Giovanni Paolo I

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1.png Ah, ma kome di Giovanni Paolo existeva anche il primo? no xkè sta cosa mi pare strana... Quote rosso2.png

~ Classico Bimbominkia ignorante su cronologia papale e totalmente assuefatto dal successo mediatico di Giovanni Paolo II
Quote rosso1.png Ora che sono Papa voglio riportare la Chiesa alle origini del messaggio cristiano: abolirò il lusso, la corruzione e la pedofilia! Quote rosso2.png

~ Giovanni Paolo I poco prima di morire a causa di un "infarto"
Quote rosso1.png Nessuno è venuto a dirmi: "Tu diventerai Papa". Oh, se me lo avessero detto! Se me lo avessero detto, avrei studiato di più! Quote rosso2.png

~ Un preoccupato Giovanni Paolo I teme che Dio possa interrogarlo sulla tabellina del sette
Quote rosso1.png Giovanni Paolo 1.0 era una beta, il 2.0 era la release candidate, fra poco faremo uscire il Giovanni Paolo XP e vedrete che roba... Quote rosso2.png

~ Bill Gates su suoi programmi a finestre che si affacciano su piazza San Pietro
Giovanni Paolo I
Papa dei sordi et orbi
Papa luciani.jpg
Quella canaglia di Alby mentre prega affinché il castigo divino si abbatta sugli empi, sui blasfemi e su Mediashopping.
Nickname su Messenger Albino Luciani.
Soprannomi Alby, Miss sorriso, il Papa del Precariato (durò 30 giorni).
Luogo e anno di nascita Paese degli Orsacchiotti Cucciolosi, 1912.
Sesso Frequente e soddisfacente.
Nomina al soglio pontificio 1978, ottenuta promettendo di abolire l'ICI sulla seconda casa.
Fine del pontificato 1978, dimessosi in seguito a foto che lo ritraevano mentre riceve una mazzetta dalle Giovani Marmotte.
Parentele Il figlio, Giovanni Paolo II.
Amici Il Moige, il CCSG, i chierichetti, i bellunesi.
Nemici Marcinkus, i Testimoni di Geova, i gesuiti, i rovigotti.
Il suo motto: Ma Can de l'Ostia, ma non ghe xera nesun altro baucco da incastrar? (detto dopo aver scoperto di essere diventato il nuovo Pontefice)

Papa Giovanni Paolo I, al secolo Albino Luciani, è stato uno dei pontefici che sono durati di meno, a causa della sua sfrenata attitudine all'alcol, alla droga e alla frequentazione di disinibite donnine.
Dato che il suo pontificato è resistito appena 30 giorni, Giovanni Paolo I ha fatto in tempo a cambiare sì e no la tappezzeria del suo nuovo appartamento in Piazza San Pietro, e pertanto è al momento l'unico papa a non aver scritto neppure un'enciclica bislacca e a non essersi mai lanciato in pubblici panegirici della Controriforma e dell'Inquisizione[1].
Ancor oggi amato e stimato da una moltitudine di credenti e baciapanche vari, è inoltre ricordato con il nomignolo "Il sorriso verticale di Dio".

[modifica] La sfrenata ascesa al potere: da sindacalista comunista a vescovo di Roma!

Albino Luciani venne ordinato sacerdote nel 1935 e subito si mise in mostra per il suo zelo e la sua faccia di bronzo: era capace di dissertare per ore e ore sul valore della misericordia per poi sparare con una scacciacani ai bambini rom che chiedevano l'elemosina sul sagrato della chiesa.
I suoi superiori, evidentemente disgustati, pensarono bene di liberarsene mandandolo in culo al mondo e fu così che il buon Albino venne spedito nella arretrata e montanara diocesi di Belluno, nella quale svolse attività pastorale e allo stesso tempo ricoprì il ruolo di ostetrico, speziale, delatore anonimo, venditore di indulgenze e creme di bellezza, esorcista, sarto, calzolaio e signorotto locale: a tal proposito le cronache locali affermano che si impegnò molto e con successo per riportare in auge lo ius primae noctis.
Dopo esser riuscito ad avvicinare la gretta gente delle montagne bellunesi alla parola di Dio, al galateo e al sapone, nel 1958 Luciani venne premiato dalla Santa Sede con un buono spesa e con la nomina a vescovo di Vittorio Veneto.
Da lì in poi fu un susseguirsi di promozioni:

Nell'agosto del 1978 Albino Luciani era quindi il candidato più indicato a succedere a papa Paolo Bonolis VI, stroncato da un malore in diretta TV mentre recitava l'Angelus a Ciao Darwin.
Un attendibile sondaggio condotto da Studio Aperto sosteneva tuttavia che altri due cardinali, il collerico arcivescovo di Genova Giuseppe Siri e il libertino arcivescovo di Firenze Giovanni Benelli, potessero ambire al soglio pontificio.
In realtà non ci fu gara perché il mansueto Luciani seppe gestire bene lo stress causato dalla reclusione forzata in conclave, al contrario dei suoi avversari che crollarono psicologicamente: Siri dopo aver finito le sigarette proruppe in bestemmie e venne cacciato dalla produzione, mentre Benelli a causa della mancanza di figa fu costretto a darsi da fare con una bambola gonfiabile e a causa dell'indecorosa condotta si giocò il posto in conclave.
La continua scalata alle gerarchie ecclesiastiche di Albino Luciani si era quindi conclusa: il timido prete di campagna era finalmente divenuto papa, e senza dover neppure sporcarsi le mani col narcotraffico!
Per l'occasione Luciani dovette cambiare il proprio nome e, dato che "Elvis" aveva un gusto troppo esotico e che "Adolf" era inspiegabilmente passato di moda, optò per "Giovanni Paolo I", in onore a due grandi figure storiche italiane: Giovanni dalle Bande Nere e Paolo Calissano.

[modifica] È proprio vero: morto un papa se ne fa un altro!

Papa Giovanni Paolo II sofferenza Merc.30 3 05.jpg

Giovanni Paolo II apprende con sgomento la morte del suo paparino: "Addio mancetta settimanale!"

- Suor Lucia: “Monsignor Luciani, prevedo per lei uno splendido avvenire ma anche una grande croce da portare: diventerà papa ma durante tutto il suo pontificato sarà tormentato da dolorosissime emorroidi.”
- Albino Luciani: “Sia fatta la volontà del Signore. Sopporterò con umiltà e rassegnazione questa tremenda prova.”
- Suor Lucia: “Ma su con la vita, che non le ho detto la parte divertente: ne avrà solo per un mesetto!”

Pareva tutto troppo bello per essere vero, e infatti la mattina del 28 settembre 1978 la procace stagista ventenne che aveva il compito di svegliare con tatto e delicatezza il papa entrò nella stanza di Giovanni Paolo I e... sorpresa! Al posto di un pontefice insonnolito si trovò davanti un cadavere con un principio di rigor mortis!
Il decesso fu subito attribuito a cause naturali: era risaputo che Giovanni Paolo I soffriva di cuore e tifava per l'Inter; inoltre il suo corpo non presentava tracce di violenza, se si escludono cinque fori di proiettile nell'addome, la testa spappolata da un oggetto contundente e varie pastiglie di cianuro sparse sul pavimento.
Anche la stanza si presentava in ordine, e tutto era come al solito: la Bibbia era sul comodino, le pantofole erano riposte con cura a fianco al letto, la televisione era ancora accesa e sintonizzata sul canale dei pornazzi.

[modifica] Giovanni Paolo I's style

Giovanni Paolo I balla.gif

"Muovi a tempo il bacino, sono il Capitano Uncino!"

Pastore contraddistinto dalla rara bontà, dalla ricercata ipocrisia e da una paresi facciale che spingeva gli stolti a credere che stesse perennemente sorridendo, Giovanni Paolo I fu tuttavia fermo nel pretendere, sin dagli anni del suo episcopato, un'assoluta fedeltà alla Chiesa e alla sua dottrina, pena la scomunica e/o la castrazione mediante tenaglie arroventate; nel breve periodo del suo pontificato avviò anche un'energica azione di svecchiamento della Chiesa. In particolare Giovanni Paolo I riuscì a:

  • impedire che i bambini brutti potessero fare i chierichetti.
  • spostare gli enormi fondi della Chiesa alle Isole Cayman.
  • dare un forte appoggio ai missionari impegnati in Africa inviando loro casse piene di mitra e munizioni, nonché redigendo una bolla papale in cui si asseriva che l'omicidio degli infedeli altro non era che una forma estrema di "tentativo di conversione alla vera e unica fede".
  • risolvere con democrazia la disputa con i parrocchiani di Montaner, rei di rifiutare il nuovo cappellano che Luciani aveva inviato in paese. Giovanni Paolo I fece nascondere della cocaina nelle loro case e poi con una molletta sul naso fece una telefonata anonima alla polizia.
  • rendere la cerimonia di intronizzazione più semplice e accessibile al volgo: Luciani si presentò alla folla in tiara e pigiama, e spiegò la parabola del figliol prodigo usando due pupazzi dei Muppets.
  • ammorbidire il pensiero della Chiesa nei confronti del preservativo; in una puntata di Superquark ne spiegò il corretto utilizzo [2] davanti a un estasiato Piero Angela.

Questa grande opera di modernizzazione fu poi portata a compimento dal suo successore, il figlio naturale Giovanni Paolo II [3].

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Ma a quello ci hanno pensato i suoi successori
  2. ^ Con tanto di prova pratica
  3. ^ Concepito senza peccato durante una notte d'amore con Madre Teresa di Calcutta


Preceduto da:
Paolo VI
Stemma vaticano.jpg
Papa
Data incerta - 1978
Succeduto da:
Giovanni Paolo Parte II


Strumenti personali
Altre lingue
wikia