Festa dell'Unità romagnola

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Freccia blu.png Voce principale: Festa dell'Unità


Pin di Google Maps.jpg
In questa voce o sezione gli argomenti sono trattati con un'ottica geopolitica limitata.
Fottesega! L'autore non ha voglia di cercare informazioni su luoghi che siano diversi dalla propria città, provincia, regione o al limite nazione.
Nonciclopedia promuove sempre il campanilismo, in tutte le sue forme.
Pukinattable.jpg
SЦA ЭCCЭLLЭИZA LO ZAЯ PЦTIИ I

approva questo articolo e
OЯДIИA
a tutti i suoi fedeli sudditi di leggerlo e farlo leggere, inoltre
COMAИДA
a tutti gli agenti del КГБ in missione all'estero
di diffondere questo articolo tra la popolazione del luogo.


Festa comunista.gif

Imparate a memoria lo slogan di quest'anno!
Festa dell'Unità romagnola: piace ai proletari che piacciono!

Armata rossa parata.jpg

La sobria cerimonia d'apertura di una F.d.U.R. invernale

Quote rosso1.png OK, essi REALMENTE vogliono me morto. Quote rosso2.png

~ Joe Bastianich sulla cucina delle feste dell'Unità romagnole

~ Ristoratore pluripremiato sui cuochi dilettanti delle feste dell'Unità romagnole

~ Cuoco dilettante delle feste dell'Unità romagnole al ristoratore di prima
Quote rosso1.png Cioè, raga, le giostre della Festa sono troppo sbure[1]! Quote rosso2.png

~ Bimbominkia che è troppo piccolo e/o non può scroccare un passaggio per la Notte Rosa in riviera
Quote rosso1.png Ma ci devo proprio andare? I miei consensi nel resto d'Italia sono altissimi, laggiù invece mi appendono per le palle! Quote rosso2.png

~ Segretario nazionale del PD di corrente opposta al suo addetto stampa
Quote rosso1.png Sai, in quanto GD mi faccio il culo più degli altri in questa baracca... aspetta... Nonno! puoi scaricare più velocemente dal camion quei venti fusti di Aperol Spritz? Io e i miei amici compagni dobbiamo aprire il bar fra dieci minuti per l'happy hour! Quote rosso2.png

~ Il volontariato alle feste dell'Unità romagnole secondo i Giovani Democratici

La festa dell'Unità romagnola (da ora in avanti F.d.U.R.) è un evento leggendario, roba che i banchetti di Lucullo nell'antica Roma erano cenette intime a portate limitate, in confronto. Essa viene generosamente elargita dal Partito Democratico al popolo suo elettore per intercessione dei segretari locali, e talvolta nazionali, se questi ultimi non sono invisi alla corrente dominante in Romagna. Gli ingredienti di base per creare una F.d.U.R. degna di questo nome sono semplici: cibo locale fino a scoppiare, un'orchestra di liscio e un pizzico di magia, che non guasta mai. Una F.d.U.R. può durare da uno a trentordici giorni, dipende da quanta magia si è disposti ad impiegare.

[modifica] Il ristorante

Il motivo principale che spinge millemila persone ad entrare in una F.d.U.R. è il ristorante, cattedrale del buon cibo e del buon vino delle nostre terre, acerrimo nemico dei fast food e del padronato alimentare non cooperativo. Ma non tutto è oro ciò che luccica: c'è un motivo se le pietanze costano il 40% in meno che da Piccol, e questo motivo si chiama budget: dato che il finanziamento pubblico ai partiti è stato abolito, di conseguenza per poter sfamare tutti senza indebitare la federazione locale del PD peggio dello Zimbabwe si ricorre a stratagemmi produttivi geniali e molto mainstream in tutta Italia, Molise compreso. Scoprirete quali sono più avanti con lo snocciolamento della fauna di questo luogo mitologico.

[modifica] Comparti produttivi

[modifica] Reparto friggitoria

I fritti, eccetto la polenta con squacquerone, non fanno molto parte della tradizione culinaria propria della Romagna, ma i marmocchi ne vanno pazzi, anche perché i genitori ne vanno pazzi a loro volta, d'altro canto un medico su dieci non si è mai espresso contro al consumo quotidiano e intensivo di questi alimenti. Il friggitore sforna patatine e mozzarelle in carrozza a tonnellate in pochi minuti senza fare troppa fatica, perché le patate sono già preconfezionate in bustoni surgelati e le mozzarelle essiccate industrialmente; lui deve solo buttare tutto in una qualsiasi bollente sostanza dalla densità viscosa, che a seconda del gusto che si vuole dare può variare dall'olio combustibile per le centrali ENEL alla morchia delle platee di lavaggio per camion e pullman. Non ha opinione politica propria, segue il gregge e approva ciò che dicono gli altri.

[modifica] Lasagne e stufati

Zuppa di bambino morto.jpg

Soccia[2] che bontà!

L'uomo addetto a questo reparto è molto scorbutico e litigioso, soprattutto se la sua aiutante lo provoca in continuazione, tuttavia il suo umore alterato non influisce sulla qualità delle sue lavorazioni. Le lasagne sono buone... se avete la fortuna di prenderle appena uscite dal forno a gas. Altrimenti dovete accontentarvi di una crosta riscaldata al microonde per l'occasione. Dato che questa pietanza va via spesso in teoria servirebbero molte teglie professionali, ma il budget come detto prima è limitato, di conseguenza si riutilizzano a ciclo continuo teglie monouso del discount, per la gioia del reparto lavaggio che deve fare attenzione a non forarle e spiegazzarle. Quanto gli stufati, grazie alla collaborazione di altri reparti riesce a creare dei veri e propri olocausti nucleari per le budella di chiunque. A lato potete apprezzare una foto scattata da un agente sotto copertura in cucina di una di queste zuppe. L'uomo-lasagna è di corrente dalemiana: non accetta diktat dagli ultimi arrivati.

[modifica] Reparto piatti di mare

Pesce e frutti di mare sono l'alimento più fresco disponibile al ristorante, nemmeno la carne si avvicina così tanto. Il cuoco di questo reparto è un vero e proprio mago, un talento sprecato che darebbe le piste a Benedetta Parodi e altri mentecatti televisivi assortiti, e che invece preferisce dare i suoi servigi nelle quattro mura di cartongesso di una cucina da campo. Il risotto alla pescatora è talmente buono che perfino ad un vegano bendato ed imboccato con l'inganno piacerebbe. È un cuperliano duro e puro e anche i suoi figli prestano servizio alla festa, ahimé non al ristorante, poi capirete perché. Infine è campione imbattuto di tiri liberi da tre punti di palline di carta umida dentro il bidone del rusco[3].

[modifica] Tortellini & Tortelli: i due volti della pasta sfoglia

La donna dei tortelli in una foto tratta dall'annuario scolastico 1949/1950

Guai a confondere gli uni con gli altri davanti a colei che li cucina! Questa donna robusta è uno dei pilastri dell'attività, partorisce pasta da cinquantasedici anni e sempre con la stessa flemma e dedizione di quando era giovane. Non concepisce altro luogo della festa se non il SUO ristorante. Sta sempre a cicchettare[4] i giovani presenti in sala e in cucina, a suo dire fannulloni. Ma ha un terribile segreto che gli avventori dell'esercizio non conoscono... no, non è la foto di Stalin sul comodino al posto del marito defunto, ma che usa pasta ripiena precotta e surgelata, gravissimo oltraggio per ogni purista del buon mangiare!

[modifica] L'azdora

Mai toccare la sua piastra di lavoro, mai!

L'azdora[5] è un altro caratteristico e pittoresco personaggio della cucina di una F.d.U.R. Anche lei, come la donna-tortello, è anziana, cicciotta e stalinista. Adora fare il suo mestiere da solista e non sopporta di avere fra i piedi altre colleghe azdore o apprendiste tali, ma quando questo accade le due signore litigano in continuazione davanti a tutti i volontari maschi, i quali fanno scommesse su chi la spunterà: la piadina deve essere "d'entroterra" (Dozza) oppure "costiera" (Riccione)? "Innovativa" (Nutella) o "tradizionale" (prosciutto)? Più spessa o più sottile? Con strutto o senza? Tutte seghe mentali inutili, perché le azdore nelle F.d.U.R. si limitano semplicemente a riscaldare su una piastra rovente una piadina semilavorata in fabbrica e conservata in fresco, risultato? La piada è sempre uguale ovunque festa tu vada: morbidissima al centro e dura come uno pneumatico ai bordi!

[modifica] Manodopera non specializzata

[modifica] L'apprendista

Questo/a volontario/a ha ottenuto una promozione sul campo e quindi sta imparando a cucinare in uno dei reparti in cui il ristorante è suddiviso. Se la cava benino e non combina troppi disastri, ricevendo la benevolenza della donna-tortello, che sa che un giorno dovrà lasciare i fornelli ad un degno erede, e un pugno nei denti dall'azdora, invidiosa della facilità con cui l'apprendista lavora e conscia che il bellimbusto prima o poi le farà le scarpe.

[modifica] Il tuttofare

Il tuttofare ai tempi della militanza nei Giovani Comunisti, con l'immancabile alcolico d'ordinanza

Il tuttofare è anch'esso uno dei decani della cucina, può passare da un ruolo all'altro con disinvoltura. Ma ahimè per lavorare al meglio ha bisogno di due requisiti fondamentali: essere sbronzo e fumare cinque sigarette l'ora in un ambiente di lavoro già saturo di vapore, fumo di barbecue e scoregge di volontario, rigorosamente facendo cadere la cenere sui piatti pronti per la consegna in sala. Si trascina barcollando e biascicando tra una postazione e l'altra e scatena flame verbali su tutto, in particolare sugli smartphone di cui è ignorante possessore. Il problema per gli altri compañeros comincia quando ha bevuto troppo o troppo poco per garantire un livello pasti ottimale, creando pasticci catastrofici senza assumersene ogni responsabilità e andandosene a metà dell'opera in compagnia della sua bottiglia di vodka quasi completamente vuota.

Quote rosso1.png La vodka è la mia unica vera moglie: nel momento del bisogno c'è sempre. E comunque quella nella bottiglia non è vodka, è grappa! Quote rosso2.png

~ Un tuttofare sui suoi affetti più cari

[modifica] Il fancazzista

Il fancazzista arriva all'ora che gli pare e va via all'ora che gli pare senza dire niente a nessuno. Ti giri e lui appare, ti giri di nuovo e lui scompare. Almeno quando lavora rende bene, ma è sempre troppo poco rispetto al resto della combriccola. Può comunque evolversi in apprendista.

[modifica] Il tennico

Quote rosso1.png Xa fét? Vatt' a fétt' i pugnétt'[6]! Quote rosso2.png

Un tennico mostra ad un incredulo salumiere come tagliare correttamente la mortadella

Il tennico[7] è il classico anziano rompicoglioni. Quando non ci sono feste di partito in programma si alza alle 5:15 e va a scassare le palle prima al suo giornalaio chiedendo se è arrivata L'Unità mentre alza la saracinesca del negozio, poi facendo una borsa[8] grande come una casa agli operai dei cantieri che incontra durante la sua passeggiata mattutina su come dovrebbero essere svolti secondo lui i lavori edilizi.
Quando è il momento di F.d.U.R., rompe il cazzo a tutti i volontari del ristorante, i cui supervisori lo relegano con la moglie (la quale si allontana da lui per non avercelo fra le scatole più del necessario) alla più infima mansione, generalmente al reparto lavaggio. La sua età, i suoi acciacchi e il fatto che vuole avere l'ultima parola su tutto quello che si fa all'interno dell'esercizio lo rendono il peggior aiutante in assoluto per il lavapiatti, che cova ardentemente il desiderio di affogare il vecchio nel lavandino. Le sue idee politiche risalgono quanto meno ai tempi dello scisma tra PSI e PCI nel 1921, chiunque esprima obiezioni «è uno sporco socialdemocratico». Nessuno ha ancora capito quali debbano essere i requisti precisi per essere definiti tali dal tennico.

[modifica] I giovani

Chiudiamo questa carrellata con i volontari più giovani del ristorante. Essi sono la "primavera", il futuro del partito da proteggere per i più idealisti (generalmente i GD), la carne da macello per il 99% degli altri tesserati PD. Una piccola chicca statistica: il rapporto tra giovani con età ≤ 30 anni e personale con età ≥ 60 anni è di 1:20.

[modifica] Gli automi

Gli automi sono ragazzi e ragazzi completamente anonimi: non esprimo particolari emozioni, pensieri, idee politiche, eseguono il lavoro che devono fare, generalmente cameriere di sala, e basta, poi tornano alla base per essere riprogrammati per la prossima mansione che devono svolgere. Per una persona normale è più facile avere una conversazione sulla filosofia kantiana con un bot di un canale IRC qualsiasi che con uno di questi virgulti sulla MotoGP. I maschi sono tutti nerd, le femmine, secondo l'opinione del lavapiatti, sono pisellabili, ma senza troppa soddisfazione nel far ciò.

[modifica] Il gay

Quote rosso1.png Ehi cari, chi di voi mi dà una bella salsiccia? Per il tavolo 5, cosa avevate capito, sciocchini! Quote rosso2.png

Il gay è stato imposto a tutti gli organici delle feste democratiche di tutta Italia dalle più recenti segreterie di partito, «per combattere le discriminazioni e favorire il rispetto delle pari opportunità garantite dalla nostra Costituzione». Anche qua in Romagna, terra da sempre progressista ma legata alla concezione tradizionale di famiglia basata sull'unione tra un uomo e una donna a fini procreativi dopo contrazione di matrimonio.
Il gay sta in culo (metaforicamente) a tutto il ristorante, non tanto perché fornica coi maschi, ma per la sua esuberanza. Egli è sempre allegro, l'unico sorridente in un branco di musi lunghi, arriva al lavoro cantando e danzando Jo Squillo, Raffaella Carrà e Loretta Goggi, con la maglietta rossa d'ordinanza come tutti gli altri, ma indossando jeans aderentissimi che mettono in evidenza il suo culetto sodo, e un braccialetto fashion comprato in gioielleria attraverso la donazione di un rene. La donna-tortello, la figura che lui ammira di più all'interno della cucina, è omofoba alla massima potenza e cerca di mascherare la sua indole anti-froci riempiendolo di complimenti del tipo «Vorrei avere un nipote come te da quanto sei bravo.». Lui non capisce che lei lo sta sfottendo, apprezza e rincara la dose dicendole «Anch'io, carissima, vorrei avere una nonnina come te!», e giù di bacetti e abbraccetti. Anche se lui parla spesso di un fantomatico fidanzato che nessuno ha mai visto nemmeno come cliente a mangiare, cerca sempre di "sondare il terreno con la sua speciale bacchetta" con gli altri maschi giovani del locale, in particolare con il lavapiatti, che lo schifa e stringe le chiappe quando gli si avvicina, dato che gli automi sono troppo ebeti per accorgersi di essere oggetto di attenzione.

[modifica] Il lavapiatti

Faccia disperata.jpg

A che ora tornerò a casa? Qui c'è troppa roba da lavare!

Il lavapiatti è anche capo del reparto lavaggio. È l'ultimo degli ultimi, il paria, l'ingranaggio folle del sistema, la bestia da soma del ristorante. Tutti lo perculano e lui deve stare zitto e subire. È il niubbo ufficiale del partito, l'ultimo iscritto, per altro con l'inganno: due dialogatori si sono presentati a casa sua promettendogli considerazione e figa a volontà soprattutto nei GD, in cambio doveva firmare qualche carta e consentire un RID[9] di 50 al mese dal conto di papà per il tesseramento. È nel PD da qualche tempo e non ha ricevuto ancora la ricompensa: è sempre affamato di pilu e i GD non se lo cagano come vorrebbe sebbene abbia tante cose da dire. Le femmine di automa sono a suo dire pisellabili, ma troppo idiote anche per capire come si tromba. Nel frattempo fa tutto: volantinaggio, riunioni, direttivi, ed è entrato nel sistema delle F.d.U.R. dal gradino più basso della scala sociale. Ha come aiutanti il fancazzista e il tennico, entrambi inaffidabili, quindi il grosso del lavoro, con i piatti e le posate luride che in certi momenti della serata sembrano uscire dalle fottute pareti e riprodursi per partenogenesi sotto i suoi occhi, lo deve fare lui. Per svolgere al meglio l'incarico, generosamente assegnatogli da un benevolente segretario di circolo diverso dal suo, è costretto ad impiegare uno speciale equipaggiamento:

  • culo in kevlar e ano chiuso con filo per saldatura, per resistere alle incursioni del cameriere gay;
  • mani in amianto, per non ustionarsi con l'acqua bollente del lavandino e della lavastoviglie;
  • menefreghismo ambientale, per poter sprecare senza rimorsi 300 litri di acqua e 3 di detersivo per i piatti a sera;
  • super deodorante, per contrastare il sudore;
  • tatto insensibile ai residui di cibo nel lavandino, grazie all'azione di sgrassamento della pelle da parte dei tensioattivi del sapone; il detersivo è così aggressivo che gli cancella pure le impronte digitali;
  • naso insensibile all'odore di pesce putrido proveniente dagli strumenti da lavoro dei cuochi;
  • gomiti e ginocchia in titanio, per resistere all'usura meccanica dovuta al moto circolare di pulizia delle stoviglie e alla postura eretta continuativa;
  • grembiule di progettazione militare Finmeccanica in grado di resistere agli schizzi di qualsiasi particella organica, per proteggere i vestiti sottostanti (lui non ha ancora la divisa come gli altri in quanto troppo niubbo);
  • occhiali con tergicristalli;
  • orologio impermeabile, necessario perché quello appeso al muro non segna l'ora giusta, probabilmente come forma di tortura psicologica verso il personale di cambusa;
  • barba autoradente, per non sembrare più dimesso di quanto sia in realtà;
  • anfibi rinforzati, per maggiore comodità, piedi profumati e asciutti[citazione necessaria];
  • stomaco di ghisa scollegato dal cervello, per non vomitare dalla nausea e non sentire la fame crescente;
  • sebo del cuoio capelluto idro e oleorepellente, per non fare attecchire l'acqua sporca e l'olio esausto alla sua testa;
  • ansiolitici e antipsicotici, per mantenere l'autocontrollo nei momenti estremi;
  • fucile d'assalto M16 con due caricatori da 20 colpi, in caso di mancanza di autocontrollo nei momenti estremi.

Il lavapiatti può evolvere in apprendista solo se il primo giorno della F.D.R. successiva a cui prende parte coincide con un'eclissi di luna piena.

[modifica] Regolamento interno

[modifica] Disposizioni per categorie di personale

  1. La composizione chimica completa dell'olio per fritture si trova in una busta chiusa dentro una cassetta di sicurezza dentro il relitto del Titanic.
  2. I bambini in visita ai parenti in cucina non devono avvicinarsi all'area stufati pena inclusione forzata nel menu.
  3. È severamente vietato sputtanare le velleità sportive dell'addetto ai piatti di mare.
    1. Solo amministratori pubblici in carica tesserati al PD hanno il diritto di rivolgergli domande di natura politica senza permesso.
  4. In presenza della donna dei tortelli & tortellini evitate di scambiare il condimento per gli uni con quello degli altri per non incorrere nella sua ira funesta.
  5. La donna-tortello è il commissario politico designato della struttura. Ogni attività non consona alla linea del Partito dovrà esserle riferita pena il digiuno a fine turno.
  6. Ogni cicchetto della donna-tortello autorizza automaticamente gli altri componenti dello staff a cicchettare il soggetto del rimprovero originario.
  7. Per avere una piadina dall'azdora fuori dall'orario di servizio è necessario nullaosta scritto della stessa.
  8. L'azdora declina ogni responsabilità per ogni piadina cucinata ad mentula canis fuori dal proprio turno, come tutte quelle preparate in orario ufficiale.
  9. L'azdora accetta l'aiuto di colleghe o aspiranti tali solo se sordomute, non addestrate al labiale e alla lingua dei segni, e solo dietro autorizzazione verbale lasciata alle stesse.
  10. L'apprendista deve fare del proprio meglio per la produzione dei pasti nella sua area, ma tale meglio non potrà superare il meglio dei suoi tutor salvo prescrizione contraria.
  11. È vietato schernire la sbornia del tuttofare, sottrargli la bottiglia o svuotargliela di proposito. Si rilascia inoltre speciale autorizzazione all'addetto a fumare all'interno del ristorante.
  12. È vietato disturbare il sonno post-sbronza del tuttofare, in qualsiasi luogo abbia scelto di praticarlo. Sono assimilati alla definizione di luogo anche congelatori e celle frigorifere.
  13. L'orario di lavoro del fancazzista è una sua inclinazione naturale e in quanto tale non va inficiata. Ogni abuso di potere su questo aspetto verrà punito in base alle normative vigenti.
  14. Il fancazzista non ha l'obbligo di riportare giustificazione alcuna né deve rilasciare alcun recapito per un'eventuale reperibilità al di fuori dei giorni da esso contrattati.
  15. Il fancazzista è stato dichiarato specie a rischio da norme internazionali. Ogni contestazione del suo operato sarà deferita alle Corti di Giustizia preposte.
  16. Il tennico è infallibile: ha sempre ragione e ogni sua disposizione ha forza di legge.
  17. Il tennico è l'unico membro del personale interno che può cicchettare il commissario politico riconosciuto nella donna-tortello.
  18. La moglie/convivente del tennico ha diritto ad un indennizzo speciale da parte della federazione PD di appartenenza per le figure di merda che è costretta a subire.
  19. Ogni disposizione normativa relativa agli automi viene rilasciata al momento del bisogno e mai in contrasto con le Tre Leggi della Robotica di Isaac Asimov.
  20. Il lavapiatti può indossare dispositivi di protezione individuale solo dietro nullaosta scritto della donna-tortello.
  21. Il lavapiatti può avere tutti gli aiutanti che vuole ai suoi comandi ma solo quando questi non sono impegnati in altri ruoli.
  22. Il lavapiatti deve installare un tassametro alla tubazione che porta l'acqua alla sua postazione di lavoro. In base al consumo di acqua, calcolato dal tassametro e moltiplicato sempre da questo apparecchio per il prezzo al metro cubo della municipalizzata fornitrice, egli dovrà anticipare di tasca propria, alla fine della festa, la sua quota di bolletta acqua.
  23. Al lavapiatti l'uso della lavastoviglie è limitato a quattro piatti, quattro posate e quattro strumenti da lavoro per ogni carico. È esentato dal lavaggio di caraffe e bicchieri.
  24. È consentito sfottere il lavapiatti dietro ordine specifico della donna-tortello.
  25. Al lavapiatti è consentito portare un'arma da fuoco a scopo di legittima difesa. Tale arma potrà essere usata con le seguenti limitazioni: un colpo ogni 50 cicchetti, ingiurie, punizioni fisiche e psicologiche, senza possibilità di ulteriori tentativi nel caso mancasse il volontario che l'ha offeso per ultimo.
  26. Il lavapiatti deve abbandonare il ristorante per ultimo, anche se ha finito di lavorare prima della chiusura.
  27. Il lavapiatti al pranzo/cena di fine turno viene servito dopo tutti gli altri.
  28. Al lavapiatti non è permesso affacciarsi in sala col ristorante in attività per via del suo aspetto spaventoso.
  29. Il gay è assimilato al tennico di cui al punto 16 se i suoi comandi/osservazioni si riferiscono a personale eterosessuale.
  30. Il gay è esentato da rispettare restrizioni riguardanti l'abbigliamento.
  31. Il gay può dare ai suoi discorsi allusioni sessuali più o meno marcate. È vietato al personale eterosessuale fare altrettanto.
  32. Il gay può scambiare effusioni con il resto del personale, il quale è obbligato ad accettarle.
  33. Ogni contestazione, ingiuria, punizione fisica o psicologica ai danni del gay sarà valutata e sanzionata da un comitato di garanzia istituito dal gruppo di lavoro "Pari opportunità" dei Giovani Democratici e così composto:
5 omosessuali maschi con pieno diritto di voto e di veto;
5 omosessuali femmine con pieno diritto di voto e di veto;
5 transgender estratti/e a sorte indipendentemente dal sesso finale adottato da loro, con pieno diritto di voto e di veto;
5 bisessuali tra cui due bisex femmine con prevalenze rispettivamente etero e omo, due bisex maschi con prevalenze rispettivamente etero e omo, e un/a bi-curioso/a il cui sesso è estratto a sorte, tutti con diritto di mezzo voto e nessuno di veto;
5 eterosessuali il cui sesso è estratto a sorte, con nessun diritto di voto e di veto.

[modifica] Norme generali

  1. A tutto il personale di ogni ordine e grado è eccezionalmente consentito non presentarsi, arrivare in ritardo o lasciare in anticipo il lavoro in caso di eventi sportivi concomitanti di rilevanza internazionale, trasmessi in euro/mondovisione, a cui prendano parte atleti italiani, e solo per le seguenti discipline: calcio.
  2. Le pietanze vanno prodotte ciclicamente in base a queste regole generali: 100 "casualmente troppo buone", 20 "buone", 100 "casualmente discrete", 10 "mediocri" e 5 "bruciate".
  3. Al personale non è consentito mangiare durante il turno di lavoro, ma solo alla fine, tranne le portate che sono ritenute "casualmente troppo buone" e "casualmente discrete" dalla donna-tortello con giudizio insindacabile.
  4. 15 minuti prima della chiusura della cassa al personale preposto è fatto obbligo di dare alle griglie tutta la carne e il pesce, cucinabili in questo modo, rimasti invenduti per l'alimentazione della manovalanza.
  5. Al personale non è consentito bere bevande alcoliche durante il servizio, tranne per il tuttofare, ma solo acqua e Coca-Cola. Il rifornimento di questa bevanda dovrà avvenire rigorosamente per ogni volontario, dall'apposito dispenser, una volta ogni trenta minuti, per una quantità non inferiore a 125 ml e non superiore al litro.
  6. In qualsiasi circostanza è proibito al personale l'uso di contenitori per liquidi in vetro, come calici e caraffe, per il consumo delle bevande prescritte dal presente Regolamento, in quanto destinati alla clientela. Esso dovrà impiegare solo bicchieri monouso di plastica bianca per via del prezzo e dell'impatto ambientale di questo recipiente.
  7. La raccolta differenziata è facoltativa e fortemente sconsigliata, sia per il personale che per i clienti del servizio asporto.
  8. Al pranzo/cena di fine turno possono unirsi consanguinei e affini dei volontari di qualsiasi grado. Per questi congiunti sarà sufficiente autocertificare verbalmente all'operatore di cassa il proprio grado di parentela/affinità per avere diritto al pasto gratis insieme al proprio caro.
  9. Al personale non è consentito applicare lo stesso trattamento del punto precedente agli amici, agli amici degli amici e ai/lle fidanzati/e ufficiali. Sono assimilate agli amici persone con cui i volontari hanno relazioni di carattere esclusivamente sessuale come amanti, trombamici, prostitute e gigolò che non abbiano i canoni di bellezza/moralità sanciti dalla donna-tortello tramite circolare interna.
  10. Gli ospiti delle iniziative politiche della festa, insieme a tutto il proprio entourage, i giornalisti e il servizio di ordine pubblico, hanno assoluto diritto di precedenza sul resto della clientela, la quale, dietro eventuale ordine, dovrà abbandonare il locale anche a pietanze pagate e non ancora consumate. Le persone di cui a questo punto del Regolamento, non hanno alcun obbligo di rispettare il presente Testo, ma anzi possono imporre, data la loro posizione gerarchica, disposizioni speciali a cui personale e avventori sono obbligati a seguire pena l'espulsione dal partito, lo squarcio delle gomme della macchina, la confisca del cane/gatto e l'installazione forzata della suocera nella propria abitazione.
  11. I soggetti di cui al punto precedente possono entrare in cucina in qualunque momento e destituire, durante il periodo di permanenza nell'area, l'autorità del commissario politico riconosciuto nella donna-tortello e prendere il comando. Ogni azione conseguente a tale comportamento ricadrà di responsabilità sul lavapiatti, in quanto niubbo, il quale dovrà rispondere alla commissione disciplinare del partito per ogni avvenimento sconveniente commesso da chi in quel momento comandava la cucina.
  12. Il responsabile della cassa può sfruttare il suo potere per trattenere una percentuale sul venduto di cui potrà farne ciò che vuole. I risultati di eventuali rischiosi investimenti effettuati con tale denaro saranno ripianati dal lavapiatti tramite ipoteca della casa in cui vive.
  13. Il personale in tutta la sua interezza, l'ultima giornata di festa, è caldamente incoraggiato a portare via qualunque genere alimentare rimasto invenduto come gratifica per il lavoro svolto durante la manifestazione. Il lavapiatti sarà denunciato per furto aggravato alle autorità competenti ed espulso dal partito anche se non ha sottratto niente.
  14. I volontari non impiegati al ristorante, gli inserzionisti pubblicitari, i membri di associazioni dotate di proprio stand all'interno della festa e il personale sanitario di primo soccorso hanno diritto ad un buono pasto di 5€ per ogni persona coinvolta. Tale buono non è limitato, non è nominativo, è altresì cedibile a chiunque e cumulabile con altri buoni pasto già posseduti. È fortemente consigliato il mercato nero di tali buoni: fa girare l'economia e aiuta la ripresa dei consumi in Italia.
  15. È ammesso, fra componenti del personale durante il servizio, parlare di argomenti non attinenti al servizio stesso, ma solo di quelli riportati da L'Unità, La Repubblica, L'Espresso, Rai 3 e Radio Capital, senza comunque dare troppe interpretazioni personali.

[modifica] Curiosità

  • Molti strumenti da lavoro scompaiono durante il corso della festa e riappaiono quando non c'era bisogno di loro oppure alla fine della manifestazione.
  • Alla fine del lavaggio all'appello mancano sempre uno o due coltelli/forchette, spaiando una o due posate della controparte.
  • Le vaschette per l'asporto finiscono sempre a metà serata.
  • Il ristorante spende più di Coca-Cola che di qualsiasi altra bevanda.
  • La contabilità finale non torna mai, in particolare quella tra il materiale comprato, autoconsumato e venduto.
  • Ogni anno i supervisori si lamentano della scarsa affluenza nonostante il ristorante sia l'esercizio più redditizio della festa.
  • Data la fauna che lavora nel locale, per un giovane lavapiatti eterosessuale le probabilità di cuccare una sbarbina sono minori della vittoria della Corea del Nord contro la Germania ai rigori nella finale dei prossimi mondiali di calcio.

[modifica] Il bar

Simboli hipster.png

Attività intellettuali giovanili in corso
Questo segnale si può trovare in locali o manifestazioni pubbliche frequentate da giovani che praticano attività di carattere intellettuale di qualsivoglia indirizzo, soprattutto di tendenza contraria alle mode seguite dalla loro generazione e quelle precedenti. L'utente della strada che incontra questo segnale deve mantenere un atteggiamento distaccato, senza mostrare empatia o compassione alcuna per i frequentatori.
(Art. 1584 Codice di Sopravvivenza Urbana)

Nelle F.d.U.R. più grandi e importanti, dato che al ristorante non servono né gelaticaffè né liquori, è presente detto esercizio gestito dai Giovani Democratici e con target la generazione corrispondente. I GD del bar sono principalmente parenti e affini di volontari del ristorante che godono di privilegi che consentono loro di non lavorare in detto ristorante date le loro velleità politiche, inclinazioni e aspirazioni innovative e cruciali per il partito in cui militano.
Bevande e alimenti nel bar, per la solita questione del budget sono tutti confezionati, niente birra alla spina e niente caffè macinato, solo bottiglie e cialde, infine i bicchieri sono di plastica. La manutenzione richiesta ai GD è veramente ridotta, tuttavia durante i fine settimana è presente un numero enorme di manovalanza, la quale tra un'iniziativa e l'altra trascorre il proprio tempo conversando sui massimi sistemi.
Tra i ragazzi del bar spiccano tre figure chiave che godono di rispetto generalmente più alto del resto della compagnia, per un motivo o per un'altro:

  • il/la segretario/a locale dei GD. Di corrente sfacciatamente contraria a quella dominante nella direzione nazionale PD, questa figura ha solo ruoli di rappresentanza e burocratici. È presente al bar solo nei fine settimana per le iniziative, con indumenti eleganti e pesanti anche con 40°C e il 90% di umidità quando il resto della truppa gira in bermuda e canottiera. Tiene le chiavi dei depositi di cibarie e il fondo cassa, e nessuno può toccare niente senza suo ordine scritto o verbale. Tutti i suoi sottoposti devono rivolgersi a lui/lei con l'appellativo di Padrone. Imbastisce le iniziative e decide personalmente con giudizio insindacabile chi e come ne possa prendere parte;
  • il/la vice segretario/a locale dei GD: è lo schiavo #1 del segretario, è l'unico/a rappresentante della corrente in minoranza dei GD, dato che il suo superiore ha provveduto a fargli terra bruciata intorno buttando fuori dal comitato tutti coloro che non erano in linea col "nuovo" corso. Dato che il segretario è incapace di gestire la comunicazione del movimento per i troppi impegni che ha[citazione necessaria], delega tutto al suo giocattolo, il quale assume il ruolo di PR, fotografo, creatore di locandine e punching ball virtuale ufficiale per i piccati litigi che i GD hanno tramite Facebook con giovani e non delle opposizioni, in particolare i pentastellati. Il vice, inoltre, avendo per formazione o passione una maggiore dimestichezza con gli apparecchi tecnologici, fornisce tutte le attrezzature elettroniche di sua proprietà su imposizione del capo per attrarre maggior clientela al bar: chiavetta internet, hotspot Wi-Fi, computer portatile per il download di importante documentazione politica interna;
  • l'ideologo/a aiuta il segretario dei GD ad organizzare le iniziative senza scavalcare il suo volere, suggerendogli particolari idee sempre nuove e controcorrente per suscitare scalpore nelle masse. In altre parole è un hipster e adotta il loro aspetto fisico e modello comportamentale. È logorroico e usa molti artifici letterari per dare enfasi ai suoi discorsi contorti e incomprensibili. Quando non è lanciato nei suoi roboanti comizi è sorprendentemente molto conciso, adottando lo stile di Twitter, di cui è fanatico utente, anche nelle comunicazioni verbali.

[modifica] Iniziative

Supponendo una F.d.U.R. della durata di quattro settimane, e tenendo conto che il grosso dell'affluenza a tale Festa passa di sabato e domenica, ecco un calendario tipo di iniziative del bar dei GD.

[modifica] 1^ settimana

  • Sabato: semifinale del contest "Compagno Metallo" con i seguenti partecipanti: The Gothic Coops (Goth Metal), The Lenins (Epic Metal), The 1st Mays (Industrial Metal), The Politburos (Symphonic Metal).
  • Domenica: finale del contest "Compagno Metallo". A seguire, dibattito sull'evoluzione dei gruppi metal di sinistra dalla svolta della Bolognina al PD odierno.

[modifica] 2^ settimana

Laura Scimone.jpg
Ildebranda94_GDVergateSM @Ildebranda94 · 15 lug
Stasera ore 21, c/o bar GD della FdU Vergate concerto dei Dugongos: tributo a Friccantoni (credo si scriva così, boh)! #muoviilculo
EspandiFreccetta twitter risposta.pngRisposta Freccetta twitter retweet.png Retweet Preferito ··· Altro




[modifica] 3^ settimana

  • Sabato: dibattito "Porno lesbo: divulgazione ludica ed educativa di un modo normale di vivere la propria sessualità", moderatrice Anna Paola Concia, ospiti Milly D'Abbraccio e Sasha Grey.
  • Domenica: continuazione del dibattito del giorno prima con proiezione aperta al pubblico di porno saffici amatoriali arrivati alla segreteria dei GD in vista dell'evento. A seguire, workshop: "Quali sono le fantasie erotiche dei teo-dem?", moderatrice sempre Anna Paola Concia.

[modifica] 4^ settimana

  • Sabato: dibattito "Agenda digitale: perché il governo non ha ancora pensato all'introduzione della banda larga accessibile attraverso il water dei bagni pubblici?".
  • Domenica: petizione per introdurre in Costituzione il diritto fondamentale del cittadino ad avere l'ultimo modello di iPhone gratis e col jailbreak.

[modifica] Curiosità

  • I giovani che lavorano al ristorante non sono ammessi nel bar dei GD nemmeno come clienti, al contrario il lavapiatti del ristorante è obbligato a sottostare ad eventuali commissioni che gli arrivano dal bar.
  • L'attività politica dei GD del bar è inversamente proporzionale al numero degli avventori e degli incassi.

[modifica] Arena comizi e spettacoli

Cactus di Duilio Pizzocchi.png

Duilio Pizzocchi in un'immagine di remerdòrio

Questa è la terza e ultima sfera d'influenza di una F.d.U.R. che si rispetti. Anch'essa lavora solo i fine settimana. Ipotizzando le stesse condizioni che del bar dei GD, ecco un calendario tipico.

[modifica] 1^ settimana

  • Sabato: spettacolo di cabaret di Duilio Pizzocchi con cinque dei suoi peggiori pezzi per i suoi cinque personaggi del proprio remerdòrio[10].
    I biglietti sono stati venduti con l'inganno, facendo credere che ci sarebbe stato Giuseppe Giacobazzi.
  • Domenica: comizio di Pierluigi Bersani. Le ragazze dei GD gli si concedono carnalmente e il lavapiatti del ristorante viene sacrificato sul palco come rito propiziatorio di lunga vita alla corrente conservatrice.

[modifica] 2^ settimana

  • Sabato: orchestra di balli di coppia e di gruppo "Vanes[11] & Gli Anelli Mancanti". Divieto di accesso ai minori di anni 70.
  • Domenica: comizio di Massimo D'Alema. Incursione filo-renziana di un gruppo di FEMEN pagate dal vice dei GD, scena per altro molto apprezzata da Baffino.

[modifica] 3^ settimana

  • Sabato: spettacolo di cabaret con un comico[citazione necessaria] a caso di Colorado Cafè, al 90% Carmelo Prapapappo.
  • Domenica: tavola rotonda con giornalisti e politici locali su un argomento di attualità politica a scelta, al 90% Berlusconi.

[modifica] 4^ settimana

  • Sabato: folklore romagnolo, con esibizione dei Diavoli della Frusta, rassegna teatrale dialettale, e monologo sul Passatore.
  • Domenica: comizio di Matteo Renzi. Il segretario indossa un bersaglio in modo tale da permettere ai cecchini cuperliani, ai quali è stato consentito in via del tutto eccezionale di accedere all'arena con il fucile a pallettoni, di sparargli più facilmente. Sul palco, oltre al premier, ci sono tutti i più importanti politici locali che fanno gli scongiuri per non essere beccati anche loro dalle pallottole. Seguono rogo dei libri di Gianpaolo Pansa e fuochi d'artificio che sanciscono ufficialmente la fine della festa.

[modifica] Curiosità

  • I Diavoli della Frusta sono la prima causa di sordità permanente in Romagna.
  • Renzi viene convinto ad andare a una F.d.U.R. con metodi altamente persuasivi quali il Guttalax nella ribollita e il peperoncino Habanero sulla finocchiona che mangia abitualmente.
  • Il lancio dei fuochi pirotecnici viene fatto senza tenere conto delle condizioni atmosferiche, quasi sempre il vento fa cadere le ceneri addosso al pubblico.
  • I comici sono pagati con i soldi del Monopoli e l'orchestra musicale in pesche nettarine. I folkloristi romagnoli si accontentano di una buona polenta al ragù.

[modifica] Curiosità generali

  • Alle F.d.U.R. ci vanno anche esponenti di opposizione sotto mentite spoglie: nessuno sa resistere alle prelibatezze[citazione necessaria] del ristorante.
  • Le F.d.U.R. danno dipendenza: una volta che ne frequenti una non riuscirai a smettere.
  • L'autore di questo articolo è il lavapiatti del ristorante delle F.d.U.R: si spiegano tante cose.
  • L'autore di questo articolo non è romagnolo di nascita: si spiegano tante cose.
  • L'ho già detto che in base a chi ha scritto questo articolo si spiegano tante cose?
  • Sulla testa dell'autore di questo articolo pendono già due denunce per diffamazione, quattro minacce di morte e otto tentativi di pestaggio.
Pericolo generico.svg
Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale...
Oppure no?

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Aggettivo che indica qualcosa o qualcuno di divertente, figo, di tendenza.
  2. ^ Accidenti, perbacco, corbezzoli, ecc.
  3. ^ Spazzatura.
  4. ^ L'atto di rimproverare qualcuno, da cui il sostantivo cicchetto, rimprovero. Attenzione a quando chiedete un bicchierino di liquore al bar in Romagna!
  5. ^ Oppure arzdora: massaia, governante romagnola, moglie dell'arzdor, il capofamiglia. Con il cambio del costume, della società, e del ruolo della donna nel corso del secolo XX, questo termine viene oggi associato sempre più a signore di terza età che per diletto o per professione preparano pietanze tipiche della regione, tra cui la piada o piadina, che dir si voglia.
  6. ^ Cosa fai? Vattene a masturbarti! La seconda frase si usa soprattutto contro giovani e adolescenti accusati di essere sbadati, imbranati, idioti da un'altra persona solitamente di generazione precedente alla "vittima".
  7. ^ Deformazione dialettale transregionale di tecnico.
  8. ^ Scroto. Avere la borsa piena = Averne le palle piene di qualcosa o qualcuno.
  9. ^ Rapporto Interbancario Diretto: metodo usato per trasferire automaticamente denaro da un conto all'altro senza intervento del correntista. Si usa principalmente per il pagamento di bollette/canoni domiciliate/i e donazioni continuative a fondazioni ed ONLUS. Molte organizzazioni non governative stanno in piedi grazie a sottoscrittori di RID.
  10. ^ Lui stesso chiama così il suo repertorio di sketch, e non è uno scherzo!
  11. ^ Voi allupati, abbassate la cresta! Non è il diminutivo di Vanessa, ma è un nome maschile tipicamente romagnolo!

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia