Erwin Schrödinger

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1 Quando sento parlare del gatto di Schroedinger cerco la mia pistola, ma è in una scatola e non so se c'è una pistola all'interno o di più o nessuna finché non apro la scatola, e finché non lo faccio ci sono all'interno infinite pistole. Una volta che ho aperto la scatola, tutte le altre possibilità scompaiono: la pistola non c'era. E anche se ci fosse stata, non avrei potuto muovermi per prenderla. Quote rosso2
Quote rosso1 Il gatto è morto. Quote rosso2
Quote rosso1 Non puoi dirlo con certezza! Quote rosso2
~ Erwin Schrödinger a Nietzsche.
Schrodinger


[modifica] Biografia

[modifica] Gli inizi e il successo

Erwin Schrödinger è stato un meccanico truccatore di Garelli Vip3 per motociclisti anni '80 di origini austriache in un'officina di periferia di Cinisello Balsamo, in seguito disoccupato e tossicodipente fu suggestionato dai vaneggiamenti cialtroneschi del suo spacciatore di fumo dell'epoca: Albert Einstein. In effetti non poté farne a meno perché doveva sorbirsi i vaniloqui del suo pusher ogni volta che doveva comprare un pezzo del suo scadentissimo fumo tagliato col PCP. Ma fu proprio basandosi su queste suggestioni e sui danni cerebrali causati dalla droga che riuscì nell'impresa che cambiò la sua esistenza: la realizzazione del primo prototipo funzionante del Motore a gatto imburrato, alla quale arrivò seguendo i dettami dello scrupoloso metodo di indagine scientifica della botta di culo.

Cat toast rotazione
Grazie a una crisi d'astinenza da speedball e a una poderosa botta di culo Schrödinger fu il primo ad applicare le discutibili teorie del pizzaiolo-cartomante Albert Einstein realizzando il primo esemplare di Motore a gatto imburrato

[modifica] Detrattori

I detrattori dell'eminente scienziato specularono sul fatto che probabilmente herr Schrödinger stesse soltanto cercando di usare come superficie di appoggio il suo povero gatto per poter imburrare meglio la sua fetta di pane, agendo sotto la logica efferata di una mente straziata dalle droghe e dalla vita di strada, innescando così la reazione a catena del tutto involontariamente. In effetti è quello che effettivamente era avvenuto, ma riuscendo a biascicare alla commissione qualche frase delle facezie che Einstein gli aveva scolpito in testa riuscì comunque a spuntarla e a ottenere il premio Nobel.

[modifica] Tardo periodo

Continuò per tutta la vita a torturare gatti allo scopo di riuscire a fare una qualche scoperta degna della precedente, in modo da consolidare la sua discussa fama di scienziato (cosa che gli avrebbe consentito di campare a scrocco per tutta la vita), ma riuscì solo ad accumulare enormi cataste di cadaveri di felini mutilati. Per paura degli ambientalisti, cominciò a escogitare sistemi di uccisione sempre più indiretti, ormai da tempo infatti la causa scientifica era stata soppiantata dalla deliberata uccisione intenzionale di gatti su base psicotica ossessivo-compulsiva sadomasochistica in fase anale. Giunse così fino al punto di aver costruito un meccanismo dal funzionamento talmente indiretto da non riuscire più a stabilire egli stesso l'avvenuta uccisione della povera bestiola all'interno di esso: nacque così il famoso paradosso del Gatto di Schrödinger. Diede così il via all'epoca d'oro della meccanica quantistica (chiamata così per il suo precedente lavoro di meccanico sui Garelli Vip3 e per il fatto di non riuscire, tramite il nuovo congegno di morte, a stabilire quanti gatti venissero ufficialmente uccisi).

[modifica] Morte

Fu catturato dagli ambientalisti durante l'assedio al suo castello di Bassano del Grappa nel 1989, su indicazione di Chuck Norris che non trovava più uno dei suoi gatti. Alla fine, si decise di darlo in pasto ai gatti inferociti sopravvissuti ai suoi esperimenti, e che nel frattempo avevano subito modificazioni genetiche diventanto loro stessi scienziati e attuatori di altri esperimenti in cui altri gatti subivano modificazioni genetiche che li portava ad essere scienziati... Naturalmente Chuck ritrovò pocodopo il suo micio che si era nascosto dietro il divano, ma ormai la carriera (e la vita) del fisico si era spenta tra graffi felini e cruenti tagli vari. Furono poi ritrovati e pubblicati postumi i suoi ultimi appunti dai quali emerse il progetto irrealizzato di dotare un Garelli Vip3 di propulsione burro-felina, in grado di soppiantare una volta per tutte la navicella Space Shuttle della NASA nelle missioni STS. Rimase incompleta la formula per la corretta carburazione del carburatore Dell'Orto da 19mm in assenza di gravità. A Erwin Schrödinger è stato dedicato il gattile della sua città natale, Vicenza.

[modifica] Caratteristiche principali

Regno = Animalia

Phylum = Humanus

Famiglia = Germanus

Genus = Scienziato

Arma principale = Gatto imburrato rotante

Arma secondaria = Veleno (o forse lo ha usato tutto con il gatto..)

Potenza = 3

Mana = 0

Forza = 2

Intelligenza = 6

Peso = .2 Lb.

Altezza = (1'5)-(3'5) Ft

Attacco speciale =

Poteri magici = È uno scienziato, non parliamo di magia per favore!


[modifica] Principali scoperte e invenzioni



[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo