E-mail

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1.png Le ho mandato un'email per spiegarle cosa fare. Quote rosso2.png

~ Supporto tecnico
Piccone2.jpg

Non è esattamente un'email, ma ci va vicino.

L'email è un simpatico utensile inventato un bel po' di tempo fa, e come tutti gli utensili, invece di rendere più facile il lavoro per il quale è stato progettato, può indurre a infarto precoce il suo ignaro utilizzatore. Di recente il numero dei suoi possibili utilizzi è aumentato a dismisura, per cui è possibile trovare email nei luoghi più disparati: si sente parlare di "email di casa", "email dell'ufficio", "email dell'università", "email del tostapane", "email del cesso" e così via. In generale, però, l'email è utilizzata come strumento di comunicazione.

[modifica] Prima di tutto, l'ortografia

Il termine e-mail deriva dal latino ìmel, -is, "arnese", che è di genere maschile... Ricordatevelo, quando parlate della "vostra" e-mail.

Alcuni popoli dell'area giappoegiziana usavano scrivere e-mail, cioè frapponevano un trattino tra e e mail. Tale scrittura è palesemente sbagliata: voi scrivete un "m-essaggio"? Un "t-esto"? E allora perché dovreste scrivere un'"e-mail"?

[modifica] La storia

Porta con spina elettrica.jpg

Ecco la famosa posta elettronica, se guardi bene c'è anche l'imboccatura!

Sulla nascita dell'email attualmente si sa piuttosto poco. Si sa però che ai tempi di Mosè, intorno al Millemila a.C., era già diffuso tra la popolazione; è noto infatti l'episodio delle Tavole della Legge, in cui Dio si divertì a mandare a Mosè una stampa su pietra, rilegata in ghisa, di un elenco di suggerimenti che avrebbe potuto fargli avere tranquillamente usando un'email. Secoli dopo il geniale Sant'Antonio ebbe proprio quest'idea e, per assicurarsi la massima diffusione dei principi divini, creò una catena legando tra loro varie email e chiamandola appunto "catena di Sant'Antonio".

Gli scavi archeologici mostrano che i faraoni facevano conservare nelle piramidi in mezzo a tutte le altre cianfrusaglie alcune email, ma poiché la spiegazione di tale pratica è stata scritta in caratteri geroglifici, per lungo tempo se n'è rimasti all'oscuro. Pare però che la "conservazione delle email" sia diventata pratica comune, dall'Egitto man mano al resto del mondo.

Fin dai tempi della pastorizia le varie popolazioni continuano, seppur con pratiche diverse, a celebrare il rito dello "scambio delle email": scambiandosi gli arnesi, i fedeli si propiziano i favori delle divinità in cui credono (il dio Hotmaìl, la dea Yahù, il dio Gimeil e così via) e diventano adepti di una religione tanto oscura quanto diffusa. Di fatto, oggi come oggi avere un'email è uno status symbol: senza email non sei nessuno. Il fenomeno curioso è che lo scambio, per qualche motivo mistico, non è privativo: dare la propria email ad altre persone non implica privarsi della propria. Ciò porta gli studiosi delle varie religioni ad approfondire le radici misteriche di questo particolare culto, nel quale pare che l'email si trasfiguri da oggetto concreto ad entità immateriale.

[modifica] La geografia

Al giorno d'oggi, grazie all'indefessa opera di tanti testimoni, l'email è diffuso pressoché ovunque. Sono stati realizzati vari modelli per i vari usi, al punto che esistono addirittura email da cellulare.

Alcuni ritengono che l'unico posto in cui non si possa usare sia sott'acqua, ma c'è chi già sta provvedendo a una versione anfibia.[citazione necessaria]

[modifica] Utilizzo

All'epoca della sua invenzione l'email era usato da pochi eletti, sia perché non appariva semplice da usare come oggi sia perché non se ne sentiva ancora un bisogno eccessivo; con il suo proliferare, però, si è incominciata a sentire la necessità di esperti intermediari talvolta chiamati "client" (dal latino cliens, -entis, "servitore") curiosi personaggi che per preservare la loro aura di esperienza si danno nomi in codice presi dalla mitologia, come "Uccello di tuono", "Pegaso", "Note di loto" ecc. Tali personaggi garantiscono, o almeno tentano di garantire, anche un uso più sicuro dell'email, per esempio con sistemi di occultamento (nascondono l'email in sacchi di iuta), di protezione dalla spazzatura e dallo sporco (avvolgono l'email nel cellophane) e di controllo (se qualcuno usa la tua email, te lo fanno sapere immediatamente). I client permettono ai più facoltosi anche di gestire comodamente più email, ma questo, più che uno status symbol, è ormai considerato più come un fastidio.

Strumenti personali
wikia