Nonciclopedia
Login

Dialetto romanesco

Last edited on feb 20, 2014
by Anonimo
Bouncywikilogo
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Dialetto romanesco
Striscione mortacci tua
Er romanesco è mejo anche de l'Inglisc.
Quote rosso1
Dico infatti che quello dei Romani più non è un volgare ma un turpiloquio, certo la lingua più brutta tra tutte quelle d'Italia; né c'è da meravigliarsene, visto che sembrano essere i peggiori di tutti per costumi e usanze.
Quote rosso2

Quote rosso1
Adess gh'è la canzon de Roma maggica,
de Nina, er Cupolone e Rugantin.
Se sbatten in del Tever, ròbba tragica,
esageren, me par, on ciccinin.
Speremm che vegna minga la mania
de mettes a cantà Malano mia!
Quote rosso2

~ Giovanni D'Anzi, 1935
Quote rosso1
Il Romanesco fa schifo
Quote rosso2

Er romanésco è 'a mejo parlata che ce sta ar monno, e per monno nun se 'ntènde sortanto 'sto zozzo monno qua, ma anche er Maggico Monno de l'Animali, er Monno de Patty e tutti l'artri 'nzième. Er motivo der succèsso suo è che c'ha origgine da 'sta Roma bbella. E se ce sta quarche cornuto che pènza anche sortanto de dì er contrario, noi annamo là e je famo er culo a strisce. Perché quelli sò er pèggio der pèggio.


'A storia

Totti 02
Uno dei mejo componimenti der più grande poeta de tutta l'urbe: Francesco Totti.

Parlà der romanésco è sèmpre 'n piacére, perché porta 'a memoria li ricordi der Paradiso Terèstre: 'o sanno tutti che 'nfatti è stata 'a lingua scérta da Ddio ppe' ffà parlà li primi mèmbri der ggènere umano, ner sènzo che er Creatore, dovènno scéje er modo cor quale li fiji sua avéssero dde proferì parola, decise dde fàsse 'n giro p'a tèra pe' fàsse venì n'ispirazzione che fosse una.
Prima dde tutto penzò che mmagara poteva esse 'r Francese, 'a lingua suprema d'a spècie umana, ma poi se disse che nun era saggio, visto che ddù minuti prima j'aveva détto d'esse feconni e de moltiplicasse: mò che succedeva se partiveno ggià dda l'inizzio tutti froci (che comunque è ssèmpre mejo che lazziali).
Allora penzò all'Ebbraico, ma poi se rése conto ch'avrébbero cominciato subito a ffà usura e crocefigge er fijo preferito suo, e dunque stabbilì che nun era propio er caso.
Ceh, inzomma, era propio 'n macèllo de proporzioni bibbliche, sse po' ddì.
Ma dopo 'n po' che stava a mmedità, er Signore Nostro incontrò sulla strada sua 'n animale de quelli che quanno li vedi te s'arizza tutto er pelo, si ssèi quarcuno cor pelo (se sèi carvo te se rizza 'a capoccia; e se nun rièsci a crédece vòr ddì che nun hai mai visto 'st'animale e nun hai mai fatto 'st'esperiènza de vita e sei solo 'n poro cojone): era 'n serpènte grosso grosso, co 'na bocca che facéva provincia da quanto era grossa, penzate un po', che se stava a magnà 'na bbalena viva.
E Ddio disse: Ammazza, ahò!, sia ner zènzo che notava che er zerpènte stava effettivaménte ammazzanno 'a pòra bbèstia, sia ner zènzo che provava stupore che le creature sue potéssero esse tanto intraprendènti e crudeli cor prossimo. E allora se rese conto che l'unica lingua co 'a quale se poteva parlà co' nnaturalézza sia per esprime 'a meravija sia per esprime er terore nun poteva esse antro che er Romanésco. Sentendose quinni ar settimo cielo p'a scopèrta sua, Ddio decise che 'a lingua predilètta der Paradiso fusse 'sta qua.

Ma poi quer cretino de Adamo diède rètta a quélla mignotta de su moglie Eva, e tutt'e ddùe fureno cacciati a carci ner culo dar Paradiso; per punizzione la nnòva lingua der ggènere umano fu l'Ebbraico. Ma nun ppe' tutti.
Infatti a 'na sola tribbù fu concèsso de continuallo a pparlà, cioè alla tribbù ddei Romani, er solo e vvéro poppolo elètto, che grazie a 'sta carità, a 'sto favvore divino riuscirono a conquistà tutto 'r monno.

Però ce aveveno de stà attènti, perché comprensibirménte nun poteveno fà sapé che parlaveno 'a lingua divina, sennò poi tutti li barbari se sarébbero méssi a attaccalli pe' avé lo stésso privilèggio, e sarébbe stato 'm ber probblèma. Quinni se 'nventarono 'na lingua 'mmagginaria, chiamata Latino, co 'a quale faceveno finta de parlà e de scrive. Ner zènzo che, per esémpio, n'orazzione dde tutti li ggiorni prima la penzaveno accossì:

Wikiquote
«Una sortanto è l'ammicizzia ne li rapporti tra omo e omo, e sur fatto ch'è 'mportante so' tutti d'accòrdo. 'A virtù stéssa da morti è scordata ed è ddeffinita come 'na spècie d'ostentazzione e dde posa inutile; a li morti nun je ne po' fregà dde méno d'e ricchézze, visto che so' contènti co' 'no stile de vita sémplice e elegante; com'è vvéro che morti avvèrzano li onnori, ppe' li quali invece morti se 'nfocano tutto l'animo, tanto che pènzano che nun ce stia ner monno intèro nulla dde ppiù vvòto e dde ppiù 'nsignificante! E uguarmente ce stanno tanti antri che pènzano che certe cose, che ppe' antri ancora so' le cose mejo ammirabbili, vargano méno dde gnènte; ma dell'amicizzia tutti pènzano 'na sola cosa, sia quélli che z'appropinquareno a'o Stato, sia quélli che so' 'nnamorati da 'e cose d'a conoscènza e dell'inzegnamènto, sia sia quélli che lavoreno ppe' ffinta, sia quélli infine che se dièdero alle zozzerie: sènza l'amicizzia 'a vita nun vale 'n cazzo, se sse vole vive da quarche parte ner monno rotonno nobirmente. L'amicizzia infatti se diffonne nun zo' come p'e vite dde tutti e ppe' arcuna raggione se sopporta de passà 'a vita sènza dde lei.»

Ma ppoi 'a scriveveno cossì:

Wikiquote
«Una est amicitia in rebus humanis, de cuius utilitate omnes uno ore consentiunt. Quamquam a multis virtus ipsa contemnitur et venditatio quaedam atque ostentatio esse dicitur; multi divitias despiciunt, quos parvo contentos tenuis victus cultusque delectas; honores vero, quorum cupiditate quidam inflammantur, quam multi ita contemnunt ut nihil inanius, nihil esse levius existiment! Itemque cetera, quae quibusdam admirabilia videntur, permulti sunt qui pro nihilo putent; de amicitia omnes ad unum idem sentiunt, et ii qui ad rem publicam se contulerunt et ii qui rerum cognitione doctrinaque delectantur, et ii qui suum negotium gerunt otiosi, postremo ii qui se totos tradiderunt voluptatibus, sine amicitia vitam esse nullam, si modo velint aliqua ex parte liberaliter vivere. Serpit enim nescio quomodo per omnium vitas amictia nec ullam aetatis degendae rationem patitur esse expertem sui.»
(Marcus Tullius Cicero)

E se nun ce credéte che Roma sia 'a capoccia der monno infame, scerta da Ddio in perzona, fateve 'ste domanne:

Ecco. E nun vale ddì che 'r Cristianésimo è 'na cazzata pecché è 'n trucco da pòri cojoni.

'A gramattica

Povia 2
Er coatto che scrisse Quando i Romani fanno aoh.

'A gramattica der Romanésco, essènno che è 'a lingua mittològgica ed elètta, nun ppò esse che sémprice sémprice. Fondamentarmenne devi da prenne 'na frase in Italiano e ppoi fai ccossì:

  • Prenni tutt'e l e 'e cambi co' delle r (Lègge der Cinesismo ar contrario).
  • Prenni tutt'e s e 'e cambi co' delle z (Lègge der quasi Crucchismo)
  • Prenni tutt'e t e 'e c dure e 'e cambi co' delle d e g dure (Legge del Africanismo)

Ovviaménne, in realtà è succèsso er contrario: j'Italiani hanno prèso 'e r e l'hanno trasformàta 'n èlle, eccèdera.
E già se fai 'ste dù ròbbe sei già a mmetà der lavoro. Poi però er rèsto te vviène da té: infatti, parlà 'r romanésco è ppiù 'na predesposizzione d'animo che 'na ròbba che se po' 'mparà. E se té nun c'hai 'a predesposizzione, so' cazzi tua, e noantri nun podemo facce ggnènte.

Er succèsso

Doppo tanto tèmpo in cui sembrava che fusse stato addimentigato, er Romanésco è ggiustaménte tornato su 'a scèna pubblica 'taliana. E a raggione: d'artronne so' stati propio li Romani a conquistà e libberà er Zacro Suolo Ittalico duranne er Rissorgiménto e nun, come se discéva un tèmpo, i Piemontési, che, poracci, sò solo farzi e cortési. C'è stata 'na sorta de complotto der Nord ppe' ffà créde che Roma sia stata libberata e unita all'Italia zortanto ner 1870, cioè nnove anni dopo 'a nascita ufficiale der novo Stato, ma ssò tutte fregnacce. 'A vverità è che ereno tutti invidiosi, e hanno cercato d'inzabbià 'e prove.
Ma 'sta zozza congiurazzione ormai sta per esse smascherata, pecché quelli der Nord hanno fatto 'n granne erore: hanno lassato che 'a sede d'a Televisione dde Stato fusse propio qui a Roma: in 'sto modo, praticaménne tutti quélli che ce lavoreno parleno 'a lingua elètta, e 'a diffonneno in giro ppe' l'Italia, facenno scomparì anche quelle carricature de parlate che se parleno p'o Stivale, a partì dall'Italiano. Sò finiti li tèmpi cupi!
Stranaménte, tanta ggènte nun è contènta e s'è méssa a ffà delli partiti reggionali che vojono difènne 'a cultura reggionale: ma cche se ne fanno, co' quéllo che je portamo noantri? Guarda, 'sti 'ngrati se sarvano sortanto pecché parleno male delli néggri e dde 'sti froci de mmerda.

'A Bibbliografia

  • P. Bonolis: Anche se c'ho er padre dde Milano nun vvò ddì che nun pòzzo esse ppiù romano dde Totti, ed. Lavazza
  • G. Proietti ed E. Montesano: V'o dimo noi pecché er stereòttipo der romano casciarone nun ha ancora rotto er cazzo a tutti, ed. Mandrake
  • S. Ferilli: Anche se nun ero dde Roma ero 'na troiazza zozza comunque, ed. Condom
  • C. Verdone e C. De Sica: Come mai er romanésco ar cinema nun ze po' ppiù sentì, ed. Boldi
  • L. Laurenti: Io amo Bonolis, ed. Lavazza
  • S. Muccino: Ceh, nér zènzo. 'Na lotta de un tizio contr'a zéppola con prefazione di N. Vaporidis. Ed. Moccia
  • G.G. Belli: Li miei sonetti che so' miei e de nessun artro, edizioni Limortaccium