Ugo Foscolo

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

(Reindirizzamento da Foscolo)
Libro minuscolo
Nel mezzo del cammin di 'sta boiata
mi ritrovai a far 'na destabbata


Hai letto questo articolo che tratta delle megnifiche arti e opere letterarie?
È talmente piccolo che la Divin commedia a tal confronto l'è come il pennacchio del Conte Siffredi!
Aiutaci a migliorarlo, metti a posto questo stub d'arte/letteratura.

Fotomontaggio Morte di Marat + Nelson Muntz
Quote rosso1 Ugo Foscolo o Uganda, come amavano chiamarlo gli amici facendolo andare su tutte le furie. Quote rosso2

~ Daniele Luttazzi
Quote rosso1 Dopo quel bacio io son fatto divino, non ne parliam dopo quel bocchino. Quote rosso2

~ Jacopo Ortis sulle sue esperienze affettive
Quote rosso1 ...sempre scendi invocato, e le secrete vie del mio cor soavemente tieni... Quote rosso2

~ Ugo Foscolo su bypass
Quote rosso1 Sono tutte fanciulle vergini e divine! Quote rosso2

~ Foscolo su qualsiasi donna nelle sue composizioni


Ugo Foscolo o Ugolo Fosco è un poeta, cantautore e paroliere italiano. Scrittore, letterato e all'occorrenza imitatore di personaggi famosi, Foscolo è stato uno dei più illustri rappresentanti del Paleoclassicismo, del Postromanticismo, dell'Ellenismo e del nudismo.

Ugo foscolo

Ecco Ugo in posa maliziosa dopo la messa del rossetto.

[modifica] Biografia

Nasce in una isola sperduta tra tutte quelle controllate da Venezia nell'anno 3,5·10². Dopo la morte del padre, la madre zoccola si sposta a Venezia per godersi la vita, esercitando la professione al ponte delle tette col nome d'arte di Diamantina Spathis.

Ugo conduce vita da profugo finché non scopre che ha buttato anni nel cesso senza sapere quanto ricca e troia fosse la madre.

Illuso che Napoleone possa conquistare il mondo e magari chissà cosa, si offende come un bambino quando il tappo vende la repubblica di Venezia all'Austria come in uno scambio di figurine.

Alché, per riprendersi, crea un amico immaginario: Jacopo Ortis, scopiazzando da altri libri l’idea. Egli inizia così il suo piano di rompimento di coglioni dei posteri con le sue ammorbanti avventure inventate nelle crisi di seghe mentali che aveva.

Quasi insperata da parte dei suoi lettori arriva la notizia che Ugo vuole andare al fronte a combattere. Egli parte, ma purtroppo non lascia la pelle in battaglia. Il popolo italiano, scocciato da una pesante quanto inutile poesia sulle tombe fonda il M.N.U.F.C., “magari napoleone uccidesse foscolo club”. "I sepolcri" sono una lunga lamentela sul futile problema dell'utilità delle tombe che aveva scatenato una lite e una rissa tra Pindemonte e Foscolo.

L'odio del popolo per i suoi scritti e le spinte del MNUFC spinsero Foscolo verso un ritiro forzato in una villa sperduta in Toscana. Oltre a questi si aggiunse la protesta del sindacato becchini) a complicargli la vita. Il coniglio oppositore del regime fuggi ancor più lontano in Inghilterra. Anche qui venne perseguitato dal sindacato becchini e perfino dai vicini di casa perché puzzava. Egli si caricò di debiti per la vita dispendiosa che trascorreva tra bordelli e tavoli da gioco.

Come un barbone si ritira nel centro accoglienza, “rimembrando ancora il tempo della sua vita da profugo” .

Come il collega sfigato spira relativamente giovane. Foscolo muore odiato da tutti nei sobborghi squallidi di Londra senza una lira.

[modifica] Opere e componimenti famosi[senza fonte]

Componimento dedicato all'amico[senza fonte] Ippolito Pindemonte. Quando Il Tappo decise che le tombe erano nuovi gabinetti pubblici, Foscolo si arrabbiò col povero Ippolito, che al contrario sosteneva Napoleone.

  • Le ultime lettere di Jacopo Ortis

è un romanzo epistolare, qualunque cosa voglia dire, e parla del fidato amico immaginario di Foscolo. Purtoppo, fa cattive amicizie e... quelle lettere rimangono le ultime.

  • In morte del fratello Giovanni

Giovanni Foscolo è caduto in battaglia e non si è rialzato. Cosa fa il fratello? gli dedica una poesia.

[modifica] Vedi anche


Strumenti personali
wikia