Enzo Biagi

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1 Sono diventato giornalista per gli stessi quattro motivi di tutti: donne, soldi, potere e donne. Quote rosso2

~ Enzo Biagi

Enzo Biagi (Predappio, 1920 - Sofia, 2002) è stato un giornalista, saggista e vittima di continui scippi quando andava a ritirare la pensione alle Poste. Fu testimone e narratore dei principali avvenimenti dell'umanità, dalla Rivoluzione Francese al crollo del Muro di Berlino, dall'estinzione dei dinosauri alla nascita del figlio di Flavio Briatore e Elisabetta Gregoraci.
Suo anche il primo scoop della Storia, concernente la comparsa dei primi organismi viventi:

Wikiquote
«Svolta nell'evoluzione della vita: arrivano i procarioti. Si sospetta un loro coinvolgimento in Tangentopoli
(Da Il Resto del Carlino di 4 miliardi di anni fa)

Enzo Biagi aveva tre figlie, una delle quali, Bice, ha un nome orribile.

[modifica] Da nerd a partigiano

Enzo Biagi

A Biagi dobbiamo la Legge Biagi, la quale vieta di mangiare aglio prima di andare in onda.

Enzo Biagi cresce sull'appennino emiliano, che lui stesso ha costruito, masso su masso, col sudore della sua fronte. Di salute cagionevole (è affetto da vecchiaia fin dall'età di settant'anni), decide di non lasciare mai la terra natìa. La scelta sembra un ostacolo insormontabile per la sua carriera, ma Biagi, dimostrando un fiuto da cronista navigato, rimedia al problema inventandosi interviste e reportage. Questo nuovo modo di concepire l'informazione farà proseliti e verrà adottato da tutte le testate giornalistiche italiane.
Nel 1943 si unisce ai partigiani e, in virtù del suo fisico gracile e del suo alto livello di istruzione, il comando gli affida il compito di risolvere i cruciverba e di unire i puntini da 1 a 25. Biagi viene comunque coinvolto in uno scontro a fuoco, durante il quale spara al repubblichino Indro Montanelli, asportandogli metà calotta cranica e rendendolo così l'acuto pensatore che tutti abbiamo avuto modo di apprezzare. Negli anni a venire nasce tra i due un'affettuosa amicizia, tanto che Montanelli dichiara:

Wikiquote
«Solo a Biagi e a mia moglie ho concesso il sommo privilegio di spararmi.»

Biagi passa alla direzione dei più importanti giornali: il Corriere della Sera, La Stampa, Playboy, Amici a Quattro Zampe, Scarpe & Scarpiere. In un editoriale dimostra con prove inoppugnabili che il Subcomandante Marcos altri non è che Giorgio Mastrota, ma l'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale e Mondial Casa lo mettono a tacere minacciandolo di morte. E regalandogli un set di casseruole perfette per cucinare l'abbacchio.

[modifica] Biagi in technicolor

Enzo Biagi

Enzo Biagi mentre imita l'Omino Sentenzioso.

Negli anni '60 Biagi è in RAI con RT Rotocalco Televisivo. Il programma crea scalpore non tanto perché è il primo a parlare esplicitamente di mafia, ma perché è il primo a parlarne bene. Pubblica poi, con lo pseudonimo di Biagio Zen, una serie di monografie sui personaggi contemporanei che hanno reso grande l'Italia: Gianni Agnelli, Enzo Ferrari, Rocco Siffredi.
Nel frattempo Enzo Biagi finisce nel mirino delle Brigate Rosse, che decidono di farlo fuori. Le BR però sbagliano persona e uccidono il giuslavorista bolognese Marco Biagi. La settimana seguente ci riprovano e uccidono Gianfranco Biagi, il titolare di un elettrauto.
Le BR continuano a colpire a casaccio e a ridurre sensibilmente il numero di Biagi in Italia fino al 1989, anno in cui vengono smantellate. Non dovendo più temere per la propria incolumità, Enzo può finalmente uscire dal barile di alici marinate in cui si era nascosto durante gli anni di piombo.

Negli anni '90 continua a realizzare trasmissioni tematiche, di grande spessore, dedicate alla fine del comunismo, allo scandalo della P2 e alle operazioni di mastoplastica adduttiva di Sabrina Salerno. Non mancano i pericoli: dopo un servizio molto critico nei confronti della polizia, il Commissario Rex tenta di sbranarlo.
Per debellare una brutta forma di stitichezza che lo accompagna fin dai tempi della Resistenza, Enzo Biagi si abbandona all'abbraccio tentatore delle supposte di glicerina. Come ampiamente dimostrato da recenti studi, dalle supposte all'eroina il passo è breve e Biagi diventa tossicodipendente, tanto che negli ambienti RAI le malelingue lo soprannominano Il Fatto. In una spirale di degrado psicofisico e pulsioni autodistruttrici, pur di pagarsi una dose inizia a rubare TV e a lavorare per il Giornale. Riesce a ripulirsi grazie all'aiuto dell'amico cardinale Ersilio Tonini, che lo lega al letto e gli fa passare la voglia di droga a suon di scudisciate.

[modifica] Dalla Bulgaria con furore

Il 18 aprile 2002 il Soviet Supremo Silvio Berlusconi emana il celeberrimo editto bulgaro, nel quale accusa Enzo Biagi, Michele Santoro, il parrucchiere di Santoro e i comici George Carlin e Bill Hicks delle seguenti nefandezze:

  • Aver portato avanti una campagna di attacchi personali verso di lui.
  • Non averlo votato alle ultime elezioni.
  • Aver contestato le sue origini messianiche.
  • Non tifare Milan.

Berlusconi conclude l'intervento auspicando "l'immediata impiccagione dei ribaldi a un angolo della strada". Biagi, per tutta risposta, si asserraglia negli studi di Saxa Rubra e rilascia un breve comunicato stampa:

Wikiquote
«Non mi avrete vivo. Ho un fucile, tre bombe a mano, un fiasco di Lambrusco e Giuliano Ferrara. Posso resistere per sempre!»

A quanto ne sappiamo, è ancora là.

[modifica] Voci correlate

Giornalismo
Ovvero, come farsi i cazzi degli altri senza sembrare guardoni o maniaci.

Giornali Giornalai Tele-giornalai Gli strumenti del mestiere
Clicca su una categoria per espanderla.
Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo