Final Fantasy IV

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Dante

Lo Storyboarder di Final Fantasy IV.

Quote rosso1 Il miglior Final Fantasy dopo Final Fantasy 1 e mezzo! Quote rosso2
~ Quattroruote su Final Fantasy IV.
Quote rosso1 Tu, bardo cucchiaioso! Quote rosso2
~ Tellah su Edward.
Quote rosso1 Luke Cecil... Io sono... tuo fratello! Quote rosso2
~ Golbez a Cecil.
Exquisite-kfind Non ti basta? C'è anche Final Fantasy IV: The After Years

Final Fantasy IV è un videogioco di ruolo della Squaresoft, disegnato da Yoshitaka Amano e sceneggiato da Hironobu Sakaguchi, dopo che questi aveva provato a fumarsi una canna usando una pagina della Divina Commedia. È famoso per aver ricevuto un remake, un porting o una sottospecie di seguito per ogni console esistente e anche per un paio mai commercializzate.

Al contrario degli altri capitoli della saga, questo gioco è effettivamente Fantasy. Perlomeno finché non bisognerà utilizzare un'astronave per arrivare sulla Luna.

[modifica] Trama

Stop hand
Attenzione, da qui in poi questo articolo contiene spoiler.

Una volta avevo un criceto di nome George che lesse la trama di "Bianca e Bernie nella terra dei Borghezio" prima di vedere il film e si suicidò. Quindi fate attenzione, non voglio avere altre morti pelose sulla coscienza.

Protagonista del gioco è Cecil, il cavaliere nero dal cuore d'oro, che soffre perché il suo Re gli ordina di ammazzare dei maghi innocenti, che però lui, per coerenza, ammazza lo stesso.

Un giorno Cecil viene mandato dal re di Banone in giro per il mondo a cercare quattro cristalli superpotenti, perché i cristalli andavano di moda fra i Giapponesi a quei tempi, soprattutto alla Squaresoft. Da notare l'originalità, perché nei tre precedenti Final Fantasy i cristalli non erano mai apparsi. Così Cecil è costretto a partire lasciando la sua amica d'infanzia e fidanzata Rosa Farrello, partendo insieme a Kain, altro amico d'infanzia di Cecil anche lui innamorato di Rosa; i due non sanno che con il loro viaggio scateneranno una serie di eventi che porteranno a una cataclismatica guerra globale.

OKAY
Spoiler
La trama è finita, leggete in pace.


[modifica] Personaggi

Cecil Harvey
Cecil puccioso

Cecil nella sua versione pucciosa: notate quanta mascolinità sprizzi da tutti i pori...

Il protagonista del gioco, all'inizio è un cavaliere nero un po' sfigato ma che compensa ciò con una fidanzata gnocca e un'armatura figa; dopo aver scalato il Monte Fato Ordalia in compagnia di un vecchio arteriosclerotico e di due bimbimikia urlanti, cambia classe (e forse anche sesso, visto l'aspetto) diventando un Paladino e, contemporaneamente, perdendo quel briciolo di carisma che aveva; dopo aver passato le pene dell'Inferno a vedere amici morire e poi ritornare in vita (a parte Tellah, lui muore davvero), aver scoperto che Golbez è suo fratello, venuto a sapere che in realtà lui viene dalla Luna ed aver ownato senza pietà il nemico finale vorrà giustamente riposarsi facendosi Rosa. Incredibilmente, al contrario di quei pirla dei protagonisti dei giochi precedenti, riesce davvero a farsela, generando con lei il protagonista del sequel di cui però a nessuno importa.

Kain Highwind

Il migliore[insomma...] amico di Cecil, eterno numero due della storia, viene rapito e posseduto[1] da Golbez più volte durante il gioco. Ovviamente, chiamandosi Kain, tutti quanti voi vi aspetterete che ci sia anche Abele, però non c'è, spiacenti. Per rimediare alla mancanza di Abele, Kain deciderà di uccidere ripetutamente il suo amico Cecil. Ah, e non è nemmeno imparentato con gli altri Highwind della saga, come Ricard di Final Fantasy II o Cid di Final Fantasy VII, quindi rassegnatevi. Alla fine mentre tutti vivono felici e contenti, Kain, non essendo riuscito a fare nulla di buono nel corso del gioco decide di buttarsi da un monte.

