Die Hard

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Bruce Willis Die Hard 1.jpg
JOHN McCLANE APPROVA QUESTO ARTICOLO!

L'autore di questo articolo ha supplicato il poliziotto più trasandato d'America di non far esplodere questa pagina e di proteggerla dagli attacchi dei vandali. E ora levatevi dai coglioni voialtri, circolare! Non c'è niente da vedere qui, a parte qualche cadavere imbottito di piombo.

Bruce Willis Die Hard 1.jpg
Quote rosso1.png Yippee ki-yay maddafakka! Quote rosso2.png

~ John McLane mentre si dà al rap.
Quote rosso1.png John, cos'è che più ne perdi più ne hai? Hai 30 secondi per rispondere o degli innocenti moriranno. Quote rosso2.png

~ Simon Gruber durante i suoi indovinelli al telefono con McClane.
Quote rosso1.png Senti, cerca di non fare il furbo. Ho un mal di testa formato famiglia! E questo grazie a te! Hai rotto il cazzo! Dov'è la bomba? Quote rosso2.png

~ La risposta di John.
Quote rosso1.png Cazzo che storia del cazzo! Quote rosso2.png

~ Samuel L. Jackson dopo essersi confuso con il copione di Pulp Fiction.
Quote rosso1.png Mai ling? Ah sì, la ragazza che scalciava, occhietti a mandorla... Ho paura che per un po' non potrà parlare con nessuno. L'ultima volta che l'ho vista era spalmata in fondo alla tromba di un ascensore con un bel SUV piazzato nel culo. Quote rosso2.png

~ John comunica al padre di una vittima che la loro figlia è morta.
McClane : Quote rosso1.png Se fallisco, pensaci tu; se fallisci tu, ci penserò io. Quote rosso2.png
Zeus : Quote rosso1.png E se falliamo tutti e due? Quote rosso2.png
McClane : Quote rosso1.png Saranno cazzi amari! Quote rosso2.png

Bruce Willis Die Hard 3.jpg

John dopo che gli si è rotta la lavatrice.

La serie cinematografica Die Hard, per i non inglesofili Muori Duro [1] è la più grande, la più esplosiva e la più letale arma di distrazione di massa mai concepita da mente americana. Costruita nel 1988 da Bruce Willis, continua tutt'oggi a mietere vittime tra gli spettatori che lo guardano al cinema. Che si tratti di un grattacielo, di un aereoporto, di Manhattan o dell'intera provincia di Washington, il risultato alla fine sarà sempre lo stesso: rottami distrutti ovunque, i terroristi nemici della nazione verrano ownati tutti e John McClane sarà ancora vivo, con la sua camicia lozza, sporco di sangue e con un'emicrania da paura.

[modifica] Muori duro 1

Siamo nel 1988, è la vigilia di Natale. John McClane è un poliziotto di New York, sposato e padre di una tenera bimba; non vede [2] la moglie da qualche mese, e decide così di andare a trovarla a Los Angeles per passare un po' di tempo insieme. Come molti turisti appena arrivati, John viene adocchiato da un membro della gang dei watussi, di nome Argail, che lo rapisce e lo costringe a viaggiare nella sua limousine ascoltando le ultime cacofonie rap di Orietta Berti e Gianni Morandi. Dopo un giretto turistico nel quartiere di Farmington, McClane ritrova e saluta la sua dolce mogliettina Holly Gennaro, ma scopre che durante il viaggio ha chiesto la separazione coniugale e ha rimesso il suo cognome da zitella.
Incazzato nero, John manda gentilmente la moglie a cagare lavorare e prova a farsi più figo tagliandosi le unghie dei piedi. Nel frattempo una cellula terroristica di Al-Quaeda formata solo da
Testa che esplode dal film Scanners.gif

La fine che farà la testa di Ken.

tedeschi decide di assaltare il Nakatomi Plaza, lo stesso edificio in cui si trova McClane. Il grattacielo è stato appena inaugurato da Ken Kutaragi per festeggiare il lancio della PlayStation 1. Visto che nell'edificio sono rimasti solo 30 coglioni oltre all'imbucato John, i criminali non incontrano alcuna resistenza ed il loro capo, Hans Gruber, ordina a Ken di aprire il caveau di sicurezza dove tiene i soldi. Credendo che sia tutto uno scherzo organizzato da Shigeru Miyamoto, Ken rifiuta e Hans è costretto a sporcare di rosso il suo bel vestito[citazione necessaria]. McClane intanto ha finito di fare la ceretta alla sua pistola ed è pronto ad entrare in azione: uccide una guardia travestito da Babbo Natale, gli ruba il mitra e qualche lecca lecca al gusto di C4, dando il via ai fuochi d'artificio. Il negretto della limousine, che si stava rollando qualche canna nel frattempo, avvisa suo cuggino Al Powell, un altro sbirro, che stanno sbucando terroristi dalle fottute pareti. Il palazzo viene così messo sotto assedio.
Mentre i ladri-terroristi gettano olio bollente di sotto, McClane prova ad avvisare la polizia e l'FBI che il grattacielo è in realtà un gigantesco Campo minato, ma la sua camicia inzuppata di sangue ed i suoi modi gentili di salvare gli ostaggi lo fanno sembrare solo un poser smanioso di finire su Studio Aperto. Alla fine il deposito blindato viene aperto, ed i malfattori possono rubare indisturbati soldi, azioni Parmalat ed il prototipo della Playstation 4. Come se non fosse abbastanza, John deve pure salvare Holly dalle grinfie di Gruber, che l'ha presa come ostaggio. I nemici sembrano sul punto di vincere, John è rimasto solo, e senza l'aiuto delle sfere. Riuscirà il nostro eroe a sconfiggerli e riportare la pace ?

Non ci vuole certo un mago per intuire come va a finire: i ladri vengono arrestati e Gruber muore per un attacco di vertigini.

Uomo cade da grattacielo.jpg

Ecco Hans mentre batte il record del mondo 0-30 (piani).

[modifica] Muori duro 2: 58 minuti per venire

Aspirina.jpg

La fidanzata di John, Rina Aspi.

Per festeggiare la sua promozione a lavacessi, McClane decide di fare un viaggio in Groenlandia [3]. Dopo aver cominciato bene la giornata con una multa per parcheggio in doppia fila, John assiste ad una catastrofe improvvisa: lo sciopero dei controllori di volo[4]. Questo gruppetto di simpatici lavoratori decide di cancellare tutti i voli in arrivo ed in partenza a Los Angeles, lasciando a terra tutti, compreso ovviamente John. Guidati dal colonnello Stuart, il gruppetto di comunisti dell'aerenatica americana decide di scatenare una nuova Rivoluzione d'Ottembre sul suolo americano, sotto la guida del leader màximo Oliviero Diliberto.
Il feroce dittatore dal sangue latino è stato infatti appena estradato dalla Repubblica delle Banane italiana, e durante il volo è riuscito ad atterrare nella città degli angeli, corrompendo le sue guardie con del prosciutto crudo e lambrusco. Intanto alla torre di controllo scoppia il caos: scarsanta voli stanno aspettando come fessi di atterrare, ma gli uomini radar hanno disattivato i semafori sulle piste, causando tamponamenti a catena.
Su uno di questi ovviamente c'è quella simpaticona di Holly, che ovviamente si trova sempre nel posto giusto al momento giusto. Per risolvere la situazione, John prova a catturare da solo Diliberto, ma il colonnello Stuart lo intercetta con i suoi guerriglieri addestrati dai cobas del latte. Diliberto torna in libertà, e comincia subito ad organizzare feste dell'unità. Per fermarlo, viene addirittura chiamato l'esercito dei marine; invece di spalare neve o provare a fare atterrare tutti sani e salvi, questi cervelloni giocano a nascondino per l'aereoporto con Stuart e Diliberto. Facendosi aiutare dal tenente di NYPD Blue Lorenzo, McClane scopre che il capitano dei marines [5]è nipote del fratello della madre di Diliberto. Paura eh?
Il sospettoso John comincia allora a pedinare la squadra di marmittoni e scopre che in realtà è tutto un magna-magna: tutti sono dalla stessa parte e sono riusciti a fare fesso McClane. O almeno, c'erano riusciti. Infatti il poliziotto più maddafakka di tutti si incazza peggio di Hulk e per vendicarsi di aver preso il raffreddore fa esplodere l'allegra comitiva di proletari armati mentre scappa verso le Isole di Langerhans a godersi il sole.
Il film si conclude con il solito lieto fine: Holly rivede John, e gli annuncia di voler di nuovo divorziare.

[modifica] Muori duro 3: con vendetta

Stop hand.png
Avvertenza:
Questo articolo contiene dettagli che potrebbero rovinarti la "sorpresa", come per esempio il fatto che

Simon è il fratello di Hans Gruber
Beh, ormai che l'ho detto puoi anche leggere tutto...

Stop hand.png
Mourinho bocca aperta.jpg

Tu dopo aver scoperto il segreto di Simon.

New York, qualche anno e molte sbornie dopo il secondo capitolo, John McClane è di nuovo alcolizzato e gli è venuta paura di volare. La sua vita scorre monotona, tra un mal di testa e l'altro. Un giorno viene però costretto a ritornare in servizio a causa di un pazzo che adora fare gli indovinelli prima di uccidere la gente. Inizialmente si pensa che sia Unabomber, ma si riesce chiaramente a cogliere un accento da crucco nei suoi deliri.
Questo fantomatico individuo, che vuole farsi chiamare Simon, costringe John a fare qualche scherzo in giro per Manhattan, come suonare i campanelli a caso, ordinare pizze sotto falso nome e fare l'uomo sandwitch nel ghetto nero di New York con un messaggio di tolleranza verso gli indigeni locali. Qui incontra Zeus [6], un elettricista a cui piace leggere molto la Bibbia, sopratutto Ezechiele.

[modifica] Il primo incontro con Zeus

(1/?)

Caricamento delle immagini in corso...

I due fanno presto amicizia e cominciano a risolvere gli enigmi di Simon. Purtroppo non sanno rispondere al quesito sul colore del cavallo bianco di Napoleone, e devono perciò subire la penitenza [7]. Simon fa così esplodere mezza metropolitana, con l'obiettivo di rapinare la Federal Reserve. Mentre lui ed i suoi scagnozzi giocano alla banda del tubo, McClane scopre grazie al tempestivo ed utile[citazione necessaria] intervento dei federali che Simon in realtà è il fratello maggiore di Hans Gruber. John comincia così la caccia all'uomo, rincorrendo Simon per tutta la città, quando si potrebbe capire benissimo che uno con 350 miliardi in lingotti d'oro non usa il bus per muoversi, ma una nave container. Peccato che quando arrivano al porto, Simon ha già organizzato il loro funerale; a questo punto John e Zeus sembrano condannati, ma John riesce a rimediare l'ultima aspirina, e alla maniera di Popeye si libera delle catene salvandosi dall'ennupla esplosione. Simon nel frattempo è scappato all'estero, facendosi due grasse risate su John, ma mentre festeggia il successo del suo piano, spunta di nuovo fuori la sua nemesi. Ormai è inutile: non basta essere sopra un elicottero impugnando un M60 ed aver fatto l'addestramento nell' esercito. A John basterà un colpo della sua pistola ad acqua per mettere kaput anche l'ultimo fratellino Gruber.

[modifica] Muori duro 4: vivere o morire, a te la scelta

Siamo sempre sulla East Coast, ma stavolta a Lavatonnellata. Ormai John è entrato in pensione ma un giorno, mentre andava alle poste per ritirare i suoi 500 euro mensili, scoppia il caos: un cyberpunk di Anonymous, Thomas Gabriel, dà il via ad un hackeraggio su vasta scala della rete telematica americana. I servizi di banche, osepdali, World of Warcraft e dei server di Nonciclopedia [8] risultano offline. Mentre i nerd di tutti gli Stati Uniti d'America si buttano dalle finestre per la disperazione, ne sopravvive uno ancora più lamer di Gabriel, e sostiene di avere il backup di tutti i dati di Internet, compresi ovviamente i porno. Per vedere di nuovo la sua pensione e pagarsi il Sky Hot Club, McClane sarà costretto a rientrare in servizio per proteggere il brufoloso Salvatore del mondo. Mentre abbatte qualche elicottero in puro stile Carmageddon, riesce pure a litigare con sua figlia, la quale dopo tutti questi anni è diventata una topa niente male.
Dopo essersi fumato per sbaglio una paglia dentro un gasdotto ed ucciso un' attrice di Mission Impossible 3 che passava lì per caso, John decide di entrare nel Guinness dei Primati abbattendo un F-22 senza sparare un colpo. Ovviamente il cattivone Thomas intuisce che la faccenda sta andando nel verso sbagliato, quindi rapisce la figliola di McClane, come se questo servisse a qualcosa. Il film si conclude con John che cavalca verso l'orizzonte al tramonto, mentre il malvagio Gabriel stramazza nella polvere, il nerd ripara i casini informatici e torna a giocare a Minecraft, e gli Stati Uniti d'America ritornano ad essere di nuovo sicuri. Ah, se ve ne siete accorti in qualche punto compare pure Edoardo Costa, ma nessuno vuol credere che stesse davvero recitando.

Macchina colpisce elicottero Die Hard 4.jpg

Ecco che succede quando impazzisce il TomTom.

[modifica] Le leggi nell'universo parallelo di Die Hard

Forse può sembrare strano, ma esistono delle costanti immutabili in questi film, le quali nemmeno l'Agente Smith riesce a sconfiggere.

  • È impossibile violentare la moglie di McClane, Holly Gennaro [9]. Chi lo fa di solito viene scaraventato giù da un grattacielo da John; oppure verrà semplicemente preso a sberle da lei.
  • I grattacieli di Los Angeles hanno al massimo una guardia giurata di sorveglianza.
  • I terroristi hanno tutti le scarpe più piccole di John. Oppure è lui che ce li ha sempre troppo grossi, è tutto relativo.
  • Una squadra di SWAT super addestrati può essere uccisa da 5 commando. Questi 5 commando sono poi uccisi da John. Per proprietà transitiva, John può uccidere una squadra di SWAT.
  • L'aereoporto internazionale di Los Angeles (Die Hard 2) e l'intera sicurezza nazionale (Die Hard 4) possono essere hackerati in 30 minuti.
  • A Wall Street c'è più oro che a Fort Knox.
  • I dittatori che devono essere processati vengono scortati da un solo uomo, niubbo, e senza altri soldati di sorveglianza.
  • I cattivi non possono uccidere John quando ne hanno l'occasione, ma devono attendere che lui caschi in qualche trappola da loro congegnata.
  • Dopo che gli hanno sparato addosso e buttato contro C4 misto con granate e fatto esplodere una diga(!), John si limita a chiedere un'aspirina per il mal di testa.
  • John può distruggere un F-22 con un Iveco.

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

  • Per ringraziare John di aver loro salvato la vita, sua moglie chiederà alla fine di ogni film il divorzio e la figlia rinnegherà il cognome McClane.
  • Molti americani hanno pensato che l'11 settembre 2001 fosse una scena del nuovo capitolo di Die Hard.
  • Il numero di parolacce ed insulti gridati da Zeus e McClane è all'incirca di Counter.GIF al secondo.
  • Per 5 petosecondi compare addirittura James Trivette, giusto per dimostrare che senza l'aiuto del Supremo non sa recitare nemmeno la parte dell'hacker.
  • Per dare un effetto realistico al personaggio, Bruce Willis non si è mai tolto o cambiato la canottiera dall'inizio delle riprese di ogni film.
  • A Natale Jack Bauer e John McClane si scambiano i terroristi.

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Cosa avrà voluto dire?
  2. ^ E non tocca.
  3. ^ Almeno là non ci sono grattacieli.
  4. ^ Incazzati per il mancato rimborso sui buoni pasto.
  5. ^ Un negro ciclope.
  6. ^ Si è il suo nome, e non guardarmi in quel modo se vuoi che un fulmine ti bruci i testicoli!
  7. ^ MUHAHAH.
  8. ^ Vabbè, non ci voleva molto per questi.
  9. ^ Di chiare origini finlandesi.


[modifica] Sparatorie ed esplosioni simili



Strumenti personali
wikia