi partendo da Quarto
Quote rosso1 Grazie Mille! Quote rosso2

~ Giuseppe Garibaldi al termine della spedizione
Quote rosso1 Merda, stasera avevo il calcetto! Quote rosso2

~ Giuseppe Garibaldi quando fu ferito alla gamba.


Giuseppe Garibaldi è stato l'esecutore di un disegno massonico-cattocomunista che aveva lo scopo di riunificare l'Italia e porla sotto il dominio dei Savoia. Garibaldi è ricordato anche come il peggior nemico dei Padani, poiché ha sottratto loro la libertà facendogli pagare le tasse che avrebbero rimpinguato le casse di Roma Ladrona.

[modifica] Vita

Giuseppe Garibaldi nacque a Nizza nel 1807 da un fotografo calvo e una massaia marxista. Fin da piccolo aveva la mania di unificare tutto ciò che trovava: tormentava la madre riattaccando con lo scotch le uova rotte e rincollando la buccia sulla frutta con la colla vinilica. Per questo motivo il padre fu ricoverato alcune volte per avvelenamento. Il non plus ultra fu quando, dopo essere andato dal barbiere, raccolse tutti i capelli e se li rimise in testa.

[modifica] Imprese

Dopo il diploma in ragioneria nel 1840 si imbarcò sulla flotta di suo cugino, il Capitan Findus, per sconfiggere i turchi ottomani. Successivamente il capitano lo portò con sé nei mari del Nord per andare a caccia di merluzzi giganti.

Tornato in Italia, cominciò a fare il sovversivo entrando a far parte dei BlackBlock anti-Savoia guidati da un certo Giuseppe Mazzini e per questo motivo fu esiliato in Sud America, dove conobbe Che Guevara, Maradona e Fidel Castro. Partecipò a numerose rivoluzioni, tutte con il solo scopo di sovvertire il potere e generare panico e anarchia, adducendo la scusa della liberazione dei popoli dall'oppressione dei tiranni, per poi impadronirsi del potere con un colpo di stato e far lavorare gli schiavi nelle piantagioni di cotone.

[modifica] Garibaldi e il Risorgimento

De Gregori

Garibaldi canta a un concerto.

Tornato nuovamente in Italia, ideò un piano per conquistare la penisola e autoproclamarsi re e Papa contemporaneamete, ponendo la capitale del nuovo regno a Ostia, poiché a Garibaldi piaceva il mare. L'esecuzione del piano fu affidata a due suoi amici, Don Camillo Benso, conte di Cavour, e Giuseppe Mazzini.

Attraverso brogli elettorali Cavour fu messo a capo del governo del regno dei Savoia, mentre i Savoia erano in vacanza alle Maldive, spendendo soldi per le prostitute e inchiappettandosi a vicenda. Mazzini si occupò della propaganda bellica assieme a Giuseppe Verdi, un cantautore che scriveva le canzoni con Mogol.
Per l'attuazione del piano Cavour dichiarò guerra all'Austria, al Regno delle due Sicilie e allo Stato della Chiesa, ma non fu preso sul serio perché l'esercito del regno aveva solo soldati armati di banane. Questa fu la cosiddetta prima guerra d'indipendenza.

Dopo aver inciuciato con tutti gli stati d'Europa la coppia Cavour-Garibaldi riuscì a fregare all'Austria parte dei territori occupati nel Nord-Est durante la seconda guerra d'indipendenza: dopo essere stati sconfitti in tutte le battaglie dagli austriaci, gli italiani riuscirono a convincere i nemici a giocarsi le regioni contese con una partita di pallone. Gli austriaci, pensando di essere più bravi in tutto, persero 8-2 e così vincemmo le regioni occupate.
La famosa partita contro l'Austria si ricorda soprattutto per l'esordio in nazionale di Paolo Maldini allora 25enne.

Alessandra mussolini

Una famosa paladina della libertà onora la memoria di Garibaldi con la sua camicia rossa: Garibaldi si è rivoltato nella tomba.

[modifica] L'impresa dei mille

Exquisite-kfind Non ti basta? C'è anche Spedizione dei mille

Riunificata tutta la Padania, Garibaldi decise di fare un blitz con le forze speciali di polizia nel regno dei Borboni: il progetto prevedeva di attaccare la capitale Napoli dal mare con un'immensa flotta. Successivamente il progetto fu modificato poiché tutti i capitali del regno erano stati spesi per le Olimpiadi di Torino e Garibaldi dovette ripiegare su un progetto alternativo: deportare con la forza mille persone prese dai villaggi e costringerli a combattere per lui, sbarcare in Sicilia e convincere le popolazioni autoctone a unirsi a lui utilizzando promesse elettorali come: costruiremo il ponte sullo stretto oppure più terre per tutti. Partito da Quarto, Garibaldi riuscì ad arrivare primo. Lo sbarco avvenne in Sicilia dove fu festeggiato con un rave party a base di Cuba Libre e con un comizio. Man mano che Garibaldi avanzava in Sicilia, sempre più persone si univano alla sua banda di golpisti: così fu anche in Calabria, aiutati dalle guardie forestali che erano metà della popolazione, e in Campania, dove trovarono l'appoggio di un corteo di disoccupati e delle popolazioni contrarie alla costruzione degli inceneritori.

Resisi conto della cattiva situazione, i Borboni decisero di abbandonare il regno e trasferirsi alle Maldive con i Savoia. Intanto il re, Vittorio Emanuele Fecondo, intuito il tentativo di colpo di stato, decise di tornare in Italia. A Teano fu fatta una conferenza stampa in cui il re si prendeva il merito di tutti gli eventi pur non essendo nemmeno capace di allacciarsi le scarpe.

[modifica] Ultime imprese

Garibaldi Beatles

Garibaldi porta a termine l'unità d'Italia con la sua banda, i Beatles.

Per sbarazzarsi di Garibaldi il re lo mandò in una difficile missione sulle Alpi orientali contro gli austriaci, intitolata Trappola tra i ghiacci, ma il nostro eroe ne uscì vittorioso. Tra l'altro Garibaldi fu l'unico che riportò una vittoria in quella ridicola guerra in cui facemmo solo figure di merda. È noto che Garibaldi in procinto di invadere la città di Trento fu fermato dall'armistizio fatto con gli Austriaci. Da qui la famosa frase "Obbedisco, però stanno sempre a rompere i coglioni" a indicare la forte dedizione che Garibaldi aveva nei confronti dello stato sabaudo.

Dopo questi eventi Garibaldi fu arrestato dal re con l'accusa di tentativo di colpo di stato e fu esiliato sull'isola di Caprera. Ivi trascorse il resto dei suoi giorni giocando a Risiko e morì cercando invano di organizzare una fuga che avrebbe portato al cosiddetto governo dei 100 giorni.

[modifica] Riunificazioni

Garibaldi viene tutt'oggi ricordato come il patrono dei popoli secessionisti. L'unità d'Italia è solo la più importante delle riunificazioni che Garibaldi ha effettuato, ricordiamo tra le altre:

  • La riunificazione di Israele con la Palestina
  • La riunificazione della Germania Est e Ovest
  • La riunificazione di Kosovo, Croazia, Bosnia e tutti gli stati dei Balcani occidentali fondando la ex-Jugoslavia
  • La riunificazione del pane con la Nutella
  • La riunificazione della chiesa anglicana con quella cattolica
  • La riunificazione dell'isola della California al Messico facendola diventare una penisola
  • Ricordiamo infine che riunificò il Mar Rosso dopo che Mosè lo avevo lasciato aperto quattromila anni prima
Camicia rossa

Il modello di punta della casa di moda Dolce&Garibaldi.

[modifica] Moda e sfilate

Durante il risorgimento Garibaldi fondò una casa di moda assieme a Domenico Dolce, chiamata Dolce&Garibaldi; prodotto di punta dell'azienda era un nuovo capo d'abbigliamento trandy e originale: la camicia rossa. Il prodotto fu ideato e messo in commercio per dare un simbolo comune con cui omologare i mille dell'impresa; successivamente il prodotto ebbe molto successo e divenne un vero indumento di tendenza. Oggi la camicia rossa ha ancora il suo fascino originale e mantiene i valori di bellezza e sballo.

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

Wikiquote
«Garibaldi fu ferito, fu ferito a una gamba, Garibaldi è una mutanda.»
(I mille sfottono Garibaldi)

[modifica] Documenti multimediali

[modifica] Voci correlate

StellaWoSArticoli

Questo articolo è entrato nella
Walk of Shame Articoli
in data 13 dicembre 2008
con 7 voti a favore su 8.



Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo