Gina Lollobrigida

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Gina Lollobrigida.jpg

Gina Lollobrigida si fa fotografare in posa statuaria, con un trucco pesantissimo da vedette, subito dopo l’introduzione del sonoro nel cinema, dovuto all’ingegno del solito Von Braun. La mitica foto che vi presentiamo è stata restaurata a Silicon Valley e colorata al computer.

Quote rosso1.png Quanto so' bona, quanto sono bella...So' Gina vostra..Possino ammazzavve! Quote rosso2.png

~ Leo Gullotta su Gina Lollobrigida




La grande vedette e attrice Gina Lollobrigida – in arte e sui rotocalchi dell’epoca post-mediovale Lollo – è rimasta nell’immaginario collettivo come un simbolo di bellezza femminile per gran parte dell’emisfero occidentale del pianeta.

[modifica] La vita

Nata dalla spuma del mare come Venere, la nostra italica divinità si destreggiò fin da subito con i concorsi di bellezza e le selezioni per il cinema, facendo gli occhi dolci ai produttori e mostrando le gambe ogni due per quattro.

Il cinema, da poco inventato per opera degli eclettici gemelli Lumière, la fagocitò immediatamente e ne fece una star di prima grandezza, tanto che divenne un modello di riferimento per le giovani adolescenti dell’epoca e un mito per tutti gli uomini assatanati.

Mostro sacro del grande schermo, Lollo invase con la sua immagine le copertine dei maggiori e più spregiudicati settimanali – da Famiglia Cristiana a Grand Hotel – e impose il suo volto a generazioni di registi, che se la contesero a suon di bilioni.

Sex symbol durante la Guerra dei Mondi e anche successivamente, nella lunga Era Democristiana, Gina fu la capostipite delle maggiorate fisiche e delle gambe da urlo, assieme all’altrettanto super bona Sofia Loren.

L’indubitabile bellezza del suo volto poté rivaleggiare soltanto con i delicati lineamenti e il fascino degl’occhi di Cleopatra dei Tolomei, regina d’Egitto.

Ebbe un solo rimpianto, alla fine della sua lunga e trionfale carriera nel mondo della celluloide: quello di non aver mai lavorato accanto al grande attore sperimentale e caratterista Alvaro Vitali.

Nella vita intima, contrariamente alle aspettative, fu una donna molto castigata, tanto che i suoi numerosi e occasionali amanti le affibbiarono lo scontato nomignolo di “Lollofrigida”.

[modifica] I segreti

Gina lollo.jpg

Guardatela che bella gnocca

  • Per mantenersi giovane e bella la nostra ha un trucco, dalla tenera età di 60 anni infatti assume quotidianamente due pasticchine di naftalina
  • Pare che sia genitore di Max Pezzali, di madre sconosciuta.

[modifica]

Oggi la divina – ammesso che esista ancora in vita e che non sopravviva soltanto il suo ologramma – si dedica alle mostre fotografiche e alle aste di beneficenza, in cui i suoi storici reggicalze (e le sue sensuali culotte d’epoca) vengono annunciati dal banditore come reliquie e venduti a prezzi superiori a un De Chirico prima maniera, o a un Alinari autentico.

Strumenti personali
wikia