Rosa Farrell

Sorella del più celebre Colin, Rosa è la classica gnoccolona prosperosa presente in ogni Final Fantasy. Il suo compito principale è fare l'amante del protagonista e, come tale, farsi rapire dal cattivo e salvare dal protagonista ad libitum.

Rydia
Rydia maiala

Rydia mentre impara come utilizzare i suoi magici poteri della magia da un Eidolon.

Giovane ragazzina dall'ormone libero, che soffre di un sviluppo accelerato, crescendo in poche ore di una decina di anni; viene trovata da Cecil e Kain dopo che questi hanno hanno appiccato il fuoco a un villaggio di barboni, così viene tenuta come souvenir; sfortunatamente viene persa in una traversata marittima, ma ricomparirà nella parte di una gnoccosa domatrice di leoni con tanto di frusta presa a Indiana Jones. Inutile per quasi tutto il resto della storia, servirà solo per raccattare Eidolon sparsi sul mondo, sotto il mondo e sul ghetto Lunare (cosa ci faccia Bahamut lì è ancora un mistero).

Edward Chris Von Muir

Il tipico codardo dell'episodio, dato che, a quanto pare, la Square non riesce a fare un capitolo senza inserire un personaggio timido. Dovrebbe essere un bardo, ma in combattimento è pericoloso quanto un paralitico senza sedia a rotelle. Verrà scaricato dal gruppo durante la traversata marittima. Dopo essere stato ritenuto morto lo troviamo ricoverato in un paradiso di gnocche stratosferiche, ma lui cosa fa? È interessato solo alla sua arpa!

Tellah
Nonno simpson vs alligatore

Quando esaurisce gli MP, Tella ricorre alla forza bruta della sua potentissima arma per sottomettere i mostri...

Un vecchio rincoglionito ed arteriosclerotico, con la mania della vendetta, in quanto trovando la sua povera figlia morta darà prima la colpa ad Edward, dandogli del "bardo cucchiaioso" e tentando di sventrarlo con il Miracle Blade di famiglia, e poi a Golbez, provando a scagliarli addosso un masso gigante, ma morendo poi per l'eccesso di alta pressione. A differenza degli altri personaggi tuttavia, lui muore davvero, anche se inspiegabilmente appare nel flashback/preghiera prima del boss finale insieme agli altri personaggi (vivi, alla faccia sua).

In battaglia lancia magie alla uberrima potenza, ma se le dimentica dopo soli 5 secondi, costringendosi a fare la sua stupidissima mossa che consiste nell'accendere una lampadina elettrica, o in alternativa pestare a sangue i mostri con la sua asta.

Yang Fang Leiden

Questo scioglilingua vivente è un monaco omosessuale con la passione per il feticismo, trova molto attraente Cecil per le sue grandi abilità da trans; anche lui viene scaricato in mare durante la traversta, ma viene ritrovato quasi subito mentre è afflitto da una potente amnesia [2]. Combatte ancora un po' dopodiché, capendo che Cecil non lo amerà mai decide di farsi saltare in aria in una stanza pressurizzata. Sfortunatamente (per lui) verrà curato dalle Winx.

Cid Pollendina

Il solito ingegnere costruttore di mille macchinari inutili e di aeronavi; è grazie a lui se il gruppo può scarrozzare per il mondo[3] con 2 aeronavi, un hovercraft e un'astronave, giusto per ricordarci che siamo in un gioco fantasy. Deciderà di farsi saltare in aria facendo un volo libero con una bomba, mossa che ha fatto piangere di gioia qualunque kamikaze e terrorista che abbia mai giocato a questo titolo.

Palom e Porom

Due bambini immigrati di 6 anni, che hanno più carisma di tutti gli altri protagonisti messi assieme; da soli sembrano due lagnoni, ma in coppia scatenano la tipica potenza ubersgrava che è dei personaggi di Final Fantasy che stanno per 2 petosecondi nel gruppo, e ovviamente questi non sono differenti: infatti decidono di pietrificarsi con la scusa di "fermare un muro che altrimenti li avrebbe schiacciati"; sì, come no...

Edward "Edge" Geraldine

Si unisce nel gruppo come ninja con la scusa che deve uccidere uno dei bodyguard di Golbez, ma la vera ragione era perché non aveva dove andare e perché c'era un posto libero nell'allegro gruppo di Cecil; per tutto il gioco non fa altro che scassare lo sfintere del giocatore con battute idiote. Solo alla fine si scoprirà la sua vera utilità, ovvero quella di tirare spazzatura e ciarpame metallico vario al nemico; nonostante questo rimarrà l'essere più sfigato dell'intero gruppo, anche se Rydia lo trova appetibile.

FuSoYa

Rapper del ghetto Lunare, viene trovato dal gruppo mentre fa meditazione con le canzoni di Fabri Fibra; dotato della potenza di una bomba atomica ma della resistenza di un cracker bagnato, il suo ruolo nel gruppo è quello del classico magonzo multifunzione, ma verrà subito scartato per far spazio per l'ennesima volta a Kain, recuperato dall'ennesimo lavaggio del cervello di Golbez.

Gli Arcidiavoli Elementali

La gang al servizio di Golbez con cui i protagonisti dovranno combattere fino allo sfinimento. In teoria si chiamerebbero i "4 Signori degli Elementi", ma in Italia, perché siamo geni incompresi, li abbiamo fatti diventare "Tetrarchi Celesti", nonostante abbiamo tutti nomi di diavoli danteschi e affermano essi stessi di venire dall'inferno. Quattro individui, ognuno corrispondente ad uno degli elementi; aria, acqua, terra e fuoco. Purtroppo quello del cuore si è dato malato, altrimenti avrebbero potuto evocare Capitan Planet. I quattro sono, in ordine, un cretino che non muore mai ma che compensa ciò con una totale assenza di cervello, un bizarro incrocio tra una delle Tartarughe ninja e uno Street Sharks, una zoccola lesbica che rotea formando un tornado che solo Kain può penetrare (in tutti i sensi) ed un tizio coperto solo da un mantello, che aprirà quando meno ve lo aspettate per mostrare i suoi gioielli.

Original video
Golbez

Se vi stavate chiedendo chi fosse il cattivo di questo gioco, beh, eccolo qua. Questa specie di Darth Vader medievale metterà i bastoni fra le palle ruote al gruppo in tutti modi, rapendo alcuni amici di Cecil, oppure inviando la sua gang di bodyguard. Verso la fine si scoprirà che Golbez altri non è che il fratello di Cecil, ma lui se ne vergognerà tanto che deciderà di ritirarsi a vivere sulla luna con FuSoYa portandosi dietro anche la collezione di diapositive con le vacanze nel mare lunare di quando i due erano piccoli, per la somma disperazione di Cecil.

Zeromus

Zemus, stretto parente del Mostro degli Spaghetti Volante

Zemus/Zeromus

Se credevate che alla Square avessero deciso di fare uno scontro finale con Golbez, ebbene vi sbagliavate di grosso! Infatti proprio quando crederete di aver vinto, apparirà questo ammasso informe che proclamerà di essere lui il padrone del mondo: il gruppo, giustamente incazzato per essersi fatto un culo così per arrivare al luogo dello scontro finale, deciderà di tirargli un bel "Mavammurìammazzatovà!" prima di massacrarlo a colpi di cristallo.

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • Il bardo è cucchiaioso.
  • Tellah muore. Ah, l'avevo già detto?
  • Per quanto possa cadere in precipizi, essere pietrificato o inghiottito da un mostro marino, nessuno muore per davvero. Tranne Tellah, ovviamente.
  • Il famoso stratagemma del "boss finale che sbuca fuori all'ultimo secondo", ripreso sia in Final Fantasy VIII[4] che in Final Fantasy IX, è stato insignito del Premio Christopher Paolini nella categoria Peggior colpo di scena.
  • Il paradiso di gnocche in cui si ritrova Edward si chiama Troia e, nonostante sia una città in cui la donna non è inferiore all'uomo, è la sede dell'unico bordello del gioco. Evviva la coerenza.
  • Nel sequel del gioco, Kain deciderà di emulare Cecil, diventando un trans anche lui; la sua lancia, invece, sarà riciclata per tutti i giochi successivi.

[modifica] Altri progetti

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Mentalmente, sia chiaro
  2. ^ Si fa per dire, visto che guarisce in 5 minuti...
  3. ^ Non che ci voglia molto, viste le dimensioni
  4. ^ Assieme a tre quarti abbondanti della trama
Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo