Genitore cinquantenne

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

HankScorpio

Tipico genitore cinquantenne in un momento di avveduta riflessione.

Quote rosso1 Ma che ne sai te, mica hai fatto il '68 Quote rosso2

~ Tipica frase da genitore cinquantenne
Quote rosso1 Ma che ne sai te, mica hai fatto il 69 Quote rosso2

~ Tipica frase da Rocco Siffredi
Quote rosso1 Se potessi tornare indietro col cavolo che li farei, i figli Quote rosso2

~ Genitore cinquantenne nostalgico
Quote rosso1 Ai miei tempi all'età tua già lavoravo Quote rosso2

~ Genitore cinquantenne ispirato
Quote rosso1 Te credo, non c'erano brontosauri come te che rendevano il lavoro mio precario Quote rosso2


I genitori cinquantenni sono forme di vita tipiche di ogni era ma che hanno raggiunto il proprio apice deficitario tra gli anni '80 del ventesimo e la prima decade del del ventunesimo secolo.
Sono varianti dei genitori comuni ma portati a uno stadio terminale disastroso che li rende irascibili, infantili e dediti essenzialmente allo sfascio dei coglioni altrui.

[modifica] Descrizione

La domanda che tutti si pongono, specialmente se se ne trovano uno in casa, è "ma come nasce un genitore cinquantenne?". Sostanzialmente nasce come te, ma poi dopo averti procreato si rende conto che non ha fatto la cosa giusta della vita, come dedicarsi al puttan tour selvaggio e allo sperpero dei soldi, e così inizia la sua fase di metamorfosi dedita allo sclero. Da semplice genitore, con i suoi già innumerevoli difetti, si evolve sempre più in genitore cinquantenne assumendo un doppio lato, da una parte infantile, dall'altra schizofrenico. Ci sono forme di genitore cinquantenne anche violento, se riesce ad alzarsi dalla poltrona.

[modifica] Tipologie

Samara02

"Ai miei tempi bevevamo solo Crodino. Quindi da domani le mutande te le stiri da sola!!"

[modifica] Genitrice cinquantenne

È la forma di genitore cinquantenne più inquietante, la sintesi perfetta di quando una generazione fuori di testa incontra un party di ormoni impazziti. Guidata da un simbionte noto ai più come menopausa, la genitrice cinquantenne passa da momenti di ilarità ed entusiasmo a settimane di delirio e rabbia da scaricare sul primo malcapitato (sostanzialmente i figli o su uno straccio di partner). Più che altro la genitrice cinquantenne è capace di qualsiasi cosa di inumanamente concepibile pur di dimostrarti che sei una merda, che lei è la migliore al mondo o altri confronti molto interessanti e intelligenti.

La sua evoluzione finale è lo stato di suocera.

[modifica] Sintomi

Il primo inequivocabile sintomo è la rabbia: la genitrice cinquantenne comincerà sempre più ad adirarsi per stronzate minime, trasformandole in crisi post-atomiche. Sarà inutile tentare un dialogo, se avrete lasciato una cosa fuori posto e tenterete di spiegare che in realtà la cosa non è vostra e non l'avete mai manco vista prima d'ora, sarete comunque dei bastardi maledetti perché avete russato durante la notte. Solitamente si partirà da un attrito di natura mondana e si arriverà en passant a questioni di rispetto, interminabili dissertazioni filosofiche sulla negatività dell'essere umano e analisi storica dell'evoluzione sociale.

Altro sintomo frequente è lo snobismo, seguito dalla mania del parrucchiere e dalla poca voglia di fare qualsiasi cosa utile e di prodigarsi invece per cazzate enormi.

Non meno importante è il monologo con lacrime di cocodrillo, durante il quale voi rappresentate il figlio cattivo che ha perso ogni minima forma di educazione nei suoi confronti; l'intento è quello di farvi sentire come dei semplici malati di mente che non hanno niente di meglio da fare che essere cattivi. Dopo avervi infelicitato la giornata se ne vanno a sbranare il pranzo come se nulla fosse, chiamandovi ininterrottamente per dire che è pronto il pranzo.

[modifica] Armi

Le armi basilari della genitrice cinquantenne sono il lancio dei piatti, il lancio dei coltelli, il poco gradimento verso il partner dei figli o verso la segretaria del proprio marito, ricatti inutili, urla inumane, rotazioni della testa di 360 gradi, vomito verde e finti addii. Le armi più collaudate sono il Tisbattofuoridicasa (rivolto a chicchessìa) e il Aimieitempinoneracosì.

[modifica] Genitore maschio cinquantenne

Capitan findus ride

Genitore maschio cinquantenne col nuovo giocattolo

È una versione più variegata e meno pericolosa della genitrice cinquantenne ma comunque particolarmente noiosa. Il genitore maschio rincorre la sua infanzia continuamente (o la sua partner, ancora peggio) quindi dipende molto da soggetto a soggetto. Troviamo alcuni fissati con gli animali, altri coi motori e la propria macchina, altri con le donne e altri ancora con videogiochi, televisioni e aggeggi tecnologici che dopo un mese non utilizzano più.

[modifica] Sintomi

Il genitore cinquantenne maschio è assente, è altrove. Quando c'è però sono cazzi vostri, perché è sempre felice di darvi una lezione di vita che il più delle volte non serve o non c'entra niente o semplicemente viene data per far star zitta sua moglie, che sprizza la sua menopausa dagli occhi.

Se non è in fase acuta vi rendete conto di averne uno davanti perché sarà come ascoltare un bambino. Tanti di questi esemplari hanno passato l'infanzia per strada o nei collegi (non vi faranno mai mancare l'occasione di sentirvi giustamente in colpa per questo e per essere nati in un'epoca migliore...migliore?!) e cercano di recuperare il loro lato di bambino a tutti i costi.

[modifica] Armi

Il genitore maschio o vi minaccia di andarvene di casa (che se aveste i soldi avreste già sgomberato i locali da un pezzo) o semplicemente vi rinfaccia che lui vi mantiene e manda avanti la baracca. Poi torna a rincoglionirsi col gatto. E voi con la Playstation.

[modifica] Generale in pensione

PALLADILARDO!

"PORTAMI IL TELECOMANDO!"

È la versione violenta, urlante e scimmiona del genitore maschio cinquantenne. Il generale in pensione, ottenuto il traguardo della vita, torna a casa inaugurando la nuova era mettendosi sulla poltrona davanti alla TV. E non vi si alza mai più. Ingrassa tonnellate, urla, strepita, impartisce ordini e dirige l'orchestra dalla sua nuova postazione spaziale ingessando ogni dialogo e contatto umano.

Usa le stesse armi del genitore maschio ma le infarcisce di aneddoti di guerra inventati, di racconti su albe e adunate e di schiamazzi tipo ma insomma questo rancio soldati! alla moglie disperata (e cinquantenne, figuratevi un po'..). I fidanzati delle figlie vengono tutti folgorati dal simpatico inetto.


[modifica] Soluzione

Niente
Te la prendi nel culo e scappi di casa se ce la fai

[modifica] Vedi anche


Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo