Felipe Melo

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Bandiera del Brasile
ATENÇÃO

Este artigo é Brasileiro!
Pertanto gli piace Ronaldinho, il samba, odia gli argentini ed è circondato da Viados. Inoltre parla in portoghese, mangia come un portoghese ma NON è portoghese, caralho!

Bandiera del Brasile
BANDA
La banda bassotti ti ha notato!

Questo povero calciatore è stato rinchiuso in uno sgabuzzino ed è stato gentilmente invitato a giocare per la La Vecchia Signora dalla nuova società Juventina (Jean-Claude Blanc-Noir, Alessio Prosecco e Franco Bolli Gigli) in associazione con la vecchia triade della banda bassotti (176-167, 167-671 e 176-761).
Se prometti di giocare e rigare dritto ti sleghiamo il bavaglio...

Rubentus
Pianta di mele

Felipe Melo ritratto all'età di 12 anni nell'orto di casa a Rio de Macedonia.

Quote rosso1 Giocare contro Felipe Melo è come giocare contro il tempo perché sai che, prima o poi, o farà autogol o si farà espellere. Quote rosso2

~ Arrigo Sacchi su Felipe Melo
Quote rosso1 Ti prego, risparmiami! Faccio questo lavoro per mantenere la mia famiglia! Non togliermi le gambe, ti supplico! Quote rosso2

~ Avversario in lacrime inseguito da Felipe Melo con la bava alla bocca.
Quote rosso1 Melo dia... Quote rosso2

~ Alessio Secco trattando l'acquisto di Melo
Quote rosso1 Selo tenga! Quote rosso2

~ I dirigenti della Fiorentina dopo aver sbolognato il brasiliano alla Juve
Quote rosso1 Tira! Quote rosso2

~ L'allenatore Ciro Ferrara spiega a Felipe Melo i suoi compiti tecnico-tattici

Felipe Pero (Rio de Macedonia 26 giugno 1983) conosciuto anche come Felipe Melo, è uno zappatore professionista, nonché calciatore della Juventus in prestito al Galatasaray.

[modifica] Tecniche speciali

Felipe Melo Fiorentina

Felipe Pero mentre mette in pratica la sua tecnica del No Look.

[modifica] No Look

Teme tantissimo il pallone, per questo non lo guarda mai negli occhi e cerca di minimizzare i movimenti bruschi in sua presenza. Se gli capita tra i piedi cerca di colpirlo violentemente e di mandarlo il più lontano possibile.[1]Inoltre l'infido pallone tende a far amicizia con gli avversari del povero Felipe quando quest'ultimo sbaglia un passaggio sulla propria trequarti. Tutt'ora Felipe Melo si chiede come facciano gli altri a tenerlo vicino al piede e a farlo andare dove vogliono senza essere morsi.

[modifica] Carriera

Pallonata in faccia, juventus

Il momento esatto in cui scoprì che le pallonate possono far male.

[modifica] Brasile - Il periodo delle scoperte

Comincia la sua carriera nel São Bananão, dove entra come sturacessi e raccattapalle. Qui impara che un pallone, pur essendo rotondo e perciò privo di spigoli, può far molto male ma molto male se ti prende in pieno volto. Sempre in Brasile scopre che i trans gli piacciono molto, che l'acqua bagna, che anche la figa bagna, che il rum è buono e che gli servono più soldi da sputtanare. Prende così la decisione di andare in Europa, la patria dei presidenti spendaccioni.

[modifica] Spagna

Felipe Melo Juventus

Felipe Melo si vanta spesso delle dimensioni del suo pene.

In Spagna approda al Mallorca dove gioca sette partite senza gol. Poi passa al Real Sociedad de Rodrigo Fernando Alberto Adelante de La Vega in quindicesima divisione, qui segna ben due gol in una stagione.[2]

[modifica] Italia

Nel 2008 approda nella terra promessa del calcio indossando la maglia della Fiorentina. Non si capisce bene come possa essere arrivato in Serie A. Ci sono molte leggende a riguardo. La più credibile è che fosse un corriere della droga che stava portando degli ovuli di cocaina ad Adrian Mutu. La qualità della coca risultò talmente sopraffina da indurre i Della Valle ad ingaggiarlo come calciatore come copertura per la sua attività di pusher.

Nel 2009 la sua fama di corriere dalle uova d'oro giunge fino a Torino. Lapo Elkann, ansioso di provare la bamba del Brasiliano, decide di ingaggiarlo. Comincia così la sua esaltante avventura nella Juventus e ad oggi è l'idolo della curva bianconera. Grazie alle sue mirabolanti prestazioni vince il prestigioso premio Bidone d'Oro. Nell'estate 2011 viene mandato in prestito in Turchia, dove il buon Felipe continuerà a promettere ai tifosi impazienti, il meglio del suo vastissimo bagaglio tecnico:calci in faccia, papere, svarioni, passaggi sbagliati, assist agli avversari, gomitate, spintoni, tacchettate da dietro, falli in area e tanti tanti cartellini rossi.

[modifica] Nazionale

Felipe Melo Julio Cesar e Robinho

Felipe Melo è arrivato negli spogliatoi e i suoi compagni sembrano felici.

Felipe Pero riesce addirittura ad approdare nella Seleção verde oro. Questa volta non sono le sue doti da corriere ad aiutarlo, bensì la sua capacità di sollazzare i compagni negli spogliatoi.

Quote rosso1 Sono molto contento di questa opportunità con la maglia verde-oro; i miei compagni sono giocatori a 90...ehm...360° Quote rosso2

~ Felipe Melo sull'esperienza con la Nazionale.

In nazionale non ha esitato a mostrare il "meglio" del suo reportorio tanto da divenire un giocatore chiave. Memorabile il suo fondamentale contributo alla sconfitta del Brasile contro l'Olanda nei quarti di finale dei Mondiali del 2010, dove grazie alla sua espulsione lascia la nazionale verde-oro, ormai certa della vittoria, in balìa degli olandesi che rimontano senza troppe difficoltà.

[modifica] Voci correlate

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Questa tecnica tuttavia non funziona quasi mai, perché il pallone fiuta la paura di Melo e lo beffa regolarmente.
  2. ^ Due autogol per la precisione.
Strumenti personali
Altre lingue
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo