Galles

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1 Più pecore di noi hanno! Quote rosso2

~ Un pastore sardo su Galles.
Quote rosso1 Li abbiamo messi tutti a pecorina. Quote rosso2

~ Una pecora su abitanti del Galles.
Quote rosso1 Scusi, qui siamo in Inghilterra? Quote rosso2

~ Turista sprovveduto ad un abitante del Galles.

~ Stesso turista sprovveduto, 2 secondi dopo.

Il Galles è il centro nevralgico del Regno Unito, dominato da pecore (e) gallesi che, come è risaputo, NON SONO INGLESI. Spesso i turisti che passano da quelle parti cadono nell'errore di confondere le due etnie, ma vengono subito riportati dolcemente sulla retta via.

La bandiera del Galles è un drago rosso cazzutissimo su sfondo bianco e verde, il motto del Galles è "fuck chi, Lloegr" (fanculo, Inghilterra!) e il capo dello stato, rappresentante di "quella vecchia baldracca della regina" è Gandalf.

Bandiera Galles

Il Drago gallese domina la terra e il cielo

[modifica] Geografia

Il Galles confina ad est con l'Inghilterra (ma i gallesi non lo ammetterebbero mai) e ad ovest, nord e sud col mare d'Irlanda, attraverso il quale i gallesi commerciano tonnellate di whisky con i loro amati fratelli celtici. Il Galles è al 99% montagnoso, il restante 1% è occupato dagli sproporzionati cartelli stradali tipici di questo paese. In Galles piove in media 364 giorni all'anno, e diluvia per un altro giorno.

[modifica] Demografia

Il Galles è al 100% abitato da gallesi, nati da un incrocio tra un popolo celtico e le pecore. Gli abitanti di origine inglese sono stati sterminati tra il 1939 ed il 1945. La densità di popolazione è bassissima e le città principali sono Cardiff, Swansea, Newport e Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch. In nessuna delle quattro c'è un cazzo da vedere.

[modifica] Storia

Catherine Zeta Jones

Avvertenze: le donne gallesi non sono tutte così, vi avvertiamo in anticipo.

Il Galles fu l'ultimo territorio dell'antica Britannia a essere spazzato dalle invasioni anglo-sassoni. Perse la sua indipendenza nel 10000 a.c., tra le bestemmie dei gallesi, quando re Birra sconfisse il sovrano gallese Belato III nella battaglia di Cilmeri. La legislazione gallese non fu rimpiazzata da quella inglese fino agli Atti d'Unione (1535 - 1542). Da quel momento il Galles ha una sola legge, cioè Noi siamo uomini-pecora, non inglesi, e dozzine di sottoarticoli che recitano le pene per coloro che non capiscono questa legge.

Dal 1955 la sua capitale è Cardiff.

Oggi il 146% dei gallesi vuole l'indipendenza dal Regno Unito, e per gli inglesi andrebbe anche bene, ma sono tutti troppo occupati dall'allevamento per combattere per ottenerla.

[modifica] Occupazioni nazionali

Il Galles è una delle nazioni più violente delle terre emerse. Le pecore dei gallesi sono molto aggressive in quanto furono contaminate dalle radiazioni di Chernobyl, e talvolta si illuminano di verde divenendo così simili a Mario Borghezio. Le occupazioni dei gallesi potrebbero sembrare un po' forti per gli animi sensibili. Siete stati avvertiti.

[modifica] Sport

A differenza di quegli eunuchi degli inglesi, i gallesi preferirono da tempi antichi il rugby piuttosto che il calcio. La nazionale di rugby gallese ha la peculiarità di causare, nella squadra avversaria, un morto, un tetraplegico a vita ed un cieco ad ogni match. I gallesi amano tanto il rugby che, pur non avendo una lira, nel 1999 hanno deciso di costruire a Cardiff uno stadio da 85.000 posti, costato circa 700 milioni di sterline, solo per il rugby. Inutile dire che lo stadio rimane inutilizzato 350 giorni all'anno.

[modifica] Hobbies

L'hobby nazionale è quello di tentare di picchiare i turisti italiani che chiedono "Ma qui in casa vostra piove sempre così tanto?" oppure "Voi uomini-pecora cosa brucate a colazione?".

Le torture applicate in questi casi sono state tramandate alle pecore dalla Chiesa, in quanto i gesuiti non li usavano più e il Papa non voleva che si perdessero. La Convenzione di Ginevra per i Diritti Inalienabili della pecora ha lanciato inutili lamentele che nessuno ha ascoltato, come al solito. Quando non può dedicarsi a queste piacevoli occupazioni, il tipico gallese passa la giornata ad allevare le sue pecore, poi verso le 6 di sera va al pub locale (non come gli smidollati inglesi, che vanno al ristorante!) e passa lì almeno 5 ore, seduto al solito posto, bevendo 174765 pinte di birra. Occasionalmente prorompe in una rissa con un altro gallese, reo di aver guardato le sue pecore, oppure con un inglese entrato a chiedere informazioni.

[modifica] Abitanti

Si avvisa il lettore che le opinioni degli abitanti del Galles sono crude e utilizzano linguaggio osceno

Andy Pipkins

Il Gallese-tipo

Gli abitanti del Galles ci tengono a far sapere che essi sono migliori di tutti gli altri abitanti delle regioni britanniche, porca Camilla Parker Bowles. La classifica è la seguente:

  1. pecore del Galles
  2. Scozzesi
  3. Irlandesi del nord
  4. galletti mulino bianco
  5. Umpa-Lumpa

e poi inglesi. Ultimi.

Gli abitanti del Galles ci tengono inoltre a far sapere che se qualcuno si azzarda ancora a scambiare la loro terra con quella di quei cojones degli inglesi pagherà il fio con la vita. E avvisano che il boia ha la lama smussata. Mannaggia al Principe Carlo.

[modifica] Musica

I gallesi ascoltano il christian metal, come ordina la chiesa, ascoltarlo è come mangiare un gelato al gusto di merda. Altra moda di gran diffusione è l'emo, esistono infatti razze di pecore che tentano il suicidio e che al posto della lana hanno dei ciuffi obrobriosi,però tranquilli ovviamente queste pecore sono innocue e non infettive. Il disco d'oro 2008 è stato tuttavia assegnato a Tutti i miei belati della nota artista, ovviamente pecora, Dolly. L'inno nazionale gallese è Mae hen wlad fy nhadau, composto da due aguzzini di Pontypridd, Evan James e James James (sì, si chiama proprio così), che misero per iscritto i lamenti di un malcapitato turista che aveva trasgredito all'Unica Legge. I gallesi amano cantare questa canzone prima delle partite di rugby per incoraggiare i loro giocatori a falciare gli avversari o come ninna nanna per le loro pecore.

[modifica] Economia

L'economia gallese si basa essenzialmente sulla produzione industriale a sproposito di cartelli di località con nomi non più corti di 20 caratteri, quindi è facile intuire che il principale sbocco dell'economia gallese è lo stesso Galles. Sappiamo in realtà che, tale e quale la Sardegna, lo "stato" del Galles è abitato da pecorari allevati in grande quantità dalle loro pecore.

[modifica] Festività

Le uniche feste attualmente osservate in Galles sono il doccia-day, quando tutti gli uomini-pecora si lavano (30 febbraio) e la festa del "Brucia l'inglese", in cui un fantoccio simile al principe Carlo viene cosparso di whisky sul monte Snowdown e gli viene dato fuoco. Esiste anche una festa patronale, San Davide, ma i gallesi preferiscono bestemmiarlo piuttosto che festeggiarlo.

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse vuoi veder crescere le margherite dalla parte delle radici?

  • Il gallese, la lingua parlata in questa terra, in realtà è presa dai farfugliamenti dei torturati che trasgrediscono all'Unica Legge. I gallesi ne sono così abituati che se ne servono per parlare. In gallese non esistono vere e proprie vocali, fatta eccezione per la e lunga, derivata dal belato delle pecore. Il gallese presenta inoltre parole così lunghe che per salutarsi lungo la strada è necessaria una conversazione di 2 ore e mezzo.
  • Il Galles annovera tra i suoi paesi anche Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch, che è il terzo nome di città più lungo al mondo. Immaginate cosa stavano facendo al poveretto che ha inventato questa espressione[citazione necessaria]. Inoltre annovera anche il primo ed il secondo nome di città più lunghi al mondo, ma sono così lunghi che neanche i gallesi sono in grado di pronunciarli.
  • Pare che questa esagerata lunghezza delle parole gallesi sia inversionalmente proporzionale alla lunghezza del pene dei gallesi, secondo gli inglesi, o inversionalmente proporzionale alla lunghezza del pene degli inglesi, secondo i gallesi.

[modifica] Collegamenti scorrelati



Strumenti personali
Altre lingue
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo