Dialetto milanese

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Milanées

Oddio, mi devi fare una foto? Lasciami almeno truccare prima, nooooo non fotografarmi, BASTARDO!

La principale causa d'estinzione del dialetto milanese

Stato di conservazione

ESTINTO!
Morto e sepolto

Classificazione scientifica
Regno: Dialecti
Phylum: Abbastanza
Famiglia: Lingua lombarda
Genere: O mia bela Madunina
Scopritore: Sant'Ambrogio



Utente medio nei gruppi di Facebook dedicati al dialetto milanese : Quote rosso1.png Ahahaha, mi su parla' el dialèt ma so mìga me se fa skrif ahahaha[1]! Quote rosso2.png
Milanese che sa scrivere in dialetto milanese in risposta a quello di sopra : Quote rosso1.png Ma allora, pòrco d'on can, se te seet minga scrivell, o te imparet oppur te scrivet minga, ignorant[2]!!! Quote rosso2.png


Il dialetto milanese (0 gennaio di tanto tempo fa, Milano, Padania - Ufficialmente deceduto al primo sbarco dei terroni, sempre a Milano) è la variante snob e spocchiosa del ramo occidentale della lingua lombarda. Difatti, nell'eventualità che qualcuno si presentasse e affermasse di conoscere un altro dialetto lombardo non meneghino, come il Comasco, il Chiavennasco, il Bustocco o il sempre troppo sottovalutato Bregagliotto, è altamente probabile che i parlanti milanese gli sputino in un occhio. Ma solamente nelle giornate buone, in quelle storte può darsi invece che si proceda direttamente alla lapidazione.

È tutt'ora parlato dal signor Brambilla, dal Fumagalli e dalla sciura Ambrongina, ultimi tre milanesi puri rimasti, attualmente rinchiusi nella riserva per milanesi del Parco Lambro.

[modifica] Diffusione

Tre uomini e una gamba inganno della cadrega.jpg

L'unico modo per smascherare i terroni: l’inganno della cadrega.

È risaputo dai più il famoso adagio, che ogni giorno che il Signore ci manda sulla Terra muove il riso di vecchi, infanti, donne e risaie pure:

Wikiquote.png
«A Milano il Milanese non lo parla più nessuno»

Conosciuto anche sotto questa variante:

Wikiquote.png
«A Milano si parlano dialetti, però sono tutti dialetti terroni.»

Ora, va però affermato, che la situazione riportata dal proverbio potrebbe essere incorretta: il dialetto milanese è ancora ben vivo e conservato all'interno della città meneghina.[senza fonte] Uno dei principali punti focali sollevati dai linguisti, riguardo al problema del decadimento del dialetto, è che il milanese viene parlato solamente dai cosiddetti Terroni, popolazione barbarica di origine berbera, ed, al massimo, da qualche sparuto vecchio di provincia ad andar bene. A sostegno di queste teorie vi è anche il fatto che negli ultimi decenni il Milanese è stato difeso soprattutto da personaggi il cui retaggio non sarebbe esattamente di pura origine meneghina; tra questi difatti si annoverano:

  • Enzo Jannacci, di origine calabrese.
  • Franco Loi, di origine sarda.
  • Lino Patruno, di origine calabrese.
  • Pietro Mazzarella, di origine campana.
  • Giovanni D'Anzi, di origine pugliese.
  • Giorgio Strehler, che magari non era proprio terrone, ma che con quel cognome lì sicuramente non era milanese.

Tuttavia bisognerebbe altresì contare anche Dario Fo, Nanni Svampa e Walter Valdi; ma essendo i primi due comunisti e il terzo brianzolo vengono comunque volentieri ascritti al registro dei terroni.

[modifica] Caratteristiche principali

Clochard di colore.jpg

Tipico milanese madrelingua insediatosi nel pressi della Stazione Centrale.

Risvolti interessanti riguardanti Milano vengono anche sollevati da ulteriori adagi tramandati oralmente:

Wikiquote.png
«Chi vòlta 'l cüü a Milàn, vòlta 'l cüü al pan»

No, non era questo, la redazione si scusa per l'errore. Ma siamo comunque vicini:

Wikiquote.png
«Se a Milàn gh'è la piàssa del Dòm, a Urén gh'è la cassìna di pòm; se a Milàn gh'è la piàssa Lurèt, a Urén gh'è la cassìna di prèt»

Errore di nuovo. Ah, eccolo:

Wikiquote.png
«I Milanesi sono sempre di corsa e hanno sempre una gran fretta»

Quanto sollevato è innegabilmente vero. Gli stessi Milanesi in effetti, sotto sotto, sembrano fieri di aver questa di questa fama, nonostante poi si lancino in sperticati elogi alla vita tranquilla. Infatti anche Tricarico è nato a Milano. E non a caso anche lui ha un cognome meridionale.
Ma il punto cruciale è tuttavia un altro: il Milanese, essendo lo specchio della propria popolazione, è una lingua fatta apposta per le persone che van di fretta. È semplice e diretta, e non le manda a dire. Ad esempio:

Wikiquote.png
«Chi vòlta 'l cüü a Milàn, vòlta 'l cüü al pan»

Come volevasi dimostrare.

[modifica] Basiche regole grammaticali

Di seguito verranno dunque riportate in breve alcune basiche regole grammaticali del dialetto che si è autonominato "Miglior Dialetto Della Lingua Lombarda Parlato Correntemente A Milano Come Lingua Della Popolazione Urbana Dalla Nascita Delle Lingue Volgari Sino Alla Diffusione Dell'Italiano A Causa Dell'Immigrazione Dal Mezzogiorno E All'Influenza Dei Mass Media Quali La Televisione E La Radio".

[modifica] Legge delle vocali che fanno la parte del leone

Pur senza arrivare agli sbrodolamenti vocalici del Bergamasco (A ó a èt èt i àe ìe), o al più tremendo Dialetto fiorentino (ad esempio: Aiuole), è visibile che nel Milanese le vocali la fanno comunque da padrone. In Milanese infatti, come in tutti i suoi dialetti cugini, si è instaurato un trend che i linguisti chiamano "Raddoppiamento delle vocali". E che vuol dire? Che le vocali raddoppiano.

Lingua italiana Dialetto milanese
Pensato
Pensaa
Cuu
Tradito
Tradii
Pedriöö
Cassüü

Tra l'altro sono state anche introdotte due nuove amiche, le vocali /ü/ e /ö/. Un pensiero che potrebbe sovvenir spontaneo sarebbe che, finché si trovano in fine di parola, le vocali possono fare tutto quello che vogliono. D'altronde, i liberali ci hanno insegnato che la nostra libertà finisce dove inizia quella altrui. Tuttavia i Milanesi di queste cose se ne fregano altamente, perciò allungano le vocali anche in mezzo alle parole:

Lingua italiana Dialetto milanese
Pàas
Téemp
Puunt
Milanese
Milanées
Vivo
Viif
Nuovo
Nööf

E ora dove sono i vostri preziosi princìpi liberali, eh?

[modifica] Comma delle vocali ambigue

Tanto per mischiare un po' le carte, i Milanesi hanno pensato di mettere un po' di ambiguità nella pronuncia di alcune vocali. Perciò:

La A ogni tanto si può pronunciare O La I ogni tanto si può pronunciare E La E ogni tanto si può pronunciare A La U e la A si scambiano per par condicio La U ogni tanto si pronuncia E
Altro:àlter/òlter Umile: ümil/ümel Vetro: véder/védar Borbottare: burbutà/barbutà Telefono: teléfun/teléfen
Alto: alt/òlt Possibile: pussìbil/pussìbel Sempre: sémper/sémpar Saltare: saltà/sultà Filosofo: filòsuf/filòsef

Verrebbe spontaneo pensare che siano quisquilie, ma i vecchi milanesi, per riconoscere un vero milanese da uno falso, fanno 'sti giochetti stronzi, facendo attenzione a come vengono pronunciate le parole da parte di sospetti infiltrati, guardandoli con commiserazione e sentenziando con:

Wikiquote.png
«Eh, se véet che te séet mìnga milanées, eh...»

E se il sospetto non capisce nemmeno questo, allora è proprio bollato. Nel senso che probabilmente viene da Bollate, comune dell'hinterland[3].

[modifica] Legge delle consonanti che subiscono e stanno zitte

In seguito a una dura battaglia contro le vocali, le consonanti hanno subito una tremenda sconfitta di cui ancor oggi pagano lo scotto. Le vocali infatti hanno imposto dure condizioni di pace per scongiurare lo sterminio:

Tutte le doppie sono cancellate La V è ricercata e latitante in buona parte delle parole Ma guarda caso spunta dove non te l'aspetteresti La Z, per evitare ritorsioni, è scappata trai dialetti del nord e non ha lasciato tracce di se stessa. A sostituirla venne chiamata la S. La GL è considerata fuorilegge e tutti sono autorizzati a sparare a vista se la vedono Parimenti, ma solo per mere questioni di budget, le consonanti D, G, GH, B e V non possono permettersi di andare in fine di parola
perfetto: perfèt tavolo: tàul aiutare: vütà attenzione: atensiùn tovaglia: tuàja fede: féet
rallentare: ralentà lavorare: laurà alto: volt Zucchero: sücher/cantànt emiliàn che 'l gh'ha 'me cìfra artìstiga quèla de plagià i cansùn di àlter e fà créet a tücc de vèss un géniu del blues famiglia: famìja viaggio: viàcc
uccello: üsèl uvetta: üghèta uno: vün pancia: pansa svegliarsi: svejàs credere: créet

Si pensa che questa carenza di vocali sia dovuta al fatto che queste siano probabilmente scappate via, dando trovato nuova linfa e vitalità nelle lingue del Sud Italia, ove sono raddoppiate, se non triplicate.

[modifica] Legge delle vocali collaborazioniste

Vi fu però una fazione di vocali che considerò troppo dure le condizioni di pace imposte dalle proprie compatriote. Così costituì una fronda e si ribellò. Ma mal gliene incolse. Furono tutte sterminate.

Le vocali finali sono quasi tutte sparite (tranne la A e alcune I ed U) Il suono della O chiusa è stato cancellato Alcune A iniziale sono state eliminate dopo un processo sommario Anche alla E è stato interdetto il soggiorno in fine di parola. Ma in questo caso la E è consenziente, in quanto non ha mai amato quella zona delle parole, così soggetta a correnti fredde e ai rumori della strada
Amico: amìs Terrone: terùn Allegria: legrìa Ape: àva
Dolce: duls Sole: Alessandro: Lissànder Carne: càrna
Cane: can Ombrello: umbrèla Abbiategrasso: Biagrass

[modifica] Legge del maschilismo linguistico

Bambini bianco e nero con vino.JPG

Bambini a lezione di dialetto milanese.

In milanese il plurale femminile è identico al plurale maschile. I Milanesi, difatti, hanno un bel dire che sono più avanzati e meno retrogradi dei terroni, ma poi ne combinano più di Carlo in Francia o di Silvio ad Arcore:

  • I gatti: i gat; le gatte: i gat.
  • Tanti: tant/tanti; Tante: tant/tanti.
  • Magri: magher; magre: magher.

[modifica] Legge degli apostrofi messi alla cazzo

Sempre per questa mania tutta milanese di fare in fretta, si è sentito il bisogno di abbreviare le parole ancora di più di quanto non lo fossero. Al giorno d'oggi si usa un linguaggio simile:

Wikiquote.png
«Ciau, cm va? Te lo kiedo xkè ieri nn c siamo vst e allora ò pensato ke stv male... TVB»

Ma i Milanesi son dei gran signori di gran classe, sicché hanno trovato una soluzione ancora più nobile: l'apostrofo. Quel segnino insignificante acquista una grande importanza nel vernacolo ambrosiano, visto che a lui è affidato il compito di falciare senza pietà parole intere.

  • Ancora: anca mòanch' mòan' mòamò
  • Come: 'me
  • Tanto come: tant cùmetan' 'metàme

[modifica] L'ortografia milanese

Il Milanese ha una letteratura antica e rinomata; quindi sicuramente non poteva permettersi di avere un'ortografia da quattro soldi, basata sulla pronuncia italiana delle parole e via discorrendo. Doveva avere per forza un'ortogorafia ambigua che non permetteva a nessuno di comprenderla di primo acchito e che sotto sotto contraddiceva tutte le proprie regole fonetiche tipiche.
Difatti l'ortografia milanese:

È piena come un uovo di O È piena di consonanti doppie: Non ha né Ü né Ö, ma in compenso sfodera un invidiabile OEU[4] Ogni tanto ci scappa qualche GL Non segna nessuna vocale doppia all'interno delle parole È profondamente ambigua su un sacco di parole Le vocali D, G, GH, B, V prosperano amabilmente in fine di parola
Dottore: dottor Doppia: doppia Paura: paura Famiglia: famiglia Francese: frances Ponte: pont Senato: Senad
Polmone: polmon Lettera: lettera Voglia: voeuja Specialmente: specialment Punto: pont Occhio: oeugg
Gatto: gatt Piemonte: Piemont Tu sei: te seet Fico: figh
Tu sai: te seet Brembo: Bremb

[modifica] Differenze con le altre parlate lombarde

L'utilità nell'avere una voce apposita sul dialetto milanese e non un paragrafo accorpato nella voce lingua lombarda è che tutti i Milanesi ritengono che la propria parlata sia diversissima da tutte le altre parlate lombarde, e che anzi differisca anche da quartiere a quartiere, da isolato a isolato, da casa a casa, da appartamento ad appartamento, da stanza a stanza, da persona a persona, da emisfero destro del cervello a emisfero sinistro del cervello.
Orbene, i linguisti, che come tutti gli scienziati si sentono in dovere di mandare a quel paese[5] tutte le convizioni consolidate nei cuori della gente, sostengono che in definitiva il Milanese è praticamente identico a tutte le altri varianti del Lombardo. A parte quelle al dì là dell'Adda. A parte quelle dell'estremo Oltrepò Pavese. A parte quelle della profonda Valtellina. A parte quelle delle più recondite valli del Canton Ticino. A parte i dialetti della zona Como-Lecco-Varese, che possiedono la Z e la O chiusa. A parte il Lodigiano, che possiede il plurale femminile in E. A parte il Brianzolo, che trasforma quasi sistematicamente tutte le E non accentate in A. A parte il Bustocco, che ha un sacco di parole maschili che finiscono in U. A parte i dialetti della zona Pavia-Novara, che al momento non mi viene in mente perché sono diversi ma sicuramente lo sono. A parte il Tortonese. A parte...

Però, insomma, diciamo che è quasi uguale a tutte le altre parlate lombarde.

[modifica] La canzone milanese

Ragazzo asiatico con microfono ed oggetto arancione dall'utilità non ben definita.jpg

Xiang Liu Jo, detto "il Francesco", uno dei più stimati cantanti dialettali di tutta Via Paolo Sarpi.

Ora che ne sono state elencate le informazioni necessarie, uno dei modi migliori per applicare il milanese alla vita reale sarebbe proprio quello di farci su una bella canzone
Gli ingredienti per fare una bella canzone milanese sono i seguenti:

  • Argomenti: la bellezza di Milano, la generosità dei Milanesi, l'amore affettuoso verso una ragazzotta della periferia/comiche situazioni cittadine/ironia verso la gente meno fortunata, come terroni, neri, nonché gente che ha la sfortuna di abitare sotto l'Adda;
  • Struttura: strofa/ritornello/strofa/ritornello lievemente modificato, possibilmente tutto in rima;
  • Lingua: milanese + dosi massicce di parole italiane;
  • Modalità di canto: con voce strascicata, complice una generosa quantità di pregiato[citazione necessaria] vino milanese. A squarciagola, se possibile.

Quindi, una canzone milanese di base potrebbe essere così:

Wikiquote.png
«Milan, fa minga el stupid 'sta sera,

damm ona man a fàggh dì de sì
scerniss tutt i stell pussee sberlusent
che te gh'eet e on tocchettin de luna
tutta per nunc.
Faggh sentì a lee che l'è quasi primavera
mena chì i grill miglior a fà crì crì
prestom el ponentin
pussee malandrin che te gh'eet,

Milan, vegnom in ajutt 'sta sera.»

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Ahahaha, io so parlare il dialetto ma non so come si fa a scriverlo, ahahaha!
  2. ^ Ma allora, porco cane, se non sai scriverlo, o impari o non scrivi, ignorante!!!
  3. ^ N.d.r.: Che è peggio che essere meridionali, perché almeno a Napoli, per fare esempio, c'è qualcosa di interessante. Come droga da spacciare e motorini da rubare. Nell'hinterland invece no.
  4. ^ Per i servigi resi al Milanese, il trigrafo OEU è stato insignito dell'Ambrogino d'Oro
  5. ^ Quale? Locate Triulzi

[modifica] Vos correlaa

[modifica] Altri progetti

Strumenti personali
wikia